Salute 28 Febbraio 2014 15:06

Telemedicina, un salto in avanti per le nuove tecnologie

La Sanità italiana al banco di prova su un fenomeno che riscrive le regole del gioco

Telemedicina, un salto in avanti per le nuove tecnologie

La telemedicina sbarca anche in Italia. A causa della necessità fisiologica di trovare soluzioni condivise e modelli di governance uniformi per un fenomeno ormai già consolidato nella prassi, la Conferenza Stato Regioni è chiamata a pronunciarsi sulle linee d’indirizzo proposte riguardo al tema, scaturite dal tavolo di lavoro ad hoc istituito nel 2010, presso il Consiglio Superiore di Sanità, dall’allora ministro della Salute Ferruccio Fazio.

L’obiettivo è giungere ad un’applicazione organica, su tutto il territorio nazionale, della medicina a distanza, grazie all’implementazione delle strategie gestionali indicate sul documento, che riguardano la programmazione, lo sviluppo, il monitoraggio e la valutazione dei servizi.

Il fenomeno della telemedicina nasce e si sviluppa con diverse finalità: prevenzione secondaria, diagnosi, cura, riabilitazione e monitoraggio, e si declina nelle tre categorie della televisita, del teleconsulto e della telecooperazione sanitaria. Presupposti necessari affinché il sistema entri a regime – concorrendo ad un miglioramento del percorso diagnostico e terapeutico – saranno la formazione dei medici e di tutti gli operatori del settore e il processo di empowerment da parte dei pazienti. Il fattore più importante da tenere in considerazione sarà però l’implicazione della sfera etica. La posta in gioco è quella di riuscire a riscrivere il tradizionale rapporto medico-paziente, da sempre basato sulla fiducia e sul contatto fisico, secondo un’ottica telematica; ma senza un’adeguata certificazione e senza l’elaborazione di modelli appositi di consenso informato che soddisfino il particolare requisito di assistenza “da remoto”, il rischio è di “allontanare” i due centri portatori di interessi. Inoltre, l’applicazione del servizio non mancherà di sollevare eventuali profili critici connessi ad aspetti normativi e regolamentari, tra cui quelli relativi alla tutela della riservatezza e della responsabilità professionale; questi ambiti saranno gestiti da un’apposita commissione paritetica, cui sarà devoluto il compito di avanzare proposte, anche tecniche, presso il Ministero della Salute.

Si tratta di una vera e propria sfida per il nostro Servizio sanitario nazionale – imposta dall’avvento e dalla proliferazione delle nuove tecnologie in medicina – che è chiamato ad approntare una serie di misure per adeguarsi ai parametri richiesti, e che in previsione sarebbe ben ripagato, non solo con un considerevole risparmio di spesa, ma con l’opportunità di ottimizzare il rapporto di continuità tra strutture ospedaliere e territorio, di sfruttare le potenzialità del filo diretto tra medico e paziente, di giungere finalmente ad un equo accesso all’assistenza e alla continuità delle cure.

Articoli correlati
Sanità digitale e cronicità, Salutequità: «Urgente aggiornare Piano Nazionale Cronicità e rivedere i PDTA»
Tra le richieste di Salutequità alla politica quella di misurare gli esiti della telemedicina e definire le tariffe specifiche per tutte le prestazioni di telemedicina
La telemedicina sbarca in Toscana: a Gorgona il primo test in un’isola-penitenziario
Obiettivo migliorare le prestazioni e ridurre i costi di spostamento. A Capraia successo per un primo test rivolto a tutta la popolazione. «Vogliamo creare un collegamento tra il medico di base e i vari specialisti» spiega Alessandro Iala, direttore dell'area Supporto ai servizi sanitari e al cittadino dell'Asl Toscana Nord Ovest. Anche ecografie ed elettroencefalogramma vengono teleguidate da remoto
di Francesco Torre
Indolfi (SIC) fuori dal coro: «Telemedicina foglia di fico, investire su ospedali, PS e posti letto»
«Milioni di pazienti cardiologici non sanno di esserlo e potrebbero scoprirlo troppo tardi. Diagnostica, terapie e monitoraggio dei risultati delle procedure da recuperare con urgenza»
Dal PNRR nuove tecnologie per la sanità. Ma gli italiani non sanno usarle e l’Italia è troppo poco connessa
Analfabetismo digitale e connessione scadente, Boggetti (Confindustria Dispositivi Medici): «Gli anziani sono tra coloro che avrebbero più bisogno dei servizi di telemedicina, ma non sanno usarli. E la maggior parte di loro vive in zone d’Italia dove si fa fatica pure a fare una telefonata, figuriamoci scambiare dati ad alta risoluzione»
Ambulatori aperti di sera e nel weekend: il nuovo corso della sanità lombarda
Grazie al PNRR Regione Lombardia mette in campo strategie per abbattere le liste d’attesa ma resta l’incognita del personale. Medici e infermieri sono ancora insufficienti per soddisfare le esigenze del territorio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni