Salute 26 luglio 2017

Mondiali pallanuoto, “Settebello” battuto ai quarti. Colpa del morbillo? Intervista al portiere Del Lungo

L’estremo difensore dell’AN Brescia, medaglia di bronzo alle olimpiadi di Rio 2016 e agli europei del 2014, è tornato a casa insieme a due compagni per aver contratto il morbillo: «Tanto dispiacere ma la salute viene prima di tutto: poteva evolvere in polmonite o tubercolosi. Per questo sono favorevole all’obbligo vaccinale»

Immagine articolo

Dopo la bella partenza ai mondiali di Budapest, la nazionale maschile di pallanuoto è stata eliminata ai quarti di finale dalla Croazia. Alla rosa del “settebello” mancavano però tre elementi fondamentali: Valentino Gallo, Alessandro Velotto e il portiere Marco Del Lungo, tutti e tre fermati dal morbillo. Una notizia che ha fatto rumore non solo per il caso in sé, visto che la squadra ha perso in un colpo solo tre protagonisti poco prima dell’inizio della competizione, ma anche – e forse soprattutto – per la discussione che in questi giorni ha imprigionato l’opinione pubblica italiana a causa del decreto vaccini. Sanità Informazione ha parlato del caso e del problema vaccini proprio con Marco del Lungo, estremo difensore dell’AN Brescia e medaglia di bronzo alle olimpiadi di Rio 2016 e agli europei del 2014.

Marco, innanzitutto come stai?

«Bene, bene».

C’è stato un focolaio di morbillo? Come vi siete contagiati?

«A dir la verità non lo sappiamo nemmeno noi. La malattia si è manifestata nel momento in cui siamo ritornati a casa dopo il raduno ma non si sa bene qual è stata la forma di contagio. Diciamo però che la malattia, grazie al vaccino e al richiamo che avevo fatto, si è manifestata in maniera molto lieve, infatti ho avuto solo tre giorni di febbre e poi si è manifestato l’esantema».

Quindi inizialmente hai avuto un po’ di febbre e pensavi si trattasse di influenza…

«Pensavo ad un’alterazione dovuta all’intenso sforzo fisico che avevamo fatto nei giorni precedenti. Giocavamo ogni giorno: siamo andati a Barcellona e poi a Siracusa dove abbiamo disputato un torneo con sei squadre, quindi abbiamo giocato altre quattro partite di altissimo livello. Pensavo di sentirmi in quel modo a causa dell’intenso sforzo fisico. Poi si è manifestato l’esantema e qualche piccola domanda me la sono fatta…».

Sei vaccinato contro il morbillo e hai fatto anche il richiamo, giusto?

«Il primo vaccino l’ho fatto nel ’94, il richiamo nel 2001, quindi la copertura ci doveva essere comunque. In ogni caso, i sintomi sono stati tutto sommato lievi: certo, avevo un gran mal di testa e molta difficoltà a concentrarmi. Il medico mi ha detto “facciamo subito le analisi per vedere cos’hai”. Un sospetto ce l’aveva…».

Ma non ti ha spiegato come mai, pur essendo in copertura, hai ripreso il virus?

«Non si sa ancora bene il motivo. Sono stato chiamato anche dal capo responsabile delle vaccinazioni della Asl Roma4 di Civitavecchia per delle spiegazioni e anche lui si sta facendo delle domande perché risulta anche dal registro che hanno loro che sono stato vaccinato e ho fatto il richiamo. Dopo il mio caso tutta la squadra e lo staff sono stati sottoposti ai controlli, ma sono risultati immuni al morbillo».

Ti è dispiaciuto non poter partire per il mondiale, immagino…

«Il dispiacere è stato tanto, però la salute viene prima di tutto. Mi hanno detto che c’era pericolo di polmonite virale, quindi avrei potuto creare un disastro all’interno dello spogliatoio. Il morbillo, poi, può aprire le porte alla tubercolosi, quindi meglio così…».

Anche in seguito alla tua esperienza, sei d’accordo con l’obbligo vaccinale?

«Assolutamente sì. Per evitare le infezioni e queste situazioni è necessario mantenere alte le difese, non solo per i bambini, ma anche per gli adulti. Non so come mi sia venuto il morbillo in questo caso, ma devo ringraziare il vaccino se mi è venuto in forma lieve, e Giovanni Melchiorri, il medico della nazionale, che mi ha fatto le analisi».

 

 

Articoli correlati
Morbillo, OMS: «Nel 2018 record di casi in Europa. Oltre 82mila contagi e 72 morti»
Nei 53 Paesi della regione aumentano anche le coperture vaccinali, ma i gap esistenti a livello locale lasciano le porte aperte al virus. I dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità
UniVax Day, i più giovani non cascano nelle fake news sui vaccini. Duse (Siica): «Messaggi di speranza per il futuro»
Migliaia di studenti delle scuole superiori si sono riuniti in 21 università italiane per la giornata di formazione e sensibilizzazione sui vaccini. La presidente della Società italiana di immunologia clinica e allergologia: «Gli operatori sanitari devono vaccinarsi e dare il buon esempio»
Ue e sanità, Castaldo (M5S): «Al lavoro per ottenere la certificazione europea dei chirurghi. Per ogni medico che va all’estero perdiamo fino a 500mila euro»
Il vicepresidente del Parlamento europeo sottolinea: «Occorre investire nelle scuole di specializzazione. Professione medica sempre meno attrattiva nel nostro paese per la responsabilità e per l’offerta economica». Sui vaccini: «Polemica surreale, abbiamo sempre sostenuto la volontà di passare dall’obbligatorietà alla raccomandazione proprio per evitare quella contrapposizione tra medico e paziente»
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Meningite, Regione Lazio: «Al via vaccinazioni per studenti Istituto Alberghiero Vespucci»
«A partire da domani mattina e fino alla prossima settimana presso il centro vaccinale della Asl Roma 2 (via Bardanzellu, n°8) i docenti e gli studenti dell’Istituto alberghiero A. Vespucci potranno vaccinarsi contro la meningite. I ragazzi dell’istituto romano hanno ricevuto una lettera della Asl per la prenotazione al servizio e potranno vaccinarsi con il […]
Vaccini, I Rapporto OSV. Il coordinatore: «Ogni Regione con sua strategia. Anagrafe vaccinale lontana da aspettative»
Presentato il report dell’Osservatorio Strategie Vaccinali che fa il punto sulla situazione della profilassi in Italia. «Il Piano nazionale vaccini ha appianato le disparità in termini di offerta sul territorio, ma a livello operativo le Regioni camminano su propri binari», così Michele Conversano, coordinatore dell’Osservatorio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...