Salute 9 Ottobre 2017

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su Def e Ddl Professioni Sanitarie…

Immagine articolo

«I medici di Medicina Generale devono operare in un contesto ottimale per essere presenti accanto al cittadino e per sostenere la lotta alla cronicità. I medici di famiglia sono le nostre braccia sui territorio». Lo dichiara il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin in occasione del 74° Congresso Nazionale della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale, momento in cui si è fatto il punto sulle esigenze e sulle nuove sfide della categoria.

«Uno sblocco del turn over immediato – prosegue il Ministro – un forte investimento sulle borse di studio. Ma soprattutto fondamentale la presenza di nuovi medici formati sul territorio, in considerazione del fatto che, nei prossimi 8-9 anni, andranno in pensione tantissimi professionisti e quindi dovremo coprire sapientemente le lacune perché il territorio non rimanga scoperto. Essenziale anche una formazione sempre più puntuale e aggiornata, non si può rimanere fermi a 30 anni fa: il mondo si evolve, la scienza e la medicina anche, quindi i nostri professionisti devono rimanere al passo con i tempi. Tra le priorità: lavorare sulla diagnosi e sulla prevenzione».

BASTA UN MEDICO OGNI 90 KM QUADRATI? LA DENUNCIA FIMMG:

LA MEDICINA GENERALE «NON VUOLE PIÙ ASPETTARE», LA RELAZIONE DEL SEGRETARIO SILVESTRO SCOTTI AL CONGRESSO NAZIONALE FIMMG

LA SCOMPARSA DEI MEDICI DI FAMIGLIA: ECCO IL VIDEOGAME DI FIMMG

Il Ministro sottolinea inoltre quanto il comparto di Medicina Generale segua con interesse l’iter del Ddl Lorenzin, nonostante questo «abbia affrontato un lunghissimo percorso parlamentare – prosegue – dove ci sono stati degli emendamenti fatti tutti ovviamente in buona fede, che però possono avere un impatto negativo. Io credo che siamo ancora in tempo per fare dei cambiamenti». Così la Lorenzin sul decreto che, per i laureati in Medicina e Chirurgia, prevede la partecipazione al concorso per l’ammissione ai corsi di formazione specifica in Medicina Generale anche nel caso in cui non siano in possesso dell’abilitazione all’esercizio della professione e non siano ancora iscritti al relativo albo professionale.

SCOTTI (FIMMG) TRA REALISMO E VISIONE: «RINNOVIAMO A TAPPE L’ACN, SOLO COSÌ GESTIREMO LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO»

«Aumenteremo le risorse – sottolinea il Ministro a proposito del Documento di Economia e Finanza – la manovra è in fase di uscita dalla recessione e il fondo sanitario per le regioni probabilmente crescerà insieme al Pil del Paese. Aggiungo che occorre tener conto della fase di crescita del Paese, tuttavia sappiamo anche che il margine di manovra non è molto più ampio di quello già stanziato. Penso che potremo lavorare molto sugli articoli 20, cioè sugli investimenti infrastrutturali, su un aumento anche della capacità delle Regioni in generale, quindi di un ulteriore aumento che permetta ai territori anche di coprire le poste che hanno aperto in questi anni, e questo permetterà anche di preparare le carte in tavola per l’accordo collettivo nazionale».

Articoli correlati
ACN medicina fiscale, raggiunta l’intesa. Ecco cosa prevede l’accordo
Tempo indeterminato, tutele, 2.500 euro al mese per la reperibilità e compenso per ogni visita domiciliare. Previste però una serie di incompatibilità. Le novità dell'Accordo Collettivo Nazionale per la medicina fiscale
Farmaci antidiabetici e respiratori, Fnomceo: «Aprirne la prescrizione a MMG e specialisti ambulatoriali»
Arriva l'endorsement di Fnomceo alla proposta di Italia Viva: «Ne gioverebbe l’aderenza terapeutica e la continuità delle cure»
Riforma della medicina del territorio, Anelli (Fnomceo): «Stiamo andando nella direzione sbagliata»
Equipe multiprofessionali, capillarità e diagnostica. Questa la ricetta del presidente della Federazione nazionale degli ordini dei medici: «Copiamo dalla Germania. Chi crede nei distretti è fermo a 20 anni fa». Poi aggiunge: «Serve un vero coordinamento tra le Regioni, il ministero della Salute non riesce ad essere incisivo»
Diagnostica di primo livello dal medico di famiglia, Scotti (Fimmg): «Stiamo ancora aspettando, è una vergogna»
Il segretario nazionale della Federazione italiana medici di medicina generale: «Esami di orientamento, poi sarà lo specialista a refertare». E si scaglia contro il passaggio eventuale da convenzione a dipendenza: «La nostra autonomia professionale è preziosa. Non siamo anarchici, solo responsabili»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»