Voci della Sanità 10 Novembre 2021 17:44

Muro di Berlino, Foad Aodi (Amsi): «Dopo 32 anni il 40% dei sanitari dell’est è ritornato a casa»

Amsi, Umem e Movimento Uniti per Unire: «Dopo anni ci sono ancora muri mentali e materiali nel mondo, chi era povero è diventato ricco e meno altruista»

Il 9 novembre del 1989, un evento segnò drasticamente la storia europea: la caduta del Muro di Berlino.

«Dopo 32 anni la situazione è cambiata radicalmente sia in positivo che in negativo» dichiara in una nota Foad Aodi, presidente e fondatore di Amsi (Associazione medici di origine straniera in Italia) e UMEM nonché membro commissione Salute Globale FNOMCEO.

«Le cose positive si registrano nel miglioramento delle condizioni economiche e sanitarie di numerosi paesi che hanno permesso a molti medici, infermieri, fisioterapisti, psicologi, fisioterapisti – più del 40% negli ultimi 10 anni – di far ritorno a casa». D’altro canto, per vari motivi «è diminuito del 70% l’arrivo di professionisti della sanità da Albania, Polonia, Romania e Bulgaria. Motivi economici, lavorativi e mancanza di riconoscimento della specializzazione in Oculistica, Pediatria, Ginecologia, Fisiatria, Dermatologia, Chirurgia Generale e Chirurgia plastica» precisa Aodi.

«La maggior parte di loro sono rimasti in contatto con l’Italia e la cultura scientifica e sanitaria italiana collaborando con l’Unione medica euro mediterranea(UMEM) e l’Associazione medici di origine straniera in Italia (AMSI). Da alcuni paesi ultimamente è aumentata l’immigrazione familiare e non più individuale come Russia, Ucraina e Romania. L’aspetto negativo – conclude Aodi – è che proprio da alcuni di questi paesi vengono oggi proposti muri per contrastare i rifugiati, dimenticando le difficoltà umanitarie e sanitarie che hanno dovuto subire quest’ultimi e creando conflitti tra poveri, difficoltà enormi per i migranti e i rifugiati ai confini dei paesi europei, come in Polonia e nei Balcani».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Carenza medici, Foad Aodi (Amsi): «Nei prossimi sei anni saranno chiusi 100 ospedali»
«Salviamo la sanità italiana prima che sia tardi, vanno date risposte immediate e programmarne altre per combattere la fuga dei professionisti della sanità all’estero, dalle strutture pubbliche e in pensione». Così Foad Aodi, Fondatore dell’Amsi, Associazione medici stranieri in Italia, membro della Commissione Salute Globale Fnomceo e già 4 volte consigliere Omceo di Roma. «Nei […]
D’Amato: «Primo bando per medici extra Ue all’Ospedale San Giovanni»
Pubblicata la manifestazione d’interesse per il profilo professionale di dirigente medico disciplina medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza
Carenza sanitari, Aodi (Amsi): «Integrare professionisti stranieri nel SSN»
Il presidente Amsi Foad Aodi illustra il Manifesto “Buona sanità internazionale” in tre punti e presenta le richieste alle Istituzioni
di Giulia Cavalcanti e Viviana Franzellitti
Minori stranieri non accompagnati tra vulnerabilità e resilienza. CISMAI presenta percorsi di accoglienza, presa in carico, tutela e cura
Il volume, ultima pubblicazione di una collana FrancoAngeli interamente curata da CISMAI, offre una panoramica sul tema dei minori stranieri che affrontano un viaggio pieno di aspettative e speranze, abbracciando la complessità del fenomeno dal punto di vista psicologico, normativo, socio-educativo e specialistico
Immigrazione, Aodi (Amsi): «Solo il 7% di 800.000 persone senza tessera sanitaria ha il green pass»
Solo in 13 regioni su 21 si possono effettuare vaccini per irregolari, ribadisce Aodi (AMSI) e denuncia i ritardi nelle vaccinazioni nei paesi più poveri
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 522.071.859 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.267.246 i decessi. Ad oggi, oltre 11,41 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...