Lavoro 15 marzo 2018

Perché il paziente immigrato non mi guarda? Le differenze culturali che complicano il rapporto tra medici e stranieri

Ejaz Ahmad, giornalista pakistano e mediatore interculturale, è intervenuto al convegno “Migration: turning challenges into opportunities” organizzato da Dandelion e OIS Osservatorio Internazionale per la Salute Onlus presso la sede della Commissione UE a Roma: «Dalle medicine a base di alcol ai demoni dell’Islam, ecco le difficoltà che gli immigrati riscontrano negli ospedali e con i camici bianchi». Intanto, per aiutare i medici a conoscere l’identità culturale dei pazienti stranieri, nasce l’applicazione InterHealth App

Immagine articolo

«Le prime due cose che mi hanno chiesto quando sono arrivato in Italia sono state il cognome e la data di nascita. Beh, in Pakistan non avevamo né l’uno né l’altro». È la testimonianza di Ejaz Ahmad, giornalista pakistano e mediatore interculturale in Italia da 30 anni. Ed è solo uno degli esempi delle profonde differenze che emergono tra due Paesi lontani, geograficamente e culturalmente, come l’Italia ed il Pakistan. Differenze che inevitabilmente si riscontrano anche nel rapporto tra medici e pazienti immigrati.

«Un paziente musulmano non assumerà mai medicinali in cui è presente alcol o grasso di maiale», spiega ai nostri microfoni a margine del convegno “Migration: turning challenges into opportunities” organizzato da Dandelion e OIS Osservatorio Internazionale per la Salute Onlus. «Lo stesso discorso vale, ad esempio, per le supposte: quando gli spiego come vanno prese, generalmente le buttano via».

LEGGI ANCHE: MIGRANTI E SALVAGUARDIA SALUTE: OIS LANCIA IL SUO PIANO PER FORMAZIONE E SUPPORTO MEDICI

Ma non sono solo le medicine il problema; l’identità culturale di un paziente può influire anche sul rapporto che avrà con il medico: «In Pakistan – spiega Ahmad – si insegna ai bambini a non guardare mai in faccia gli insegnanti, i genitori e l’autorità, ma di parlare con loro guardando per terra. Dunque, quando un paziente non guarda il proprio medico è semplicemente perché ha rispetto dell’autorità, ma i medici italiani non lo sanno e non capiscono questo comportamento. È una piccola differenza ma può creare molti conflitti».

Lo stesso concetto di salute, d’altro canto, è diverso: la prevenzione non esiste «perché la sanità non è pubblica» e si va in ospedale «solo quando si è malati. Qualche giorno fa – racconta Ejaz Ahmad – ho incontrato 80 immigrati. Nonostante tutti potessero farne richiesta, solo due avevano la tessera sanitaria, proprio perché il rapporto che hanno con la salute è pessimo. Per non parlare della psicologia, nata in Europa e non efficace per gli immigrati di cultura diversa. Molte malattie e demoni, come i Jinn dell’Islam (figure soprannaturali della cultura musulmana, ndr) non sono conosciuti dagli psicologi italiani, e per questo per gli immigrati bisognerebbe sviluppare l’etnopsichiatria».

Cosa fare, allora, per avvicinare due mondi così distanti e per abbattere quel muro che impedisce a chi sta da un lato di capire e comunicare con chi sta dall’altro? «Con gli immigrati non bisogna lavorare solo con le medicine e i medici – risponde Ahmad -, ma bisogna conoscere la loro identità culturale. E per fare questo i medici devono uscire dagli ospedali, andare nelle comunità straniere presenti in Italia, parlare con loro, coinvolgerle e cercare di capirle; d’altro canto, bisogna anche spiegare agli immigrati come sono fatti i medici o gli infermieri italiani, quali sono le loro problematiche e le loro esigenze. Deve essere un rapporto reciproco, fluido, quello che si instaura tra medici ed operatori italiani e pazienti stranieri».

LEGGI ANCHE: I MIGRANTI CONOSCONO I LORO DIRITTI SANITARI? GERACI (CARITAS): «MANCA CONSAPEVOLEZZA. GRANDI LACUNE PER GOVERNANCE NAZIONALE E LOCALE»

Per aiutare i medici a comprendere meglio il modello culturale di riferimento dei loro pazienti, intanto, è nata IHApp, o InterHealth App, un’applicazione che, tramite una serie di domande, consente di tratteggiare il sistema di credenze del paziente relativo alla salute e alla malattia, spesso radicalmente diverso da quello occidentale. «L’applicazione – spiega Louis Ferrini, uno dei creatori del progetto – è stata sviluppata partendo da una teoria di Chrisman che individua tre tipi di culture: la personalistica, la naturalistica e quella dei germi. Il nostro progetto non insegna come curare il paziente, ma serve a sensibilizzare i medici e i professionisti sanitari e far loro capire che il paziente andrebbe trattato in modo diverso in base alla sua cultura. Se un immigrato credo che il responsabile della sua malattia è un’entità superiore, è molto difficile che accetti di assumere le medicine prescritte dal medico che gli permetterebbero di guarire, perché per lui l’entità superiore ha deciso che morirà e non farà niente per impedirlo. Chi è legato alla cultura naturalistica, poi, crede nel bilanciamento del corpo, quindi al caldo e al freddo, allo yin e allo yang, ad esempio. E il medico deve sapere come affrontarlo e cercare di trovare un modo per curarlo con le nostre conoscenze scientifiche», conclude. La versione beta dell’applicazione è disponibile gratuitamente on line ed è aperta a suggerimenti, feedback e proposte per renderla sempre più efficace ed utile a tutti i professionisti della sanità.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Stefano Vella racconta la sua “rabbia”: «Lasciare Aifa scelta dolorosa, ma difendere salute globale del futuro inizia dalla cura dei migranti»
VIDEO INTERVISTA | L’ormai ex presidente dell’Agenzia del Farmaco a qualche giorno di distanza dalla sua irrevocabile lettera di addio ad una delle cariche più prestigiose e ambite della sanità italiana ha ritrovato il filo dei pensieri e accetta di parlare della sua esperienza in AIFA e delle prospettive dell'agenzia e della scelta delle dimissioni come di una pagina dolorosa da superare in fretta per tornare a dedicarsi alla ricerca.
Biotestamento, la relatrice Lenzi (Pd): «Obiezione possibile ma medico deve trovare collega non obiettore»
«Buon rapporto dottore-paziente è la soluzione per risolvere dubbi». Così Donata Lenzi, relatrice alla Camera del ddl sul fine vita
Osservatorio Ois, Bartolo: «Migranti e poveri, tanti progetti in cantiere. Il Papa ci segue passo passo»
Il medico, membro del direttivo della onlus, spiega i progetti futuri: «Saremo vicini agli ultimi, ai più deboli». Tra i progetti realizzati “Il Giardino” a Palermo, che coinvolge 60 bambini e 30 ragazzi, pensato per ridurre la povertà educativa dei minori coinvolti attraverso sport, arte e musica
Sanità e Immigrazione: al via il Congresso Amsi. Foad Aodi: «Ai muri rispondiamo con ponti e diritti universali»
Nell’occasione della giornata mondiale del rifugiato, l’Associazione Medici di origine straniera in Italia (Amsi) è lieta di annunciare la data del suo prossimo Congresso sul 19° corso di aggiornamento internazionale ed interdisciplinare, che si terrà a Roma sabato 23 giugno presso l’ A.R.S. medica in via Cesare Ferrero di Cambiano 29. Al convegno parteciperanno autorità […]
Foad Aodi: «Lavorare alla creazione d’un Ospedale nel III Municipio»
La crescita dei servizi sanitari e sociali in uno stretto rapporto col territorio e la popolazione, il rapporto con gli immigrati, la cooperazione internazionale, la collaborazione tra medici e altri professionisti della sanità, giornalisti  e altre figure professionali: questi i temi dibattuti nella riunione, tenutasi a Roma, del Direttivo del Movimento internazionale “Uniti per Unire”, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...