Salute 24 Marzo 2022 13:10

Non solo bombe: le malattie infettive sono l’altra faccia della guerra

Infezioni a trasmissione oro-fecale, HIV, tubercolosi e Covid-19 sono i nemici che, insieme ai russi, minacciano l’Ucraina. Cauda (infettivologo): «Necessari Emergency-Team in grado di identificare e trattare le emergenze al confine»

Avrebbero dovuto continuare a rispondere ai bisogni dei più fragili ed invece sono finiti sotto le bombe. Anche gli ospedali, le case di cura, sono state prese di mira dal fuoco nemico. E così, oltre alle conseguenze dirette del conflitto, la popolazione locale deve fare i conti pure con quelle indirette, che aggiungono altri morti ai caduti ed altri ammalati ai feriti. Infezioni a trasmissione oro-fecale, HIV, tubercolosi e Covid-19 sono i nemici che, insieme ai russi, minacciano l’Ucraina.

Infezioni a trasmissione oro-fecale

«L’interruzione dei servizi sanitari e l’inadeguatezza dei servizi igienici sta peggiorando di giorno in giorno la situazione epidemiologica – dice Roberto Cauda, direttore UOC Malattie infettive della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS e Ordinario di Malattie Infettive all’Università Cattolica di Roma -. Gli impianti idrici e la rete fognaria in molte città dell’Ucraina sono stati distrutti dalle bombe. E, dove l’approvvigionamento di acqua diventa sempre più difficile, la possibilità di diffusione di malattie a trasmissione oro-fecale aumenta. Le infezioni si propagano non solo all’interno del Paese – sottolinea il professore -, ma possono anche superare il confine, veicolate dalle persone in fuga».

Corsi e ricorsi storici

Le parole del professor Cauda scatenano un déjà-vu: «Le guerre, ma anche le catastrofi naturali come i terremoti, le alluvioni si ripercuotono, inevitabilmente, sul Sistema Sanitario. Ad Haiti, ad esempio, dopo il terremoto si è diffuso il Colera – racconta Cauda -. Nella Louisiana, a New Orleans dopo l’uragano Katrina, sono esplose altre malattie a trasmissione oro-fecale».

Il Covid-19

Una minaccia ancora più immediata sono le malattie che si diffondono per via aerea come il Covid-19. «Le persone si accalcano negli scantinati per proteggersi dai bombardamenti. Chi, invece, è riuscito a fuggire convive a stretto contatto con altre persone nei centri di prima accoglienza. La distanza di sicurezza non può essere mantenuta e l’utilizzo della mascherina diventa decisamente secondario mentre ci si deve mettere al riparo dal fuoco nemico – dice l’infettivologo -. Ad aggravare la situazione, poi, la scarsa diffusione di vaccini anti-Covid tra il popolo Ucraino (è immunizzato circa il 30-40% della popolazione)».

Malattie croniche e crono-dipendenti

Se le strutture sanitarie sono ridotte in macerie, accedere agli ambulatori è impossibile. Lo stop non riguarda solo gli interventi in urgenza o le nuove diagnosi, ma anche le terapie per il trattamento delle patologie croniche. «Le malattie crono-dipendenti, come gli infarti o gli ictus, non  scompaiono improvvisamente allo scoppio di una guerra. Così come non spariscono i malati cronici – spiega Cauda -. Pensiamo ad esempio ai pazienti con HIV in trattamento costretti ad interrompere bruscamente le terapie, cosi come quelli affetti da tubercolosi». L’allarme tubercolosi in Ucraina era stato già lanciato dal Medici Senza Frontiera molto prima che la guerra scoppiasse: nel 2019 in Ucraina è stato registrato uno dei tassi di tubercolosi più elevati al mondo. Nonostante la cura per la tubercolosi sia attiva da 30 anni, in Ucraina è fornita solo dal 2011.

Gli Emergency-Team

E se la storia ci ha insegnato che gli eventi catastrofici si ripercuotono sempre sui Sistemi Sanitari, è dagli stessi eventi del passato che bisognerebbe imparare per limitarne quanto più possibile i danni. «Sarebbe necessario mettere in piedi un gigantesco piano di gestione dell’emergenza che coinvolga tutti, dentro e fuori dai confini dell’Ucraina – dice il professore -. Soprattutto nei punti di prima accoglienza bisognerebbe provvedere non solo ai beni di prima necessità, ma anche ad un controllo delle condizioni di salute di chi vi accede. Il compito andrebbe affidato agli Emergency-Team, composti da medici e infermieri specializzati, in grado di identificare e trattare questo tipo di emergenze nell’immediato. Solo per fare un esempio, si dovrebbe provvedere alla vaccinazione anti-Covid di tutti coloro che hanno lasciato l’Ucraina e che non sono ancora immunizzati». Altre iniziative, poi, andranno prese dai singoli Paesi ospitanti, per garantire non solo l’accoglienza dei rifugiati, ma anche la loro integrazione. «E il decreto “Misure urgenti per contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi ucraina”, approvato nei giorni scorsi dal nostro governo, che permette a medici ed infermieri ucraini di lavorare in Italia – conclude il professore – è un segnale forte che va proprio in questa direzione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Palloncini: non si gonfiano con la bocca. Ecco perché
Biardi (Altroconsumo): «Abbiamo esaminato dodici diverse marche di palloncini, sette delle quali contengono concentrazioni oltre i limiti di legge di nitrosammine e nitrosabili, sostanze potenzialmente cancerogene»
Guerra in Ucraina, Consulcesi lancia il nuovo corso contro le emorragie da ferite da guerra
«Di fronte ai gravissimi attacchi contro l’assistenza sanitaria, mettere il maggior numero di persone in condizione di saper compiere semplici ma efficaci manovre per fermare per esempio la fuoriuscita di sangue può significare salvare una vita in più», commenta Daniele Manno, esperto di Remote e Military Life Support
Supporto psicologico ai profughi ucraini, il lavoro del centro nato in memoria di Alfredino Rampi
All’interno del centro Rampi, a Roma, è nata un’unità di aiuto ai profughi ucraini in fuga dalla guerra. Ad aiutarli volontari della protezione civile, mediatori, psicologi. Michele Grano (PSICAR): «Con i bambini usiamo la modalità ludica per aiutarli a tirare fuori in maniera mediata la propria angoscia»
di Francesco Torre
Sanitari ucraini nel SSN. I dubbi di Alternativa: «Asl non hanno strumenti per valutare requisiti»
La deputata e medico Leda Volpi ha presentato un’interrogazione per sollecitare il ministero della Salute a varare una circolare o una norma: «Derogare all’iter di riconoscimento dei titoli è rischioso, parliamo di professioni molto sensibili»
di Francesco Torre
Digiuno intermittente, la dietista: «Tagliare le calorie a periodi può aiutare a vivere più a lungo»
La nutrizionista: «Può essere praticato per due giorni alla settimana, non consecutivi, consumando meno di un quarto dell’energia abituale. Oppure si può concentrare l’assunzione di alimenti in 6-8 ore al giorno o mantenere il digiuno notturno di 12 ore»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali