Lavoro 15 Ottobre 2020

Al via sorveglianza epidemiologica delle sindromi simil influenzali. Ecco il nuovo protocollo alla luce del Covid

La partecipazione dei medici è volontaria ma è importante che i professionisti che decidono di aderire garantiscano la continuità della rilevazione dei dati per tutto il periodo della sorveglianza

Immagine articolo

Lo scorso 12 ottobre è iniziata la sorveglianza epidemiologica delle sindromi simil influenzali (ILI). Il protocollo InfluNet per la stagione 2020-21 prevede alcuni cambiamenti rispetto alla precedente stagione influenzale dovuti al contesto emergenziale della pandemia da Covid-19 (anche se il sistema di sorveglianza InfluNet non verrà in alcun caso modificato in termini di flusso dei dati). In particolare:

  1. Bisogna rafforzare il sistema di sorveglianza InfluNet. A tal fine è necessario arruolare un numero maggiore di medici sentinella (Medici di Medicina Generale e Pediatri di Libera Scelta) per raggiungere una copertura di almeno il 4% della popolazione regionale (4% per ciascuna Asl e per ciascuna fascia di età). Parallelamente è necessario rafforzare anche la sorveglianza virologica con l’aumento del numero di tamponi effettuati tra gli assistiti dei medici sentinella. Secondo il documento, sarebbe auspicabile che a tutti gli assistiti dei MMG e PLS con ILI sia effettuato il tampone.
  2. Poiché la sintomatologia dei virus influenzali è paragonabile a quella del Covid-19, si ritiene opportuno effettuare, sullo stesso tampone, la ricerca dei virus influenzali e del Sars-Cov-2. Pertanto, viene richiesto ai Laboratori della Rete InfluNet di testare sistematicamente i tamponi in parallelo per i virus influenzali e per Sars-CoV-2.
  3. Agli assistiti con ILI il tampone non sarà più effettuato dal medico sentinella ma dalla Asl competente a cui il medico appartiene. I Laboratori di riferimento regionale per l’influenza potranno continuare a raccogliere anche il risultato del virus Respiratorio Sinciziale (RSV) nei campioni clinici testati nell’ambito della sorveglianza dell’influenza.

I MEDICI SENTINELLA

La situazione emergenziale legata alla pandemia di Covid-19 non permette al medico sentinella di effettuare il tampone oro/naso-faringeo al proprio assistito presso il proprio studio medico. Pertanto il medico sentinella effettuerà il triage telefonico e, qualora i sintomi dichiarati dal proprio assistito saranno compatibili con la definizione di sindrome simil-influenzale registrerà nel portale InfluNet i dati relativi al proprio assistito. Il prelievo verrà effettuato, dalla Asl di competenza, al paziente segnalato dal medico sentinella sul portale InfluNet.

Ai medici che partecipano alla sorveglianza si richiede di identificare e annotare giornalmente, sul proprio registro cartaceo, ogni nuovo paziente affetto da sindrome influenzale secondo la definizione clinica. Le informazioni individuali raccolte dovranno essere aggregate e i totali trasmessi ogni settimana all’ISS tramite la scheda on line.

La partecipazione al protocollo è volontaria, ma è importante che i medici che decidono di aderire, garantiscano la continuità della rilevazione dei dati per tutto il periodo della sorveglianza.

DURATA DELLA RILEVAZIONE DATI

La rilevazione dei dati è iniziata, come di consueto, nella 42a settimana del 2020 (lunedì 12 ottobre 2020) e terminerà nella 17a settimana del 2021 (domenica 25 aprile 2021), salvo ulteriori comunicazioni legate alla situazione epidemiologica nazionale. L’analisi dei dati sarà effettuata dall’ISS e i risultati relativi all’andamento nazionale dell’influenza saranno pubblicati settimanalmente nel Rapporto InfluNet disponibile nel sito Internet del Ministero della Salute.

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Covid, De Poli: «Fronteggiare carenza anestesisti-rianimatori»
«Serve un Piano straordinario per il potenziamento delle terapie intensive e per fronteggiare la carenza cronica di 4.000 medici anestesisti e di rianimazione a livello nazionale»
Nuovo report Cabina di Regia: «Situazione molto grave, necessario ridurre attività non essenziali e mobilità»
«Sono necessarie misure, con precedenza per le aree maggiormente colpite, che favoriscano una drastica riduzione delle interazioni fisiche tra le persone e che possano alleggerire la pressione sui servizi sanitari»
Campania, De Luca: «Chiudere tutto tranne attività essenziali. Si torna al lockdown»
«Chiuderemo tutto tranne le attività essenziali. Si torna al lockdown come già fatto a marzo». Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, chiede al Governo nazionale il lockdown totale e annuncia che lui si muoverà proprio in questo senso. «Oggi siamo chiamati a prendere decisioni forti, definitive ed efficaci, per far fronte a una situazione […]
Chiusure e limitazioni, le misure adottate dalle Regioni per cercare di rallentare la diffusione del Covid
L'Italia affronta la seconda ondata delegando alle regioni i nuovi provvedimenti di chiusura. Attivi coprifuoco in Lazio, Lombardia e Campania
Burnout da Covid tra i sanitari, la psicologa: «Ora che ne conosciamo gli effetti possiamo prevenirlo»
«Le emozioni provate da chi ha lottato in prima linea contro il Covid sono state talmente forti da riversarsi sul corpo, sotto forma di numerosi disturbi: cefalee e dolori addominali i più diffusi»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...