Salute 23 Maggio 2022 15:43

Vaiolo delle scimmie, pazienti contagiosi fino a 4 settimane

Il virus del vaiolo può essere trasmesso fino a 4 settimane dalla comparsa dei sintomi. Nel frattempo in Italia si registra il quarto caso e negli Usa viene approvato un nuovo farmaco

Vaiolo delle scimmie, pazienti contagiosi fino a 4 settimane

Sarà pure una malattia lieve, ma un paziente infetto può trasmetterla fino a 4 settimana dalla comparsa dei sintomi. È l’avvertimento lanciato da Amesh Adalja, un esperto di malattie infettive emergenti presso la John Hopkins University. Questo perché possono essere necessarie diverse settimane prima che le caratteristiche lesioni cutanee, che si pensa siano maggiormente responsabili del contago, scompaiano.

Il vaiolo delle scimmie si trasmette soprattutto per contatto sessuale

Le persone che contraggono il virus inizialmente soffrono di febbre prima che appaiano le eruzioni e lesioni cutanee sul viso e sul corpo. Il virus può quindi essere trasmesso per contatto con le aree colpite o tramite goccioline espulse con tosse e starnuti. Gli scienziati affermano che è possibile che il virus sia trasmesso anche sessualmente. Nello specifico, ad esempio, Fernando Simón, che dirige il centro di coordinamento del ministero della Salute spagnolo per gli allarmi sanitari e le emergenze ha affermato che tutti e sette i casi confermati segnalati il 19 maggio in Spagna erano uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini o transgender che avevano partecipato a «feste sessuali».

Lesioni perigenitali, perianali e alla bocca sono attualmente tra le più comuni

«La maggior parte dei casi presenta lesioni esclusivamente perigenitali, perianali e intorno alla bocca», spiega Simón, sottolineando che però non ci sono prove che lo sperma possa trasmettere il virus del vaiolo delle scimmie. «Finora, l’ipotesi più accettabile è che si trasmetta dopo il contatto con le lesioni», aggiunge. Ma sottolinea che la trasmissione potrebbe essere avvenuta per un contatto che non ha coinvolto necessariamente atti sessuali, aggiungendo che alcuni gruppi sui social media hanno utilizzato queste informazioni per attaccare gay, bisessuali e transgender, senza evidentemente tenere conto – tra le altre cose – proprio dei limiti delle informazioni attuali.

L’FDA approva una nuova formulazione di un farmaco contro il vaiolo

Nel frattempo, mentre i casi continuano ad aumentare in tutto il mondo – erano 92 sabato secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), mentre in Italia siamo a 4 – negli Stati Uniti arriva il via libera dalla Food and Drug Administration (Fda) alla formulazione endovenosa di un farmaco usato per combattere il vaiolo. L’azienda che lo produce, la SIGA Technologies, con sede a New York City, ha dichiarato che la formulazione endovenosa del TPOXX – questo il nome del farmaco – è particolarmente importante per coloro che non si trovano nelle condizioni di deglutire la versione orale.

Il nuovo farmaco contro il vaiolo è stato approvato anche in Europa e Canada

«La formulazione orale del TPOXX (tecovirimat) è approvata negli Stati Uniti, Canada e Europa per la cura del vaiolo», dichiara la SIGA Technologies. «L’approvazione europea include anche il trattamento del vaiolo delle scimmie», aggiunge. La società, inoltre ha segnalato che il presidente USA Joe Biden ha recentemente presentato una richiesta di budget per utilizzare il farmaco per curare il vaiolo delle scimmie, il che significa che potrebbe essere destinato a diventare uno dei trattamenti primari per il virus negli Stati Uniti.

Le analisi genomiche indicano un legame con un ceppo del 2018

Da parte sua la comunità scientifica continua a studiare e a indagare sul virus legato al vaiolo delle scimmie. Dai primi dati sul genoma del vaiolo delle scimmie, secondo il New Scientist, ci sarebbe uno stretto legame con un ceppo del 2018. Sembra che la sequenza genetica dimostri che il virus ora in circolazione è del tipo di quello mite presente in Africa occidentale, collegato al ceppo di vaiolo delle scimmie scoperto nel Regno Unito, in Israele e a Singapore nel 2018 e nel 2019. I risultati provengono da un team di ricerca in Portogallo. Le ricerche rimangono ad ogni modo incomplete, data la vastità e la complessità del genoma del virus.

Le indagini sul virus del vaiolo delle scimmie sono ancora in corso

Il team portoghese, dell’Instituto Nacional de Saúde ha sequenziato un campione del virus prelevato da un paziente maschio il 4 maggio. Anche i team di altri paesi stanno sequenziando i campioni virali, ma il team di Gomes è stato il primo a rendere pubblica una sequenza. Gustavo Palacios della Icahn School of Medicine al Mount Sinai, New York afferma che la bozza della sequenza dal Portogallo ha troppe lacune per trarre conclusioni definitive, ma che ha visto una sequenza più completa di un team in Belgio. «Per quanto posso vedere, sembra essere identico a quello nel Regno Unito nel 2018», afferma Palacios. «Questo è un po’ strano», aggiunge.

Allo studio caratteristiche genetiche legate alla trasmissibilità umana

Nel 2018, ci sono stati tre casi nel Regno Unito dopo che una persona di ritorno dalla Nigeria ha infettato altri due membri della sua famiglia. Man mano che vengono sequenziati più campioni, dovrebbe diventare chiaro se, come sospettato, una singola variante del vaiolo delle scimmie sia responsabile di tutti i casi dell’ultimo focolaio. Ma stabilire se c’è qualcosa di unico in questa variante non sarà facile. Soprattutto comprendere se il ceppo gode di particolari caratteristiche genetiche che ne accentuino la trasmissibilità umana.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cani e gatti sono serbatoi di virus, da quello della rabbia al Sars-CoV-2
Gli animali da compagnia sono possibili veicoli di infezioni e malattie, ancora in gran parte sottovalutati. La dinamica dei rischi legati ai contatti tra esseri umani e animali domestici è in continua evoluzione, influenzata dai cambiamenti sociali e ambientali degli ultimi anni. A dirlo è un gruppo di ricercatori internazionale in uno studio pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine
Cambiamenti climatici possono «resuscitare» virus «zombie» e scatenare nuove epidemie
Sono stati trovati nella lana di mammut, nelle mummie siberiane, nei lupi preistorici e nei polmoni di una vittima dell'influenza ritrovata sepolta nel permafrost dell'Alaska. I virus «zombie» rischiano di «resuscitare» a causa degli effetti dei cambiamenti climatici e dare il via a nuove epidemie o pandemie
Non solo Covid, influenza e Rsv. In Usa boom di infezioni da un virus «ignorato»: HMPV
Il trio Covid-influenza-Rsv che abbiamo tanto temuto nella scorsa stagione, negli Stati Uniti, è diventato un minaccioso «quartetto». Sul finire della stagione invernale, infatti, un altro virus respiratorio ha preso piede negli Stati Uniti. Si tratta del metapneumovirus umano, o HMPV. Abbiamo chiesto a Concetta Castilletti responsabile Unità Operativa Virologia e Patogeni Emergenti dell'IRCCS Sacro Cuore Don Calabria, Negrar, qual è la situazione in Italia
L’influenza «maschile» esiste: un cromosoma in meno rende gli uomini più vulnerabili
Non è questione di scarsa resistenza o capacità di sopportazione. L'influenza colpisce più duramente gli uomini che le donne, per davvero. A confermare l'esistenza della cosiddetta «influenza maschile» è un nuovo studio dell’Università della California a Los Angeles (UCLA), pubblicato sulla rivista Nature Immunology. In generale, le donne tendono ad avere sistemi immunitari più forti e questo potrebbe essere dovuto al fatto che le donne hanno due cromosomi X, mentre gli uomini ne hanno solo uno
Aviaria si sta diffondendo tra animali «in modo efficiente». Allarme degli esperti: «Può essere peggio del Covid»
A lanciare l'allarme è uno studio condotto da una collaborazione di ricercatori in Canada, che ha definito la scoperta «molto preoccupante». Il virus degli uccelli si diffonde «in modo efficiente» nei furetti e questo suggerirebbe una possibile diffusione negli esseri umani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...
Salute

Tumore del polmone: per osimertinib e durvalumab ottimi risultati negli studi LAURA e ADRIATIC al Congresso ASCO

Nello studio LAURA osimertinib ha ridotto il rischio di progressione di malattia o di morte dell’84% nel tumore del polmone non a piccole cellule di Stadio III. Nello studio ADRIATIC, invece, du...