Lavoro 9 novembre 2017

Mille medici pugliesi in piazza, Anelli: «Vogliamo sanità umana e vicina a cittadini, basta alibi economici»

Il corteo ha visto la partecipazione di tutte le sigle sindacali della categoria. Il Presidente dell’Omceo di Bari: «Nonostante la pioggia, siamo tutti qui per esprimere il nostro malessere e dire la nostra sulle scelte di politica sanitaria della Regione Puglia»

Immagine articolo

«Stiamo manifestando il malessere della professione, la difficoltà di esercitare il nostro lavoro». Sono le parole di Filippo Anelli, Presidente dell’Ordine dei Medici di Bari, al telefono con Sanità Informazione direttamente dal corteo di protesta a cui hanno aderito tutte le sigle sindacali di categoria rappresentative della grande maggioranza dei medici pugliesi.

«Nonostante la pioggia e nonostante lo sciopero dei mezzi pubblici la professione si è mobilitata. Sono presenti tutte le articolazioni della professione: dagli ospedalieri pubblici a quelli privati, dai convenzionati territoriali agli accreditati ai liberi professionisti, ci siamo tutti. E tutti insieme vogliamo dire la nostra. Questa manifestazione è il punto di partenza per riprogrammare una sanità più umana, più vicina ai cittadini, che tolga ogni tipo di alibi sulla questione economica e provi a salvaguardare la salute della gente», prosegue Anelli.

«Stanno riducendo il personale e i servizi, intervenendo sull’attività quotidiana della professione e mettendo in crisi quell’alleanza terapeutica e quel rapporto con il paziente che dovrebbe essere il fondamento dell’intero Servizio Sanitario Nazionale – puntualizza il Presidente -. Il definanziamento dei servizi sanitari delle Regioni del Sud sta portando a un aumento degli indici negativi di salute, come l’indice di sopravvivenza, che al Sud è minore rispetto a quello delle Regioni del nord».

I medici scesi in piazza vogliono avere voce nelle scelte di politica sanitaria della Regione Puglia, riconquistando quell’autonomia e quel tempo clinico da dedicare al paziente, usurpato oggi da «croniche carenze di personale» dall’«iperburocratizzazione» e da «carenze organizzative e strutturali»; ma anche quella «dignità e serenità di esercizio della professione» che sono stati, come si legge in una nota, «scientemente negati negli ultimi anni, con una serie di provvedimenti di natura ragionieristica», anche se «in nome di obiettivi condivisibili».

A questo proposito i medici hanno invitato il Presidente Emiliano a «sostenere un cambiamento della posizione della Puglia all’interno della Conferenza Stato Regioni affinché – prosegue la nota – vengano rivisti i meccanismi di finanziamento e i tetti di spesa». Inoltre, la manifestazione intende sollecitare il governo regionale «a costituire con i medici dei tavoli di discussione, per definire provvedimenti che diano finalmente risposte condivise e sostenibili alla crisi della Sanità regionale». I sindacati hanno manifestato «riconoscenza per l’attenzione mostrata dalla politica verso i temi sollevati dai medici», ma hanno ribadito «il carattere indipendente della mobilitazione, che vuole essere un momento di espressione del malessere di un’intera categoria».

Hanno aderito alla manifestazione le sigle sindacali rappresentative di tutte le categorie, dai medici di famiglia agli ospedalieri pubblici e privati, dai medici del territorio agli specialisti convenzionati e accreditati. Tra le tante ecco le sigle presenti: AAROI, ANAAO, BRANCHE A VISITA E ACCREDITATI (SBV), CIMO, CIMOP, CISL MEDICI, FASSID, FESMED, FIMMG, SMI, SUMAI, UIL MEDICI, USSMO, INTESA.

Articoli correlati
Aggressioni ai medici, i dati dell’OMCeO Roma: Puglia regione più colpita, 30 mln il costo per Ssn. Magi convoca Asl e Ospedali del Lazio
La maggior parte dei casi nei Pronto Soccorso e nei reparti di degenza. La metà delle volte è il paziente a compiere violenza. Il picco dopo mezzanotte. Parte la campagna dell’Ordine “Difendiamo la nostra salute”
Flex Robotic System, a Barletta il primo robot per chirurgia mini invasiva
Si chiama Flex Robotic System. È un endoscopio flessibile robotizzato, progettato per permettere accesso e visualizzazione di aree anatomiche nascoste e difficili da raggiungere e consente attività chirurgica mini invasiva con notevoli vantaggi per il paziente. Opererà nell’ospedale “Dimiccoli” di Barletta. Il Flex Robotic System è il primo sistema robotico flessibile del suo genere utilizzato […]
Bologna, Medici specialisti: nuovo accordo tra Regione e sindacati
Valorizzare il ruolo e la partecipazione dei medici specialisti nelle strutture territoriali, a partire dalle Case della Salute, per migliorare la continuità dell’assistenza e la gestione dei tempi di attesa di visite ed esami. Con questo obiettivo, la Regione Emilia-Romagna e le Organizzazioni sindacali di specialisti ambulatoriali interni, veterinari e altre professionalità sanitarie (biologi, chimici, psicologi) […]
Piano Nazionale Cronicità, Aceti (Cittadinanzattiva): “Accelerare i tempi di attuazione ed informatizzare il SSN”
Le malattie croniche in Europa sono responsabili dell’86% di tutti i decessi e di una spesa di circa 700 miliardi di euro l’anno. In Italia sono quasi 24 milioni le persone che hanno una o più malattie croniche. Il nostro Paese ha messo nero su bianco come il Servizio Sanitario Nazionale intende occuparsi delle persone […]
Donne medico, Pina Onotri (SMI): «Siamo penalizzate. Si faccia di più su aggressioni e tempi di conciliazione»
Il segretario generale del Sindacato Medici Italiani sottolinea: «Il 60% delle donne medico ha solo un figlio. E la percentuale delle donne medico single rispetto agli uomini è sicuramente maggiore». Sul tema della parità di genere, poi, aggiunge: «Sono l’unica donna alla guida di un sindacato medico. Questo la dice lunga»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«Sono un medico e non provo emozioni». Ecco cos’è il burnout

«È tardi. Arriva la mia ultima paziente. Dai suoi esami emergono cattive notizie. Il tumore è cresciuto. So come comportarmi in questi casi. Parlo piano, utilizzo le parole “giuste”. Lei crolla...
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Silvestro (Past President FNOPI): «Copiamo i medici e introduciamo infermieri di famiglia e infermieri specialisti»

L’ex Senatrice PD descrive la figura dell’infermiere di famiglia elencandone ruoli e benefici e auspica il riconoscimento delle specializzazioni infermieristiche