Salute 9 Febbraio 2021 17:06

Covid-19, Silvestri: «Variante sudafricana sei volte meno sensibile ai vaccini a Rna. Ma non è detto che sia del tutto resistente»

Il Professore della Emory University, animatore del blog ‘Pillole di Ottimismo’, ha illustrato in Commissione Sanità i dati dei paesi più avanti con le vaccinazioni: «Negli USA casi in calo in 46 Stati su 50 senza particolari misure di restrizione. E in Israele la curva dei casi fra gli over 60 sta calando rapidamente»

«Nel Regno Unito si è registrato un calo del 70% dei nuovi casi nell’ultima settimana, a cui ha certamente contribuito il lockdown ma è un periodo che di fatto coincide con la vaccinazione di massa». Il virologo Guido Silvestri, professore ordinario di Patologia Generale alla Emory University di Atlanta, promotore del seguitissimo blog di divulgazione scientifica Pillole di Ottimismo, illustra nel suo intervento in audizione in Commissione Sanità al Senato i risultati della campagna vaccinale nel mondo. Risultati che sembrano davvero molto incoraggianti, almeno a vedere i dati che arrivano dai paesi che sono in fase più avanzata.

Israele e Stati Uniti, dati incoraggianti

A cominciare da Israele dove è stata portata avanti una politica aggressiva di vaccinazione sopra i 60 anni: «Dal 18 dicembre al 3 febbraio il calo del numero dei nuovi casi e delle ospedalizzazioni è molto più marcato nella popolazione over 65 (con i soggetti vaccinati) e molto meno nella fascia tra 0 e 59 anni, non vaccinata» sottolinea Silvestri che poi porta i dati degli Stati Uniti: «Negli USA siamo nella fase 1A con la vaccinazione dei lavoratori della sanità. A breve partirà la fase 1B con i lavoratori essenziali e gli adulti sopra i 65 anni e con condizioni a rischio». In alcune aree degli States i risultati sono già molto incoraggianti: «A Chicago, per esempio, nei distretti dove ci sono più vaccinazioni ci sono meno morti e viceversa. Negli USA il calo dei casi a sette giorni è del 57% e 46 dei 50 Stati hanno un calo superiore al 30%: tutto ciò senza che vi sia stata l’introduzione di grandi misure di restrizione a parte qualche città». A livello mondiale sono circa 100 milioni le dosi di vaccino iniettate, 70-80 milioni le persone che hanno avuto almeno una dose.

Il problema delle varianti

Resta però il tema delle varianti: i vaccini saranno in grado di contenerla? Anche su questo Silvestri invita a non essere catastrofisti. «La variante inglese non era lo spauracchio che si temeva, la mutazione fondamentale nella proteina spike non riduce la capacità degli anticorpi di neutralizzare il virus. La riduzione è più osservabile per quanto riguarda la variante sudafricana. Sarebbe sei volte meno sensibile agli anticorpi prodotti con vaccinazione a RNA. Ma ciò non significa che la variante sia resistente completamente al vaccino». Tuttavia secondo Silvestri non bisogna allarmarsi troppo per le varianti: significa solamente che si cono stati molti più studi di sorveglianza epidemiologica. «L’importante è fare la sorveglianza epidemiologica: vedere quante sono le varianti, dove sono e se stanno diventando dominanti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
A che punto siamo con i vaccini anti-Covid aggiornati?
I vaccini anti-Covid aggiornati sono attesi per il prossimo autunno. Ma ancora nessuno è stato autorizzato e il «più aggiornato» deve ancora essere sottoposto ai test clinici
Vaiolo delle scimmie: contagiata bambina di 4 anni. Primo caso pediatrico in Germania
La piccola, totalmente asintomatica, vive nel sud-ovest del Paese con due adulti già precedentemente contagiati dal virus. In Italia stimati 599 casi e un’età media di 37 anni. Dopo Roma, da oggi al via le vaccinazioni anche in Emilia-Romagna
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
Sono 4.000 i medici non vaccinati contro il Covid. Anelli (FNOMCeO): «Esigua minoranza»
Circa 4.000 medici hanno detto no al vaccino e non possono esercitare la professione. Si tratta di un'esigua minoranza su 468mila professionisti vaccinati
Vaccini Covid «aggiornati» pronti a ottobre, scetticismo su tempistiche
La BioNTech ha annunciato che le consegne dei due vaccini anti-Covid 19 adattati a Omicron sono previste già in ottobre «Sono scettico», ammette Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale