Speciale del 21 maggio 2020

Idee per la sanità del dopo

Sanità Informazione ha raccolto riflessioni, proposte e idee inedite dei principali attori del mondo sanitario che hanno risposto a una domanda: come dovrà cambiare la sanità dopo l’emergenza Covid-19? I contributi di Ordini professionali, sindacati, federazioni, politici, società scientifiche, strutture ospedaliere pubbliche e private e associazioni di pazienti

Le proposte delle professioni per il futuro della sanità

I contributi di medici, infermieri, tecnici, psicologi, ostetriche e odontoiatri

I contributi di sindacati e federazioni

Le proposte di Anaao-Assomed, Cimo-Fesmed, Fimmg, Aaroi-Emac, Fp Cgil Medici, Federfarma, Fassid, FVM, Cisl Medici Lazio, Smi, Sumai, Cimop, FederSpecializzandi e SIGM

Le riflessioni della politica e delle istituzioni

Le opinioni di Ministero, Commissioni parlamentari, M5S, Pd, Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia

Le idee delle società scientifiche

Gli interventi necessari secondo epidemiologi, pneumologi, ingegneri clinici, cardiologi, geriatri, urgentisti, oncologi, pediatri, anestesisti rianimatori, neurologi, medicina generale e penitenziaria

Le opinioni dei pazienti

Le posizioni di Cittadinanzattiva, OMAR, AIMAC

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Coronavirus, il fisico Sestili: «I numeri che abbiamo in Italia sono ancora distanti dalla realtà. Nel mondo contagi in aumento»

Il fondatore della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche”: «Gli italiani hanno fame di notizie, ma servono dati di qualità»
di Tommaso Caldarelli