Salute 15 Ottobre 2021 10:37

Immigrazione, Aodi (Amsi): «Solo il 7% di 800.000 persone senza tessera sanitaria ha il green pass»

Solo in 13 regioni su 21 si possono effettuare vaccini per irregolari, ribadisce Aodi (AMSI) e denuncia i ritardi nelle vaccinazioni nei paesi più poveri

Immigrazione, Aodi (Amsi): «Solo il 7% di 800.000 persone senza tessera sanitaria ha il green pass»

Su 800.000 persone senza tessera sanitaria – tra immigrati, persone senza dimora o con altre forme di disagio – solo il 7% ha il Green pass. Sono le cifre fornite da Foad Aodi, presidente dell’Amsi, Associazione medici di origine straniera in Italia e dell’Unione medica euromediterranea (Umem) e Membro registro esperti della commissione Salute Globale Fnomceo, intervenuto alla presentazione del XXX Rapporto immigrazione della Caritas italiana e della Fondazione Migrantes.

Aodi, palestinese naturalizzato italiano, ha evidenziato il ritardo nelle vaccinazioni dei migranti, con grandi difficoltà di accesso per chi non è iscritto al Servizio sanitario nazionale. Lo scorso 26 agosto il commissario straordinario Francesco Paolo Figliuolo ha invitato le Regioni, «considerato l’avanzamento della campagna vaccinale», a «intensificare le misure già in atto rivolte a favorire la vaccinazione di quelle categorie di persone che si trovano in particolari condizioni di disagio o che non risultano al momento censite da tessera sanitaria».

Le difficoltà di prenotazione

Tra le difficoltà la prima dipende dalle piattaforme di prenotazione del vaccino anti Covid: su 19 regioni e 2 province autonome solo 13 danno la possibilità, da poco, di accedere a chi non è iscritto al sistema sanitario nazionale.  Ancora oggi non è possibile farlo sui siti di Valle d’Aosta, Friuli-Venezia Giulia, Piemonte, Umbria, Lazio, Molise, province autonome di Bolzano e Trento. In questi territori sono state organizzate modalità di vaccinazione alternative: open day, ambulatori mobili, partnership con enti del terzo settore e del privato sociale. E poi adesso bisogna risolvere il problema dei vaccinati con vaccini non riconosciuti in Europa e questo riguarda tanti sia italiani che di origine straniera che non possono avere il Green pass.

Vaccini nei paesi poveri, troppi ritardi

Aodi ha illustrato le ultime statistiche sulla pandemia nel mondo, sui vaccini e sul programma Covax che è in grande ritardo. Nei paesi occidentali ogni 100 persone sono disponibili circa 100 dosi, nei paesi poveri ogni 100 persone hanno circa 1,5 dosi, solo il 3% sono vaccinati in Africa, nel mondo circa il 35% vaccinati, tanti paesi africani sono sotto il 10%. Ci sono 17 vaccini nel mondo, si parla di più di 50 varianti e quelle più importanti sono circa 18, tra cui quella algerina e libanese. In Tunisia la situazione è migliorata per quanto riguarda i contagi e i vaccini, invece in Libia e numerosi paesi africani persiste l’emergenza e addirittura in alcuni paesi mescolano i vaccini per motivi di carenza. Aodi ha ricordato che le cifre dei contagi tra gli immigrati sono dal 3 al 6%, segno che «non sono loro a portare il Covid né altre malattie». Tra gli irregolari si sono registrati 1,5-2% di contagi durante la pandemia «perché molti lavorano nelle case come colf o badanti».

Aodi ha citato i numeri della presenza in Italia: oltre 75.000 professionisti della sanità di origine straniera, tra cui 20.000 medici, 18 di loro sono morti a causa del Covid. Nonostante si sappia già da anni che nel 2025 mancheranno in Italia 60.000 medici, «esiste ancora l’obbligo della cittadinanza per poter partecipare ai concorsi – ha denunciato Aodi-. Questo non è da paese civile, altrove non succede».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Omicron, Cavaleri (Ema): «Servono due settimane per capire se evade l’immunità dei vaccini. Presto nuove autorizzazioni»
Il direttore della strategia vaccinale dell’Agenzia europea del farmaco elenca le prossime scadenze e i progetti in cantiere
Vaccino Covid 5-11 anni: il sì di AIFA e tutte le informazioni utili
Dopo il via libera di AIFA al vaccino Covid per i bambini l'Italia si prepara alle prime somministrazioni per metà mese. Subito attivata la rete dei pediatri per fornire supporto, in attesa di ricevere le dosi. C'è un rischio miocarditi?
IV ondata Covid e influenza stagionale, Cricelli (SIMG): «Il picco dei due virus coinciderà per la prima volta dall’inizio della pandemia»
Tra Covid, influenza, vaccini e malati cronici il lavoro dei medici di famiglia quintuplica. Il presidente SIMG: «L’influenza ha superato il livello epidemico stagionale. Il picco è previsto, in anticipo, per la fine dell’anno»
di Isabella Faggiano
Cosa si può fare (o non fare) in zona gialla?
Ora che, dopo mesi di un’Italia interamente bianca, abbiamo di nuovo una Regione in zona gialla (il Friuli Venezia Giulia), è bene rinfrescarsi la memoria su quali limitazioni vengono di nuovo imposte per limitare il contagio da Covid-19. In particolare ora che al green pass si è aggiunto il super green pass. Ma cosa si […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...