Salute 12 Giugno 2019 09:32

Vita sana e più lunga? Con la dieta mima-digiuno del professor Valter Longo

Qual è il segreto per vivere sani e a lungo? Un’alimentazione controllata e una redistribuzione della flora batterica microbiotica intestinale. Ne è convinto il professor Valter Longo, ideatore della dieta mima-digiuno

di Federica Bosco
Vita sana e più lunga? Con la dieta mima-digiuno del professor Valter Longo

Qual è il segreto per vivere sani e a lungo?  La risposta a questo quesito sembra averla trovata il professor Valter Longo: alimentazione controllata e redistribuzione della flora batterica microbiotica intestinale. Lo scienziato italiano, Direttore dell’Istituto di Longevità della University of Southern California (USC) e Group Leader IFOM (Istituto FIRC di oncologia molecolare) di Milano dove coordina un team di ricerche concentrato sul rapporto tra longevità e cancro, originario di Genova, inserito dal Time nella lista dei 50 personaggi più influenti del 2018 in ambito della salute, con la sua equipe di ricercatori della University of South California, ha messo a punto la dieta Mima digiuno. E dopo 25 anni di studi rivoluzionari su genetica, alimentazione e staminali sembra non avere più dubbi: curarsi con il cibo è possibile. Non solo, riducendo il grasso addominale è possibile rigenerare e ringiovanire il corpo abbattendo in modo significativo il rischio di cancro, di patologie cardiovascolari e autoimmuni, diabete e malattie neurodegenerative come l’Alzheimer.

«Abbiamo pubblicato recentemente uno studio sulle malattie infiammatorie intestinali, – spiega il luminare ligure –  quindi Chron e colite, principalmente nei topi, ma anche abbiamo anche fatto degli studi sugli uomini, con un campione di 100 pazienti con malattie infiammatorie intestinali ed abbiamo visto che: nell’uomo riduce l’infiammazione sistemica e nel topo riesce proprio a guarire o diminuire nettamente i sintomi di queste due malattie intestinali invalidanti. Quindi riduce l’infiammazione e allo stesso tempo permette alle cellule dell’intestino di aumentare in numero e di promuovere il processo rigenerativo».

Parlando della dieta mima digiuno, ricordiamo quali sono gli elementi che la caratterizzano?

«La dieta simula il digiuno e quindi rende il più sicuro, ma anche il più facile possibile, la vita al paziente, in media dura cinque giorni su persone sane, mentre in caso di malati oncologici dura quattro giorni, mentre chi ha una malattia autoimmune deve seguire la dieta mima digiuno per sette giorni. Il contenuto è povero di proteine, basso di zuccheri e alto di grassi di un certo tipo. È una formulazione molto complessa che va a simulare il digiuno. Mentre prima eravamo più concentrati su sicurezza e funzioni, ora abbiamo anche capito che il contenuto specifico della Mima digiuno è importante. Ad esempio, le sostanze prebiotiche, che permettono a certi tipi di microbi di crescere, sembrano essere molto importanti e quindi teniamo in grande considerazione non solo il mima digiuno, ma anche la popolazione dei batteri intestinali».

Esiste anche una correlazione con la lunghezza della vita, tanto è vero che lei ha ideato anche la dieta della longevità…

«Nei topi abbiamo visto che esiste una correlazione con una estensione della vita sana, nell’uomo abbiamo dimostrato che si verifica una riduzione di una serie di marcatori dell’invecchiamento e di alcune malattie e quindi è difficile pensare che questa rivoluzione dei marcatori dell’invecchiamento e delle malattie non porti poi anche ad un allungamento della vita».

Con la dieta mima digiuno, il Professor Longo consiglia ogni giorno la dieta della longevità raccontata nel suo ultimo best seller con oltre 200 ricette da provare.

«La dieta testata clinicamente è vegana con mandorle, noci, zuppe di verdura, tutto per ottimizzare queste risposte che sono tipiche del digiuno».

Una dieta da seguire per quanto tempo?

«Nel mondo milioni di persone la seguono. Deve essere ripetuta un paio di volte l’anno per chi fa una dieta equilibrata ed esercizio fisico, e fino a 12 volte per chi è diabetico, ha il colesterolo alto e glicemia alta a digiuno».

Articoli correlati
Le emozioni possono aiutare la scienza. La storia di Sammy, il giovane alla ricerca di una cura per l’invecchiamento precoce
“Sammy-seq”, “base-editing” e farmaci che rallentano la progressione della patologia: ecco le tre scoperte che hanno rivoluzionato il trattamento della progeria, la patologia dell’invecchiamento precoce
di Isabella Faggiano
Defibrillatori, è legge la norma ‘salva-vite’ attesa da 20 anni. Più DAE nella PA aperte al pubblico e sui mezzi di trasporto
Dopo un iter lungo due anni, la commissione Affari Sociali ha approvato in via definitiva la norma. Tra le novità campagne di sensibilizzazione nelle scuole e l’immunità per chi presta soccorso senza aver frequentato un corso
Giornata della Sclerodermia, la malattia non tarpa le ali ai sogni. La storia di mamma Gabriella
Si celebra il 29 giugno di ogni anno, in tutto il mondo. La presidente Ails: «La sclerodermia è una malattia molto invalidante, soprattutto nelle sue forme più gravi. Ma non può e non deve impedire la realizzazione dei propri desideri»
di Isabella Faggiano
Medicina, meme e “catarsi comica”. Com’è nato e in cosa consiste il fenomeno social Memedical
Intervista a Nicola Gambadoro, fondatore del gruppo Facebook che raccoglie, al momento, oltre 56mila camici bianchi iscritti
La dieta della tiroide, ecco gli alimenti consigliati e quelli da evitare
Nell’intervista a Sanità Informazione, l’endocrinologa Serena Missori spiega quali sono i cibi che aiutano la tiroide e come lo stress influisce negativamente sulla salute di questa ghiandola. La chef Marisa Maffeo: «Mangiare bene senza rinunciare al gusto»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 agosto, sono 198.335.925 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.224.492 i decessi. Ad oggi, oltre 4.11 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva