Lavoro 12 giugno 2017

Il Ddl Lorenzin prende forma: istituita l’area delle professioni socio-sanitarie

La Commissione Affari Sociali della Camera approva le prime modifiche al Ddl Lorenzin sulla riorganizzazione degli Ordini Professionali. Regolamentate e inquadrate più nettamente le figure dell’assistente sociale, dell’educatore professionale e del sociologo

«Spero di riuscire a portare a casa il Disegno di Legge Lorenzin sulla riorganizzazione degli Ordini Professionali. E’ un altro tassello di questo lungo processo di riforme che abbiamo messo insieme». Lo dichiara il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, a margine del IV Congresso Nazionale della Federazione Cisl Medici a Roma, sul riordino degli Ordini professionali e le sperimentazioni cliniche.

Il Ddl Lorenzin è attualmente all’esame della Commissione Affari Sociali della Camera che ha iniziato ad approvare i primi emendamenti al testo. Tra questi, è da evidenziare l’emendamento a firma Donata Lenzi (Pd), che istituisce l’area delle professioni sociosanitarie, includendo al suo interno figure già esistenti ma la cui collocazione è sempre stata piuttosto ambigua: l’operatore sociosanitario; l’assistente sociale, da sempre operante tra l’ambito sociale e sanitario; l’educatore professionale, oggetto di una tentata manovra di riordino con il Ddl Iori-Binetti approvato dalla Camera e ora all’esame al Senato; infine il sociologo, finora mai incluso nell’ambito sanitario.

L’emendamento specifica poi come i nuovi profili professionali sociosanitari saranno individuati in sede di Conferenza Stato Regioni in considerazione dei fabbisogni connessi agli obiettivi di salute previsti nel Patto per la Salute e nei Piani sanitari e sociosanitari regionali. Le professioni individuate non dovranno essere parcellizzate né dovranno corrispondere o sovrapporsi con professioni già riconosciute.

Novità anche per elezioni e mandati dei vertici di Ordini, Federazioni e comitati centrali: la Commissione ha infatti introdotto il limite di due mandati consecutivi per presidenti, vice presidenti, tesorieri e segretari.

«Tutti insieme diamo una spinta alla Camera dei Deputati perché credo che portare a casa questo Ddl, insieme alla responsabilità professionale, mette al sicuro e dà una nuova spinta, una nuova fase di rinnovamento, di innovazione a tutta la professione», ha sottolineato il Ministro Lorenzin.

Articoli correlati
Liste d’attesa, il Ministro Grillo chiede informazioni alle Regioni: «Presto piano nazionale per abbattere i tempi»
Nella circolare richieste su accesso alle prestazioni sanitarie, massima trasparenza e sicurezza delle cure, equità e uniformità in tutta Italia, nessun onere aggiuntivo per gli assistiti, controllo puntuale del corretto svolgimento della libera professione da parte dei medici. Il Ministro su Fb: «Basta con la vergogna di ottenere una mammografia dopo 13 mesi»
Vaccini, +4,4% copertura morbillo. Lorenzin: «Dove MMG e pediatri sono più proattivi, si ottengono grandi risultati»
Presentate al Ministero della Salute le coperture vaccinali dell’età pediatrica e dell’adolescente del 2017. A livello nazionale, copertura al 94,5%. Per il Ministro il risultato è ottimo, ma la guardia deve rimanere alta
Cecità e riabilitazione visiva, la Relazione al Parlamento. Il Ministro risponde…
Il 28 febbraio 2018 il Ministro della salute ha inviato ai Presidenti di Camera e Senato la nuova Relazione annuale al Parlamento ai sensi della Legge 284/97 sulla riabilitazione visiva, documento che riporta tutte le attività svolte in Italia, nel 2016, per la prevenzione dell’ipovisione e della cecità. La legge 284/97 stabilisce l’esistenza e il funzionamento di specifici […]
di Beatrice Lorenzin - Ministro della Salute
Screening neonatali, completata la mappatura italiana dei Centri. Del Favero (ISS): «Pronti ad applicare la Legge»
«Tutto questo possibile grazie alla collaborazione preziosa delle Regioni. L’organizzazione messa in piedi ha funzionato come una vera e propria squadra a servizio della salute» dichiara Angelo Del Favero, Direttore Generale dell’Istituto Superiore di Sanità
Contributo del 5,5 % delle spese sostenute per attività promozionali
Tra gli obblighi delle imprese del settore dei dispositivi medici vi è quello di inviare alla Direzione generale dei dispositivi medici e del servizio farmaceutico una dichiarazione concernente le spese per attività promozionali e provvedere al versamento del contributo del 5,5% delle spese. La dichiarazione e il versamento devono essere effettuati entro il 30 aprile di ogni anno.
di Beatrice Lorenzin - Ministro della Salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Osteopatia e chiropratica sono professioni sanitarie? De Sena (Simmfir): «La legge c’è, mancano i decreti attuativi»

Avrebbero dovuto attenere il riconoscimento, al pari degli ostetrici, dei tecnici di radiologia o degli infermieri, già prima di questa estate. Almeno stando alla legge 11 gennaio 2018 n. 3. Ma manca...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...