Lavoro 6 marzo 2017

Legge Gelli, Silvestro (IPASVI): «Assicurazioni e formazione ECM: così migliora rapporto tra infermieri e pazienti»

La Senatrice del Partito Democratico spiega ai nostri microfoni il valore di una riforma «che, senza esagerare, definirei storica» perché «tutela, nello stesso momento, sia l’esercente la professione sanitaria che il cittadino». Centrale il tema della formazione continua: «Un segno di civiltà: i professionisti si impegnano non solo per motivazioni lavorative, ma anche etiche, a mantenere alte le competenze»

Non è una legge sulla responsabilità medica. Quella da poco approvata in via definitiva dal Parlamento e che vede come relatore l’Onorevole Federico Gelli (PD) è una riforma che «riguarda tutti gli esercenti la professione sanitaria». In che modo lo fa ce lo spiega la Senatrice Annalisa Silvestro (PD), membro delle Commissione “Igiene e Sanità” e membro dell’IPASVI (Federazione Nazionale Collegi Infermieri professionali), di cui è stata anche Presidente. «Questa legge tutela, in un solo momento, sia il professionista sanitario che il cittadino, attraverso assicurazioni meno onerose per i primi e maggiori garanzie per i secondi». Centrale poi il tema della formazione continua: «Un segno di civiltà: i professionisti si impegnano non solo per motivazioni lavorative, ma anche etiche, a mantenere alte le competenze».

Senatrice, approvata in via definitiva la legge sulla responsabilità professionale in sanità. Una legge che ha chiaramente un impatto importante sul mondo della sanità italiana e che vede chiamate in causa anche le altre professioni sanitarie.

«Questa legge riguarda tutti gli esercenti le professioni sanitarie, ovvero tutti gli attori in gioco. Certo, sono i medici in particolare ad essere colpiti, in questa fase storica, dalle problematiche che la legge si prefigge di eliminare, ma il testo interessa davvero tutte le figure professionali, infermiere in primis, che è la professione più vicina e affine a quella medica. Per questo si tratta davvero di un evento di portata – forse esagero ma non credo di tanto – storica, perché mette davanti a tutto questioni fondamentali, come il rapporto con l’assistito, la serenità di esercizio e, soprattutto, il giusto riconoscimento ai cittadini che dovessero incappare in un evento avverso di quello che è loro diritti ricevere. In Senato ci abbiamo lavorato molto, abbiamo dedicato a questo testo molto del nostro tempo. Credo di aver fatto la mia parte proprio per far comprendere che, se era davvero necessario e utile andare in quella direzione, bisognava andarci coinvolgendo tutti i professionisti, perché ormai è evidente che, se vogliamo dare buone risposte ai cittadini nel campo sanitario, bisogna lavorare in squadra, e quando si lavora in squadra è bene che tutti siano responsabilizzati».

In questa legge, tra le tante cose importanti, ci sono due aspetti particolari: quello assicurativo, che dovrebbe cominciare ad assumere una forma sempre più regolata e normata, e quello della formazione, perché sarà obbligatorio per tutti i professionisti della sanità formarsi sul risk management. Si tratta di un argomento che era stato lasciato all’iniziativa individuale, mentre adesso verrà strutturato.

«Verissimo. Anche sulla questione assicurazioni si segna un punto decisamente positivo: l’obbligo assicurativo, che in quanto tale ha un fondo ad hoc, ha come obiettivo quello di smorzare l’attenzione che c’è su questo settore anche diminuendo i premi assicurativi. Ciò significa copertura per tutti, serenità per i cittadini e un esborso per i professionisti decisamente più contenuto. Altra cosa importante per quanto riguarda la parte assicurativa, è che le rappresentanze delle professioni potranno essere parte attiva nella ricerca del broker e quindi nella stipula delle assicurazioni, cosa che renderà ancora più vantaggioso per i professionisti trovare il tipo di assicurazione e premio adatto. Sulla partita del risk management, anche qui si tratta di una novità molto interessante perché finalmente viene reso evidente quanto la gestione di tutto quello che può produrre un rischio clinico assistenziale, un rischio organizzativo, sia importante e quindi meritevole di essere studiata e valutata. Ma non è finita qui, in quanto ci sarebbe anche da parlare di altre questioni, come della definizione delle buone pratiche, delle evidenze scientifiche. Insomma, tutta la legge ha un filo rosso conduttore che è di certo a sostegno della serenità operativa dei professionisti, ma è molto, molto orientata verso i cittadini attraverso un miglioramento dei nostri sistemi organizzativi per implementare l’offerta sanitaria».

