Salute 11 ottobre 2017

Le buone pratiche in ginecologia: dal Congresso Aogoi, Sigo e Agui il decalogo delle società scientifiche

Consigli ‘in rosa’ arrivano dalle associazioni e dalle società di ginecologia riunite in Congresso a Roma in questi giorni. Vaccini in gravidanza, ormoni in menopausa, ecografie ed esami utili: ecco nero su bianco le regole per una buona prevenzione e gestione delle abitudini di vita

Immagine articolo

Sono pericolosi i vaccini in gravidanza? Il pap-test è da fare tutti gli anni? Quali soluzioni ormonali per le vampate in menopausa? Queste e molte altre le domande a cui risponde il ‘Decalogo delle buone pratiche in ginecologia’ presentato durante il Congresso Nazionale Sigo, Aogoi e Agui.

Sono tanti i dubbi che tormentano le donne soprattutto durante alcune fasi della vita, come la gravidanza e la menopausa. Per questo motivo le Società e le Associazioni punto di riferimento in Italia in Ginecologia e Ostetricia, hanno deciso di mettere nero su bianco indicazioni utili ad orientarsi lungo quei percorsi che talvolta possono essere poco chiari.

Temi importanti  «ricchi di incognite e sorprese» dichiarano a Quotidiano Sanità Domenico Arduini e Marco Bonito, Presidenti del Congresso. «È fondamentale dare una corretta e completa informazione alle donne – prosegue il Presidente Arduini – anche spiegando loro che la medicina non è onnipotente, ma è una materia estremamente complessa. Per questo concentrarci sulle buone pratiche è essenziale anche riportando alla luce, grazie alle conoscenze attuali, un buon utilizzo delle tecnologie disponibili. Dobbiamo quindi ricordare, a noi stessi in primis, l’importanza delle buone pratiche. In medicina non abbiamo risolto tutto e non sempre è possibile risolvere tutto, ma stiamo procedendo in avanti passo dopo passo».

«Tutelare la sicurezza delle donne in tutte le fasi della loro vita e in particolare nel parto è il nostro obiettivo – sottolinea il Presidente Bonito – e in questo Congresso abbiamo posto una particolare attenzione sulla gestione clinica e strumentale della paziente a basso rischio, puntando i riflettori anche sugli aspetti medico legali alla luce della nuova normativa sulla responsabilità civile».

LEGGI ANCHE: FEDERICO GELLI: «GESTIONE DEL RISCHIO E ASSICURAZIONI, ARRIVA UNA GUIDA PER ORIENTARSI NEL NUOVO CORSO DELLA RESPONSABILITÀ SANITARIA»

Ecco il decalogo reso disponibile dagli esperti del settore:

  • Il riposo al letto in caso di gravidanza complicata è sempre necessario. FALSO

L’indicazione di restare a riposo totale è utile solo in rarissimi casi specifici, in cui i benefici per il buon esito della gravidanza superano gli effetti collaterali legati all’immobilità prolungata, tra cui il rischio trombo-embolico e la riduzione della massa muscolare. Non solo, il riposo forzato può condizionare psicologicamente la futura mamma che si vede costretta a rimanere a casa, e dare origine a forme di colpevolizzazione in caso di un eventuale aborto – sostiene la Presidente AOGOI.

  • È tre il numero corretto di ecografie da fare in gravidanza. FALSO

Le ecografie essenziali, anche secondo il disposto dei nuovi LEA, sono due – afferma la Presidente AOGOI: una nel primo trimestre e l’altra nel secondo, tra la 19a e la 21a settimana, atte a verificare la regolarità del battito cardiaco, la crescita e la posizione del feto. Eventuale ulteriore ecografia nel terzo trimestre, tra la 30a e la 32a settimana, va valutata dall’ostetrica/ginecologo caso per caso. Vale sempre la regola generale di non medicalizzare una gravidanza fisiologica, cioè senza fattori di rischio, prescrivendo esami ed accertamenti diagnostici superflui.

  • I vaccini in gravidanza sono pericolosi. FALSO

La Presidente AOGOI ricorda che i vaccini in gravidanza non sono pericolosi, ad eccezione di quelli vivi attenuati. In ogni caso va valutato il rapporto costo/beneficio per la singola donna. Al contrario, è fortemente raccomandata la vaccinazione antinfluenzale che non ha sostanziali controindicazioni per il feto, mentre in caso di febbre molto alta per la futura mamma potrebbe rendersi necessario un travaglio prematuro, con possibili rischi per il neonato.

  • La diagnosi preimpianto è indicata per tutte le coppie fertili. FALSO

La diagnosi preimpianto – precisa la Presidente AOGOI – può essere effettuata soltanto alle coppie che ricorrono alle tecniche di procreazione medicalmente assistita, e in particolare a quelle ad alto rischio riproduttivo di patologie genetiche, in quanto è in grado di rilevare eventuali malattie ereditarie gravi, evitando così di dover ricorrere all’aborto. Per tutte le altre coppie, a basso rischio, non vi è indicazione ad eseguire la diagnosi preimpianto, tranne che debbano ricorrere a tecniche di fecondazione assistita e siano correttamente informate dei limiti di tale indagine.

  • L’ecografia pelvica e il Pap-test vanno eseguiti ogni anno. VERO

Il Presidente SIGO ricorda che è consigliabile praticare ogni anno, insieme alla visita ginecologica, anche il Pap-test e l’ecografia pelvica. Ci sono però alcune eccezioni: anzitutto le donne che hanno effettuato la vaccinazione per il papilloma virus – che al contrario di quanto riportano alcune bufale che circolano soprattutto in Rete, è assolutamente sicura ed efficace – possono osservare intervalli più dilazionati, fino a tre anni, fra un controllo e l’altro; in secondo luogo, e tutto al contrario, le donne che presentano un rischio familiare di tumore ovarico o della mammella, finché sono giovani e mantengono quindi le ovaie, devono praticare l’ecografia pelvica ogni 4 mesi.

  • Esistono soltanto soluzioni ormonali per ridurre le vampate in menopausa. FALSO

La menopausa è un evento fisiologico nella vita di ogni donna che si associa a sintomi fastidiosi e invalidanti come vampate, palpitazioni e aumentata sudorazione. Per alleviare questi disturbi, afferma il Presidente AGUI, oltre alla terapia ormonale sostitutiva, nei casi in cui i sintomi siano di lieve entità, è possibile ricorrere a trattamenti alternativi: è il caso dei fitoestrogeni, ovvero sostanze naturali – tra le più comuni quelle derivanti dalla soia – che, avendo una struttura simile a quella degli estrogeni prodotti dall’organismo femminile, aiutano a riequilibrare l’assetto ormonale della donna.

  • È possibile fare diagnosi precoce dei tumori dell’endometrio. VERO/FALSO

Sebbene non ci siano ancora dati scientifici sufficienti, secondo il Presidente SIGO è ragionevole affermare che per alcuni tipi di tumori dell’endometrio, in particolare quelli ormono-dipendenti, siamo molto vicini all’obiettivo della diagnosi precoce, attraverso un impiego sistematico dell’ecografia transvaginale e della citologia endometriale. Per quanto riguarda invece altri tipi di tumori dell’endometrio, che sono in realtà meno frequenti e ricordano di più il tumore ovarico, siamo purtroppo ancora molto lontani dall’obiettivo della diagnosi precoce.

  • Gli esami del sangue sono sempre necessari prima di iniziare la contraccezione ormonale. FALSO

Gli esami ematologici non sono considerati un requisito preliminare all’inizio della contraccezione ormonale nelle donne a basso rischio per le quali non sono ricercati anche benefici extra-contraccettivi. È indispensabile, sottolinea il Presidente AGUI, un’attenta anamnesi da parte del ginecologo che, sulla base del profilo personale e della storia familiare della paziente, valuterà la necessità di prescrivere indagini specifiche, ad esempio per valutare il rischio coagulativo.

  • L’incontinenza urinaria si può prevenire, oltre che curare. VERO

Secondo il Presidente AGUI la prevenzione dell’incontinenza urinaria deve iniziare in età riproduttiva ed essere oggetto di particolare attenzione durante la gravidanza e il parto quando può verificarsi lo stiramento delle fibre nervose del collo dell’utero e della parete vaginale a seguito del passaggio del bambino nel canale del parto. La riabilitazione, nello specifico la ginnastica perineale, eseguita sia nell’immediato post parto, sia in menopausa per le donne sintomatiche, può consentire di conservare il giusto tono dei muscoli perineali e mantenerne la funzionalità. Raccomandiamo inoltre alle donne di non esporsi, nelle attività quotidiane, a forti aumenti della pressione addominale.

  • La somministrazione di progesterone in gravidanza può ridurre il rischio di parto pretermine. VERO

Ogni anno nel mondo nascono prematuri oltre 15 milioni di bambini, di questi, quasi un milione muore a seguito di questo evento che è anche causa di morbilità infantile e adulta, per le possibili complicanze neuro-psico-motorie. La somministrazione di progesterone alle donne che portano avanti una gravidanza singola e che abbiano già avuto un parto prematuro, sostiene la Presidente AOGOI, può ridurre il rischio di parto pretermine prima delle 34 settimane, di mortalità, perinatale, di peso alla nascita inferiore ai due chilogrammi e mezzo, di ricorso alla terapia intensiva neonatale. Per contro, il progesterone somministrato nelle gravidanze gemellari non riduce il rischio di parto pretermine.

 

Articoli correlati
Allattamento seno, Carla Scarsi (Leche League): «Le donne, insieme, riescono spesso a trovare le strategie vincenti»
Carla Scarsi (Leche League): «Le nostre consulenti hanno fatto tirocini quindi sanno molte cose sull'allattamento. Una di queste, è far capire alle mamme quali sono le priorità». L'intervista a Sanità Informazione
di Lucia Oggianu
Alimentazione e cancro, SINuC: «La malnutrizione per eccesso responsabile della maggior parte dei tumori solidi»
Il convegno “Nutrients Beyond Nutrition” mette a fuoco il legame tra nutrizione e prognosi anche in fase di follow up
Ostetriche, in Italia sempre meno in organico. Nadia Rovelli (Milano): «Adottare modello di presa in carico della madre. Oggi 3 ostetriche per 3mila parti»
Nel nostro paese solo 16507 professioniste contro le 31mila della Gb. La presidente dell’Ordine della Professione Ostetrica interprovinciale di Bergamo, Cremona, Lodi, Milano, Monza Brianza sottolinea: «Oggi l’accordo Stato-Regioni prevede che ci sia una correlazione tra ostetriche e numero di parti, ma l’interpretazione della legge è lasciata alla discrezionalità delle varie aziende»
di Federica Bosco
Pillola, spirale, anello o preservativo? Tutto quello che c’è da sapere su contraccezione in un e-book firmato Sic
#ChiediloaSIC: dalla seconda edizione della rubrica social ideata dalla Società italiana della Contraccezione è nato un libro, consultabile gratuitamente online, che  risponde alle reali esigenze informative degli utenti
di Isabella Faggiano
“Vaccinarsi in gravidanza è un atto d’amore”. Al via campagna Fnopo-Fimmg per promuovere i vaccini
La presidente Fnopo Maria Vicario: «Oggi più che mai noi ostetriche e i medici di famiglia riteniamo fondamentale fornire informazioni scientificamente provate per rassicurare le donne sulla validità e soprattutto sulla sicurezza delle vaccinazioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...