Salute 19 Marzo 2018

Da Roma all’Arabia, l’epigenetica spiegata da Valerio Orlando: «Il nostro destino non è tutto scritto nel DNA»

Al Piccolo Eliseo l’incontro con l’epigenetista che racconterà «l’odissea del genoma». Oggi lui è direttore dell’Environmental Epigenetics Research Program (KEEP) presso la King Abdullah University of Science and Technology. «Questi studi avranno un impatto importante anche a livello di politiche sanitarie per promuovere stili di vita più corretti e una sana nutrizione»

«Il nostro destino non è tutto scritto nel DNA: fattori ambientali, emotivi e culturali possono cambiare e determinare la nostra identità biologica». Le parole del professor Valerio Orlando introducono alla perfezione l’epigenetica, branca della biologia che sarà approfondita nel corso del BrainForum che si svolgerà oggi al Teatro Piccolo Eliseo di Roma. Il titolo dell’incontro, che vedrà Viviana Kasam intervistare Orlando, è «Epigenetica: l’Odissea del Genoma».

La scienza e la ricerca medica sbarcano così sul palcoscenico di un teatro. Un evento di divulgazione culturale che si preannuncia molto particolare: Orlando, che in passato ha lavorato anche per il San Raffaele di Milano e per la Fondazione Santa Lucia di Roma, è oggi direttore dell’Environmental Epigenetics Research Program (KEEP), Division of Bioscience, presso la King Abdullah University of Science and Technology KAUST, in Arabia Saudita. «Non mi sarei mai aspettato di andare a lavorare in Arabia Saudita ma lì ho trovato una realtà attenta a questo ramo della ricerca», spiega Orlando. L’epigenetica, termine che viene dal greco e significa “sopra i geni”, come parola nasce nel 1942 dal biologo e paleontologo inglese Conrad Waddington e studia, spiega il professore, «i cambiamenti ereditabili d’espressione dei geni non riconducibile al DNA». È dunque una disciplina che ricerca come differenti caratteristiche si possano sviluppare a partire da un medesimo bagaglio genetico.

«L’esempio più classico – afferma Orlando – è quello dei gemelli omozigoti, con identico DNA, che sembrano uguali, ma non lo sono, perché l’accumularsi progressivo durante le loro vite di esperienze biologiche e culturali diverse li rende sempre in ogni caso diversi».

La narrazione di Orlando avrà il compito di affascinare la platea del Piccolo Eliseo e guidare gli spettatori nel viaggio del genoma attraverso le fasi della vita e capire perché anche esperienze affettive e comportamentali fanno parte di un bagaglio che può agire, cambiare e modellare il patrimonio biologico di un individuo. “Questi studi – sottolinea Orlando – avranno un impatto importante anche a livello di politiche sanitarie per promuovere stili di vita più corretti e una sana nutrizione. Anche quello che leggiamo può cambiare il nostro patrimonio epigenetico».

Articoli correlati
Tumore, addio chemio ora c’è la genomica. All’IFO di Roma i risultati della ricerca traslazionale
Gennaro Ciliberto, direttore scientifico IRE: «Più conosciamo le mutazioni del cancro e più affiliamo le armi»
Stress danneggia il DNA, studio italiano mette in luce basi genetiche
Esperimento coordinato dal Dipartimento di Biologia della Sapienza ha evidenziato l’attivazione di elementi genetici mobili (trasposoni) con possibili gravi conseguenze per l’organismo. Possibile ruolo nell’invecchiamento umano
Gas radon, Miani (presidente Sima): «È la seconda causa di tumore ai polmoni dopo il fumo»
«Sono 3.200 le persone che, ogni anno, in Italia, perdono la vita a causa di una prolungata esposizione al gas. Le sue radiazioni colpiscono soprattutto le cellule dei bronchioli e degli alveoli polmonari, modificandone il dna e causando l’insorgenza del cancro», spiega il Presidente della Società italiana di Medicina Ambientale
di Isabella Faggiano
Anemia feto, si apre una nuova frontiera nella diagnosi prenatale
Diagnosticata, per la prima volta al mondo sul sangue di una madre, la presenza di una anemia mediterranea nel feto portato in grembo. Una novità assoluta tutta italiana, che apre nuove frontiere nella diagnosi prenatale non invasiva. Negli istituti di ricerca del centro clinico Altamedica di Roma, si è riusciti, per la prima volta, in un […]
AAA, cercansi 10mila medici in Arabia Saudita
Prima dell’arrivo del 2020, l’Arabia Saudita avrà bisogno di 10mila medici. E di altri 20mila camici bianchi entro il 2030. Secondo gli esperti di Oxford Economics che hanno condotto lo studio, sono questi i numeri necessari per far fronte all’insufficienza di posti letto e alla crescita della popolazione cui il Paese assisterà nei prossimi anni. […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...