Lavoro 11 ottobre 2017

L’allarme del Presidente FIMMG Zingoni: «Ruolo del medico di famiglia deve cambiare, il Paese risponda alla categoria»

Rinnovo dell’ACN in breve tempo, misure rapide per consentire il ricambio generazionale, adeguamento professionale per un miglioramento delle performance ma anche riorganizzazione della categoria. Traccia le rotte da seguire Stefano Zingoni, Presidente nazionale della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale (FIMMG) in occasione del 74° Congresso di Chia, in Sardegna, ai microfoni di Sanità Informazione.

«Quest’anno è trascorso in maniera iperattiva, produttiva e proiettata verso il futuro» dichiara Stefano Zingoni, Presidente nazionale della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale (FIMMG) durante il Congresso Nazionale della categoria, facendo un bilancio positivo dell’anno in corso e individuando le priorità in vista delle sfide future.

Presidente, è stato un anno di grandi cambiamenti per FIMMG. “Dalla prestazione alla performance” è stato il titolo del Congresso. Riassume la sfida che la medicina generale lancia al SSN?

«La FIMMG ha saputo ritrovare quello slancio che gli è sempre stato caratteristico, tanto da proporsi con un titolo che ha ricordato che è un impegno che non si esaurisce nell’immanente ma si proietta verso il futuro, sottolineando la vitalità, la forza e la consapevolezza che questo sindacato ha sempre avuto e continuerà ad avere nell’affrontare le problematiche che si presenteranno d’ora in avanti».

LEGGI ANCHE: MEDICI DI FAMIGLIA, LORENZIN: «SONO LE NOSTRE BRACCIA SUL TERRITORIO. PIÙ RISORSE DA DEF E FONDI REGIONALI»

Il cambiamento del ruolo del medico di famiglia è necessario. Il nostro è un Paese anziano: nell’approccio alla cronicità la medicina generale gioca il suo ruolo principale.

«È sicuramente un’area nella quale la competenza è incontestabile da tutti i punti di vista. Diventa sfida perché non è soltanto un adeguamento ed un affinamento di tipo professionale, ma coinvolge necessariamente un adeguamento ed una riorganizzazione da un punto di vista organizzativo della medicina generale per consentirgli di concorrere a questo obiettivo. Coinvolge tanti momenti essenziali, non ultimo il contratto perché è evidente che se non si trovano le basi contrattuali per costruire i presupposti per affrontare la sfida o si sceglie di non consentire alla categoria di affrontarla o si è inadeguati a confrontarsi con la categoria».

LEGGI ANCHE: ANELLI (FIMMG): «RICAMBIO GENERAZIONALE E UNIVERSITÀ PER I MEDICI DI FAMIGLIA DEL FUTURO»

Lei fa riferimento al rinnovo dell’ACN. C’è un’aria calda in questi mesi ma non si intravedono grandi spiragli. Com’è la situazione?

«L’aria è calda da anni, sono otto anni di latenza contrattuale insopportabile».

Per concludere, la Fimmg chiede che i professionisti sanitari siano messi nella condizione di esprimere al meglio le proprie capacità assistenziali.

«Avevamo ritenuto che la crisi del Paese necessitasse del nostro contributo, lo abbiamo dato in condizioni che già da tempo indicavamo come critiche, ma a questo punto occorre che ciascuno si assuma le proprie responsabilità e che si diano risposte alla categoria».

 

Articoli correlati
Acn medicina convenzionata, arriva il via libera definitivo da parte della Conferenza Stato-Regioni
Antonio Magi, segretario generale SUMAI Assoprof: «Ora ci aspettiamo che venga attuato quanto prevede la Convenzione, ovvero che sia riconosciuto il ruolo degli Specialisti Ambulatoriali Interni nella realizzazione degli obiettivi prioritari di politica sanitaria nazionale». Silvestro Scotti, segretario nazionale della Fimmg: «L’Acn è un punto d’arrivo, ma anche un punto di partenza per ragionare in maniera costruttiva sul futuro della Sanità pubblica e dell’SSN»
MMG in formazione: «Voglio essere il medico di tutti, ma manca un Erasmus in camice bianco»
Dai motivi che li hanno spinti verso questa strada alle prospettive future, Francesca Tomei, Rocco Santarone e Marco Lombardi raccontano a Sanità Informazione cosa significa essere un medico in formazione specifica in medicina generale. E non risparmiano critiche ad un corso che potrebbe migliorare sotto diversi punti di vista…
Carenza MMG, le proposte dei Giovani Medici al Ministro Grillo: «Formazione accademica per i medici di base e borse ad hoc»
Il Dipartimento di Medicina Generale della SIGM ha elaborato un documento in cinque punti: tra questi facilitazioni in termini di graduatoria per chi si è formato in un’area carente e possibilità per i corsisti di esercitare
Sanità, la ricetta di Silvestro Scotti (FIMMG): «Puntare sulla medicina generale per rilanciare l’occupazione»
Il Segretario della Federazione dei Medici di medicina generale chiede di investire sull’innovazione tecnologica: «Medico deve avere strumenti tecnologici che permettano nelle sedi vicino al paziente di aumentare l’intensità di cura»
Fumo, medici di medicina generale sempre più ‘sentinelle’ delle abitudini dei pazienti
Oltre 560 medici di base hanno partecipato al nuovo questionario del Centro Studi della Fimmg sul fumo. Un test che ha verificato l’importanza dei medici di famiglia come ‘sentinelle’ sull’abitudine al fumo. «L’indagine evidenzia come, ancora una volta, i medici di base siano efficaci sentinelle rispetto a fenomeni connessi a fattori di rischio comportamentali – sottolinea Paolo […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...