Politica 28 Luglio 2020

Covid-19, il governo verso la proroga dello stato di emergenza fino a ottobre. Le comunicazioni di Conte al Senato

Il Presidente del Consiglio: «Senza proroga, il 31 luglio cesserebbero gli effetti delle misure adottate in questi mesi. Ma la pandemia non è ancora conclusa»

Covid-19, il governo verso la proroga dello stato di emergenza fino a ottobre. Le comunicazioni di Conte al Senato

Prorogare lo stato d’emergenza fino a ottobre. Questa la direzione verso cui si starebbe muovendo il Consiglio dei Ministri. A chiarirlo in Senato il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che «pur in assenza del vincolo normativo», ha scelto di condividere con il Parlamento le motivazioni che spingerebbero il CdM ad adottare la proroga e di rimandare la decisione dopo il dibattito parlamentare.

Se lo stato di emergenza terminasse il 31 luglio, come previsto dal provvedimento adottato lo scorso 31 gennaio, ha spiegato Conte, le 38 ordinanze adottate in questi mesi perderebbero ogni effetto. Il Premier ha quindi elencato alcune conseguenze che si verificherebbero in caso di mancata adozione della proroga: cesserebbero le funzioni del Comitato tecnico-scientifico, i poteri di sorveglianza epidemiologica in capo all’Istituto superiore di sanità, il reclutamento di task force di sanitari e di volontari della Protezione civile, il pagamento dilazionato delle pensioni negli uffici postali per evitare assembramenti.

Inoltre, il governo perderebbe la facoltà di intervenire in modo tempestivo ed efficace nel caso in cui la curva dei contagi tornasse a salire, perdendo quei poteri straordinari che lo stato d’emergenza prevede. Ma niente a che vedere con l’alterazione dei rapporti tra potere esecutivo e legislativo, come qualcuno ha commentato in questi giorni, ha proseguito Conte.

«Sarebbe incongruo – ha detto il Presidente del Consiglio a Palazzo Madama – sospendere bruscamente le misure adottate, perché la pandemia è un processo in continua e imprevedibile diffusione che ancora oggi, seppur in misura contenuta, non ha esaurito i suoi effetti. Non prorogare lo stato d’emergenza – ha aggiunto – potrebbe quindi far sollevare rilievi di coerenza e razionalità delle scelte adottate. Per ragioni squisitamente tecniche, la proroga sarebbe quindi una scelta obbligata».

Conte ha allora illustrato il contenuto del parere del Comitato tecnico-scientifico sulla questione: «Il Comitato ha evidenziato quanto la curva dei contagi e l’impatto della pandemia sul Sistema sanitario nazionale si siano significativamente ridotti; tuttavia, i numeri registrati documentano che il virus continua a circolare nel Paese. Inoltre – ha proseguito – la situazione internazionale resta preoccupante, dal momento che si registrano situazioni di contagio che non accennano a migliorare e impongono un atteggiamento di attenta vigilanza per evitare che la stessa situazione si replichi in Italia».

Fondando il suo indirizzo su motivazioni scientifiche, anche il Cts rafforza quindi l’indirizzo governativo. «Non c’è alcuna intenzione di drammatizzare o alimentare paure ingiustificate nella popolazione – ha concluso Conte -. Ma prorogando lo stato di emergenza continueremmo a mantenere quelle misure che rendono il nostro Paese più sicuro».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Scudo penale, arriva Ddl con ‘clausola di salvaguardia’ per operatori sanitari. Russo (FI): «Ma non sarà colpo di spugna»
Il parlamentare ha annunciato che, oltre al disegno di legge, presenterà un emendamento alla legge di Bilancio: «Credo sia il tempo giusto per poter garantire questo ombrello di dignità. Ai familiari dei pazienti deceduti per Covid sarà garantito il diritto a chiedere l’eventuale possibile risarcimento»
Fondazione Don Gnocchi, la testimonianza controcorrente di un dipendente: «Esempio di buona sanità»
Antonio Spinelli, da 33 anni professionista nel sociale, racconta i momenti più difficili della pandemia
di Federica Bosco
Covid, il biofisico Bianconi: «Con le “leggi dello sviluppo dei sistemi viventi” abbiamo capito come si muove l’epidemia»
Il biofisico, attraverso studi quantitativi, si è concentrato sulla velocità di crescita o rallentamento dell’epidemia. E, dati alla mano, ha scoperto che il metodo applicato in Oriente, il “Case Finding and Mobile Tracing”, è molto più efficace nel contenimento dell’epidemia rispetto al “Lockdown Stop and Go”
Vacanze natalizie, cosa succederebbe in Europa se venissero eliminate le restrizioni? Lo scenario dell’ECDC
Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie ha stilato un report in cui mette in guardia i governi Ue dall’allentare la presa. Il Premier Conte: «Vacanze sulla neve impensabili ma sì allo scambio dei doni»
La stanza dove abbracciarsi non è vietato: «Migliora umore e benessere di anziani e disabili»
La struttura è stata realizzata all’interno della Rsa Domenico Sartori, a Castelfranco Veneto. La direttrice: «In pochi giorni è migliorato il tono dell’umore e il benessere di tutti i nostri ospiti, anziani e disabili. L’abbiamo ideata pensando alle incubatrici che proteggono i bambini prematuri senza sottrarli all’affetto dei propri genitori»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 novembre, sono 59.787.369 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.409.639 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 24 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli