Salute 5 agosto 2014

Ssn, pubblicati i dati sul personale: “quote rosa” in crescita

Ma il Ministero della Salute registra un calo di 3mila posti di lavoro

Immagine articolo

La sanità è donna. Lo dicono gli ultimi dati disponibili sul personale del Servizio sanitario nazionale.

Stando al documento appena presentato dal Ministero della Salute e riguardante i dati del “Personale delle A.S.L. e degli istituti di cura pubblici”, i professionisti del gentil sesso operanti nel Ssn raggiungono il 65,3 per cento del totale, in aumento dello 0,7 per cento rispetto all’anno precedente. Almeno questo accadeva nel 2011, ultimo anno esaminato dall’Ufficio di Direzione Statistica del dicastero guidato da Beatrice Lorenzin. Si tratta dunque di numeri che potrebbero non rispecchiare in pieno la situazione attuale, ma che indicano comunque un trend interessante se paragonato a quelli dello studio precedente.

Nel 2010, infatti, i medici e gli odontoiatri donna operanti nelle strutture pubbliche raggiungevano il 36,9 per cento del totale. Un dato che l’anno successivo è aumentato fino a toccare il 38,3 per cento. In questo ambito, dunque, gli uomini sono più numerosi delle donne, se non fosse per lo schiacciante 77,3 per cento che caratterizza il dato relativo al personale infermieristico “rosa” e che sposta la media a favore di quest’ultimo.
Ma non basta. Se paragoniamo l’intero personale dipendente del Ssn operante nel 2011 con quello dell’anno precedente, si nota che gli uomini sono diminuiti di quasi 6.500 unità (234.111 contro 227.701), mentre le donne sono aumentate di 3.343 elementi (412.125 contro 415.468). Il totale del personale è quindi sceso, da un anno all’altro, di circa 3mila dipendenti (646.236 contro 643.169). Sono  poi in calo tutte le voci del personale (sanitario, professionale, tecnico e amministrativo) e dei medici e odontoiatri (107.448 contro 106.779). L’unica voce positiva è dunque quella relativa al personale infermieristico, cresciuto dalle 263.803 unità del 2010 alle 264.378 dell’anno successivo.

Articoli correlati
Aggressioni ai medici, la politica si muove. Foscolo (Lega): «Inasprimento pene e presidi forze dell’ordine negli ospedali»
Sono già diverse le proposte depositate in Parlamento volte a contrastare il fenomeno. «Sia noi della Lega che il Ministro Grillo – spiega ai nostri microfoni il membro della Commissione Affari Sociali della Camera – siamo molto sensibili all’argomento. Sono convinta che questo esecutivo riuscirà ad ottenere qualcosa di positivo»
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
40 anni SSN, il messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: «Servizio sanitario nazionale ci pone all’avanguardia nella comunità internazionale»
L’intervento del Capo dello Stato al termine dell’evento celebrativo a Roma: « Dobbiamo mantenere e migliorare questa condizione attraverso l'opera, l'impegno, la passione e la dedizione di coloro che a vario titolo fanno parte del Servizio sanitario nazionale»
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Farmaci biosimilari, Ministero: campagne Aifa rivolte a medici e pazienti per loro uso appropriato
Le attuali conoscenze scientifiche – sottolinea il report del Ministero sulla nuova governance del farmaco - sono tali da garantire la sovrapponibilità in termini di efficacia e sicurezza fra i farmaci originatori e i biosimilari
Corruzione in sanità, Silenzi: «Medici siano i ‘custodi’ delle risorse. Bene trasparenza, ma non demonizzare privato»
«Ogni decisione terapeutica ha delle ripercussioni non solo sulla salute ma anche sui costi del SSN», sottolinea il vicepresidente della Società Italiana Medici Manager che aggiunge: «Importante permettere al cittadino di conoscere le strutture sanitarie in base ai dati sugli esiti e quelli che sono gli indicatori di qualità»
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...