Lavoro 11 ottobre 2017

L’allarme del Presidente FIMMG Zingoni: «Ruolo del medico di famiglia deve cambiare, il Paese risponda alla categoria»

Rinnovo dell’ACN in breve tempo, misure rapide per consentire il ricambio generazionale, adeguamento professionale per un miglioramento delle performance ma anche riorganizzazione della categoria. Traccia le rotte da seguire Stefano Zingoni, Presidente nazionale della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale (FIMMG) in occasione del 74° Congresso di Chia, in Sardegna, ai microfoni di Sanità Informazione.

«Quest’anno è trascorso in maniera iperattiva, produttiva e proiettata verso il futuro» dichiara Stefano Zingoni, Presidente nazionale della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale (FIMMG) durante il Congresso Nazionale della categoria, facendo un bilancio positivo dell’anno in corso e individuando le priorità in vista delle sfide future.

Presidente, è stato un anno di grandi cambiamenti per FIMMG. “Dalla prestazione alla performance” è stato il titolo del Congresso. Riassume la sfida che la medicina generale lancia al SSN?

«La FIMMG ha saputo ritrovare quello slancio che gli è sempre stato caratteristico, tanto da proporsi con un titolo che ha ricordato che è un impegno che non si esaurisce nell’immanente ma si proietta verso il futuro, sottolineando la vitalità, la forza e la consapevolezza che questo sindacato ha sempre avuto e continuerà ad avere nell’affrontare le problematiche che si presenteranno d’ora in avanti».

LEGGI ANCHE: MEDICI DI FAMIGLIA, LORENZIN: «SONO LE NOSTRE BRACCIA SUL TERRITORIO. PIÙ RISORSE DA DEF E FONDI REGIONALI»

Il cambiamento del ruolo del medico di famiglia è necessario. Il nostro è un Paese anziano: nell’approccio alla cronicità la medicina generale gioca il suo ruolo principale.

«È sicuramente un’area nella quale la competenza è incontestabile da tutti i punti di vista. Diventa sfida perché non è soltanto un adeguamento ed un affinamento di tipo professionale, ma coinvolge necessariamente un adeguamento ed una riorganizzazione da un punto di vista organizzativo della medicina generale per consentirgli di concorrere a questo obiettivo. Coinvolge tanti momenti essenziali, non ultimo il contratto perché è evidente che se non si trovano le basi contrattuali per costruire i presupposti per affrontare la sfida o si sceglie di non consentire alla categoria di affrontarla o si è inadeguati a confrontarsi con la categoria».

LEGGI ANCHE: ANELLI (FIMMG): «RICAMBIO GENERAZIONALE E UNIVERSITÀ PER I MEDICI DI FAMIGLIA DEL FUTURO»

Lei fa riferimento al rinnovo dell’ACN. C’è un’aria calda in questi mesi ma non si intravedono grandi spiragli. Com’è la situazione?

«L’aria è calda da anni, sono otto anni di latenza contrattuale insopportabile».

Per concludere, la Fimmg chiede che i professionisti sanitari siano messi nella condizione di esprimere al meglio le proprie capacità assistenziali.

«Avevamo ritenuto che la crisi del Paese necessitasse del nostro contributo, lo abbiamo dato in condizioni che già da tempo indicavamo come critiche, ma a questo punto occorre che ciascuno si assuma le proprie responsabilità e che si diano risposte alla categoria».

 

Articoli correlati
Fimmg-Fimp incontrano il Ministro Grillo. Scotti-Biasci: «Investire su credibilità offerta territoriale»
«Tecnologia e personale nei nostri studi, servono investimenti», chiedono i due dirigenti. Tra le tematiche affrontate vaccinazioni, cronicità, appropriatezza delle cure
Aggressioni ai medici, il ddl di Michela Rostan (LeU): «Camici bianchi siano pubblici ufficiali per far scattare denuncia d’ufficio»
Tra i firmatari della proposta i deputati Paolo Siani e Federico Conte. Bocciata la richiesta di inasprimento delle pene avanzata dal Ministro Grillo: «Servono pene più certe perché spesso gli episodi non vengono denunciati»
Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»
È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina e gestione cronicità saranno mie priorità»
Acn medicina convenzionata, arriva il via libera definitivo da parte della Conferenza Stato-Regioni
Antonio Magi, segretario generale SUMAI Assoprof: «Ora ci aspettiamo che venga attuato quanto prevede la Convenzione, ovvero che sia riconosciuto il ruolo degli Specialisti Ambulatoriali Interni nella realizzazione degli obiettivi prioritari di politica sanitaria nazionale». Silvestro Scotti, segretario nazionale della Fimmg: «L’Acn è un punto d’arrivo, ma anche un punto di partenza per ragionare in maniera costruttiva sul futuro della Sanità pubblica e dell’SSN»
MMG in formazione: «Voglio essere il medico di tutti, ma manca un Erasmus in camice bianco»
Dai motivi che li hanno spinti verso questa strada alle prospettive future, Francesca Tomei, Rocco Santarone e Marco Lombardi raccontano a Sanità Informazione cosa significa essere un medico in formazione specifica in medicina generale. E non risparmiano critiche ad un corso che potrebbe migliorare sotto diversi punti di vista…
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Salute

Autismo e nuovi Lea, Marino (Fia): «Ancora due anni per attuazione, ma autistici diventeranno una categoria protetta»

«Grazie ai nuovi Lea i pazienti autistici potranno finalmente ricevere l’assistenza adeguata alla propria patologia, così come prescritto dalle Linee Guida per l’Autismo. Necessario mezzo miliar...
di Isabella Faggiano