Formazione 8 novembre 2016

OSAS, l’epidemia sommersa. Terranova: «Solo il 10% di medici conosce bene la malattia»

La patologia delle apnee notturne rappresenta un grande problema socio-sanitario. In Italia sono più di due milioni gli italiani affetti dal disturbo del sonno che ha un peso non indifferente sul Sistema Sanitario Nazionale

Sindrome da apnee notturne, da quanto è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto 3 febbraio 2016 del ministero della Salute, relativo alle regole da seguire per l’accertamento dell’idoneità alla guida per persone affette da OSAS, questa patologia è stata messa all’attenzione dell’opinione pubblica e soprattutto dei medici. Sono più di due milioni di italiane a soffrirne, con un’incidenza del 49,7% tra gli uomini e del 23,4% tra le donne, stando ai dati contenuti nel documento “La Sindrome delle Apnee Ostruttive nel sonno”, approvato quest’anno in conferenza Stato-Regioni. Il problema delle apnee notturne, se non diagnosticato e curato in maniera appropriata, può portare al progressivo aggravarsi di alcuni malori come ipertensione, ictus, infarto, sindrome depressiva, asma, disturbi cognitivi e dell’umore, che possono anche assumere entità importanti. Nonostante la gravità del problema e gli studi fatti intorno alla patologia, non è ancora del tutto allineata l’offerta di assistenza sanitaria della popolazione affetta da disturbi del sonno e l’offerta diagnostica e terapeutica offerta.

A questo proposito ai microfoni di Sanità Informazione ascoltiamo Sergio Terranova specialista in Odontostomatologia Ortognatodonzia.

Si discute sempre con più insistenza di Osas, ci sono oltre 2 milioni di italiani che ne soffrono e anche i medici devono essere correttamente formati e informati sul tema. Che ne pensa?

«OSAS è una patologia che oggi rappresenta una epidemia sommersa. Dalle diagnosi solo una piccola parte della popolazione risulta affetta dal problema e soltanto un 10% di medici generici conosce in maniera approfondita la malattia. La patologia costa al Sistema Sanitario Nazionale circa 3 miliardi tra spese diagnostiche e soprattutto tra patologie associate a questo tipo di quadro sintomatico. Inoltre i disturbi del sonno sono strettamente connessi anche al problema sociale di incidenti automobilistici. Mi sembra evidente la necessità di fare più sforzi per potere diffondere l’entità del malessere ovviamente il messaggio è indirizzato soprattutto ai medici di famiglia».

Oltre a far emergere il problema è anche importante trovare il sistema più efficace per trattarlo. Qual è la soluzione?

«Le terapie sono molteplici: dalle terapie chirurgiche alle terapie non chirurgiche per esempio di tipo meccanico. Oggi per i casi gravi il gold standard europeo è rappresentato dal CPAP, (Continuous Positive Airway Pressure) un ventilatore meccanico, purtroppo non tollerato da tutti i pazienti. Quindi sono possibili anche altre terapie, che rappresentano sicuramente un buon presidio terapeutico per tutti i casi almeno lievi e moderati».

Riguardo gli sviluppi secondo lei quali i limiti da superare della ricerca?

«Adesso un buon filone di ricerca sta su delle terapie di neuro-stimolazione, ma i costi purtroppo sono proibitivi. Siamo ancora in una fase sperimentale ma in un futuro prossimo sembra che questo tipo di terapia possa avere degli ottimi e auspicabili risultati. In futuro bisognerà creare sicuramente dei presidi e dei centri di assistenza specifica perlomeno convenzionata per permettere alla popolazione di avvicinarsi a questo tipo di terapia».

Per saperne di più leggi anche Un allarme sociale chiamato OSAS. Apnee del sonno, medici tenuti a segnalazione per rinnovo patente

Nei prossimi numeri di Sanità Informazione saranno presenti ulteriori approfondimenti sulla patologia OSAS.
Per partecipare al dibattito, fare domande o dare risposte, scrivere una email all’indirizzo redazione@sanitainformazione.it

Articoli correlati
L’OSAS causa 12mila incidenti l’anno. Parte la campagna ACI-FISAR “Dormi meglio, Guida sveglio”
ACI e FISAR (Federazione Italiana Salute Ambiente Respiro) sfruttano il passaggio obbligato del rilascio e rinnovo della patente, per 5 milioni di italiani ogni anno, proponendo un “check-up del sonno” prima di procedere alla visita medica obbligatoria per la patente
Odontoiatria, al via il 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari discipline Odontostomatologiche
Microbiota orale, malattie sistemiche, rischio e correlazione. Sono quattro parole chiave che danno il titolo al 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari di discipline Odontostomatologiche (CDUO), l’appuntamento annuale che rappresenta un’occasione unica di scambio fra i vari protagonisti del mondo dell’odontoiatria: mondo accademico, libera professione, SSN con un’attenzione particolare all’attività scientifico-formativa rivolta ai più […]
Crisi di coppia? È colpa dei disturbi del sonno. Enrico Brunello (AIPAS): «Russamenti e apnee mettono a dura prova la convivenza»
«Chi dorme accanto ad un paziente affetto da Osas finirà per soffrire di un disturbo del sonno indotto». Il punto di vista del Presidente dell’Associazione Italiana Pazienti con Apnee del Sonno
di Isabella Faggiano
Salute degli occhi, parte il progetto: “Ci vediamo a scuola” per gli studenti milanesi
Come non compromettere la salute visiva con tablet e smartphone? Grazie al progetto “Ci vediamo a scuola”, gli esperti dell’Ics Maugeri di Milano daranno indicazioni e consigli a 600 studenti di 10 istituti cittadini, di ogni ordine e grado, aderenti a “Rete salute”. L’iniziativa, dedicata ad alunni, docenti e genitori, punta alla diagnosi precoce dei […]
Roma, i dentisti dell’AIO nelle scuole e nelle piazze italiane
Oggi, 20 marzo, si celebra la Sesta edizione della Giornata Mondiale per la promozione della Salute Orale (World Oral Health Day) in 150 paesi di tutto il mondo. Per l’occasione, i dentisti dell’Associazione AIO (Associazione Italiana Odontoiatri) incontreranno i cittadini nelle scuole, nelle ASL e nelle piazze delle principali città italiane per sensibilizzarli sulla prevenzione e sulle […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...