Voci della Sanità 29 Luglio 2020 15:08

Coronavirus, Aodi (Amsi): «Il 40% nel mondo dei contagi sono d’importazione ma non è colpa dei migranti irregolari»

Amsi, UMEM e UXU: «Bene controllare tutti i provenienti dai Paesi in cui l’epidemia è in fase acuta ma urge intensificare anche gli accordi bilaterali»

Coronavirus, Aodi (Amsi): «Il 40% nel mondo dei contagi sono d’importazione ma non è colpa dei migranti irregolari»

L’Associazione Medici di Origine Straniera (Amsi), la Comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) e l’Unione Medica Euro Mediterranea (Umem) presentano le loro statistiche sul Coronavirus nel mondo e in Italia grazie alla collaborazione dei rappresentanti in 72 paesi e le numerose ricerche e studi internazionali con esperti in materia.

  • Il 40% dei contagiati nel mondo sono d’importazione, ovvero persone provenienti da Paesi in cui l’epidemia è in Fase Acuta;
  • L’85% dei contagiati sono concentrati in circa 10 paesi;
  • I motivi dell’aumento dei contagiati a giugno sono: contagi d’importazione, mancanza di rispetto delle tre regole importanti (mascherine, distanziamento sociale ed igiene);
  • Aumento del numero dei guariti e curati a casa grazie al protocollo terapia a domicilio in particolare i primi 5 giorni consigliato da UMEM e Amsi in 72 paesi;
  • È aumentata l’immigrazione irregolare a giugno verso la Libia e l’Europa ma sono circa il 2% dei contagiati in Europa.
  • I migranti regolari e irregolari contagiati dall’inizio della crisi in Italia sono il 6% del totale, in Europa sono l’8% dei contagiati .

«Sono statistiche – spiega Foad Aodi, Presidente Amsi e Co-mai e membro registro esperti e Gdl Salute Globale di FNOMCeO – che ci invitano tutti a non abbassare la guardia e continuare a rispettare le tre regole importanti e controllare bene tutti i confini (aeroporti, pullman, auto, treni e mare) per combattere il Coronavirus d’importazione senza distinzione in particolare nelle regioni dove c’è maggiore mobilità e dove si sono registrati contagi e focolai come il Lazio, Veneto, Lombardia, Puglia, Trento, Piemonte, Liguria, Sicilia, Calabria, Basilicata ed Emilia Romagna. Sicuramente va combattuta anche l’immigrazione irregolare che è in aumento nel mese di giugno e vanno tutelati diritti umani e universali in particolare in Libia e aiutare i Paesi di origine nelle loro battaglie contro l’immigrazione irregolare con progetti concreti di cooperazione internazionale in loco e far rispettare gli accordi bilaterali. Ribadiamo le nostre proposte e richieste urgenti al Governo Italiano: Tessera prevenzione Covid-19 per i migranti irregolari in tutte le regioni; aumentare i controlli sanitari nei centri dei migranti in Italia; controllare tutti i provenienti dai Paesi a rischio, sia migranti che turisti; coinvolgere di più i medici e i professionisti della sanità ed i medici di famiglia e i pediatri di origine straniera e italiani per intensificare la prevenzione e superare la difficoltà linguistica e la paura di rivolgersi alle strutture pubbliche per non essere denunciati; sostenere la Tunisia in questo momento difficile che sta provocando una maggiore immigrazione verso l’Italia, Francia e i Paesi europei; aver un ruolo più incisivo in Libia a favore dei diritti umani ed evitare tragedie e uccisioni dei migranti nei cpr come è successo ultimamente e succede da sempre con il silenzio di tutti; rivedere il sostegno, il finanziamento e il rispetto dei diritti umani e universali della Guardia costiera Libica».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Rientro a scuola, nelle nuove regole mascherine se i casi aumentano
L'Istituto superiore di sanità, con i ministeri della Salute e dell'Istruzione e la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, hanno pubblicato le nuove linee guida Covid per il rientro a scuola. Le mascherine indicate solo per studenti e operatori fragili
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
All’8 agosto, sono 584.602.136 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.418.111 i decessi. Ad oggi, oltre 12,00 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 agosto): Ad oggi in Italia il totale delle persone che […]
Covid-19: ci prepariamo ad una tregua?
Indici di contagio e trasmissibilità in diminuzione. Più o meno stabile il numero di casi, terapie intensive e reparti ordinari sempre meno affollati. Diciotto regioni classificate a basso rischio. L’ultimo monitoraggio della cabina di regia delll’ISS
Covid-19: il superpotere dei bambini è nel naso, ma con Omicron non funziona
Uno studio australiano dimostra che l’epitelio nasale dei più piccoli è capace di “bloccare” l’infezione da Covid-19 inibendo la replicazione del ceppo originario del coronavirus Sars-CoV-2, fino alla variante Delta. Capacità che, però, sembrerebbe del tutto sparita con la variante Omicron
Covid-19 e rischio contagi tra i banchi: SIMA lancia la campagna “Adotta una Scuola”
Miani (SIMA): «Diminuire la presenza di CO2 nell’aria abbassa il rischio di contrarre il Covid-19. Per questo, aziende e privati donino tecnologie per mitigare il rischio nelle classi italiane. Una buona qualità dell’aria indoor migliora anche l’apprendimento»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’8 agosto, sono 584.602.136 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.418.111 i decessi. Ad oggi, oltre 12,00 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale