Lavoro 15 marzo 2016

Ex specializzandi: «Una  legge per risolvere definitivamente il problema dei medici»

Cosimo Maria Ferri, Sottosegretario Ministero della Giustizia: «Trovare una soluzione di equilibrio». Raffaele Squitieri, presidente della Corte dei Conti: «Con un Ddl si risolve il problema definitivamente»

Immagine articolo

La questione dei rimborsi agli ex specializzandi, con i ricorrenti che continuano a vincere, sta causando un vero e proprio salasso per le casse dello Stato.


Attualmente tre DDL sono in Parlamento per promuovere una transazione definitiva che non solo porrà fine a questo stillicidio ma avrà anche un positivo effetto collaterale: deflazionare il contenzioso tra Stato e medici nelle aule dei tribunali.

Proprio «una soluzione equilibrata» è l’auspicio del Sottosegretario alla Giustizia Cosimo Maria Ferri il quale, durante il recente convegno tenutosi a Roma su “L’alleanza medico-paziente”, ha dichiarato ai microfoni di Sanità informazione: «Ci sono tre disegni di legge e so che nell’agenda politica del Governo c’è molta attenzione su questa questione. E’ giusto trovare una soluzione improntata all’equilibrio. Mi auguro che il contenzioso possa essere risolto in modo che si riescano a conciliare gli interessi di entrambe le parti in causa. Bene anche cercare dei nuovi punti normativi sulla questione, ma per il momento è fondamentale giungere ad un accordo su quello che è stato».

Posticipare ulteriormente la transazione si ripercuoterebbe sulla sanità italiana, un settore che, come ha denunciato il presidente della Corte dei Conti Raffaele Squitieri, vive già un momento di profonda crisi a causa dei tagli e delle politiche di austerity imposte dal Governo. Lo stesso Squitieri, intervistato ai nostri microfoni durante il recente convegno “Etica in riabilitazione” a Roma, ha sottolineato l’importanza di definire la controversia una volta per tutte, per via normativa piuttosto che giurisprudenziale. «Se si fa un intervento attraverso leggi il problema si risolve da solo perché la legge è sovrana. Un disegno di legge risolve il problema in via definitiva. La soluzione giurisdizionale è un po’ più difficile. Alla transazione si può addivenire quando, secondo la prassi, si ha la quasi certezza che in vertenza si sarebbe soccombenti. Se una delle due parti sa che ha buone possibilità di perdere la causa, si fa la transazione; ma se ci sono probabilità di vincere, la transazione non si fa. La via giurisdizionale è sempre un po’ a rischio. Normalmente davanti a una vertenza che si può perdere, si chiede il parere neutro di avvocati – per lo Stato c’è l’avvocatura dello Stato – che ci dicono quali sono le chance di vincere e quali di perdere. A quel punto, si può decidere di fare una transazione e se ne stabiliscono anche i limiti».

Articoli correlati
Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»
Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»
Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»
L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai stata attuata. Ora puntiamo al riconoscimento delle differenze retributive»
Ex specializzandi ’93-2006, Stato condannato a pagare aumento triennale
La nuova sentenza consolida la giurisprudenza in materia: come già stabilito nei mesi scorsi dallo stesso Tribunale di Roma con la pronuncia 4240/17, riconosciuto un nuovo diritto negato ai tempi della formazione post-laurea
Ex specializzandi 1993-2006, ecco come le ultime sentenze hanno cambiato la giurisprudenza
La vicenda dei camici bianchi che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico per gli anni di scuola post-laurea è costata finora centinaia di milioni alle casse dello Stato. I Tribunali continuano ad emanare sentenze di condanna nei confronti della Presidenza del Consiglio. Ecco qual è la situazione alla luce delle pronunce più recenti
Ex specializzandi, parla l’esperto della vertenza: «Rimborsi anche a chi si è iscritto prima del 1983 e importi da rivedere al rialzo»
L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, con oltre 530 milioni di euro fatti riconoscere dai tribunali in favore dei medici tutelati dal network legale Consulcesi, spiega cosa cambia con la recente pronuncia della Corte di Giustizia Europea. Nel frattempo una sentenza del Tribunale di Roma conferma i rimborsi a chi ha interrotto la prescrizione prima del 20 ottobre 2017
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...
Lavoro

Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»

Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»