Politica 28 Luglio 2020 17:30

Covid-19, il governo verso la proroga dello stato di emergenza fino a ottobre. Le comunicazioni di Conte al Senato

Il Presidente del Consiglio: «Senza proroga, il 31 luglio cesserebbero gli effetti delle misure adottate in questi mesi. Ma la pandemia non è ancora conclusa»

Covid-19, il governo verso la proroga dello stato di emergenza fino a ottobre. Le comunicazioni di Conte al Senato

Prorogare lo stato d’emergenza fino a ottobre. Questa la direzione verso cui si starebbe muovendo il Consiglio dei Ministri. A chiarirlo in Senato il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che «pur in assenza del vincolo normativo», ha scelto di condividere con il Parlamento le motivazioni che spingerebbero il CdM ad adottare la proroga e di rimandare la decisione dopo il dibattito parlamentare.

Se lo stato di emergenza terminasse il 31 luglio, come previsto dal provvedimento adottato lo scorso 31 gennaio, ha spiegato Conte, le 38 ordinanze adottate in questi mesi perderebbero ogni effetto. Il Premier ha quindi elencato alcune conseguenze che si verificherebbero in caso di mancata adozione della proroga: cesserebbero le funzioni del Comitato tecnico-scientifico, i poteri di sorveglianza epidemiologica in capo all’Istituto superiore di sanità, il reclutamento di task force di sanitari e di volontari della Protezione civile, il pagamento dilazionato delle pensioni negli uffici postali per evitare assembramenti.

Inoltre, il governo perderebbe la facoltà di intervenire in modo tempestivo ed efficace nel caso in cui la curva dei contagi tornasse a salire, perdendo quei poteri straordinari che lo stato d’emergenza prevede. Ma niente a che vedere con l’alterazione dei rapporti tra potere esecutivo e legislativo, come qualcuno ha commentato in questi giorni, ha proseguito Conte.

«Sarebbe incongruo – ha detto il Presidente del Consiglio a Palazzo Madama – sospendere bruscamente le misure adottate, perché la pandemia è un processo in continua e imprevedibile diffusione che ancora oggi, seppur in misura contenuta, non ha esaurito i suoi effetti. Non prorogare lo stato d’emergenza – ha aggiunto – potrebbe quindi far sollevare rilievi di coerenza e razionalità delle scelte adottate. Per ragioni squisitamente tecniche, la proroga sarebbe quindi una scelta obbligata».

Conte ha allora illustrato il contenuto del parere del Comitato tecnico-scientifico sulla questione: «Il Comitato ha evidenziato quanto la curva dei contagi e l’impatto della pandemia sul Sistema sanitario nazionale si siano significativamente ridotti; tuttavia, i numeri registrati documentano che il virus continua a circolare nel Paese. Inoltre – ha proseguito – la situazione internazionale resta preoccupante, dal momento che si registrano situazioni di contagio che non accennano a migliorare e impongono un atteggiamento di attenta vigilanza per evitare che la stessa situazione si replichi in Italia».

Fondando il suo indirizzo su motivazioni scientifiche, anche il Cts rafforza quindi l’indirizzo governativo. «Non c’è alcuna intenzione di drammatizzare o alimentare paure ingiustificate nella popolazione – ha concluso Conte -. Ma prorogando lo stato di emergenza continueremmo a mantenere quelle misure che rendono il nostro Paese più sicuro».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
Donna si ammala di Covid-19 due volte in 20 giorni, è record
In Spagna è stato documentato il caso di una donna che ha contratto Covid-19 due volte in 20 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 25 maggio, sono 526.711.975 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.280.500 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto