Lavoro 21 Marzo 2017

Responsabilità professionale, Biondi (OMCeO Catania): «Formazione requisito per assicurazioni»

Antonio Biondi, Vicepresidente dell’Ordine di Catania sulla Legge Gelli: «Allo stato attuale, un’assicurazione che riconosca che il medico non si è adeguatamente formato, potrebbe anche non riconoscere la sua assicurazione»

Nuovi profili di responsabilità sanitaria nella direzione di un miglioramento della prestazione per il medico e del servizio per il paziente. Obbligatorietà delle polizze assicurative per tutte le strutture sanitarie e sociosanitarie. Queste le novità che porta con se la Legge Gelli che, dopo essere stata approvata alla Camera, in questi giorni è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale. Nonostante il dissolversi di alcuni dubbi, ancora qualche elemento rimane oscuro. I decreti attuativi risolveranno definitivamente tutte le incertezze? Lo abbiamo chiesto a Antonio Biondi, Vicepresidente dell’OMCeO di Catania.

«In realtà qualche dubbio rimane ancora – spiega il Vicepresidente – i nostri iscritti ci chiedono delle spiegazioni. Questa Legge, per certi versi, ha rivoluzionato tutto e siamo fiduciosi che questo contenzioso medico-legale possa risolversi. Io in prima persona, essendo un chirurgo, penso che finora c’è stato un grande danno sia per quel che riguarda la professione degli operatori sanitari, sia per i pazienti».

Il punto di forza della Legge, per citare le parole del relatore del Ddl Federico Gelli, sta nel «modello organizzativo di risk management». Infatti, secondo il responsabile sanità del Pd, se i professionisti impareranno attraverso la legge a prevenire il rischio, a lavorare sulla loro formazione scatterà una vera e propria rivoluzione culturale. In questa ottica, «la formazione è fondamentale – commenta Biondi – l’aggiornamento è un passaggio basilare. Io, come rappresentante dell’Ordine di Catania, posso dire con certezza che noi abbiamo creduto da sempre all’importanza della sfera formativa. A questo proposito, posso affermare che io reputo così importante la formazione che ritengo possa essere una buona idea cominciare già dall’università. Infatti penso che anche a livello di corsi di laurea, si debba mettere qualche insegnamento mirato affinché lo studente, il medico in formazione, infine il medico professionista, possa essere sempre più partecipe e consapevole della sua materia».

La Legge Gelli inoltre mette ulteriore accento sull’importanza della formazione che sta diventando anche requisito fondamentale per le assicurazioni che assumono un ruolo sempre più di primo piano per i medici. «Oggi anche a livello di contenzioso medico-legale – conclude il Vicepresidente dell’Ordine di Catania –  un’assicurazione che riconosca che il medico non si è adeguatamente formato nel corso del triennio potrebbe anche non riconoscere la sua assicurazione e quindi il medico potrebbe incorrere in problematiche ancora più gravi».

Articoli correlati
Fine vita, Gaudio (Sapienza): «Serve formazione adeguata, tema non può essere lasciato ai mass media»
Il Rettore del primo ateneo romano si mostra cauto sulla possibilità di un intervento normativo: «Le norme da un lato possono dare maggiori certezze, dall’altro rischiano di irrigidire dei processi che non sono mai uguali l’uno con l’altro»
Fine vita, docenti concordi: «Serve formazione ad hoc o medici resteranno indietro»
Per Macrì (Consulta deontologia FNOMCeO) il medico «deve essere aperto a recepire istanze di tutela della dignità, di riservatezza e soprattutto della libertà di autodeterminazione dei trattamenti sanitari». Familiari (Sant’Andrea): «Profilo formativo biomedico-psicosociale fondamentale. Nel Codice deontologico c’è tutto»
Gestione rischio sanitario, Sham partner di Uni Torino per insegnare la sicurezza delle cure
Per la prima volta, la gestione del rischio sanitario diventa materia di insegnamento magistrale all’Università di Torino grazie alla partnership con Sham, società del gruppo europeo Relyens, da oltre 90 anni specializzata nella gestione della RC Sanitaria e nel risk management. Partiranno infatti il 19 febbraio le lezioni di “Governance e gestione del rischio clinico […]
Dl Milleproroghe, Claus (Federspecializzandi): «No a specializzandi assunti già dal 3° anno e a medici in pensione a 70 anni»
Il testo del decreto, in attesa dell’approvazione della Camera, prevede medici operativi oltre i 40 anni di attività e concorsi accessibili agli specializzandi dal terzo anno. Ferma contrarietà da FederSpecializzandi: vediamo perché con il presidente Mirko Claus
Consiglio Nazionale infermieri, Speranza: «Sottoscrivo la vostra mozione: il SSN ha bisogno di un’inversione di tendenza»
Il ministro della Salute Speranza è intervenuto al Consiglio Nazionale della Fnopi. La mozione votata all’unanimità dai 102 presidenti: «Ecco le azioni per difendere il ‘diritto al futuro’ della professione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 24 febbraio 2020 sono 79.434 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 25.044 mentre i morti sono 2.619. I CASI IN ITALIA Bollettino delle or...