Salute 19 Maggio 2022 16:30

Vaiolo delle scimmie, primo caso in Italia. L’Iss istituisce una task force

In Italia è stato registrato il primo caso di vaiolo delle scimmie. Ci sono altri due casi sospetti. L’Iss ha istituito un nuova task force

Vaiolo delle scimmie, primo caso in Italia. L’Iss istituisce una task force

È stato identificato il primo caso italiano di vaiolo delle scimmie. Lo rende noto l’Istituto Spallanzani di Roma: il paziente è un giovane che, rientrato da un soggiorno alle Isole Canarie, si è presentato al pronto soccorso dell’Umberto I. Il quadro clinico «è risultato caratteristico e il virus è stato rapidamente identificato con tecniche molecolari e di sequenziamento genico dai campioni delle lesioni cutanee. La persona è ricoverata in isolamento in discrete condizioni generali. Sono in corso indagini epidemiologiche e il tracciamento dei contatti», spiega l’istituto. Lo Spallanzani, che sta procedendo con accertamenti anche su altri due casi sospetti, ha sottolineato che «al momento i tre casi osservati e gli altri casi verificatisi negli altri Paesi non presentano segni clinici di gravità».

Scatta l’indagine epidemiologica per rintracciare tutti i contatti

«È stata avviata l’indagine epidemiologica», annuncia l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato. «Sono stati messi a disposizione i nostri migliori professionisti, i cosiddetti cacciatori di virus, che stanno ricostruendo tutto l’albero dei contatti. Sono già stati isolati i contatti stretti – continua – con precise indicazionii. Non sarà fornito a nessuno alcuna indicazione né di luoghi né nominativa, nel massimo della privacy, al fine di favorire la massima collaborazione. L’Istituto Spallanzani su questo ha una grandissima esperienza e avrà a disposizione la collaborazione di tutte le nostre aziende sanitarie locali».

L’Iss istituisce una nuova task force per monitorare la situazione nazionale

Nel frattempo l’Istituto Superiore di Sanità (Iss) ha costituito «una task force composta da esperti del settore ed ha contattato le reti sentinella dei centri trasmessi al fine di monitorare continuamente la situazione nazionale». Riferisce Anna Teresa Palamara, che dirige il dipartimento di Malattie Infettive dell’Iss: «Nel paese non si registra una situazione di allarme ed il quadro è sotto controllo».

Dalla febbre ai dolori muscolari fino alle pustole, i sintomi del vaiolo delle scimmie

Il vaiolo delle scimmie è «un’infezione causata da un virus della stessa famiglia del vaiolo – spiega l’Iss – ma che largamente si differenzia dal vaiolo stesso per la minore diffusività e gravità. È diffuso in particolare tra primati e piccoli roditori, prevalentemente in Africa». L’infezione si trasmette dall’animale all’uomo attraverso la saliva ed altri fluidi dell’animale o il contatto diretto con l’animale. «Nell’uomo – continua l’Iss – si presenta con febbre, dolori muscolari, cefalea, linfonodi gonfi, stanchezza e manifestazioni cutanee quali vescicole, pustole, piccole croste. Si può trasmettere da uomo a uomo attraverso droplets, contatto con fluidi corporei o con le lesioni cutanee».

Il vaccino contro il vaiolo potrebbe fornire un certo livello di protezione

«È possibile che le persone che non sono state vaccinate contro il vaiolo (vaccinazione abolita in Italia nel 1981) – spiega l’Iss – siano a maggior rischio di infezione con il monkeypox per l’assenza di anticorpi che, per la similitudine del virus del vaiolo con il monkeypox, possono essere efficaci a contrastare anche questa virosi». In questo caso gli anziani potrebbero godere di una maggiore protezione.

La malattia non sembra grave e si risolve spontaneamente in 1-2 settimane

La malattia si risolve spontaneamente in 1-2 settimane con adeguato riposo e senza terapie specifiche. Possono venir somministrati degli antivirali quando necessario. Si stima che la malattia possa uccidere 1 ogni 100 persone colpite. Attualmente, sono stati segnalati alcuni casi in Portogallo, Spagna, Regno Unito e da oggi anche in Italia e nel Regno Unito. Alcuni casi sono stati segnalati anche negli Stati Uniti. I casi confermati riguardano maggiormente uomini giovani omosessuali e bisessuali. L’ECDC ha attivato un sistema di allerta a livello europeo al quale partecipa l’Iss.

Stare a casa in caso di febbre ed evitare contatti in caso di lesioni cutanee sospette

Le raccomandazioni prevedono di restare a casa a riposo qualora insorga la febbre e di rivolgersi al medico di fiducia in caso di comparsa di vescicole o altre manifestazioni cutanee. Come prevenzione, è importante evitare il contatto con persone con febbre e valutare con attenzione, prima di ogni contatto personale stretto o contatto sessuale, la presenza di eventuali manifestazioni cutanee inusuali (quali vescicole o altre lesioni) sulla cute del partner. Questo comportamento è utile a prevenire non solo il monkeypox ma anche altre infezioni sessualmente trasmesse.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Morbillo: allarme Oms Europa, 30 volte più casi nel 2023
"La regione europea sta registrando un aumento allarmante dei casi di morbillo". E' il monito dell'ufficio regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per l'Europa. "Tra gennaio e ottobre 2023 sono stati segnalati oltre 30mila casi da 40 dei 53 Stati membri della regione. Rispetto ai 941 segnalati in tutto il 2022, è un aumento di oltre 30 volte", avverte l'agenzia Onu per la salute
di V.A.
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Morbillo: mappato il percorso del virus nel cervello
Per la prima volta è stata realizzata una sorta di mappa della diffusione del virus del morbillo nel cervello sulla base dei dati di un paziente colpito da una rara e letale malattia cerebrale, chiaara panencefalite sclerosante subacuta (SSPE). A realizzare l'impresa sono stati i ricercatori della Mayo Clinic in uno studio pubblicato su PLOS Pathogens
Herpes zoster: l’efficacia del vaccino diminuisce nel tempo
Uno studio pubblicato sul British Medical Journal ha valutato l'efficacia del vaccino vivo contro l'herpes zoster, che è risultata massima per i primi 12 mesi dalla vaccinazione ed è diminuita in modo sostanziale nel tempo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...