Salute 22 Giugno 2020

Emergenza Covid, Conte a medici e infermieri: «Non vi chiamo eroi, ma siete grandi professionisti con un grande cuore»

Il premier è intervenuto alla cerimonia di ringraziamento della Task Force sanitaria anti Covid alla Protezione civile. Borrelli: «Oltre 8mila i medici e 9mila gli infermieri che hanno risposto alla nostra iniziativa, a loro va il nostro ringraziamento». Speranza cita Papa Francesco: «Peggio di questa crisi c’è solo il rischio di sprecarla»

Immagine articolo

«Non vi chiamo eroi, ma siete grandi professionisti di grande cuore. Il Paese, in tutte le sue componenti, ha reagito benissimo e se siamo qui a parlarci in questo modo è perché ci siete stati voi, grandi professionisti con un grande cuore». Lo ha detto il premier Giuseppe Conte alla cerimonia di ringraziamento della Task Force sanitaria anti Covid alla Protezione civile.

«Sfido qualunque presidente del Consiglio a pensare di poter disporre, per la prima volta dal dopoguerra a oggi in uno Stato democratico, una zona rossa per 10 comuni del lodigiano. E così la decisione di dire ai cittadini non uscite più di casa se non per comprovate ragioni, le misure di distanziamento, usare i dispositivi di protezione sfidando le regole base e i principi fondamentali del nostro ordinamento democratico, con implicazioni politiche, giuridiche e economiche», ha aggiunto il premier.

«L’Italia ha dato grande prova di sé, quando tutto era inaspettato. I singoli cittadini sono riusciti rispettare regole molto restrittive, cambiare le abitudini di vita dall’oggi al domani, stravolgendole. Ma la prova ancora più bella l’avete data voi quando avete risposto all’appello, tutta l’Italia ha tratto conforto e motivo di fiducia dal vostro coraggio», ha sottolineato il premier.

LEGGI ANCHE: «100 MILA EURO AI MEDICI DECEDUTI E MALATI GRAVI PER COVID-19». LA RICHIESTA DELL’ORDINE DI MILANO

«Ne ho parlato con il presidente della Repubblica, quest’anno non c’è la possibilità di attribuire le onorificenze dell’Ordine al merito della Repubblica, abbiamo rinviato al 27 dicembre e chiesto ai prefetti di segnalare le persone che si sono particolarmente distinte, ovviamente nelle professioni sanitarie ma anche della Protezione civile, le forze dell’ordine i vigili del fuoco e – ha concluso Conte – di tutte le categorie».

BORRELLI: «GRAZIE A MEDICI E INFERMIERI CHE HANNO RISPOSTO A NOSTRA CHIAMATA»

«Vogliamo dire grazie, iniziando dai medici e dagli infermieri, senza dimenticare gli operatori socio sanitari che sono ancora in servizio nelle carceri, negli ospedali e nelle Rsa e tutto il personale sanitario che continua a operare per la tutela della salute dei nostri concittadini. Oggi voi rappresentate i tanti professionisti che hanno risposto alla nostra chiamata, impegnati in prima linea negli ospedali, ma anche i tanti che non sono riusciti a partire. La risposta che abbiamo avuto in occasione della costituzione delle nostre task force è stata eccezionale, incredibile, enorme: proprio come il grande cuore degli italiani». Inizia così l’intervento di Angelo Borrelli, capo del Dipartimento della Protezione Civile in occasione della cerimonia di ringraziamento dei medici e degli infermieri della Task Force della Protezione Civile.

«Sono oltre 8mila i medici e 9mila gli infermieri che hanno risposto alla nostra iniziativa, a loro va il nostro ringraziamento. In questi mesi tanti di voi mi hanno scritto – continua Borrelli – tutti contenti di far parte della nostra task force, tanti mi hanno manifestato la volontà di continuare a rimanere nella grande famiglia della Protezione Civile. Ne sono fiero e orgoglioso. Abbiamo immaginato come rimanere nella grande famiglia delle organizzazioni di volontariato della Protezione Civile che si occupano del mondo sanitario e del sociale. In questa emergenza sono state impegnate le tante strutture operative: oltre 150mila volontari e oltre un milione e duecentomila giornate di presenza per le attività di Protezione Civile. Voi come loro avete dimostrato che le emergenze si superano con l’impegno di tutto. La Protezione Civile è fatta da tutti quanti noi: avete lasciato le vostre città, le vostre famiglie, i vostri affetti, il vostro lavoro e vi siete impegnati in prima linea negli ospedali, consapevoli dei rischi ai quali andavate incontro».