Per concludere, lei citava il richiamo a linee guida e best practice. Per tutte le professioni sanitarie questo richiamo così netto nella legge implica anche un senso di responsabilità sulla formazione ECM.

«L’obbligo di formazione continua per tutti i professionisti sanitari è una grande indicazione di civiltà: siamo obbligati a fare manutenzione delle nostre competenze sanitarie, relazionarie, educative e così via. Tutto ciò è estremamente positivo perché significa che tutti i professionisti si impegnano anche eticamente a mantenere alte le competenze. Nel merito della legge, questo diventa, oltre che un obbligo giuridico e deontologico, anche ineludibile proprio per la necessità per ogni professionista di essere sempre aggiornato e informato sulle nuove pratiche, sulle evidenze scientifiche, su come si sta evolvendo il sistema clicnico, il sistema infermieristico, il sistema sanitario assistenziale in generale. Anche questo è un grande passo in avanti».

Articoli correlati
Responsabilità professionale, Biondi (OMCeO Catania): «Formazione requisito per assicurazioni»
Antonio Biondi, Vicepresidente dell'Ordine di Catania sulla Legge Gelli: «Allo stato attuale, un’assicurazione che riconosca che il medico non si è adeguatamente formato, potrebbe anche non riconoscere la sua assicurazione»
Amedeo Bianco: «Tutelati i diritti dei cittadini e resi più chiari i percorsi di risarcimento»
Il Senatore Amedeo Bianco (Pd) ai nostri microfoni: «Nel testo viene disegnato un profilo di azione da parte del cittadino verso la struttura nei termini e nelle forme più consone»
Guido Alpa: «Cambia l’onere della prova. Sarà un argine al contenzioso»
Il professore e Presidente della Commissione per la Responsabilità Professionale, commenta il Ddl passato al Senato: «Con approvazione definitiva si avrà maggior chiarezza su responsabilità di professionista e struttura sanitaria»
«La figura del medico legale torna al centro. Finalmente un giusto riconoscimento per la categoria»
L’Articolo 15 del testo approvato dal Senato dà al giudice il compito di conferire ai medici legali e a specialisti nella disciplina «oggetto del procedimento» il compito di effettuare la consulenza in una causa per malpractice. Luisa Regimenti (SISMLA): «Svolta storica»; Vittorio Fineschi (Università “Sapienza”): «Finalmente il giusto riconoscimento per la categoria»; Giovanni Cannavò (“Melchiorre Gioia”): «Fondamentali le linee guida, ma chi le fa deve essere autorevole»
«Bene il Ddl ma lavorare su rapporto con i pazienti». Le reazioni del mondo della Sanità
Enti, Associazioni e Sindacati medici hanno accolto con favore l’approvazione, da parte del Senato, del testo sulla responsabilità professionale. FIMMG: «Bene legge Responsabilità, ma indispensabile fiducia pazienti»; Consulcesi: «Per i medici tutela legale e consulenze assicurative aggiornate in linea con le novità legislative»; CIMO: «Aspettavamo da tempo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

Enpam: «Pronti da subito a pagare pensioni in cumulo. Ora il problema sono i tempi»

Prime reazioni alla pubblicazione della circolare Inps che dà operatività al cumulo contributivo gratuito. «Resta il problema di quando queste pensioni saranno pagate» precisa la Fondazione