Salute 26 luglio 2017

Mondiali pallanuoto, “Settebello” battuto ai quarti. Colpa del morbillo? Intervista al portiere Del Lungo

L’estremo difensore dell’AN Brescia, medaglia di bronzo alle olimpiadi di Rio 2016 e agli europei del 2014, è tornato a casa insieme a due compagni per aver contratto il morbillo: «Tanto dispiacere ma la salute viene prima di tutto: poteva evolvere in polmonite o tubercolosi. Per questo sono favorevole all’obbligo vaccinale»

Immagine articolo

Dopo la bella partenza ai mondiali di Budapest, la nazionale maschile di pallanuoto è stata eliminata ai quarti di finale dalla Croazia. Alla rosa del “settebello” mancavano però tre elementi fondamentali: Valentino Gallo, Alessandro Velotto e il portiere Marco Del Lungo, tutti e tre fermati dal morbillo. Una notizia che ha fatto rumore non solo per il caso in sé, visto che la squadra ha perso in un colpo solo tre protagonisti poco prima dell’inizio della competizione, ma anche – e forse soprattutto – per la discussione che in questi giorni ha imprigionato l’opinione pubblica italiana a causa del decreto vaccini. Sanità Informazione ha parlato del caso e del problema vaccini proprio con Marco del Lungo, estremo difensore dell’AN Brescia e medaglia di bronzo alle olimpiadi di Rio 2016 e agli europei del 2014.

Marco, innanzitutto come stai?

«Bene, bene».

C’è stato un focolaio di morbillo? Come vi siete contagiati?

«A dir la verità non lo sappiamo nemmeno noi. La malattia si è manifestata nel momento in cui siamo ritornati a casa dopo il raduno ma non si sa bene qual è stata la forma di contagio. Diciamo però che la malattia, grazie al vaccino e al richiamo che avevo fatto, si è manifestata in maniera molto lieve, infatti ho avuto solo tre giorni di febbre e poi si è manifestato l’esantema».

Quindi inizialmente hai avuto un po’ di febbre e pensavi si trattasse di influenza…

«Pensavo ad un’alterazione dovuta all’intenso sforzo fisico che avevamo fatto nei giorni precedenti. Giocavamo ogni giorno: siamo andati a Barcellona e poi a Siracusa dove abbiamo disputato un torneo con sei squadre, quindi abbiamo giocato altre quattro partite di altissimo livello. Pensavo di sentirmi in quel modo a causa dell’intenso sforzo fisico. Poi si è manifestato l’esantema e qualche piccola domanda me la sono fatta…».

Sei vaccinato contro il morbillo e hai fatto anche il richiamo, giusto?

«Il primo vaccino l’ho fatto nel ’94, il richiamo nel 2001, quindi la copertura ci doveva essere comunque. In ogni caso, i sintomi sono stati tutto sommato lievi: certo, avevo un gran mal di testa e molta difficoltà a concentrarmi. Il medico mi ha detto “facciamo subito le analisi per vedere cos’hai”. Un sospetto ce l’aveva…».

Ma non ti ha spiegato come mai, pur essendo in copertura, hai ripreso il virus?

«Non si sa ancora bene il motivo. Sono stato chiamato anche dal capo responsabile delle vaccinazioni della Asl Roma4 di Civitavecchia per delle spiegazioni e anche lui si sta facendo delle domande perché risulta anche dal registro che hanno loro che sono stato vaccinato e ho fatto il richiamo. Dopo il mio caso tutta la squadra e lo staff sono stati sottoposti ai controlli, ma sono risultati immuni al morbillo».

Ti è dispiaciuto non poter partire per il mondiale, immagino…

«Il dispiacere è stato tanto, però la salute viene prima di tutto. Mi hanno detto che c’era pericolo di polmonite virale, quindi avrei potuto creare un disastro all’interno dello spogliatoio. Il morbillo, poi, può aprire le porte alla tubercolosi, quindi meglio così…».

Anche in seguito alla tua esperienza, sei d’accordo con l’obbligo vaccinale?

«Assolutamente sì. Per evitare le infezioni e queste situazioni è necessario mantenere alte le difese, non solo per i bambini, ma anche per gli adulti. Non so come mi sia venuto il morbillo in questo caso, ma devo ringraziare il vaccino se mi è venuto in forma lieve, e Giovanni Melchiorri, il medico della nazionale, che mi ha fatto le analisi».

 

 

Articoli correlati
Simedet, parla il Presidente Capuano: «Grazie alla multidisciplinarietà puntiamo a dare una corretta informazione in sanità»
La Società italiana di Medicina Diagnostica e terapeutica, nata un anno fa, ha celebrato il suo primo congresso parlando dei vaccini. Tra i responsabili scientifici l’immunologo Aiuti e il professor Fara
Malattie infettive, vaccinazioni e accesso alle cure al centro del 2° Congresso Waidid
Emergenza pertosse, primo network globale per l’eradicazione della Tubercolosi, immunizzazione in gravidanza e accesso universale alle cure. Questi sono alcuni degli hot topic al centro del 2° Congresso Internazionale dell’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici – WAidid –, presieduta dalla professoressa Susanna Esposito, che da oggi al 20 ottobre ospiterà a Milano […]
Vaccini, l’immunologo Aiuti: «Dovere sociale proteggere immunodepressi, sì all’obbligo per operatori sanitari»
Il professore è intervenuto al convegno Simedet sul tema: «I vaccini sono sicuramente un vantaggio perché hanno risparmiato milioni e milioni di morti, ma dobbiamo fare di più». E se la prende con quei ‘ciarlatani camuffati’ che vanno in tv senza sapere di cosa parlano
Sanità, D’Amato (Ass. Lazio): «Programmate 5mila assunzioni. Più investimenti su risorse umane e tecnologia per snellire le liste di attesa» 
«Raddoppiate le borse di studio per i medici di medicina generale. Pianificate 5 mila assunzioni tra tutte le professioni sanitarie. Lanciata la nuova piattaforma informatica del sistema ReCup». L’assessore alla Sanità e l’Integrazione Socio-sanitaria del Lazio racconta gli ultimi provvedimenti del governo regionale
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...