Politica 28 Luglio 2020

Covid-19, il governo verso la proroga dello stato di emergenza fino a ottobre. Le comunicazioni di Conte al Senato

Il Presidente del Consiglio: «Senza proroga, il 31 luglio cesserebbero gli effetti delle misure adottate in questi mesi. Ma la pandemia non è ancora conclusa»

Immagine articolo

Prorogare lo stato d’emergenza fino a ottobre. Questa la direzione verso cui si starebbe muovendo il Consiglio dei Ministri. A chiarirlo in Senato il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che «pur in assenza del vincolo normativo», ha scelto di condividere con il Parlamento le motivazioni che spingerebbero il CdM ad adottare la proroga e di rimandare la decisione dopo il dibattito parlamentare.

Se lo stato di emergenza terminasse il 31 luglio, come previsto dal provvedimento adottato lo scorso 31 gennaio, ha spiegato Conte, le 38 ordinanze adottate in questi mesi perderebbero ogni effetto. Il Premier ha quindi elencato alcune conseguenze che si verificherebbero in caso di mancata adozione della proroga: cesserebbero le funzioni del Comitato tecnico-scientifico, i poteri di sorveglianza epidemiologica in capo all’Istituto superiore di sanità, il reclutamento di task force di sanitari e di volontari della Protezione civile, il pagamento dilazionato delle pensioni negli uffici postali per evitare assembramenti.

Inoltre, il governo perderebbe la facoltà di intervenire in modo tempestivo ed efficace nel caso in cui la curva dei contagi tornasse a salire, perdendo quei poteri straordinari che lo stato d’emergenza prevede. Ma niente a che vedere con l’alterazione dei rapporti tra potere esecutivo e legislativo, come qualcuno ha commentato in questi giorni, ha proseguito Conte.

«Sarebbe incongruo – ha detto il Presidente del Consiglio a Palazzo Madama – sospendere bruscamente le misure adottate, perché la pandemia è un processo in continua e imprevedibile diffusione che ancora oggi, seppur in misura contenuta, non ha esaurito i suoi effetti. Non prorogare lo stato d’emergenza – ha aggiunto – potrebbe quindi far sollevare rilievi di coerenza e razionalità delle scelte adottate. Per ragioni squisitamente tecniche, la proroga sarebbe quindi una scelta obbligata».

Conte ha allora illustrato il contenuto del parere del Comitato tecnico-scientifico sulla questione: «Il Comitato ha evidenziato quanto la curva dei contagi e l’impatto della pandemia sul Sistema sanitario nazionale si siano significativamente ridotti; tuttavia, i numeri registrati documentano che il virus continua a circolare nel Paese. Inoltre – ha proseguito – la situazione internazionale resta preoccupante, dal momento che si registrano situazioni di contagio che non accennano a migliorare e impongono un atteggiamento di attenta vigilanza per evitare che la stessa situazione si replichi in Italia».

Fondando il suo indirizzo su motivazioni scientifiche, anche il Cts rafforza quindi l’indirizzo governativo. «Non c’è alcuna intenzione di drammatizzare o alimentare paure ingiustificate nella popolazione – ha concluso Conte -. Ma prorogando lo stato di emergenza continueremmo a mantenere quelle misure che rendono il nostro Paese più sicuro».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Real World Evidence e Covid, Trifirò (farmacologo): «Con studi sul “mondo reale” dati per decisioni certe»
«In una situazione di emergenza sanitaria i trial clinici non forniscono risultati in tempi ragionevoli. Gli studi osservazionali, basati su dati di Real Evidence, sono più veloci e, se condotti da professionisti esperti, molto attendibili»
di Isabella Faggiano
Migranti, interrogazione di Regimenti (Lega) a Commissione Ue: «Salute pubblica a rischio, valuti blocco navale per gestire flussi»
In una interrogazione alla Commissione Regimenti chiede anche di «affrontare la questione degli sbarchi nei Paesi del Mediterraneo in coordinazione col Consiglio, con riferimento al pericolo costituito dai migranti contagiosi», risultati positivi al Covid-19
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Strascichi psichiatrici per più di metà dei guariti da Covid-19, i risultati di uno studio italiano
Le più colpite sono le donne, in cui gli straschichi psichiatrici sono più forti: depressione, ansia e insonnia. Tra le causa risposta immuntaria e stress
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...