Formazione 8 novembre 2016

OSAS, l’epidemia sommersa. Terranova: «Solo il 10% di medici conosce bene la malattia»

La patologia delle apnee notturne rappresenta un grande problema socio-sanitario. In Italia sono più di due milioni gli italiani affetti dal disturbo del sonno che ha un peso non indifferente sul Sistema Sanitario Nazionale

Sindrome da apnee notturne, da quanto è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto 3 febbraio 2016 del ministero della Salute, relativo alle regole da seguire per l’accertamento dell’idoneità alla guida per persone affette da OSAS, questa patologia è stata messa all’attenzione dell’opinione pubblica e soprattutto dei medici. Sono più di due milioni di italiane a soffrirne, con un’incidenza del 49,7% tra gli uomini e del 23,4% tra le donne, stando ai dati contenuti nel documento “La Sindrome delle Apnee Ostruttive nel sonno”, approvato quest’anno in conferenza Stato-Regioni. Il problema delle apnee notturne, se non diagnosticato e curato in maniera appropriata, può portare al progressivo aggravarsi di alcuni malori come ipertensione, ictus, infarto, sindrome depressiva, asma, disturbi cognitivi e dell’umore, che possono anche assumere entità importanti. Nonostante la gravità del problema e gli studi fatti intorno alla patologia, non è ancora del tutto allineata l’offerta di assistenza sanitaria della popolazione affetta da disturbi del sonno e l’offerta diagnostica e terapeutica offerta.

A questo proposito ai microfoni di Sanità Informazione ascoltiamo Sergio Terranova specialista in Odontostomatologia Ortognatodonzia.

Si discute sempre con più insistenza di Osas, ci sono oltre 2 milioni di italiani che ne soffrono e anche i medici devono essere correttamente formati e informati sul tema. Che ne pensa?

«OSAS è una patologia che oggi rappresenta una epidemia sommersa. Dalle diagnosi solo una piccola parte della popolazione risulta affetta dal problema e soltanto un 10% di medici generici conosce in maniera approfondita la malattia. La patologia costa al Sistema Sanitario Nazionale circa 3 miliardi tra spese diagnostiche e soprattutto tra patologie associate a questo tipo di quadro sintomatico. Inoltre i disturbi del sonno sono strettamente connessi anche al problema sociale di incidenti automobilistici. Mi sembra evidente la necessità di fare più sforzi per potere diffondere l’entità del malessere ovviamente il messaggio è indirizzato soprattutto ai medici di famiglia».

Oltre a far emergere il problema è anche importante trovare il sistema più efficace per trattarlo. Qual è la soluzione?

«Le terapie sono molteplici: dalle terapie chirurgiche alle terapie non chirurgiche per esempio di tipo meccanico. Oggi per i casi gravi il gold standard europeo è rappresentato dal CPAP, (Continuous Positive Airway Pressure) un ventilatore meccanico, purtroppo non tollerato da tutti i pazienti. Quindi sono possibili anche altre terapie, che rappresentano sicuramente un buon presidio terapeutico per tutti i casi almeno lievi e moderati».

Riguardo gli sviluppi secondo lei quali i limiti da superare della ricerca?

«Adesso un buon filone di ricerca sta su delle terapie di neuro-stimolazione, ma i costi purtroppo sono proibitivi. Siamo ancora in una fase sperimentale ma in un futuro prossimo sembra che questo tipo di terapia possa avere degli ottimi e auspicabili risultati. In futuro bisognerà creare sicuramente dei presidi e dei centri di assistenza specifica perlomeno convenzionata per permettere alla popolazione di avvicinarsi a questo tipo di terapia».

Per saperne di più leggi anche Un allarme sociale chiamato OSAS. Apnee del sonno, medici tenuti a segnalazione per rinnovo patente

Nei prossimi numeri di Sanità Informazione saranno presenti ulteriori approfondimenti sulla patologia OSAS.
Per partecipare al dibattito, fare domande o dare risposte, scrivere una email all’indirizzo redazione@sanitainformazione.it

Articoli correlati
OSAS, anche la forma e la dimensione del volto possono aiutare nella diagnosi di disturbi del sonno
«Per fare una buona analisi diagnostica occorre anche 'guardare in faccia il paziente' ma attenzione anche alla massa corporea». L'intervista al dottor Gabriele Reale, chirurgo maxillo-facciale
Pallore, occhiaie e sudore notturno? «Il nostro bambino potrebbe soffrire di Osas» l’intervista all’otorino
«L’età a rischio è dai due ai sei anni: non trascurate sintomi come l’enuresi notturna e l’irascibilità cronica» l’intervista a Gianluca Corsetti, otorinolaringoiatra
“Dormire bene, vivere meglio”, ciclo di incontri a Torino sulla cultura del benessere
    Il 13 novembre nuovo appuntamento gratuito volto a sensibilizzare le persone sull’importanza del vivere bene. Il tema del benessere torna protagonista a Torino grazie al progetto “Dormire bene, vivere meglio” nato dall’incontro fra Torino Taking Care e l’azienda Dorelan che ha come obiettivo quello di garantire a tutti il diritto alla salute, a cominciare dalle buone […]
Apnee Ostruttive del Sonno: l’approccio odontoiatrico. L’intervista a Sonia Familiari, dentista e membro SIMSO
«Il dentista è la sentinella diagnostica dei problemi del sonno. Le implicazioni tra Osas e problemi dentistici sono tante e da non sottovalutare» lo dichiara la Dottoressa Familiari, membro della Società Italiana di Medicina del Sonno Odontoiatrica
Convegno apnee ostruttive nel sonno: tutto su sintomi, rischi e terapie
L’Associazione Apnoici Italiani Onlus organizza un convegno dal titolo: “Le Apnee Ostruttive nel Sonno”. L’evento avrà luogo mercoledì 4 ottobre 2017 presso la Sala dell’Istituto di Santa Maria in Aquiro e il Senato della Repubblica, con il patrocinio della Facoltà di Medicina e Chirurgia -Università degli Studi di Roma Tor Vergata, l’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri e […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Lavoro

Pensioni, tutte le soluzioni per aumentare l’importo con aliquota e riscatto: le scadenze al 31 gennaio

Versando una quota contributiva aggiuntiva, una volta in pensione si percepirà un importo maggiore. Ma oltre all’aliquota modulare, riservata ad alcune categorie, l’Enpam offre altri utili strume...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...