Sanità internazionale 10 Aprile 2018

Emergenza colera in Zambia: il Presidente ritira l’esercito

Dopo aver causato oltre 80 morti, l’emergenza colera sembra essere passata. A dicembre l’esercito era stato schierato per contrastare la diffusione della malattia

Immagine articolo

L’emergenza colera nello Zambia sembra essere passata. Il Presidente Edgar Lungu ha infatti ordinato di ritirare il personale militare che da dicembre è stato impegnato nella lotta contro la diffusione della malattia. Il colera ha causato, in sette mesi, la morte di oltre 80 persone e lo schieramento dell’esercito è stata una delle misure d’emergenza adottate dal Presidente che includevano la chiusura dei mercati, bar, ristoranti e altri luoghi pubblici ritenuti a rischio per la trasmissione della malattia.

Il Ministro degli Interni Stephen Kampyongo ha dichiarato che le operazioni congiunte del personale della difesa e della sicurezza hanno contribuito a ripristinare l’ordine e ha quindi spiegato i motivi del ritorno alle loro attività ordinarie, avendo «completato la loro missione».

L’epidemia è iniziata nelle zone più popolose di Lusaka, capitale della Zambia, per le scarse condizioni igieniche e sanitarie, ma si è poi diffusa anche nelle aree meno densamente popolate. Scaturita dalla proliferazione di acque contaminate, il colera si è poi propagato a causa del consumo di cibo contaminato.

Il colera si trasmette per via fecale-orale: può essere contratta in seguito all’ingestione di acqua o di alimenti contaminati da materiale fecale di individui infetti. Pesci, molluschi e crostacei, se consumati crudi, sono particolarmente pericolosi. Allo stesso modo, è a rischio anche la verdura consumata cruda per la possibilità che liquami vengano usati a scopo irriguo o fertilizzante. Il colera si manifesta con molte scariche di diarrea acquosa, vomito, rapida disidratazione, abbassamento della temperatura. La perdita di grandi quantità di liquidi può provocare stato di shock e, se non opportunamente curata, la morte. Una reidratazione rapida e appropriata è il principale intervento per il trattamento, per via orale per casi moderati di malattia, o per via endovenosa per i casi gravi.

LEGGI ANCHE: VIAGGIARE ALL’ESTERO IN TUTTA SICUREZZA: VACCINI E IGIENE, QUALI INDICAZIONI? IL MINISTRO RISPONDE

Articoli correlati
Quarantena, contact tracing, vaccini obbligatori e negazionisti: lezioni da un’epidemia (dell’800)
Il New England Journal of Medicine: «Fin dal 19mo secolo le misure di salute pubblica sono state mal ricevute dalla popolazione»
di Tommaso Caldarelli
Positiva al Covid e in isolamento per 75 giorni: oggi Ericka torna alla vita
Venti giorni in ospedale e poi un lungo isolamento all’hotel Michelangelo di Milano, adibito alla quarantena dei malati Covid. «Periodo impegnativo, tanti effetti collaterali e un desiderio: riabbracciare gli amici e mangiare un gelato al parco»
di Federica Bosco
Covid-19, l’epidemiologo: «Virus più debole grazie al lockdown, ma non meno pericoloso»
«Il fatto che il virus sia mutato non significa che la malattia sia più lieve. Questo è un virus nuovo, di cui sappiamo ancora pochissimo. Non dobbiamo mollare la presa o i contagi riprenderanno a salire». Facciamo chiarezza con il professor Massimo Ciccozzi del Campus Bio-Medico di Roma
Fase 2, il rilancio della medicina territoriale: «Sinergia tra tutti i livelli della sanità»
Peperoni (Sumai): «Riattivarsi sulle cronicità e sulla messa in sicurezza degli operatori sanitari». Bartoletti (Fimmg): «Ruolo di sentinella per la medicina generale. Implementare formazione su corretto uso DPI»
Covid-19 e Fase 2, Osservatorio sulla salute delle regioni: «In Lombardia e Marche zero contagi non prima di fine giugno»
La previsione del “giorno zero” per ogni regione basata sui dati delle Protezione Civile. Ma per il professor Lopalco (Igiene Università Pisa): «Dei dati non possiamo fidarci, valutare altri fattori»
di Gloria Frezza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...