«Un sentito ringraziamento a tutti i medici e agli infermieri che durante la loro attività della task force hanno contratto il Covid – conclude – ed essendo qui presenti alcuni di voi vi voglio ringraziare personalmente: da Carla, a Gianni, Federico e Giacinto. Infine vorrei fare un ringraziamento ai miei colleghi del Dipartimento e ai volontari di altre amministrazioni che sono venuti a supportare la nostra struttura di supporto per far sì che ognuno di voi non si sentisse abbandonato e fosse assistito nella attività».

FASE 3, SPERANZA AI SANITARI: «SE CE L’ABBIAMO FATTA È GRAZIE ANCHE A VOSTRO IMPEGNO»

«Sono stati i giorni più difficili della nostra vita. A ciascuno di voi e di noi vengono i brividi ripensando a quei momenti e a quelle giornate. Io penso che se le istituzioni repubblicane ce l’hanno fatta – perché questo ad oggi possiamo dirlo, era un’onda tremenda eravamo il primo Paese occidentale ad essere colpito – e le istituzioni repubblicane hanno retto è anche grazie al vostro impegno e vi dico grazie uno per uno». Lo ha affermato il ministro della Salute, Roberto Speranza, nel suo intervento oggi alla Protezione civile per la cerimonia di ringraziamento dei sanitari della task force costituita per dare aiuto alle regioni più colpite dal Covid-19.

«Papa Francesco ha detto meglio di ogni altro poche parole, ma di una profondità incredibile: peggio di questa crisi c’è solo il rischio di sprecarla. Ecco, noi non dobbiamo sprecarla. Noi dobbiamo investire sul Servizio sanitario nazionale e sugli uomini che ne fanno parte. Sono cose che abbiamo iniziato a fare, e in primis il presidente del Consiglio ha dimostrato essere una priorità assoluta» in questi mesi. «E voi – ha detto Speranza a medici e infermieri – dovrete con noi svolgere e vincere questa battaglia. Con medici e infermieri messi fino in fondo nelle condizioni di essere al servizio dei cittadini io credo che il Ssn possa essere davvero più forte».

«Penso che i medici e gli infermieri ci hanno dato questo straordinario messaggio. Gli siamo grati. Ma oggi vi chiedo una ultima cosa: quella di aiutarci a coltivare la memoria. Io vivo con una certa ansia queste giornate, ho la percezione che un pezzo di Paese pensi che la battaglia sia giù vinta, invece siamo ancora dentro a questa battaglia. Siamo messi meglio perché le misure che abbiamo disposto ci hanno aiutato a piegare la curva dal lato giusto, ma ancora la partita è in campo. Quindi guai a pensare che sia già finita». Lo ha affermato il ministro della Salute Roberto Speranza nel suo intervento oggi alla Protezione civile per la cerimonia di ringraziamento dei sanitari della task force costituita per dare aiuto alle regioni più colpite dal Covid-19. «Il messaggio di voglia di combattere, di voglia di vincere questa sfida arrivava dappertutto. Io credo – ha aggiunto Speranza – che questo sia il messaggio più bello che dobbiamo portare con noi. Mi sia permesso di ringraziare anche la Protezione civile per il lavoro straordinario che ha fatto, a partire dal commissario Borrelli, al lavoro incredibile fatto dal commissario Arcuri, le Regioni e il Governo».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
«Covid-19, rispettiamo le regole e godiamoci l’estate insieme ai bambini»
È questo il messaggio del video del Ministero della Salute, realizzato grazie alla collaborazione gratuita con il pediatra e artista Andrea Satta e visibile sul sito e sui canali social
Consulcesi: «Bene Ddl antiviolenza, ora accelerare su legge Gelli per la piena tutela dei medici»
Il Presidente Tortorella: «Creiamo un doppio scudo a difesa dei diritti dei medici e degli operatori sanitari. Serve forte segnale da Ministeri Salute e Sviluppo economico»
Indagine sieroprevalenza in Italia: 1,5 milioni di persone entrate in contatto con SARS-Cov-2. Nella sanità il dato più alto
Presentati al Ministero della salute i risultati dell’indagine sulla sieroprevalenza sul SARS-Cov-2. Le persone che hanno sviluppato gli anticorpi sono sei volte di più rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia
Covid, «Italia da paria a esempio per gli altri Paesi». L’editoriale del New York Times
Jason Horowitz, firma del New York Times, ha realizzato un reportage che spiega come l’Italia è riuscita a passare, «dopo un inizio incerto, dall’essere un paria globale ad un modello – per quanto imperfetto – di contenimento virale per i Paesi vicini e per gli Stati Uniti»
Coronavirus e vaccini, l’OMS: «Non c’è pallottola d’argento contro Covid e forse non ci sarà mai»
Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus facendo il punto sull'emergenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 agosto, sono 18.288.573 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 693.805 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»