Ecm 5 aprile 2016

Medici competenti: scatta la corsa per recuperare i crediti. Burtone (Pd): «Su ECM maggior rigore e regole più precise»

Ancora tre mesi per mettersi in regola ed essere riammessi al lavoro. Un nuovo corso Fad dedicato: “La sindrome del disadattamento”. L’onorevole Burtone: «Il web grande alleato dei camici bianchi che vogliono completare formazione»

Immagine articolo

Nessuna sanatoria, ma ancora tre mesi per mettersi in regola. I medici competenti che sono risultati non in regola con i crediti ECM del triennio formativo 2011-2013, e che dunque sono stati cancellati dal relativo elenco, hanno la possibilità di rientrare a farne parte già da luglio, ma solo nel caso in cui riescano a mettersi in regola entro giugno.

È quanto spiegato dalla FNOMCeO(Federazione Nazionale Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri) sulla base del decreto con cui il Ministero della Salute ha concesso, lo scorso novembre, la possibilità dirientrare nell’elenco dei medici competenti ad oltre 6.500 operatori sanitari.

I camici bianchi che, invece, avevano acquisito meno della metà dei crediti relativi al triennio passato, per reiscriversi nell’elenco dovranno necessariamente portare a termine il programma di aggiornamento 2014-2016, con il conseguimento del 70% dei crediti previsti nella disciplina della “medicina del lavoro e sicurezza degli ambienti di lavoro”. E proprio in questo ambito, uno dei principali provider italiani Sanità in-Formazione con il partner Consulcesi ha appena pubblicato il nuovo corso FAD “La sindrome del disadattamento” che fornisce 9 crediti ECM ed è disponibile gratuitamente online.

La sanzione per i medici competenti che non riusciranno ad adeguarsi è la cancellazione dall’elenco nazionale. Ma la prorogarappresenta una mano tesa ai professionisti che per qualche motivo non hanno potuto (o voluto) onorare l’obbligo formativo triennale. La linea del Ministero, però, resta chiara: mettere tra le priorità di ogni singolo medico che opera nel Ssn la formazione continua. Sanità informazione ha parlato con l’onorevole Giovanni Burtone (PD), medico e membro della XII Commissione (Affari Sociali).

«Senza dubbio le sanatorie creano sempre qualche problema e qualche polemica. In verità, nel caso dei medici competenti, c’era la necessità di dare una risposta concreta in un campo delicatissimo come quello della tutela e della prevenzione della salute dei lavoratori. Per questo il Ministero della Salute ha deciso di dare una nuova possibilità e dunque riammettere solo quei professionisti che riusciranno a mettersi di nuovo in linea con i protocolli stabiliti per la formazione e l’aggiornamento. Per quanto riguarda il futuro, è necessario tornare ad una politica di rigore, così come è necessario che i medici riprendano ad affrontare continuamente la loro formazione. Serve un aggiornamento adeguato ed è per questo che si deve lavorare, per una regolamentazione ancora più precisa, utilizzando lo strumento legislativo. Dovremo dunque discutere, in maniera ferma e seria, su quali dovranno essere i criteri su cui lavorare per avere una formazione continua in medicina di qualità. Vedremo nelle prossime settimane».

Un appello dunque alle istituzioni e, in particolare, al Parlamento, affinché regolamenti al meglio la materia per dare ai medici una formazione regolare e di qualità. Altrimenti, sanzioni o incentivi possono essere una soluzione, magari proposta attraverso un Disegno di legge ad hoc.
«È assolutamente necessario intraprendere un’iniziativa del genere. Perché è indubbio che il medico deve essere messo davanti alle proprie responsabilità con rigore, ma è altrettanto fuori discussione che il professionista deve anche essere incentivato ad impiegare tempo e forze per la formazione continua. Ecco perché lo strumento legislativo può essere la chiave di volta per rispondere seriamente a queste problematiche».

Grazie alle nuove tecnologie, che hanno dato nuova vita alla Formazione a Distanza, il medico è comunque molto aiutato in termini di spazio e tempo da impiegare per formarsi. Per questo la FAD, se di qualità, può rappresentare il mezzo giusto per adempiere all’obbligo ECM.
«Le nuove tecnologie permettono ai professionisti sanitari, e non solo, di svolgere fino in fondo il processo formativo. Questa possibilità deve però essere inserita, ripeto, in un quadro di grande rigore, perché la formazione continua rappresenta uno degli strumenti più importanti per dare ai nostri cittadini la garanzia di ricevere cure di qualità».

Articoli correlati
A Roma dal 5 al 7 luglio medici e giuristi a confronto sulla medicina legale e l’accertamento della verità
Guidati dai responsabili scientifici Prof. Vittorio Fineschi e Prof.ssa Paola Frati, gli ospiti affronteranno la metodologia medico-legale, il ruolo dei consulenti e dei periti, le novità della legge Gelli, e la legge sul consenso informato e le disposizioni anticipate di trattamento
Ecm in sanità, Agenas apre la consultazione pubblica online
Agenas ha aperto la consultazione pubblica online del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario, il compendio che fissa la disciplina nazionale Ecm rivolta ai professionisti della salute. La consultazione pubblica, finalizzata a promuovere una maggiore partecipazione dei soggetti interessati e dei cittadini alle decisioni pubbliche, chiude il 25 luglio. Il 25 giugno è stata […]
Responsabilità professionale e formazione ECM: medici non aggiornati a rischio nei contenziosi (e pagano assicurazioni più salate)
La Legge Gelli sulla responsabilità medico-sanitaria ha compiuto il suo primo anno di vita e, in attesa degli ultimi decreti attuativi che ne chiuderanno definitivamente il perimetro, l’aggiornamento professionale è lo snodo centrale della normativa
Contratto medici, Coletto (Agenas): «Serve sforzo per rinnovo. Sistema sanitario italiano è quello che costa meno in Europa»
Il presidente dell’Agenzia per i Servizi sanitari Regionali chiarisce: «Gli accantonamenti da parte delle Regioni sono stati fatti, si tratta solo di definire le modalità». Poi sottolinea: «Preparazione dei medici italiani è tra le migliori»
Legge Gelli: identikit del medico a rischio contenzioso. Ortopedici e ginecologi nel mirino, i più prudenti sono maschi e del Nord
Gli attesi decreti attuativi in materia assicurativa chiuderanno il cerchio normativo della Legge Gelli. Intanto medici e strutture sanitarie “affrontano il risk” puntando sulla formazione. Paola Frati, professore ordinario di Medicina legale presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”: «Adeguata e continua formazione dei professionisti sanitari è snodo centrale della nuova legge»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...
Formazione

Numero chiuso, 800 posti in più a Medicina. Gaudio (Sapienza): «Necessari per far fronte a carenza medici»

Saranno 9779 gli aspiranti camici bianchi che potranno immatricolarsi in autunno. Comunicate anche le date dei test: si inizia il 4 settembre con Medicina e Odontoiatria, il 5 con Veterinaria, il 12 s...