Salute 11 ottobre 2018

Screening diabete in farmacia, torna il DiaDay: Pagliacci (Sunifar): «Lo scorso anno individuati oltre 4mila malati ignari»

Presto al via la seconda edizione della campagna nazionale dell’analisi gratuita nelle farmacie di tutta Italia: «Scoprire per tempo il diabete, o accertarne la predisposizione, aiuta il paziente a curarsi prima e meglio e al Ssn di risparmiare risorse»

Immagine articolo

Da lunedì 12 novembre a domenica 18, in concomitanza della Giornata Mondiale del Diabete in calendario il 14 novembre, torna l’appuntamento con il DiaDay, la campagna nazionale di screening del diabete effettuata gratuitamente dalle farmacie, arrivata alla sua seconda edizione.

Come già avvenuto l’anno scorso, le farmacie aderenti all’iniziativa proporranno l’autoanalisi gratuita della glicemia e sottoporranno ai cittadini un questionario anonimo, convalidato dalla comunità scientifica internazionale per valutare il rischio di sviluppare la malattia diabetica nei prossimi dieci anni. Quest’anno verranno anche rilevate informazioni circa l’aderenza alla terapia prescritta dal medico da parte dei soggetti diabetici. Il risultato del test sarà consegnato immediatamente al cittadino che, nel caso in cui i valori lo richiedano, sarà invitato a rivolgersi al medico. Le farmacie faranno anche educazione sanitaria e distribuiranno materiale informativo con consigli per condurre stili di vita sani. Nel 2017 alla campagna hanno aderito oltre 7mila farmacie che hanno sottoposto a screening oltre 160mila persone su tutto il territorio nazionale, individuando oltre 4.400 diabetici che non sapevano di esserlo e quasi 19mila casi di prediabete.

«Credo molto alla prevenzione – ha dichiarato ai nostri microfoni Silvia Pagliacci, presidente Sunifar e curatrice dell’iniziativa – e al ruolo fondamentale di educazione sanitaria del farmacista. Nella settimana del DiaDay tutte le persone che entrano in farmacia possono sottoporsi al test della glicemia e compilare, con l’aiuto del farmacista, una scheda con cui  viene somministrato un test per il calcolo e la previsione del rischio di ammalarsi di diabete. Lo scorso anno le 7.500 farmacie che hanno volontariamente aderito a questa campagna hanno effettuato uno screening a più di 160mila persone in una settimana e di queste persone, presunte sane, 4.400 hanno scoperto di essere diabetici».

«Scoprire per tempo il diabete, o accertarne la predisposizione – si può leggere inoltre in una nota di Federfarma –, consente al cittadino di individuare tempestivamente, insieme al medico, le terapie e i comportamenti più adeguati.  Questo tipo di screening – oltre al grande valore sanitario – permette di ridurre i costi economici della malattia. Chi scopre di essere predisposto e cambia stili di vita può evitare l’insorgere della patologia. Per il Servizio sanitario nazionale il diabete e le sue complicanze rappresentano un costo enorme che solo la prevenzione può arginare».

«Il DiaDay – continua la nota – dimostra concretamente il ruolo che le farmacie svolgono sul territorio nell’ambito della prevenzione e dell’educazione alla salute. Presenti capillarmente in ogni zona del territorio, le farmacie costituiscono un nodo di scambio per un contatto quotidiano tra il Ssn e le famiglie. Attraverso   le farmacie possono passare importanti messaggi di prevenzione provenienti dalle istituzioni e queste, a loro volta, possono utilizzare i dati raccolti nelle farmacie per mettere a punto politiche sanitarie efficaci. Con grande vantaggio per la salute e per l’economia del Paese».

L’edizione di quest’anno ha finora ricevuto il patrocinio di FOFI, FNOMCEO, AMD, SID e CittadinanzAttiva. Anche quest’anno i risultati dello screening verranno validati da un board di esperti. La raccolta dei dati e le elaborazioni statistiche sono a cura di Promofarma, società di servizi di Federfarma.

LEGGI I DATI DELLA PRIMA EDIZIONE

Articoli correlati
DiaDay, ecco i dati della prima edizione: 19mila casi di diabete, ma il 3% non lo sapeva
SINTESI DEI DATI DEL DIADAY 2017, PRIMA CAMPAGNA NAZIONALE DI SCREENING GRATUITO DEL DIABETE IN FARMACIA Nell’ambito della campagna DiaDay realizzata in 5.671 farmacie italiane sono stati monitorati gratuitamente 160.313 individui in soli 11 giorni. Si tratta di un chiaro esempio di come la farmacia possa essere un soggetto di primaria importanza nell’attuazione di screening […]
Psicologo in farmacia, al via il Gruppo di Lavoro. Esposito (CNOP): «Può aiutare a migliorare l’aderenza terapeutica»
Il prossimo 21 maggio si incontreranno psicologi, farmacisti e rappresentanti del Ministero della Salute per regolamentare la figura tramite apposite linee di indirizzo. La psicoterapeuta commenta: «È un grande aiuto per la popolazione, e non entra in conflitto con gli altri professionisti»
Progetti nelle scuole, tutela delle donne e una App, Capri (Federfarma Verona): «Ecco come avviciniamo le persone alla farmacia»
Lezioni di igiene ai bambini, progetti per la salute e la tutela delle donne in difficoltà, maggiori servizi ai cittadini e una App (FarmaMia, creata da Docta Comunicazione) che aiuterà residenti e turisti ad orientarsi al meglio nella scelta della farmacia aperta più vicina. Federfarma Verona, negli ultimi anni, è un cantiere aperto e in […]
Salute e fake news, Contarina (Federfarma): «Una rivista nazionale per ristabilire la verità dei fatti»
Se non siete della provincia di Roma o Torino, probabilmente è la prima volta che sfogliate Farma Magazine. Se oggi potete farlo, è perché Federfarma ha ampliato a livello nazionale un progetto partito due anni fa a Roma. Un progetto ambizioso, innovativo, che voleva immettere nel panorama informativo e culturale italiano uno strumento diverso, gratuito […]
di Vittorio Contarina - Vicepresidente Federfarma
Lombardia, Federfarma incontra Gori: «Potenziare ruolo sanitario e sociale farmacie»
In vista delle regionali, il candidato del centrosinistra si rivolge ai farmacisti lombardi: «Siete soggetto idoneo a erogare anche nuovi servizi di valenza sociale che devono rientrare a pieno titolo nella rete del sistema sanitario». La presidente Racca: «Momento di confronto importante»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila