Sanità internazionale 10 Aprile 2018 12:35

Emergenza colera in Zambia: il Presidente ritira l’esercito

Dopo aver causato oltre 80 morti, l’emergenza colera sembra essere passata. A dicembre l’esercito era stato schierato per contrastare la diffusione della malattia

Emergenza colera in Zambia: il Presidente ritira l’esercito

L’emergenza colera nello Zambia sembra essere passata. Il Presidente Edgar Lungu ha infatti ordinato di ritirare il personale militare che da dicembre è stato impegnato nella lotta contro la diffusione della malattia. Il colera ha causato, in sette mesi, la morte di oltre 80 persone e lo schieramento dell’esercito è stata una delle misure d’emergenza adottate dal Presidente che includevano la chiusura dei mercati, bar, ristoranti e altri luoghi pubblici ritenuti a rischio per la trasmissione della malattia.

Il Ministro degli Interni Stephen Kampyongo ha dichiarato che le operazioni congiunte del personale della difesa e della sicurezza hanno contribuito a ripristinare l’ordine e ha quindi spiegato i motivi del ritorno alle loro attività ordinarie, avendo «completato la loro missione».

L’epidemia è iniziata nelle zone più popolose di Lusaka, capitale della Zambia, per le scarse condizioni igieniche e sanitarie, ma si è poi diffusa anche nelle aree meno densamente popolate. Scaturita dalla proliferazione di acque contaminate, il colera si è poi propagato a causa del consumo di cibo contaminato.

Il colera si trasmette per via fecale-orale: può essere contratta in seguito all’ingestione di acqua o di alimenti contaminati da materiale fecale di individui infetti. Pesci, molluschi e crostacei, se consumati crudi, sono particolarmente pericolosi. Allo stesso modo, è a rischio anche la verdura consumata cruda per la possibilità che liquami vengano usati a scopo irriguo o fertilizzante. Il colera si manifesta con molte scariche di diarrea acquosa, vomito, rapida disidratazione, abbassamento della temperatura. La perdita di grandi quantità di liquidi può provocare stato di shock e, se non opportunamente curata, la morte. Una reidratazione rapida e appropriata è il principale intervento per il trattamento, per via orale per casi moderati di malattia, o per via endovenosa per i casi gravi.

LEGGI ANCHE: VIAGGIARE ALL’ESTERO IN TUTTA SICUREZZA: VACCINI E IGIENE, QUALI INDICAZIONI? IL MINISTRO RISPONDE

Articoli correlati
Epatiti misteriose, casi in aumento. Gli esperti: «Non si interrompa il monitoraggio»
I casi di epatite misteriosa continuano a salire e l'Associazione italiana per lo studio del fegato invita a non abbassare la guardia
Vaiolo delle scimmie, casi in aumento nel mondo. Si ipotizzano ipermutazioni più contagiose
I casi di vaiolo delle scimmie nel mondo sono in aumento. Si ipotizzano ipermutazioni che possono aver reso il virus più contagioso. I paesi europei iniziano a difendersi
Vaiolo delle scimmie, primo caso in Italia. L’Iss istituisce una task force
In Italia è stato registrato il primo caso di vaiolo delle scimmie. Ci sono altri due casi sospetti. L'Iss ha istituito un nuova task force
Come si anticipa l’andamento dell’epidemia?
L'Istituto Superiore di Sanità e la Fondazione Kessler spiegano la differenza tra previsione, analisi di scenario e proiezione
Immunità di gregge a luglio, Andreoni: «Con 500 mila vaccini al giorno prospettiva realistica»
Il Direttore scientifico della Società Italiana Malattie infettive: «Parliamo di 45-50 milioni di soggetti vaccinati, circa il 70% della popolazione. Quello con il vaccino è un appuntamento indispensabile, un patto al quale partecipiamo tutti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali