Lavoro 3 novembre 2015

#BastaTurniMassacranti: «Ministero e Regioni impreparati per il 25 novembre. Senza interventi si aprirà la stagione dei contenziosi»

Sul caso degli orari dei medici interviene ai microfoni di Sanità informazione Costantino Troise, Segretario Nazionale del sindacato degli ospedalieri Anaao

Immagine articolo

Il conto alla rovescia è iniziato: mancano 21 giorni al D- Day del 25 novembre, la data fatidica in cui i medici italiani capiranno se deporre le armi o continuare a combattere contro i turni di lavoro improponibili cui sono stati finora sottoposti.


Il 25 novembre il nostro Paese si adeguerà finalmente alle direttive europee sul tema. Aleggia la paura, tuttavia, che questo adeguamento resti lettera morta, e che l’unico strumento per far valere i propri diritti restino sempre e comunque i ricorsi. Sanità informazione ha affrontato la questione con Costantino Troise, Segretario Nazionale Anaao Assomed.

«E’ curioso che la preoccupazione nasca tra i sindacati medici  – attacca Troise – ma non sembra che né il Ministero, né le Regioni, abbiano particolare fretta di trovare una soluzione che la direttiva europea impone e che il Parlamento ha accettato, di riconoscere il diritto al riposo di 11 ore, che dopo un turno di lavoro diventa un imperativo».

Troise non fa pronostici su “l’alba del giorno dopo”, ma apre ad una questione strettamente connessa a quella dei turni di lavoro: la scarsità di personale.
«Lo scenario che si aprirà il 26 novembre non è certo – commenta il Segretario Nazionale Anaao. – Io credo che la soluzione prioritaria consista nell’aumentare il personale di circa 3000 unità, la cifra minima per risolvere il problema a livello nazionale. Noi siamo disponibili a discutere – aggiunge Troise –  ma resta curiosa l’inerzia delle istituzioni verso una data critica per la sanità italiana: se da una parte c’è il rischio di andare contro un comportamento illegale delle aziende, dall’altra c’è quello di alimentare un contenzioso che ha per obiettivo garantire ai pazienti la massima sicurezza delle cure».

Il paziente al primo posto: proprio la sicurezza e la tutela di quest’ultimo deve essere la molla idonea a far scattare, una volta per tutte, un sistema che garantisca il giusto numero di ore di riposo ai medici.
«Questo diritto al riposo non è solo mirato alla salvaguardia della salute dei medici, ma anche alla sicurezza delle cure – dichiara Costantino Troise -. Credo che ognuno di noi, se avesse bisogno di un intervento delicato, preferirebbe essere operato da un chirurgo riposato e lucido, piuttosto che da un chirurgo reduce da un turno di notte di 12 ore. Il riposo ed il rispetto degli orari, il rispetto di un carico di lavoro compatibile con la sicurezza, è un obbligo deontologico dei medici ed una garanzia da fornire ai pazienti per ogni atto clinico e procedura terapeutica. Staremo a vedere cosa succederà nei prossimi giorni – conclude il Segretario Anaao – quando la bagarre sul finanziamento dei fondi sarà finita, e le istituzioni potranno dedicarsi a questo tema, che rischia davvero di far saltare l’organizzazione dei servizi sanitari, soprattutto nei settori delle emergenze–urgenze».

Articoli correlati
Protocollo d’intesa tutela disabilità oncologica INPS-REGIONE-IFO
Oggi, presso Palazzo Wedekind a Roma (piazza Colonna, 366) alle ore 12:30, si terrà la conferenza stampa di presentazione e firma del protocollo sperimentale di intesa finalizzato alla tutela della disabilità da patologie oncologiche. Il protocollo permetterà di semplificare l’iter sanitario per il riconoscimento delle prestazioni assistenziali di invalidità e di handicap alle quali hanno diritto i malati […]
«Sono un medico e non provo emozioni». Ecco cos’è il burnout
«È tardi. Arriva la mia ultima paziente. Dai suoi esami emergono cattive notizie. Il tumore è cresciuto. So come comportarmi in questi casi. Parlo piano, utilizzo le parole “giuste”. Lei crolla, gli occhi le si riempiono di lacrime. Arriva l’infermiere specializzata, le prende la mano. In questo vortice di emozioni, io non provo niente. Non […]
Sanità, Rizzotti (Forza Italia): «Rivedere Ssn senza ideologie. Lotta ad anoressia e bulimia tra le mie priorità»
Sui disturbi alimentari impegno di lungo corso della senatrice forzista che auspica una «legge condivisa». Poi chiede che si torni sul tema della terapia del dolore e delle cure palliative: «Serve relazione per capire impatto della legge»
Farmaci Biosimilari, presentato Secondo Position Paper AIFA
«I medicinali biosimilari sono una risorsa terapeutica importante e un’opportunità per contribuire a garantire sempre più la risposta al bisogno di salute emergente. In sinergia con i farmaci biologici possono fornire risposte al problema del sottotrattamento per numerose patologie, garantendo l’accesso alle terapie a un numero sempre maggiore di pazienti» ha dichiarato il Direttore Generale […]
Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»
Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente della Federazione dei pediatri chiede al futuro Ministro della Salute una «programmazione seria»
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...
Lavoro

Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»

Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»