Salute 20 Aprile 2023 14:37

Aviaria più mortale rispetto al passato. Lo studio: «Potrebbe diventare endemica, servono più misure»

L’attuale ceppo dell’influenza aviaria, che sta decimando le popolazioni di uccelli a livello globale, è pericolosamente diverso da quello dei precedenti focolai e per questo richiede misure straordinarie urgenti. A lanciare l’allarme è un gruppo di ricercatori dell’Università del Maryland in uno studio pubblicato sulla rivista Conservation Biology

Aviaria più mortale rispetto al passato. Lo studio: «Potrebbe diventare endemica, servono più misure»

L’attuale ceppo dell’influenza aviaria, che sta decimando le popolazioni di uccelli a livello globale, è pericolosamente diverso da quello dei precedenti focolai e per questo richiede misure straordinarie urgenti. A lanciare l’allarme è un gruppo di ricercatori dell’Università del Maryland che, in uno studio pubblicato sulla rivista Conservation Biology, ritiene che siamo di fronte a un virus «diverso» da quello degli anni precedenti e la prova sta nel numero eccezionalmente alto di uccelli che muoiono.

«Per decenni abbiamo avuto a che fare con l’influenza aviaria a bassa patogenicità nel settore del pollame, ma questo è diverso», sottolinea Jennifer Mullinax, coautrice dello studio dell’Università del Maryland. «Questo virus ad alta patogenicità sta spazzando via tutto in numeri che non abbiamo mai visto prima», aggiunge.

Rispetto al 2015 l’attuale epidemia di aviaria ha ucciso molti più uccelli selvatici

Lo studio è stato condotto monitorando l’arrivo e la progressione dell’epidemia letale di influenza aviaria in Nord America per vedere come l’ultima recrudescenza della malattia si differenzia con quelle precedenti. I ricercatori hanno analizzato cinque diverse fonti di dati che contenevano informazioni sulla presenza di influenza aviaria tra uccelli selvatici e pollame negli Stati Uniti e in Canada, nonché un database globale che conteneva informazioni dal 2014 al 2023. A differenza dell’epidemia di influenza aviaria (H5N8) del 2015, l’epidemia osservata alla fine del 2021 (H5N1) ha causato una mortalità di massa per gli uccelli selvatici, il che rende più difficile eliminare il virus altamente patogeno.

«Questo è lo scenario peggiore»

«A differenza dell’H5N8, questa malattia ha un forte impatto sugli uccelli selvatici», conferma Johanna Harvey, autrice principale dello studio e ricercatrice post-dottorato presso l’Università del Maryland. «È difficile stimare quanti uccelli siano veramente colpiti tra le popolazioni selvatiche – continua – ma stiamo assistendo a drammatici impatti della malattia nei rapaci, negli uccelli marini e negli uccelli che nidificano nelle colonie. E ora abbiamo la più alta quantità di pollame perso a causa dell’influenza aviaria, quindi questo è lo scenario peggiore».

L’epidemia d’aviaria non è più stagionale, dura tutto l’anno

Circa 58 milioni di polli domestici sono stati infettati o sono stati uccisi per fermare la diffusione dell’infezione negli Stati Uniti, oltre a 7 milioni in Canada. L’ultimo focolaio di influenza aviaria sembra aver trasformato la malattia da stagionale a una che dura tutto l’anno. L’epidemia di influenza aviaria del 2015 si è generalmente verificata in autunno, quando gli agricoltori potevano prepararsi e avere più tempo per riprendersi dalle perdite. Ma l’ultimo focolaio si è verifica durante tutto l’anno, in estate per gli uccelli selvatici e durante la primavera e l’autunno per il pollame domestico. I ricercatori hanno concluso che l’impatto mortale della malattia sugli uccelli selvatici e il passaggio dalle infezioni stagionali a quelle che si verificano tutto l’anno potrebbero segnalare un pericoloso cambiamento nell’influenza aviaria negli Stati Uniti. Il team ha anche concluso che l’influenza aviaria diventerà probabilmente endemica, il che potrebbe influire sulla sicurezza alimentare e sull’economia.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Morbillo: allarme Oms Europa, 30 volte più casi nel 2023
"La regione europea sta registrando un aumento allarmante dei casi di morbillo". E' il monito dell'ufficio regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per l'Europa. "Tra gennaio e ottobre 2023 sono stati segnalati oltre 30mila casi da 40 dei 53 Stati membri della regione. Rispetto ai 941 segnalati in tutto il 2022, è un aumento di oltre 30 volte", avverte l'agenzia Onu per la salute
di V.A.
Aviaria: nuova variante del virus più vicina all’uomo, timori per possibile pandemia
Un sottotipo del virus dell'influenza aviaria, endemico negli allevamenti di pollame in Cina, sta subendo cambiamenti mutazionali che potrebbero aumentare il rischio di trasmissione della malattia agli esseri umani. E' l'avvertimento lanciato da un gruppo di ricercatori cinesi e britannici in uno studio pubblicato sulla rivista Cell
Aviaria: negli Usa via a vaccinazione dei condor della California
Le autorità statunitensi hanno autorizzato la vaccinazione del condor della California (Gymnogyps californianus), gravemente minacciato, contro il virus dell'aviaria che si sta diffondendo a livello globale. È la prima volta che gli Stati Uniti approvano la somministrazione di un vaccino su un uccello con lo scopo di arginare la diffusione di questa influenza aviaria ad alta patogenicità
Aviaria: il Brasile dichiara emergenza sanitaria animale
Sei mesi dopo aver riscontrato diversi casi di influenza aviaria negli uccelli selvatici, il Brasile ha dichiarato lo stati di emergenza sanitaria. Sette casi sono stati segnalati nello stato di Espirito Santo, con un altro scoperto nello stato di Rio de Janeiro. La dichiarazione di emergenza rende più facile per il governo adottare misure per fermare la diffusione del virus altamente infettivo H5N1
Nel Regno Unito è allerta morbillo. In Italia vaccinazioni in calo
Le autorità sanitarie del Regno Unito sono molto preoccupate per il numero dei casi di morbillo registrati nei primi mesi di quest'anno, a causa del calo della copertura vaccinale. Anche nel nostro paese le vaccinazioni sono in calo e si inizia a temere l'insorgenza di nuove epidemie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...
Salute

Tumore del polmone: per osimertinib e durvalumab ottimi risultati negli studi LAURA e ADRIATIC al Congresso ASCO

Nello studio LAURA osimertinib ha ridotto il rischio di progressione di malattia o di morte dell’84% nel tumore del polmone non a piccole cellule di Stadio III. Nello studio ADRIATIC, invece, du...