Lavoro 21 marzo 2017

Responsabilità professionale, Biondi (OMCeO Catania): «Formazione requisito per assicurazioni»

Antonio Biondi, Vicepresidente dell’Ordine di Catania sulla Legge Gelli: «Allo stato attuale, un’assicurazione che riconosca che il medico non si è adeguatamente formato, potrebbe anche non riconoscere la sua assicurazione»

Nuovi profili di responsabilità sanitaria nella direzione di un miglioramento della prestazione per il medico e del servizio per il paziente. Obbligatorietà delle polizze assicurative per tutte le strutture sanitarie e sociosanitarie. Queste le novità che porta con se la Legge Gelli che, dopo essere stata approvata alla Camera, in questi giorni è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale. Nonostante il dissolversi di alcuni dubbi, ancora qualche elemento rimane oscuro. I decreti attuativi risolveranno definitivamente tutte le incertezze? Lo abbiamo chiesto a Antonio Biondi, Vicepresidente dell’OMCeO di Catania.

«In realtà qualche dubbio rimane ancora – spiega il Vicepresidente – i nostri iscritti ci chiedono delle spiegazioni. Questa Legge, per certi versi, ha rivoluzionato tutto e siamo fiduciosi che questo contenzioso medico-legale possa risolversi. Io in prima persona, essendo un chirurgo, penso che finora c’è stato un grande danno sia per quel che riguarda la professione degli operatori sanitari, sia per i pazienti».

Il punto di forza della Legge, per citare le parole del relatore del Ddl Federico Gelli, sta nel «modello organizzativo di risk management». Infatti, secondo il responsabile sanità del Pd, se i professionisti impareranno attraverso la legge a prevenire il rischio, a lavorare sulla loro formazione scatterà una vera e propria rivoluzione culturale. In questa ottica, «la formazione è fondamentale – commenta Biondi – l’aggiornamento è un passaggio basilare. Io, come rappresentante dell’Ordine di Catania, posso dire con certezza che noi abbiamo creduto da sempre all’importanza della sfera formativa. A questo proposito, posso affermare che io reputo così importante la formazione che ritengo possa essere una buona idea cominciare già dall’università. Infatti penso che anche a livello di corsi di laurea, si debba mettere qualche insegnamento mirato affinché lo studente, il medico in formazione, infine il medico professionista, possa essere sempre più partecipe e consapevole della sua materia».

La Legge Gelli inoltre mette ulteriore accento sull’importanza della formazione che sta diventando anche requisito fondamentale per le assicurazioni che assumono un ruolo sempre più di primo piano per i medici. «Oggi anche a livello di contenzioso medico-legale – conclude il Vicepresidente dell’Ordine di Catania –  un’assicurazione che riconosca che il medico non si è adeguatamente formato nel corso del triennio potrebbe anche non riconoscere la sua assicurazione e quindi il medico potrebbe incorrere in problematiche ancora più gravi».

Articoli correlati
Sanità, l’allarme di Federico Gelli: «Formiamo i medici e poi li costringiamo ad andare all’estero: ogni anno ne scappano mille»
Il responsabile di Federsanità ANCI sottolinea il fenomeno che sta assumendo proporzioni sempre più grandi. «Ogni anno si laureano circa 10mila persone, ma ci sono borse di specializzazione per circa 6700 – spiega Gelli a Sanità Informazione -. Quindi c’è un gap ancora di alcune migliaia di borse che non è colmato e queste persone sono potenzialmente dei disoccupati»
ECM, Bovenga (CoGeAPS): «I medici non conoscono le regole del gioco, occorre ‘aggiornarsi sull’aggiornamento’»
«La prima regola è conoscere le regole del gioco». L’intervista a tutto campo al presidente nazionale del Consorzio Gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
Pazienti a rischio suicidio, come prevenire e superare shock. Innamorati (psicoterapeuta): «Occorre formazione per tutti reparti»
«Non bisogna pensare che solo i pazienti ricoverati in psichiatria possono compiere gesti estremi, per questo tutti i medici e gli operatori – di qualsiasi settore - devono essere preparati» ai microfoni di Sanità Informazione Marco Innamorati, psicologo e psicoterapeuta
OMCeO Catania, Grillo: «Su dimissioni Buscema presupposti per commissariamento. Attendiamo Fnomceo»
Il ministro della Salute, Giulia Grillo, ha risposto all’interrogazione presentata il 27 giugno scorso dalla presidente della Commissione Affari Sociali della Camera, Marialucia Lorefice, e da un gruppo di altri deputati M5s, per sollecitare la vigilanza sull’Ordine dei Medici di Catania, per una serie di vicende che hanno portato alle dimissioni del presidente Massimo Buscema […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila