Lavoro 3 novembre 2015

#BastaTurniMassacranti: «Ministero e Regioni impreparati per il 25 novembre. Senza interventi si aprirà la stagione dei contenziosi»

Sul caso degli orari dei medici interviene ai microfoni di Sanità informazione Costantino Troise, Segretario Nazionale del sindacato degli ospedalieri Anaao

Immagine articolo

Il conto alla rovescia è iniziato: mancano 21 giorni al D- Day del 25 novembre, la data fatidica in cui i medici italiani capiranno se deporre le armi o continuare a combattere contro i turni di lavoro improponibili cui sono stati finora sottoposti.


Il 25 novembre il nostro Paese si adeguerà finalmente alle direttive europee sul tema. Aleggia la paura, tuttavia, che questo adeguamento resti lettera morta, e che l’unico strumento per far valere i propri diritti restino sempre e comunque i ricorsi. Sanità informazione ha affrontato la questione con Costantino Troise, Segretario Nazionale Anaao Assomed.

«E’ curioso che la preoccupazione nasca tra i sindacati medici  – attacca Troise – ma non sembra che né il Ministero, né le Regioni, abbiano particolare fretta di trovare una soluzione che la direttiva europea impone e che il Parlamento ha accettato, di riconoscere il diritto al riposo di 11 ore, che dopo un turno di lavoro diventa un imperativo».

Troise non fa pronostici su “l’alba del giorno dopo”, ma apre ad una questione strettamente connessa a quella dei turni di lavoro: la scarsità di personale.
«Lo scenario che si aprirà il 26 novembre non è certo – commenta il Segretario Nazionale Anaao. – Io credo che la soluzione prioritaria consista nell’aumentare il personale di circa 3000 unità, la cifra minima per risolvere il problema a livello nazionale. Noi siamo disponibili a discutere – aggiunge Troise –  ma resta curiosa l’inerzia delle istituzioni verso una data critica per la sanità italiana: se da una parte c’è il rischio di andare contro un comportamento illegale delle aziende, dall’altra c’è quello di alimentare un contenzioso che ha per obiettivo garantire ai pazienti la massima sicurezza delle cure».

Il paziente al primo posto: proprio la sicurezza e la tutela di quest’ultimo deve essere la molla idonea a far scattare, una volta per tutte, un sistema che garantisca il giusto numero di ore di riposo ai medici.
«Questo diritto al riposo non è solo mirato alla salvaguardia della salute dei medici, ma anche alla sicurezza delle cure – dichiara Costantino Troise -. Credo che ognuno di noi, se avesse bisogno di un intervento delicato, preferirebbe essere operato da un chirurgo riposato e lucido, piuttosto che da un chirurgo reduce da un turno di notte di 12 ore. Il riposo ed il rispetto degli orari, il rispetto di un carico di lavoro compatibile con la sicurezza, è un obbligo deontologico dei medici ed una garanzia da fornire ai pazienti per ogni atto clinico e procedura terapeutica. Staremo a vedere cosa succederà nei prossimi giorni – conclude il Segretario Anaao – quando la bagarre sul finanziamento dei fondi sarà finita, e le istituzioni potranno dedicarsi a questo tema, che rischia davvero di far saltare l’organizzazione dei servizi sanitari, soprattutto nei settori delle emergenze–urgenze».

Articoli correlati
Bambini e sicurezza stradale. Iurato (ministero Trasporti): «Senza seggiolino e cinture il rischio di ferite gravi o letali aumenta dell’80%»
«In Italia, solo il 47% della popolazione utilizza i dispositivi di sicurezza adeguati per i propri bambini durante i viaggi in auto. Seggiolini o rialzi, a seconda del peso, sono obbligatori fino a 150 cm di altezza». L’intervista a Valentino Iurato, della direzione generale per la Sicurezza Stradale del ministero dei Trasporti.
di Isabella Faggiano
Reggio Calabria, fratture fasciate con cartone. Ministro Grillo: «Ingiustificabili carenze organizzative»
La reazione dell’Anaao Assomed: «Come in un ospedale da campo in tempo di guerra. È il simbolo dell’Italia in cui il risparmio è elevato a sistema e l'arte di arrangiarsi a pratica terapeutica». CIMO: «Cattiva organizzazione e tagli sono i veri responsabili»
Celiachia, Alessio D’Amato (Regione Lazio): «Stop ai buoni in forma cartacea, cambiamo tutto»
La Regione Lazio approverà nella prossima Giunta una vera e propria rivoluzione nella gestione dei rimborsi e dei buoni per i prodotti per celiaci. Per garantire una maggiore sostenibilità della dieta senza glutine e consentire ai pazienti meno fortunati di vivere la propria patologia in maniera più serena, lo Stato italiano garantisce infatti ai pazienti diagnosticati l’erogazione […]
Sapienza, la formazione universitaria cambia passo ed entra nel futuro. Rettore Gaudio: «Cambiamento epocale per i nostri medici»
Tre laboratori ad alta tecnologia per simulare pratiche mediche in situazioni di crisi o emergenza e la Biblioteca automatizzata di Architettura. Questi gli interventi di potenziamento della didattica realizzati alla Sapienza grazie al sostegno della Fondazione Roma
Aggressioni medici, Grillo: «Arriva un ddl con pene più severe e aumenterà la vigilanza delle forze di polizia»
«L’ennesimo, gravissimo episodio di violenza nei confronti di una dottoressa accaduto al pronto soccorso dell’ospedale Vittorio Emanuele di Catania, desta nuovo sconcerto e grande preoccupazione. Purtroppo non sono casi rari e isolati, sta diventando ormai una pericolosa costante che non ha e non può avere spiegazioni in qualsiasi modo accettabili». Con queste parole, il ministro […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Lavoro

Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D

Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare ...