Lavoro 9 novembre 2017

Mille medici pugliesi in piazza, Anelli: «Vogliamo sanità umana e vicina a cittadini, basta alibi economici»

Il corteo ha visto la partecipazione di tutte le sigle sindacali della categoria. Il Presidente dell’Omceo di Bari: «Nonostante la pioggia, siamo tutti qui per esprimere il nostro malessere e dire la nostra sulle scelte di politica sanitaria della Regione Puglia»

Immagine articolo

«Stiamo manifestando il malessere della professione, la difficoltà di esercitare il nostro lavoro». Sono le parole di Filippo Anelli, Presidente dell’Ordine dei Medici di Bari, al telefono con Sanità Informazione direttamente dal corteo di protesta a cui hanno aderito tutte le sigle sindacali di categoria rappresentative della grande maggioranza dei medici pugliesi.

«Nonostante la pioggia e nonostante lo sciopero dei mezzi pubblici la professione si è mobilitata. Sono presenti tutte le articolazioni della professione: dagli ospedalieri pubblici a quelli privati, dai convenzionati territoriali agli accreditati ai liberi professionisti, ci siamo tutti. E tutti insieme vogliamo dire la nostra. Questa manifestazione è il punto di partenza per riprogrammare una sanità più umana, più vicina ai cittadini, che tolga ogni tipo di alibi sulla questione economica e provi a salvaguardare la salute della gente», prosegue Anelli.

«Stanno riducendo il personale e i servizi, intervenendo sull’attività quotidiana della professione e mettendo in crisi quell’alleanza terapeutica e quel rapporto con il paziente che dovrebbe essere il fondamento dell’intero Servizio Sanitario Nazionale – puntualizza il Presidente -. Il definanziamento dei servizi sanitari delle Regioni del Sud sta portando a un aumento degli indici negativi di salute, come l’indice di sopravvivenza, che al Sud è minore rispetto a quello delle Regioni del nord».

I medici scesi in piazza vogliono avere voce nelle scelte di politica sanitaria della Regione Puglia, riconquistando quell’autonomia e quel tempo clinico da dedicare al paziente, usurpato oggi da «croniche carenze di personale» dall’«iperburocratizzazione» e da «carenze organizzative e strutturali»; ma anche quella «dignità e serenità di esercizio della professione» che sono stati, come si legge in una nota, «scientemente negati negli ultimi anni, con una serie di provvedimenti di natura ragionieristica», anche se «in nome di obiettivi condivisibili».

A questo proposito i medici hanno invitato il Presidente Emiliano a «sostenere un cambiamento della posizione della Puglia all’interno della Conferenza Stato Regioni affinché – prosegue la nota – vengano rivisti i meccanismi di finanziamento e i tetti di spesa». Inoltre, la manifestazione intende sollecitare il governo regionale «a costituire con i medici dei tavoli di discussione, per definire provvedimenti che diano finalmente risposte condivise e sostenibili alla crisi della Sanità regionale». I sindacati hanno manifestato «riconoscenza per l’attenzione mostrata dalla politica verso i temi sollevati dai medici», ma hanno ribadito «il carattere indipendente della mobilitazione, che vuole essere un momento di espressione del malessere di un’intera categoria».

Hanno aderito alla manifestazione le sigle sindacali rappresentative di tutte le categorie, dai medici di famiglia agli ospedalieri pubblici e privati, dai medici del territorio agli specialisti convenzionati e accreditati. Tra le tante ecco le sigle presenti: AAROI, ANAAO, BRANCHE A VISITA E ACCREDITATI (SBV), CIMO, CIMOP, CISL MEDICI, FASSID, FESMED, FIMMG, SMI, SUMAI, UIL MEDICI, USSMO, INTESA.

Articoli correlati
Bologna, nuovo test per scoprire l’autismo
Un team di ricercatori dell’Università di Bologna, Istituto di Scienze neurologiche (Irccs) del Bellaria, Università di Warwick e di Birmingham, ha scoperto un «bio marcatore» che potrebbe individuare la presenza dell’autismo anche nei bimbi piccoli. Lo studio ha coinvolto 38 bambini in cura presso l’Irccs e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista «Molecular Autism». […]
La Regione Lazio lancia Proton4Life: un grande polo di protonterapia contro i tumori a Roma
Al via a Roma il progetto Proton4Life per la creazione del primo polo per la cura dei tumori grazie alla protonterapia, inserita nei nuovi LEA, di cui potranno beneficiare non solo i pazienti del Lazio, ma anche del Centro e Sud Italia e destinato a diventare punto di riferimento per la cura dei tumori in […]
Gastroenterologia, ecco la videocapsula ingeribile. Diagnosi più accurata a costi ridotti
La capsula endoscopica è oggi la soluzione diagnostica più moderna, sicura e tecnologicamente avanzata disponibile per la visualizzazione dell’apparato digerente e in particolare del piccolo intestino (composto da duodeno, digiuno e ileo). Ciononostante, a sedici anni dal suo ingresso in Italia e dopo un’importante evoluzione tecnologica, risulta ancora sottoutilizzata: circa 7.500 casi l’anno contro i […]
CCNL Sanità, Bonazzi FSI-USAE : «Ѐ una questione di giustizia professionale, chi ha competenze va valorizzato»
La contrattazione in Aran per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro della sanità pubblica si è svolta con l’esame delle proposte relative alla costituzione dei fondi e di un primo articolato per le varie indennità. Documenti che si sono subito rivelati insoddisfacenti per la F.S.I.-U.S.A.E. (Federazione Sindacati Indipendenti e Unione Sindacati Autonomi Europei) ed altre organizzazioni […]
Contratto, infermieri Nursing Up: “Incontro all’Aran una pantomima”
Si è concluso con un niente di fatto l’incontro all’Aran per discutere sul rinnovo del Ccnl del comparto Sanità: a nulla sono servite le quattro ore di confronto tra le parti. Ѐquanto rende noto il sindacato degli infermieri Nursing Up, che ha proclamato lo sciopero nazionale per il 23 febbraio con una grande manifestazione in forma […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...