Lavoro 15 marzo 2016

Ex specializzandi: «Una  legge per risolvere definitivamente il problema dei medici»

Cosimo Maria Ferri, Sottosegretario Ministero della Giustizia: «Trovare una soluzione di equilibrio». Raffaele Squitieri, presidente della Corte dei Conti: «Con un Ddl si risolve il problema definitivamente»

Immagine articolo

La questione dei rimborsi agli ex specializzandi, con i ricorrenti che continuano a vincere, sta causando un vero e proprio salasso per le casse dello Stato.


Attualmente tre DDL sono in Parlamento per promuovere una transazione definitiva che non solo porrà fine a questo stillicidio ma avrà anche un positivo effetto collaterale: deflazionare il contenzioso tra Stato e medici nelle aule dei tribunali.

Proprio «una soluzione equilibrata» è l’auspicio del Sottosegretario alla Giustizia Cosimo Maria Ferri il quale, durante il recente convegno tenutosi a Roma su “L’alleanza medico-paziente”, ha dichiarato ai microfoni di Sanità informazione: «Ci sono tre disegni di legge e so che nell’agenda politica del Governo c’è molta attenzione su questa questione. E’ giusto trovare una soluzione improntata all’equilibrio. Mi auguro che il contenzioso possa essere risolto in modo che si riescano a conciliare gli interessi di entrambe le parti in causa. Bene anche cercare dei nuovi punti normativi sulla questione, ma per il momento è fondamentale giungere ad un accordo su quello che è stato».

Posticipare ulteriormente la transazione si ripercuoterebbe sulla sanità italiana, un settore che, come ha denunciato il presidente della Corte dei Conti Raffaele Squitieri, vive già un momento di profonda crisi a causa dei tagli e delle politiche di austerity imposte dal Governo. Lo stesso Squitieri, intervistato ai nostri microfoni durante il recente convegno “Etica in riabilitazione” a Roma, ha sottolineato l’importanza di definire la controversia una volta per tutte, per via normativa piuttosto che giurisprudenziale. «Se si fa un intervento attraverso leggi il problema si risolve da solo perché la legge è sovrana. Un disegno di legge risolve il problema in via definitiva. La soluzione giurisdizionale è un po’ più difficile. Alla transazione si può addivenire quando, secondo la prassi, si ha la quasi certezza che in vertenza si sarebbe soccombenti. Se una delle due parti sa che ha buone possibilità di perdere la causa, si fa la transazione; ma se ci sono probabilità di vincere, la transazione non si fa. La via giurisdizionale è sempre un po’ a rischio. Normalmente davanti a una vertenza che si può perdere, si chiede il parere neutro di avvocati – per lo Stato c’è l’avvocatura dello Stato – che ci dicono quali sono le chance di vincere e quali di perdere. A quel punto, si può decidere di fare una transazione e se ne stabiliscono anche i limiti».

Articoli correlati
Ex specializzandi, Cosimo Ferri, Sottosegretario alla Giustizia: «Difendere i diritti di chi ha investito tanto nel SSN»
«Il rimborso è un diritto» chiarisce il Sottosegretario Ferri. «Noi lavoriamo per eliminare questo contenzioso, mi auguro che si possa trovare una soluzione a livello governativo»
Ex specializzandi, nessuna prescrizione. Consulcesi: «Scatterà il 2 novembre»
I legali del gruppo leader nella tutela degli ex specializzandi spiegano: «La prescrizione scatterà a 10 anni dal Dpcm del 2 novembre 2007. Senza questo atto i due precedenti decreti del 7 marzo e del 6 luglio sarebbero stati inapplicabili». È dunque ancora possibile attivarsi per mantenere il diritto al rimborso attraverso un atto interruttivo o un ricorso
Ex specializzandi, il Ddl 2400 rischia lo stop. E la prescrizione è dietro l’angolo…
Dopo il via libera in Commissione Sanità, forti perplessità sul passaggio in Commissione Bilancio per l’ipotesi allargamento. Consulcesi Group: «A prescindere di quando e cosa si deciderà in Parlamento, i medici non perdano il loro diritto e facciano ricorso»
Ex specializzandi, Granaiola (PD): «Lo Stato perde, i medici vanno tutelati: ecco perché il problema va risolto»
Il segretario della Commissione Sanità conferma l’intenzione di maggioranza e Governo di accelerare sull’accordo transattivo proposto dal Ddl 2400. L’intervento a margine del convegno sulle malattie croniche intestinali della Fondazione Amici Italia Onlus, La Senatrice: «Problema sociale, si può intervenire solo con la ricerca ma bisogna lavorare su formazione e aggiornamento degli operatori sanitari»
«Ex specializzandi, entro marzo il voto del DDL». Parla il primo firmatario: «Una garanzia per chi ha fatto ricorso»
Senatore Piero Aiello: «La conclusione è vicina, entro i primi di febbraio avremo tutti i pareri necessari per votare il provvedimento in Commissione. Intanto, nell'attesa di vedersi riconoscere questo diritto, i medici possono rivolgersi ai Tribunali per fare ricorso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...