Lavoro 21 Marzo 2017

Responsabilità professionale, Biondi (OMCeO Catania): «Formazione requisito per assicurazioni»

Antonio Biondi, Vicepresidente dell’Ordine di Catania sulla Legge Gelli: «Allo stato attuale, un’assicurazione che riconosca che il medico non si è adeguatamente formato, potrebbe anche non riconoscere la sua assicurazione»

Nuovi profili di responsabilità sanitaria nella direzione di un miglioramento della prestazione per il medico e del servizio per il paziente. Obbligatorietà delle polizze assicurative per tutte le strutture sanitarie e sociosanitarie. Queste le novità che porta con se la Legge Gelli che, dopo essere stata approvata alla Camera, in questi giorni è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale. Nonostante il dissolversi di alcuni dubbi, ancora qualche elemento rimane oscuro. I decreti attuativi risolveranno definitivamente tutte le incertezze? Lo abbiamo chiesto a Antonio Biondi, Vicepresidente dell’OMCeO di Catania.

«In realtà qualche dubbio rimane ancora – spiega il Vicepresidente – i nostri iscritti ci chiedono delle spiegazioni. Questa Legge, per certi versi, ha rivoluzionato tutto e siamo fiduciosi che questo contenzioso medico-legale possa risolversi. Io in prima persona, essendo un chirurgo, penso che finora c’è stato un grande danno sia per quel che riguarda la professione degli operatori sanitari, sia per i pazienti».

Il punto di forza della Legge, per citare le parole del relatore del Ddl Federico Gelli, sta nel «modello organizzativo di risk management». Infatti, secondo il responsabile sanità del Pd, se i professionisti impareranno attraverso la legge a prevenire il rischio, a lavorare sulla loro formazione scatterà una vera e propria rivoluzione culturale. In questa ottica, «la formazione è fondamentale – commenta Biondi – l’aggiornamento è un passaggio basilare. Io, come rappresentante dell’Ordine di Catania, posso dire con certezza che noi abbiamo creduto da sempre all’importanza della sfera formativa. A questo proposito, posso affermare che io reputo così importante la formazione che ritengo possa essere una buona idea cominciare già dall’università. Infatti penso che anche a livello di corsi di laurea, si debba mettere qualche insegnamento mirato affinché lo studente, il medico in formazione, infine il medico professionista, possa essere sempre più partecipe e consapevole della sua materia».

La Legge Gelli inoltre mette ulteriore accento sull’importanza della formazione che sta diventando anche requisito fondamentale per le assicurazioni che assumono un ruolo sempre più di primo piano per i medici. «Oggi anche a livello di contenzioso medico-legale – conclude il Vicepresidente dell’Ordine di Catania –  un’assicurazione che riconosca che il medico non si è adeguatamente formato nel corso del triennio potrebbe anche non riconoscere la sua assicurazione e quindi il medico potrebbe incorrere in problematiche ancora più gravi».

Articoli correlati
Consumerismo critica decreto Scuola: «L’eccellenza del nostro SSN svilita in Parlamento»
Secondo l'associazione dei consumatori, il bonus di 50 crediti ECM è «un sei politico per tutti che sa di premio alla mediocrità»
Responsabilità professionale e Covid-19, come proteggere medici e operatori? Reazioni e proposte dal mondo della sanità
Tutti d’accordo sull'attenuazione della responsabilità per i professionisti, ma divide l’estensione del provvedimento ai vertici amministrativi. Magi (OMCeO Roma): «No a colpi di spugna». Quici (CIMO-FESMED): «Ecco perché sarebbe incostituzionale». Vergallo (AAROI-EMAC): «Non possiamo pagare per responsabilità altrui»
Covid 19 – Il virus della paura: in un docufilm la lezione da imparare dalla pandemia
Il documentario è pronto a sbarcare ai festival Internazionali e nelle piattaforme on demand. Tortorella (Consulcesi): «Cinema, scienza e tecnologia il nuovo modello internazionale per la formazione del personale sanitario e per una corretta informazione». Il ministro Speranza: «Ridare centralità alla sanità, attraverso la formazione e la ricerca»
‘Covid-19 Il virus della paura’, ecco com’è nato il docufilm che punta sulla formazione di qualità. Venerdì la presentazione
Il progetto verrà presentato il 12 giugno alle ore 11.30 sulla pagina Facebook di Consulcesi Club alla presenza di Ranieri Guerra (OMS), Roberto Speranza (ministro Salute), Giuseppe Ippolito (Spallanzani), Massimo Andreoni (Tor Vergata) e Giorgio Nardone (Centro di Terapia Strategica)
«Concorso MMG, no a sanatorie o escamotage in Dl Rilancio»
«Il lupo perde il pelo ma non il vizio, ed il vizio in questo caso è rappresentato da ulteriori due emendamenti presentati al "Dl Rilancio" da parte degli Onorevoli Giulia Grillo/Manuel Tuzi (5stelle) e Rizzo Nervo (PD). I primi stanno tentando di ampliare la platea medici per l' accesso in graduatoria riservata, agevolata, al corso di formazione in medicina generale, nonostante il disastroso "Decreto Calabria" da loro proposto lo scorso anno, che nei numeri sulla partecipazione si è rivelato essere un "flop" da un lato e una porta di accesso agevolata agli specialisti dall'altro»
di Claudio Cappelli, Direttivo Nazionale Associazione ALS e Medico di Medicina Generale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...