Sanità internazionale 10 Aprile 2018

Emergenza colera in Zambia: il Presidente ritira l’esercito

Dopo aver causato oltre 80 morti, l’emergenza colera sembra essere passata. A dicembre l’esercito era stato schierato per contrastare la diffusione della malattia

Immagine articolo

L’emergenza colera nello Zambia sembra essere passata. Il Presidente Edgar Lungu ha infatti ordinato di ritirare il personale militare che da dicembre è stato impegnato nella lotta contro la diffusione della malattia. Il colera ha causato, in sette mesi, la morte di oltre 80 persone e lo schieramento dell’esercito è stata una delle misure d’emergenza adottate dal Presidente che includevano la chiusura dei mercati, bar, ristoranti e altri luoghi pubblici ritenuti a rischio per la trasmissione della malattia.

Il Ministro degli Interni Stephen Kampyongo ha dichiarato che le operazioni congiunte del personale della difesa e della sicurezza hanno contribuito a ripristinare l’ordine e ha quindi spiegato i motivi del ritorno alle loro attività ordinarie, avendo «completato la loro missione».

L’epidemia è iniziata nelle zone più popolose di Lusaka, capitale della Zambia, per le scarse condizioni igieniche e sanitarie, ma si è poi diffusa anche nelle aree meno densamente popolate. Scaturita dalla proliferazione di acque contaminate, il colera si è poi propagato a causa del consumo di cibo contaminato.

Il colera si trasmette per via fecale-orale: può essere contratta in seguito all’ingestione di acqua o di alimenti contaminati da materiale fecale di individui infetti. Pesci, molluschi e crostacei, se consumati crudi, sono particolarmente pericolosi. Allo stesso modo, è a rischio anche la verdura consumata cruda per la possibilità che liquami vengano usati a scopo irriguo o fertilizzante. Il colera si manifesta con molte scariche di diarrea acquosa, vomito, rapida disidratazione, abbassamento della temperatura. La perdita di grandi quantità di liquidi può provocare stato di shock e, se non opportunamente curata, la morte. Una reidratazione rapida e appropriata è il principale intervento per il trattamento, per via orale per casi moderati di malattia, o per via endovenosa per i casi gravi.

LEGGI ANCHE: VIAGGIARE ALL’ESTERO IN TUTTA SICUREZZA: VACCINI E IGIENE, QUALI INDICAZIONI? IL MINISTRO RISPONDE

Articoli correlati
Ebola in Congo, oltre 1.900 morti: è la seconda epidemia più grande della storia
Il virus si diffonde con una media di 81 casi a settimana. I dati diffusi dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms)
Filippine, dengue causa oltre 600 morti e 146mila casi di contagio. È “epidemia nazionale”
Colpiti soprattutto i bambini sotto i 10 anni. L'epidemia segue il divieto della vendita e della distribuzione di un vaccino accusato di causare morti infantili
Allarme morbillo a New York, 285 i casi in città. Dichiarato lo stato d’emergenza sanitaria
Il timore è che l'epidemia, partita da Brooklyn, possa diffondersi al resto della metropoli. Il sindaco De Blasio ha scelto la linea dura. «Il vaccino contro il morbillo funziona - l'appello del sindaco - è sicuro, è efficace e salva la vita»
Emergenza sanitaria in volo, cosa fare? Rosi (ISS): «In Italia non esiste protocollo. Manca una cabina di regia»
Sono tre i voli intercontinentali su cui, in questi giorni, centinaia di passeggeri si sono sentiti male. Come comportarsi in questi casi? «Se succedesse nel nostro Paese sarebbe un problema, in assenza di un coordinamento intersettoriale ognuno rivendica la propria autorità». Lo spiega Luca Rosi, responsabile dell'Unità Affari Internazionali dell'Istituto Superiore di Sanità
Zanzara tigre, Alessio d’Amato (Regione Lazio): «Una task force per una prevenzione in rete»
«I casi di Chikungunya verificatisi l’anno scorso hanno evidenziato l’importanza della prevenzione e del controllo dell’insetto che trasmette questa malattia: la  zanzare tigre». Lo ha dichiarato l’Assessore alla Sanità e Integrazione Socio-sanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato, presentando il tavolo di esperti del settore che ha come obiettivo quello di creare una task force per rafforzare […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...