Formazione 1 marzo 2016

Ex specializzandi: ecco il percorso per la transazione

Ai microfoni di Sanità informazione, il senatore Piero Aiello spiega le tappe di mozione e Ddl unificato. Il senatore Pietro Liuzzi: «In gioco i diritti e la salvezza delle finanze pubbliche. Serve accordo e lo troveremo»

Immagine articolo

Chiuse le unioni civili, si discute di ex specializzandi». Parola di Piero Aiello, Senatore di Ncd, medico e primo firmatario della mozione che spinge il governo ad affrontare una volta per tutte il problema del mancato pagamento della borsa di studio ai medici che hanno frequentato una scuola post-laurea tra il 1978 e il 2006.


Un fronte trasversale di 21 senatori che chiede al governo di mettere il punto ad una questione che va avanti da decine di anni e che rischia di costare alle casse pubbliche cifre elevatissime, quasi insostenibili. Ad accompagnare questa mozione, è già in cantiere un Disegno di legge unificato che ingloberà e supererà i tre Ddl già in discussione in Parlamento. E a riprova che questa volta si fa davvero sul serio, è già chiaro qual è il percorso che faranno entrambi i documenti: «Per quanto riguarda la mozione – spiega Aiello – questa deve essere discussa in Aula. Saranno la Conferenza dei Capigruppo e il Presidente del Senato a decidere quando, in base all’ordine cronologico e agli elementi criteriali che contraddistinguono proprio le conferenze dei capigruppo». E ora che il Parlamento ha terminato la discussione sulle unioni civili, il Senatore Aiello conferma che presenterà «questo testo sintesi che raggrupperà tutte le proposte che ci sono in commissione» e che «dovrà essere discusso dalla Commissione Cultura, che è quella di riferimento, e poi portata in Aula». Questo, dunque, il duplice percorso che porterà i due testi («l’uno rafforzerà l’altro», dice Aiello ai nostri microfoni) a quella che si appresta a diventare l’ultima discussione prima della risoluzione definitiva. Un percorso «virtuoso – spiega ancora Aiello – che possa da una parte consentire allo Stato di risparmiare milioni e milioni di euro a causa dei ricorsi vinti dai medici, e dall’altra garantire finalmente il rispetto dei diritti acquisiti anni fa da parte dei colleghi».

Tra i firmatari della mozione c’è anche il Senatore Pietro Liuzzi (Ncd), che motiva così la sua decisione di far parte del fronte favorevole ad una mediazione tra Stato e medici ex specializzandi: «Il governo sembra fare orecchie da mercante – spiega ai nostri microfoni –. Purtroppo ci siamo resi conto che questo atteggiamento non fa bene alle sorti non solo del Governo, ma anche della finanza pubblica, visto che temiamo possa essere obbligata a pagare cifre insostenibili. Per questo – continua il Senatore – è raccomandabile un atteggiamento più disponibile da parte dell’Esecutivo, aperto, che venga incontro alla problematica e alle giuste rivendicazioni degli ex specializzandi, che nella mozione e nel testo di legge che stiamo presentando trovano la nostra solidarietà e la sicurezza che i diritti maturati non possono essere mortificati». Ma in gioco non ci sono soltanto i diritti di chi ha passato anni di studio e lavoro senza vedere il becco di un quattrino. C’è anche (non secondaria) la tenuta delle finanze pubbliche, messa in pericolo dalle vittorie sempre più numerose dei professionisti che si rivolgono alla magistratura. «È questo il punto su cui mettiamo in guardia il Governo – conclude il Senatore Liuzzi –: perché pagare cifre esose che possono sballare per davvero i conti pubblici e non addivenire a più ragionevoli conclusioni che mettano d’accordo le ragioni degli uni e degli altri? Di questo ovviamente ci faremo carico e ritengo che la buona volontà di tutti i componenti al tavolo possa veramente portare a una soluzione del problema».

Articoli correlati
Specializzazioni, SIGM: bene miglioramento scuole ma ora accelerare. Il 5 scatta il #GiovaniMediciDay
Segretariato Italiano dei Giovani Medici (SIGM): situazione andava affrontata, ci sono specializzandi di area chirurgica costretti a sola attività ambulatoriale perché iscritti a scuole mancanti di sale operatorie o sale parto
Ex specializzandi, slitta data azione collettiva: ricorsi possibili fino al 25 luglio
Boom di adesioni alla nuova azione collettiva di Consulcesi sulla scia della campagna "37 milioni in 37 giorni", con il quale sono stati rimborsati oltre 1.100 camici bianchi di tutta Italia. «Ricevute oltre 5mila richieste in meno di un mese»
Rimborsi ex specializzandi: 37 milioni in 37 giorni in tutta Italia. Ma ora c’è il rischio prescrizione
Grande successo per il “giro d’Italia” con cui Consulcesi consegna gli assegni per gli anni di scuola post-laurea non pagati: «Attese nuove sentenze in breve tempo ma resta il rischio prescrizione. Per non perdere il rimborso produrre un atto interruttivo gratuito o aderire alla prossima azione collettiva»
Ex specializzandi lavoravano senza essere pagati: lo Stato li risarcisce con oltre 8 milioni di euro
L’iniziativa "37 milioni in 37 giorni" fa tappa a Modena. L’Amministratore Delegato di Consulcesi, Andrea Tortorella: «Il diritto dei medici specialisti è riconosciuto da tutti i tribunali. Per non lasciare nessuno senza rimborso, il 15 luglio parte la nuova azione collettiva»
Ex Specializzandi: “37 milioni in 37 giorni”. Arrivano rimborsi in tutta Italia
Partita dalla Sardegna la nuova iniziativa di Consulcesi: fino al 13 luglio rimborsi in tutte le Regioni italiane per le borse di studio negate ai medici specialisti il 1978 ed il 2006. Nuove tappe nelle Marche, in Abruzzo, Molise, Basilicata, Calabria, Campania e via via tutte le altre. Intanto accordo transattivo ancora al palo, ma rischio prescrizione. Consulcesi lancia nuova azione collettiva il 15 luglio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Formazione

Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare

Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intant...