Salute 11 ottobre 2018

DiaDay, ecco i dati della prima edizione: 19mila casi di diabete, ma il 3% non lo sapeva

SINTESI DEI DATI DEL DIADAY 2017, PRIMA CAMPAGNA NAZIONALE DI SCREENING GRATUITO DEL DIABETE IN FARMACIA Nell’ambito della campagna DiaDay realizzata in 5.671 farmacie italiane sono stati monitorati gratuitamente 160.313 individui in soli 11 giorni. Si tratta di un chiaro esempio di come la farmacia possa essere un soggetto di primaria importanza nell’attuazione di screening […]

SINTESI DEI DATI DEL DIADAY 2017, PRIMA CAMPAGNA NAZIONALE DI SCREENING GRATUITO DEL DIABETE IN FARMACIA

Nell’ambito della campagna DiaDay realizzata in 5.671 farmacie italiane sono stati monitorati gratuitamente 160.313 individui in soli 11 giorni. Si tratta di un chiaro esempio di come la farmacia possa essere un soggetto di primaria importanza nell’attuazione di screening di prevenzione primaria e secondaria. Ai soggetti è stato somministrato un questionario con alcune domande predittive del rischio di sviluppare il diabete nei dieci anni successivi (Diabetes Risk Score DRS, validato dalla comunità  scientifica internazionale) ed è stata offerta una autoanalisi della glicemia. Grazie all’elaborazione on line la farmacia ha potuto consegnare in tempo reale al cittadino il risultato del test. Obiettivo della campagna è individuare tre tipologie di casi: soggetti con diabete non diagnosticato, soggetti in condizione di prediabete e soggetti normali comunque a rischio di sviluppare la patologia nell’arco dei prossimi 10 anni. I soggetti monitorati sono stati per il 60% Donne e per il 40% Uomini. La preponderanza femminile corrisponde anche a una maggior frequentazione delle farmacie da parte delle donne (sono loro che solitamente si occupano della salute di figli, anziani e coniugi, oltre che della propria).

POPOLAZIONE MONITORATA

Dei 160.313 soggetti esaminati, l’82% ha più di 44 anni; il 44% ha più di 64 anni. Anche questo dato  rispecchia l’età adulta/anziana degli utenti della farmacia. I giovani/adulti fino a 34 anni rappresentano il 6,81% del campione. Una percentuale contenuta che è però di grande importanza perché scoprire il diabete o una condizione di prediabete in giovane età permette di contrastarne da subito nel migliore dei modi l’evoluzione. Il 37% dei soggetti è stato esaminato dopo digiuno notturno.  Il 63%  ha fatto l’autoanalisi della glicemia in un qualunque momento della giornata, non dopo digiuno notturno. La distinzione è importante perché la diagnosi di prediabete si può fare solo sulla base di valori di glicemia rilevati dopo digiuno notturno. La scoperta di diabete in un soggetto che non sa di esserlo risulta dal valore della glicemia (uguale/maggiore di 200 mg/dL), indipendentemente dalla condizione di digiuno o non digiuno. Ovviamente un paziente diabetico ben trattato può presentare valori normali di glicemia.

RISULTATI DELLO SCREENING

Casi di diabete: Sui 160.313 soggetti esaminati ne sono risultati diabetici 19.077 (11.90% del campione). Di questi, 14.662 sono persone che hanno dichiarato nel questionario di aver ricevuto una diagnosi pregressa di diabete; 4.415 sono persone che non sapevano di avere il diabete (pari al 3% dei soggetti che si sono sottoposti allo screening senza aver ricevuto in precedenza una diagnosi di diabete). Questo dato è molto interessante perché permette a oltre 4.000 persone di curarsi evitando l’aggravamento della malattia e le conseguenti complicanze. Anche da un punto di vista economico curarsi tempestivamente significa minori costi sia per il singolo che per il Servizio sanitario nazionale. Lo screening è stato comunque utile anche per gli oltre 14 mila diabetici che sapevano già di esserlo, in quanto il valore rilevato della glicemia ha permesso di valutare il grado di compensazione della patologia. Di tutti i soggetti risultati affetti da diabete, il 64,07% ha più di 64 anni e il 19,63% ha tra i 55 e i 64 anni. Ma il dato più interessante è quello che riguarda i giovani adulti: l’1,95% dei soggetti con diabete ha un’età inferiore a 34 anni. La patologia risulta equamente distribuita tra uomini (50,42%) e donne (49,58%).

Casi di Prediabete: Su 141.236 soggetti esaminati (cioè 160mila casi totali al netto dei 19mila soggetti diabetici), 18.881 persone sono risultate Prediabetiche (13.37%). Di queste, due terzi presentavano valori di glicemia a digiuno compresi tra 100 e 110 mg/dL; un terzo aveva la glicemia a digiuno tra 111 e 125 mg/dL. La condizione di prediabete interessa con moderata prevalenza le donne (53%) e in misura leggermente minore gli uomini (47%). Il 2,57% dei soggetti risultati prediabetici ha meno di 34 anni. La percentuale è contenuta ma di enorme importanza perché queste persone, adottando opportuni comportamenti alimentari e stili di vita potranno in gran parte evitare di sviluppare il diabete a distanza di alcuni anni, quindi in età ancora giovane. La maggior parte delle diagnosi di prediabete riguarda soggetti ultrasessantaquattrenni (55,48%). Se si considerano anche le fasce di età 45-54 e 55-64 si osserva che oltre il 90% dei soggetti esaminati si trova in condizione di Prediabete.

Valutazione del rischio di Diabete: Il questionario Diabetes Risk Score DRS ha consentito di calcolare, nei soggetti prediabetici e in quelli normali, il rischio di sviluppare il diabete nell’arco dei prossimi dieci anni. Il risultato è dato da un punteggio calcolato in base alle risposte a domande che riguardano lo stile di vita, le abitudini alimentari, la familiarità con la patologia e le caratteristiche personali (es.: età, misura del giro vita). La diagnosi di prediabete in questo contesto di ricerca (che non prevede un carico orale di glucosio) può essere fatta solo con la determinazione della glicemia a digiuno. La diagnosi di diabete, invece, presuppone il rilievo di una glicemia a digiuno eguale o superiore a 125 mg% o di una glicemia in qualunque momento della giornata eguale o superiore a 200 mg%. I dati raccolti durante lo screening evidenziano come i prediabetici con un rischio elevato (1:3) di sviluppare la patologia nei prossimi 10 anni siano soprattutto ultrasessantaquattrenni (65,35%), seguiti dalla fascia di età 55-64 anni (23,70%). Analogo il trend per quanto riguarda il rischio molto elevato (1:5). Per quanto riguarda i soggetti normali (122.355 casi, cioè la popolazione monitorata al netto dei diabetici e dei prediabetici) il rischio elevato/molto elevato di sviluppare il diabete riguarda quasi il 20% del campione, mentre il rischio moderato (1:6) interessa il 21,53%.

Articoli correlati
Diabete, anche Milano entra nella rete Cities Changing Diabets. Gallera (Ass. Sanità Lombardia): «Indirizzare cittadini verso corretti stili di vita»
Dopo Roma, anche il capoluogo meneghino entra nelle 19 città a livello globale che aderiscono al progetto. Il programma, che si articolerà su un triennio, prevede diverse fasi: dalla mappatura dei dati epidemiologici alla fotografia dello stato attuale. In Lombardia 550mila diabetici e 150mila malati cronici. Carruba (Comitato esecutivo): «Questo ingresso consentirà all’Italia di contribuire con un significativo volume di dati, avendo le due aree metropolitane quasi 8 milioni di abitanti»
di Federica Bosco
Diabete, colpito 1 milione di italiani in età lavorativa. La prima cura? Un corretto stile di vita
«Molte diagnosi arrivano tardi e spesso ci si arriva tramite altre patologie. Il 2% della popolazione ha il diabete e non lo sa. L'Italia è fanalino di coda nell’utilizzo dei più moderni farmaci per il diabete a causa delle difficoltà nel prescriverli» ha dichiarato il professor Andrea Giaccari, diabetologo
Sabato 9 febbraio tutti in farmacia per donare un farmaco a chi ne ha bisogno
“Anche quest’anno le farmacie partecipano numerose alla Giornata di Raccolta del Farmaco, confermando con grande senso di responsabilità e solidarietà il proprio ruolo di presidio territoriale sociosanitario sempre attento alle esigenze dei cittadini, in particolare dei più deboli. Ringrazio tutti i colleghi, i volontari e i cittadini che con la loro generosità permettono di donare […]
Aderenza terapeutica, quale il ruolo della farmacia? Tobia (Federfarma): «Siamo colonna del SSN. Necessaria alleanza tra attori del sistema»
Quattro milioni di italiani entrano ogni giorno in farmacia, «dunque bisogna puntare su questa per insegnare prevenzione e adesione alle cure». L’intervista a Roberto Tobia, presidente Federfarma Palermo e Tesoriere Federfarma nazionale
Farmacie e Nuova Remunerazione: riaperto il confronto nella filiera; obiettivo sostenibilità ed efficienza
Le parole d’ordine sono Sostenibilità ed Efficienza, sostenibilità per il SSN e la filiera distributiva del farmaco ed efficienza per il cittadino. Queste le conclusioni a cui è arrivato il Tavolo della filiera distributiva, al suo primo incontro dopo la mancata proroga alla legge 135/2012 in materia di remunerazione. L’incontro tenutosi nella sede di Assofarm, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...