Formazione 8 novembre 2016

OSAS, l’epidemia sommersa. Terranova: «Solo il 10% di medici conosce bene la malattia»

La patologia delle apnee notturne rappresenta un grande problema socio-sanitario. In Italia sono più di due milioni gli italiani affetti dal disturbo del sonno che ha un peso non indifferente sul Sistema Sanitario Nazionale

Sindrome da apnee notturne, da quanto è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto 3 febbraio 2016 del ministero della Salute, relativo alle regole da seguire per l’accertamento dell’idoneità alla guida per persone affette da OSAS, questa patologia è stata messa all’attenzione dell’opinione pubblica e soprattutto dei medici. Sono più di due milioni di italiane a soffrirne, con un’incidenza del 49,7% tra gli uomini e del 23,4% tra le donne, stando ai dati contenuti nel documento “La Sindrome delle Apnee Ostruttive nel sonno”, approvato quest’anno in conferenza Stato-Regioni. Il problema delle apnee notturne, se non diagnosticato e curato in maniera appropriata, può portare al progressivo aggravarsi di alcuni malori come ipertensione, ictus, infarto, sindrome depressiva, asma, disturbi cognitivi e dell’umore, che possono anche assumere entità importanti. Nonostante la gravità del problema e gli studi fatti intorno alla patologia, non è ancora del tutto allineata l’offerta di assistenza sanitaria della popolazione affetta da disturbi del sonno e l’offerta diagnostica e terapeutica offerta.

A questo proposito ai microfoni di Sanità Informazione ascoltiamo Sergio Terranova specialista in Odontostomatologia Ortognatodonzia.

Si discute sempre con più insistenza di Osas, ci sono oltre 2 milioni di italiani che ne soffrono e anche i medici devono essere correttamente formati e informati sul tema. Che ne pensa?

«OSAS è una patologia che oggi rappresenta una epidemia sommersa. Dalle diagnosi solo una piccola parte della popolazione risulta affetta dal problema e soltanto un 10% di medici generici conosce in maniera approfondita la malattia. La patologia costa al Sistema Sanitario Nazionale circa 3 miliardi tra spese diagnostiche e soprattutto tra patologie associate a questo tipo di quadro sintomatico. Inoltre i disturbi del sonno sono strettamente connessi anche al problema sociale di incidenti automobilistici. Mi sembra evidente la necessità di fare più sforzi per potere diffondere l’entità del malessere ovviamente il messaggio è indirizzato soprattutto ai medici di famiglia».

Oltre a far emergere il problema è anche importante trovare il sistema più efficace per trattarlo. Qual è la soluzione?

«Le terapie sono molteplici: dalle terapie chirurgiche alle terapie non chirurgiche per esempio di tipo meccanico. Oggi per i casi gravi il gold standard europeo è rappresentato dal CPAP, (Continuous Positive Airway Pressure) un ventilatore meccanico, purtroppo non tollerato da tutti i pazienti. Quindi sono possibili anche altre terapie, che rappresentano sicuramente un buon presidio terapeutico per tutti i casi almeno lievi e moderati».

Riguardo gli sviluppi secondo lei quali i limiti da superare della ricerca?

«Adesso un buon filone di ricerca sta su delle terapie di neuro-stimolazione, ma i costi purtroppo sono proibitivi. Siamo ancora in una fase sperimentale ma in un futuro prossimo sembra che questo tipo di terapia possa avere degli ottimi e auspicabili risultati. In futuro bisognerà creare sicuramente dei presidi e dei centri di assistenza specifica perlomeno convenzionata per permettere alla popolazione di avvicinarsi a questo tipo di terapia».

Per saperne di più leggi anche Un allarme sociale chiamato OSAS. Apnee del sonno, medici tenuti a segnalazione per rinnovo patente

Nei prossimi numeri di Sanità Informazione saranno presenti ulteriori approfondimenti sulla patologia OSAS.
Per partecipare al dibattito, fare domande o dare risposte, scrivere una email all’indirizzo redazione@sanitainformazione.it

Articoli correlati
Carrie Fisher morta per un’apnea del sonno? Parla lo specialista
Secondo il Coroner di Los Angeles, la principessa Leila di Star Wars sarebbe morta anche per insufficienza respiratoria causata da OSAS. La patologia si conferma un allarme sociale. Braghiroli (Istituto Maugeri): «La diagnosi può salvare»
Disturbi del sonno: nel Regno Unito boom di diagnosi
Nel Regno Unito sono raddoppiate le richieste di diagnosi per disturbi del sonno: se nel 2007 erano poco meno di 70mila, l’anno scorso hanno sfiorato la cifra di 150mila. E il disturbo più frequente è senz’altro l’apnea ostruttiva nel sonno (OSAS), una condizione che porta le persone a smettere di respirare mentre dormono, «anche per […]
Osas, Professor Calò (Policlinico Casilino): «Serve diagnosi, occorrono strumenti per screening di massa»
Il primario di cardiologia, tra i maggiori esperti del tema, punta sulla polisonnografia portatile per affrontare i casi sempre più numerosi e annuncia: «Presto un ambulatorio dedicato prettamente alla sindrome delle Apnee notturne per lavorare in team con tutti professionisti». Appello ai colleghi: «Serve maggiore formazione»
Osas può provocare problemi psichiatrici. Familiari (odontoiatra): «Depressione frequente fra pazienti»
Le Apnee Ostruttive del Sonno possono essere la miccia di molte patologie, una fra tutte sbalzi d’umore frequenti e alterazioni psico-fisiche. Sonia Familiari, odontoiatra esperta di Gnatologia e disturbi respiratori collegati al sonno: «C’è una solido legame fra Osas e sbalzi d’umore»
Contro l’Osas formazione e prevenzione armi vincenti. Professore Garbarino: «Bene la polisonnografia»
Riconoscere i primi sintomi è fondamentale per curare la malattia. Il professore Sergio Garbarino, neurologo dell’Università di Genova, ribadisce l’importanza del ruolo del medico generico nel saper individuare i primi segnali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...