Lavoro 15 Ottobre 2020 09:53

Al via sorveglianza epidemiologica delle sindromi simil influenzali. Ecco il nuovo protocollo alla luce del Covid

La partecipazione dei medici è volontaria ma è importante che i professionisti che decidono di aderire garantiscano la continuità della rilevazione dei dati per tutto il periodo della sorveglianza

Al via sorveglianza epidemiologica delle sindromi simil influenzali. Ecco il nuovo protocollo alla luce del Covid

Lo scorso 12 ottobre è iniziata la sorveglianza epidemiologica delle sindromi simil influenzali (ILI). Il protocollo InfluNet per la stagione 2020-21 prevede alcuni cambiamenti rispetto alla precedente stagione influenzale dovuti al contesto emergenziale della pandemia da Covid-19 (anche se il sistema di sorveglianza InfluNet non verrà in alcun caso modificato in termini di flusso dei dati). In particolare:

  1. Bisogna rafforzare il sistema di sorveglianza InfluNet. A tal fine è necessario arruolare un numero maggiore di medici sentinella (Medici di Medicina Generale e Pediatri di Libera Scelta) per raggiungere una copertura di almeno il 4% della popolazione regionale (4% per ciascuna Asl e per ciascuna fascia di età). Parallelamente è necessario rafforzare anche la sorveglianza virologica con l’aumento del numero di tamponi effettuati tra gli assistiti dei medici sentinella. Secondo il documento, sarebbe auspicabile che a tutti gli assistiti dei MMG e PLS con ILI sia effettuato il tampone.
  2. Poiché la sintomatologia dei virus influenzali è paragonabile a quella del Covid-19, si ritiene opportuno effettuare, sullo stesso tampone, la ricerca dei virus influenzali e del Sars-Cov-2. Pertanto, viene richiesto ai Laboratori della Rete InfluNet di testare sistematicamente i tamponi in parallelo per i virus influenzali e per Sars-CoV-2.
  3. Agli assistiti con ILI il tampone non sarà più effettuato dal medico sentinella ma dalla Asl competente a cui il medico appartiene. I Laboratori di riferimento regionale per l’influenza potranno continuare a raccogliere anche il risultato del virus Respiratorio Sinciziale (RSV) nei campioni clinici testati nell’ambito della sorveglianza dell’influenza.

I MEDICI SENTINELLA

La situazione emergenziale legata alla pandemia di Covid-19 non permette al medico sentinella di effettuare il tampone oro/naso-faringeo al proprio assistito presso il proprio studio medico. Pertanto il medico sentinella effettuerà il triage telefonico e, qualora i sintomi dichiarati dal proprio assistito saranno compatibili con la definizione di sindrome simil-influenzale registrerà nel portale InfluNet i dati relativi al proprio assistito. Il prelievo verrà effettuato, dalla Asl di competenza, al paziente segnalato dal medico sentinella sul portale InfluNet.

Ai medici che partecipano alla sorveglianza si richiede di identificare e annotare giornalmente, sul proprio registro cartaceo, ogni nuovo paziente affetto da sindrome influenzale secondo la definizione clinica. Le informazioni individuali raccolte dovranno essere aggregate e i totali trasmessi ogni settimana all’ISS tramite la scheda on line.

La partecipazione al protocollo è volontaria, ma è importante che i medici che decidono di aderire, garantiscano la continuità della rilevazione dei dati per tutto il periodo della sorveglianza.

DURATA DELLA RILEVAZIONE DATI

La rilevazione dei dati è iniziata, come di consueto, nella 42a settimana del 2020 (lunedì 12 ottobre 2020) e terminerà nella 17a settimana del 2021 (domenica 25 aprile 2021), salvo ulteriori comunicazioni legate alla situazione epidemiologica nazionale. L’analisi dei dati sarà effettuata dall’ISS e i risultati relativi all’andamento nazionale dell’influenza saranno pubblicati settimanalmente nel Rapporto InfluNet disponibile nel sito Internet del Ministero della Salute.

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
I ricercatori in sanità chiedono la stabilizzazione: «Così è difficile programmare l’attività scientifica»
L’ARSI, Associazione Ricercatori in Sanità, chiede che nell’articolo 92 della Legge di Bilancio che stabilizza i precari assunti durante l’emergenza Covid siano inseriti anche i ricercatori degli IRCSS e degli IZS
di Francesco Torre
Anosmia da Covid, ecco come la fisioterapia nasale aiuta a ritrovare odori e sapori smarriti
Il Policlinico di Palermo in prima linea nella sperimentazione. Gallina (direttore Otorinolaringoiatria): «Un percorso a doppio binario farmacologico e sensoriale, privo di effetti collaterali e dai risultati incoraggianti»
Report Gimbe: 15,83 milioni di terze dosi entro dicembre. Trieste provincia con incidenza più alta
Sono +534 i ricoveri in area medica e +60 in terapia intensiva questa settimana. Per FVG e Provincia di Bolzano si avvicina la zona gialla
Report Gimbe, +37,7% di contagi in una settimana. Marche e Friuli superano la soglia ricoveri per area critica
L'aumento di casi continua di settimana in settimana, insieme anche con il numero di morti. Sessantasei province mostrano incidenza sopra i 50 casi per 100mila abitanti, le Regioni più colpite sono Friuli, Lazio e Veneto
Audiometristi. Sardone (AITA): «Necessario monitorare udito in pazienti Covid e long Covid»
Lo studio, il presidente AITA: «In questo ultimo anno e mezzo abbiamo avuto la possibilità di osservare un numero sufficiente di pazienti per associare disturbi audiologici e vestibolari alla malattia da Covid-19 e, soprattutto, alla cosiddetta sindrome da long Covid»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...