Salute 28 febbraio 2014

Telemedicina, un salto in avanti per le nuove tecnologie

La Sanità italiana al banco di prova su un fenomeno che riscrive le regole del gioco

Immagine articolo

La telemedicina sbarca anche in Italia. A causa della necessità fisiologica di trovare soluzioni condivise e modelli di governance uniformi per un fenomeno ormai già consolidato nella prassi, la Conferenza Stato Regioni è chiamata a pronunciarsi sulle linee d’indirizzo proposte riguardo al tema, scaturite dal tavolo di lavoro ad hoc istituito nel 2010, presso il Consiglio Superiore di Sanità, dall’allora ministro della Salute Ferruccio Fazio.

L’obiettivo è giungere ad un’applicazione organica, su tutto il territorio nazionale, della medicina a distanza, grazie all’implementazione delle strategie gestionali indicate sul documento, che riguardano la programmazione, lo sviluppo, il monitoraggio e la valutazione dei servizi.

Il fenomeno della telemedicina nasce e si sviluppa con diverse finalità: prevenzione secondaria, diagnosi, cura, riabilitazione e monitoraggio, e si declina nelle tre categorie della televisita, del teleconsulto e della telecooperazione sanitaria. Presupposti necessari affinché il sistema entri a regime – concorrendo ad un miglioramento del percorso diagnostico e terapeutico – saranno la formazione dei medici e di tutti gli operatori del settore e il processo di empowerment da parte dei pazienti. Il fattore più importante da tenere in considerazione sarà però l’implicazione della sfera etica. La posta in gioco è quella di riuscire a riscrivere il tradizionale rapporto medico-paziente, da sempre basato sulla fiducia e sul contatto fisico, secondo un’ottica telematica; ma senza un’adeguata certificazione e senza l’elaborazione di modelli appositi di consenso informato che soddisfino il particolare requisito di assistenza “da remoto”, il rischio è di “allontanare” i due centri portatori di interessi. Inoltre, l’applicazione del servizio non mancherà di sollevare eventuali profili critici connessi ad aspetti normativi e regolamentari, tra cui quelli relativi alla tutela della riservatezza e della responsabilità professionale; questi ambiti saranno gestiti da un’apposita commissione paritetica, cui sarà devoluto il compito di avanzare proposte, anche tecniche, presso il Ministero della Salute.

Si tratta di una vera e propria sfida per il nostro Servizio sanitario nazionale – imposta dall’avvento e dalla proliferazione delle nuove tecnologie in medicina – che è chiamato ad approntare una serie di misure per adeguarsi ai parametri richiesti, e che in previsione sarebbe ben ripagato, non solo con un considerevole risparmio di spesa, ma con l’opportunità di ottimizzare il rapporto di continuità tra strutture ospedaliere e territorio, di sfruttare le potenzialità del filo diretto tra medico e paziente, di giungere finalmente ad un equo accesso all’assistenza e alla continuità delle cure.

Articoli correlati
Salute, ecco la maglietta “intelligente” che monitora cuore e respirazione
Dagli attacchi di panico sotto risonanza magnetica all’ottimizzazione delle prestazioni sportive: tante le peculiarità della nuova applicazione tecnologica sviluppata da ENEA e Università Campus Bio-Medico di Roma
Napoli, all’ospedale Santobono iniettato un monitor cardiaco
Il cuore dei bambini monitorato con una siringa sotto cute. L’intervento di eccellenza è avvenuto all’ospedale Santobono di Napoli, dove qualche giorno fa un bambino è stato ricoverato dopo aver avuto una sincope dovuta ad un’improvvisa alterazione del ritmo cardiaco.Per questo motivo, come riporta Repubblica, l’equipe del dottor Paladini ha provveduto ad iniettare sotto pelle un […]
Anziani in rsa: uno su 5 è malnutrito. La telemedicina entra nelle strutture per gestire il problema
Sono anziani, malati cronici, persone con una storia di ricoveri ospedalieri recenti e soggetti poveri o che vivono in condizioni di isolamento sociale i gruppi maggiormente a rischio di malnutrizione. Una condizione di franca fragilità che porta a conseguenze spesso drammatiche che un aumentato rischio di infezioni, comorbidità e complicanze, ricoveri più lunghi e maggior […]
Sicurezza dati sanitari, Gabbrielli (ISS): «Giusto proteggerli ma attenzione a non comprometterne l’utilizzo per la ricerca»
L’aggiornamento alla normativa della privacy in arrivo per il 25 maggio dovrà riuscire a mantenere un corretto equilibrio fra protezione e progresso. «La medicina del futuro dipende dai Big data» così Francesco Gabbrielli, Direttore del Centro Nazionale per la Telemedicina dell’Istituto Superiore di Sanità
“Telemedicina in emergenza-urgenza”, il convegno CIMO a Perugia
La Telemedicina ancora non decolla in Italia, è stata adottata a macchia di leopardo o con investimenti sbagliati, mentre in tutto il mondo i suoi vantaggi sono riconosciuti e sfruttati in termini di efficacia, qualità e risparmio. Prende le mosse da questo scenario il confronto tra esperti dedicato a “Telemedicina in emergenza-urgenza” organizzato dal sindacato […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila