Salute 9 Febbraio 2021 17:06

Covid-19, Silvestri: «Variante sudafricana sei volte meno sensibile ai vaccini a Rna. Ma non è detto che sia del tutto resistente»

Il Professore della Emory University, animatore del blog ‘Pillole di Ottimismo’, ha illustrato in Commissione Sanità i dati dei paesi più avanti con le vaccinazioni: «Negli USA casi in calo in 46 Stati su 50 senza particolari misure di restrizione. E in Israele la curva dei casi fra gli over 60 sta calando rapidamente»

«Nel Regno Unito si è registrato un calo del 70% dei nuovi casi nell’ultima settimana, a cui ha certamente contribuito il lockdown ma è un periodo che di fatto coincide con la vaccinazione di massa». Il virologo Guido Silvestri, professore ordinario di Patologia Generale alla Emory University di Atlanta, promotore del seguitissimo blog di divulgazione scientifica Pillole di Ottimismo, illustra nel suo intervento in audizione in Commissione Sanità al Senato i risultati della campagna vaccinale nel mondo. Risultati che sembrano davvero molto incoraggianti, almeno a vedere i dati che arrivano dai paesi che sono in fase più avanzata.

Israele e Stati Uniti, dati incoraggianti

A cominciare da Israele dove è stata portata avanti una politica aggressiva di vaccinazione sopra i 60 anni: «Dal 18 dicembre al 3 febbraio il calo del numero dei nuovi casi e delle ospedalizzazioni è molto più marcato nella popolazione over 65 (con i soggetti vaccinati) e molto meno nella fascia tra 0 e 59 anni, non vaccinata» sottolinea Silvestri che poi porta i dati degli Stati Uniti: «Negli USA siamo nella fase 1A con la vaccinazione dei lavoratori della sanità. A breve partirà la fase 1B con i lavoratori essenziali e gli adulti sopra i 65 anni e con condizioni a rischio». In alcune aree degli States i risultati sono già molto incoraggianti: «A Chicago, per esempio, nei distretti dove ci sono più vaccinazioni ci sono meno morti e viceversa. Negli USA il calo dei casi a sette giorni è del 57% e 46 dei 50 Stati hanno un calo superiore al 30%: tutto ciò senza che vi sia stata l’introduzione di grandi misure di restrizione a parte qualche città». A livello mondiale sono circa 100 milioni le dosi di vaccino iniettate, 70-80 milioni le persone che hanno avuto almeno una dose.

Il problema delle varianti

Resta però il tema delle varianti: i vaccini saranno in grado di contenerla? Anche su questo Silvestri invita a non essere catastrofisti. «La variante inglese non era lo spauracchio che si temeva, la mutazione fondamentale nella proteina spike non riduce la capacità degli anticorpi di neutralizzare il virus. La riduzione è più osservabile per quanto riguarda la variante sudafricana. Sarebbe sei volte meno sensibile agli anticorpi prodotti con vaccinazione a RNA. Ma ciò non significa che la variante sia resistente completamente al vaccino». Tuttavia secondo Silvestri non bisogna allarmarsi troppo per le varianti: significa solamente che si cono stati molti più studi di sorveglianza epidemiologica. «L’importante è fare la sorveglianza epidemiologica: vedere quante sono le varianti, dove sono e se stanno diventando dominanti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Oltre 45mila sanitari hanno rifiutato il vaccino anti-Covid. Scattano le sospensioni
In una lettera il Presidente della FNOMCeO, Filippo Anelli, ricorda come l’Ordine di appartenenza sia solo un «mero esecutore» di provvedimenti adottati da altri, nello specifico la Asl, che procede con le sospensioni temporanee fino ad assolvimento dell’obbligo vaccinale
Vaccini anti-Covid in adolescenza: più rischi o benefici?
A Sanità Informazione il parere di Gabriella Pozzobon, presidente della Società italiana di medicina dell’adolescenza (Sima): «Come per gli adulti, la vaccinazione è consigliata soprattutto agli adolescenti fragili con comorbidità. Ad oggi, i dati a nostra disposizione sui vaccini anti-Covid negli adolescenti sono pochi e la possibilità di trarre conclusioni definitive risulta limitata»
di Isabella Faggiano
Sostegni Bis, Ianaro (M5S): «Emendamento per prevedere sequenziamento Covid nelle strutture sanitarie»
«L’attività di sequenziamento ha consentito al mondo di identificare rapidamente il virus del Covid 19 ed è fondamentale un continuo monitoraggio della situazione epidemiologica per evitare il sovraccarico delle strutture ospedaliere che da oltre un anno sono sottoposte a stress indicibili. Purtroppo è molto carente e poco integrata nel nostro Servizio sanitario nazionale e per […]
Covid, nuovo report Cabina di regia: «Continua calo incidenza». Da lunedì solo Vda in zona gialla
Pubblicato il report settimanale di ISS-Ministero Salute: tutte le Regioni e Pa hanno Rt compatibile con scenario di tipo 1
Covid e autopsie, perché sono state vietate ad inizio pandemia?
Fineschi (Sapienza): «Autopsie momento fondamentale dal punto di vista diagnostico». Ricci (Univ. Magna Graecia): «Con autopsie possibile distinguere tra morti di Covid e con Covid»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 giugno, sono 178.788.247 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.873.285 i decessi. Ad oggi, oltre 2,64 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM