Salute 18 Settembre 2023 00:24

Sexsomnia e alimentazione notturna, mancano standard di trattamento

I disturbi dell’eccitazione possono essere molto pericolosi. Tuttavia non esistono linee guida per il trattamento dei pazienti. Mancano evidenze scientifiche. A puntare i riflettori su questa problematica è Jennifer Mundt della Northwestern University

Sexsomnia e alimentazione notturna, mancano standard di trattamento

Se si soffre di apnea notturna o insonnia, gli specialisti del sonno hanno linee guida ben controllate per offrire ai propri pazienti i migliori trattamenti basati sull’evidenza scientifica. Non è così se invece si soffre di disturbi dell’eccitazione, che includono la sexsomnia (impegnarsi in attività sessuali durante il sonno), «camminata» nel sonno (camminare o correre per casa o anche eseguire comportamenti complessi come guidare un’auto), terrori notturni (urla e paura intensa mentre si è addormentati) o mangiare durante il sonno. A differenza di quasi tutti gli altri tipi di disturbi del sonno, infatti, non esistono linee guida condivise sul trattamento dei disturbi dell’eccitazione. A puntare i riflettori su questa problematica è Jennifer Mundt, assistente professore di neurologia presso la Feinberg School of Medicine della Northwestern University.

I disturbi dell’eccitazione possono causare lesioni

In uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Sleep Medicine, Mundt ha effettuato la prima revisione sistematica sul trattamento delle parasonnie NREM (movimento oculare non rapido). Molte delle 72 pubblicazioni, avvenute dal 1909 al 2023, sono solo case report o studi non controllati. «Questi disturbi possono essere pericolosi e causare lesioni alla persona che dorme o ai propri cari, quindi è importante che i sintomi vengano valutati e trattati», sottolinea Mundt. «E abbiamo bisogno di linee guida, in modo che i pazienti ricevano il trattamento più efficace, che non è necessariamente un farmaco», aggiunge, evidenziano la necessità di studi randomizzati e controllati per determinare l’efficacia dei trattamenti comportamentali per queste parasonnie.

I pazienti non ricordano gli episodi di sexsomnia e di alimentazione notturna

Nello studio, Mundt ha scoperto che i trattamenti con le maggiori evidenze della loro efficacia sono la terapia cognitivo comportamentale, l’ipnosi, l‘igiene del sonno e i risvegli programmati (svegliare la persona che dorme poco prima del momento in cui solitamente si verifica un episodio di parasonnia). Mundt è specializzato in trattamenti comportamentali per i disturbi del sonno tra cui insonnia, incubi, parasonnie NREM, narcolessia e ipersonnia idiopatica. I pazienti spesso non ricordano i loro insoliti comportamenti notturni, oppure ne hanno solo un vago ricordo. «Alcune persone non sanno cosa gli succede di notte», dice Mundt. «Potrebbero non entrare in una clinica del sonno finché non si sono feriti. Oppure dicono: ‘La mia cucina aveva tutti questi involucri sul bancone, quindi sapevo che stavo mangiando’», aggiunge.

«È inquietante non sapere cosa stai facendo nel sonno»

«Ho chiesto ad alcune persone di riprendersi di notte, cercando di confermare cosa sta succedendo», afferma Mundt. «È inquietante non sapere cosa stai facendo nel sonno. Ho visto persone che sono finite al pronto soccorso con tagli o lacerazioni per aver preso a pugni una finestra, uno specchio o un muro. Ho visto persone – continua – che hanno preso farmaci nel sonno o hanno mangiato così tanto da sentirsi male la mattina dopo. Il cervello tende a voler mangiare cibo spazzatura, come snack salati, dolci e grassi. Alcune persone mangiano così tanto da sentirsi a disagio o ingrassare. Un collega aveva un paziente che mangiava un intero blocco di formaggio nel sonno».

La prevalenza della sexsomnia è superiore al 7%

La prevalenza stimata una tantum delle parasonnie è del 6,9% per il sonnambulismo, del 10% per i terrori del sonno, del 18,5% per gli risvegli confusionali, del 7,1% per la sexsomnia e del 4,5% per l’alimentazione nel sonno. Il sonnambulismo, i terrori notturni e i risvegli confusionali (quando qualcuno si trova in uno stato confuso pur rimanendo a letto) sono più comuni durante l’infanzia e spesso regrediscono durante l’adolescenza. La sexsomnia e l’alimentazione nel sonno iniziano tipicamente nell’età adulta. «I medici spesso dicono ai genitori che i loro figli ne usciranno. Ma non tutti ne escono», evidenzia Mundt. C’è dunque bisogno di colmare questa lacuna.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Rientro a scuola: dai pediatri consigli per ritornare sereni tra i banchi
Mai saltare la colazione ed evitare l'uso dello smartphone prima di andare a dormire. Sono due dei principali consigli diffusi dai pediatri della Federazione italiana medici pediatri (Fimp), rivolti agli oltre 8 milioni di bambini e ragazzi che tra meno di una settimana ritorneranno a scuola
La temperatura è fondamentale per il sonno degli anziani, l’ideale è tra i 20 e 25 °C
La temperatura notturna in camera da letto gioca un ruolo cruciale nella qualità del sonno degli anziani. Uno studio dell'Istituto di Ricerca sull'Invecchiamento dell'Harvard Medical School ha dimostrato che il sonno può essere più efficiente e riposante quando la colonnina di mercurio non scende sotto i 20 °C e non supera i 25 °C
Disturbi del sonno: boom tra i ragazzi, in pandemia troppe ore davanti a schermi
L'emergenza Covid, i lockdown e la Dad al posto delle lezioni in classe hanno «drasticamente aumentato l'esposizione ai dispositivi elettronici nei minori, comportando un forte incremento dei disturbi del sonno». È quanto ha rilevato uno studio condotto su più di 1.000 tra bambini e adolescenti e coordinato dall’ospedale pediatrico Bambino Gesù insieme all’Università Sapienza e a quella di Tor Vergata di Roma
Qual è il sintomo più comune tra le persone con Long Covid?
I pazienti con Long Covid hanno maggiori probabilità di soffrire di disturbi del sonno. Un gruppo di ricercatori della Cleveland Clinic ha scoperto che il 41% dei pazienti con la sindrome post-infezione da coronavirus presentava problemi del sonno da moderati a gravi
Il Covid ci ha «rubato» il sonno. La neuroscienziata: «Possibile legame con neuroinfiammazione»
Giornata mondiale del sonno: tra la moltitudine di cose che la pandemia ci ha portato via, c'è anche il buon riposo. È la «coronosomnia» come conferma a Sanità Informazione Arianna Di Stadio, docente all'Università di Catania e ricercatrice onoraria presso il Laboratorio di Neuroinfiammazione UCL Queen Square Neurology di Londra
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita

Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Lavoro

Medici di famiglia sull’orlo di una crisi di nervi… Stressati 9 su 10. Pesano Covid, burocrazia e Whatsapp

Il malessere dei medici di famiglia, tra carenza di colleghi, difficoltà a trovare sostituti e una burocrazia sempre più elevata, «è palpabile» e arriva a sfiorare il ...
di V.A.
Salute

Disabilità, Piano Educativo Individualizzato: alle scuole medie spariscono esonero e percorso differenziato

Il Miur (con Decreto ministeriale n.153 del 1/8/2023) ha modificato il nuovo Piano Educativo Individualizzato (D.I. 182/2020), accogliendo alcune delle proposte di CoorDown e del Comitato #NoEsonero c...