Salute 5 agosto 2014

Ssn, pubblicati i dati sul personale: “quote rosa” in crescita

Ma il Ministero della Salute registra un calo di 3mila posti di lavoro

Immagine articolo

La sanità è donna. Lo dicono gli ultimi dati disponibili sul personale del Servizio sanitario nazionale.

Stando al documento appena presentato dal Ministero della Salute e riguardante i dati del “Personale delle A.S.L. e degli istituti di cura pubblici”, i professionisti del gentil sesso operanti nel Ssn raggiungono il 65,3 per cento del totale, in aumento dello 0,7 per cento rispetto all’anno precedente. Almeno questo accadeva nel 2011, ultimo anno esaminato dall’Ufficio di Direzione Statistica del dicastero guidato da Beatrice Lorenzin. Si tratta dunque di numeri che potrebbero non rispecchiare in pieno la situazione attuale, ma che indicano comunque un trend interessante se paragonato a quelli dello studio precedente.

Nel 2010, infatti, i medici e gli odontoiatri donna operanti nelle strutture pubbliche raggiungevano il 36,9 per cento del totale. Un dato che l’anno successivo è aumentato fino a toccare il 38,3 per cento. In questo ambito, dunque, gli uomini sono più numerosi delle donne, se non fosse per lo schiacciante 77,3 per cento che caratterizza il dato relativo al personale infermieristico “rosa” e che sposta la media a favore di quest’ultimo.
Ma non basta. Se paragoniamo l’intero personale dipendente del Ssn operante nel 2011 con quello dell’anno precedente, si nota che gli uomini sono diminuiti di quasi 6.500 unità (234.111 contro 227.701), mentre le donne sono aumentate di 3.343 elementi (412.125 contro 415.468). Il totale del personale è quindi sceso, da un anno all’altro, di circa 3mila dipendenti (646.236 contro 643.169). Sono  poi in calo tutte le voci del personale (sanitario, professionale, tecnico e amministrativo) e dei medici e odontoiatri (107.448 contro 106.779). L’unica voce positiva è dunque quella relativa al personale infermieristico, cresciuto dalle 263.803 unità del 2010 alle 264.378 dell’anno successivo.

Articoli correlati
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per il fondo sanitario solo 1 mld in più nel 2019. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno di corso»
A margine della presentazione dell’operazione “Estate tranquilla 2018” dei NAS, il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione sarà graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Ci vuole una programmazione più lunga, non è pensabile esaurire un intero programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
Giornata della Salute Mentale, Ministro Grillo al Museo della Mente: «Serve cambiamento culturale per accettare malattia»
Una visita al Museo della Mente dell’ASL Roma 1 (ex manicomio di S. Maria delle Pietà) per celebrare la Giornata mondiale della salute mentale promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per il 10 ottobre. Protagonista il ministro della Salute Giulia Grillo. «Nella Giornata mondiale dedicata alla salute mentale – ha detto Grillo – ho voluto visitare […]
Carenza medici, l’assessore Arru (Sardegna): «Con quota cento rischio boom di pensionamenti. Aumentare borse di studio per MMG»
Il titolare della Sanità sarda difende la riforma della rete ospedaliera regionale: «Problema non è la carenza di servizi, ma un eccesso di servizi mal distribuiti che molto spesso non raggiungono i volumi indicati e suggeriti dal Piano nazionale esiti». Poi rilancia la medicina multiprofessionale per affrontare cronicità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila