Salute 25 Gennaio 2024 16:50

Ogni anno di studio aumenta l’aspettativa di vita

Ogni anno trascorso a scuola o all’università migliora l’aspettativa di vita. Al contrario non frequentare ha tassi di mortalità pari al fumare o al bere molto. Almeno questo è quanto emerso dal primo studio sistematico che collega direttamente l’istruzione al guadagno in longevità, pubblicato sulla rivista The Lancet Public Health

Ogni anno di studio aumenta l’aspettativa di vita

Ogni anno trascorso a scuola o all’università migliora l’aspettativa di vita. Al contrario non frequentare ha tassi di mortalità pari al fumare o al bere molto. Almeno questo è quanto emerso dal primo studio sistematico che collega direttamente l’istruzione al guadagno in longevità, condotto dai ricercatori dell’Università norvegese di scienza e tecnologia e dell’Università di Washington a Seattle. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista The Lancet Public Health. Utilizzando dati provenienti da paesi industrializzati come il Regno Unito e gli Stati Uniti, nonché da paesi in via di sviluppo come Cina e Brasile, la revisione ha rilevato che il rischio di mortalità di un adulto diminuisce del 2% per ogni anno di istruzione a tempo pieno.

Non frequentare la scuola diminuisce l’aspettativa di vita, quanto fumare 10 sigarette al dì ogni giorno

Secondo l’analisi, completare l’istruzione primaria, secondaria e terziaria equivale a seguire una dieta sana per tutta la vita, riducendo il rischio di morte del 34% rispetto a chi non ha seguito un percorso d’istruzione formale. All’estremo opposto, non frequentare la scuola in nessun momento ha dimostrato avere un impatto negativo sulla salute degli adulti quanto consumare cinque o più bevande alcoliche al giorno o fumare 10 sigarette al giorno per un decennio. Lo studio dà un ulteriore impulso agli sforzi compiuti in Inghilterra per garantire la permanenza dei bambini a scuola e, secondo gli esperti, i risultati sottolineano le connessioni tra la frequenza scolastica e la salute. Inoltre, l’innalzamento dell’età di abbandono scolastico e l’aumento del numero di giovani che proseguono gli studi potrebbero aggiungere anni ai futuri livelli di aspettativa di vita.

L’assenteismo scolastico può avere un impatto sulla salute dei bambini

Sebbene i benefici dell’istruzione sull’aspettativa di vita siano riconosciuti da tempo, la ricerca è la prima a calcolare il numero di anni di istruzione e le sue connessioni con la riduzione della mortalità. “Lo studio è frutto di un lavoro impressionante”, sottolinea Neil Davies, professore di statistica medica all’University College di Londra ed esperto dei legami tra istruzione e salute, che non ha partecipato alla ricerca. Davies ha però messo in guardia sul fatto che le associazioni riscontrate in passato potrebbero cambiare, vista la recente espansione dell’istruzione superiore nel Regno Unito e lo stesso vale anche per altri fattori, come il declino del fumo, tanto che i tassi sono ora simili tra laureati e non laureati. Davies ha, inoltre, osservato che tassi più elevati di assenze scolastiche potrebbero far perdere ai bambini i futuri benefici per la salute.

Abbiamo prove convincenti che investire sull’istruzione significa investire nella longevità

“Vale la pena notare che l’aumento dei tassi di assenza da scuola ha conseguenze importanti che vanno oltre il loro effetto sulla salute”,  sottolinea Davies. “La relazione tra tempo impiegato nell’istruzione e guadagno è stata studiata molto bene ed è piuttosto solida ed è anche probabile che la situazione sia peggiore per gli studenti più svantaggiati. Onestamente, i legami tra istruzione e mortalità – continua – sono l’ultima delle nostre preoccupazioni riguardo all’aumento dei tassi di assenza scolastica; le conseguenze sul mercato del lavoro sono probabilmente peggiori”. Per i ricercatori, la metanalisi, rappresenta una prova convincente a sostegno di un aumento degli investimenti nell’istruzione come modo per ridurre le disuguaglianze nei tassi di mortalità globali. “L’istruzione è importante di per sé, non solo per il suo effetto benefico sulla salute, ma ora essere in grado di quantificare l’entità di questo apporto positivo è uno sviluppo significativo”, sostiene Terje Andreas Eikemo, della NTNU, coautore dello studio.

L’istruzione aiuta a costruire legami sociali migliori

L’analisi ha inoltre rilevato che i miglioramenti della longevità sono simili nei Paesi ricchi e in quelli poveri, indipendentemente dal sesso, dalla classe sociale e dalla demografia. “Il livello di istruzione aiuta a costruire legami sociali migliori, permette di accedere e comprendere meglio le informazioni che possono aiutare a fare scelte migliori, anche in campo finanziario”, commenta David Finch, vicedirettore della Health Foundation. “Può aiutarvi a sentirvi responsabilizzati e valorizzati: queste sono cose un po’ più morbide e davvero importanti che possono aiutare le persone. Un canale chiave è l’istruzione, che porta a guadagni più elevati nel corso della vita – continua – e che a sua volta aiuta ad accedere a molte altre cose davvero importanti, come una migliore qualità dell’abitazione, una dieta migliore”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Aumenta l’incidenza e la mortalità del tumore al colon-retto tra i giovani adulti, colpa di alcol e obesità
L'incidenza e la mortalità per tumore al colon-retto sono in aumento tra i giovani adulti di 25-49 anni. E' quanto emerge dai risultati, di uno studio, pubblicato sulla rivista Annals of Oncology, nel quale si prevedono i tassi di mortalità per tumore nell'Unione Europea (UE) e nel Regno Unito per il 2024. Ciononostante, la mortalità prevista per questo tipo di tumore risulta complessivamente in calo in tutta Europa
di V.A.
Tre tazze di tè al giorno allungano la vita
L'elisir di lunga vita esiste e si cela dentro tre tazze di tè al giorno. A dimostrarlo è uno studio condotto dalla Sichuan University di Chengdu, in Cina, e pubblicato sulla rivista The Lancet Regional Health – Western Pacific. I ricercatori hanno esaminato i dati di quasi 14.000 volontari britannici e cinesi e hanno rilevato che tre tazze di tè al giorno potrebbero rallentare l’invecchiamento biologico, grazie all'azione di diversi potenti composti
La neuroscienziata Arianna Di Stadio: “Proteggiamo il cervello con l’alimentazione”
Il nostro cervello può essere protetto dall'invecchiamento grazie all'alimentazione. A spiegarlo è Arianna di Stadio, attualmente docente di Otorinolaringoiatria all’Università di Catania e ricercatore onorario all’UCL Queen Square Neurology di Londra, intervistata da Sanità Informazione
Olimpiadi del Ringiovanimento, l’italiano Gian Marco Belardi entra nella rosa dei candidati. “Oggi il mio corpo è 6 anni più giovane della mia età anagrafica”
Intervista al giovane imprenditore romano Gian Marco Belardi, atleta della longevità, che è entrato nella rosa dei candidati di una particolare competizione in cui vince chi invecchia più lentamente
Nel 2022 il caldo ha ucciso oltre 70mila persone in Europa, più di quanto stimato prima
Durante l'estate del 2022 la mortalità per caldo in Europa è stata piuttosto elevata, più di quanto precedentemente stimato. Uno studio condotto dall’Istituto di Barcellona per la salute globale, pubblicato su The Lancet Regional Health – Europe, ha concluso che, a causa delle temperature elevate, si sarebbero verificati oltre 70.000 decessi nel Vecchio Continente lo scorso anno
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...