Salute 14 febbraio 2018

La blockchain cambierà la sanità? Scotti (Link Campus): «Tecnologia applicabile su più fronti, fondamentale seguirne l’evoluzione»

«Tracciabilità cartelle sanitarie, condivisione nel pieno rispetto della privacy, minori costi e maggiore efficienza: questa è la rivoluzione tecnologica» interviene il professor Vincenzo Vespri Ordinario in matematica e informatica dell’Università di Firenze

Immagine articolo

La blockchain può essere determinante anche nel settore sanitario? Il sistema che archivia dati in registri crittografatici e che sfrutta la rete peer-to-peer può rendere più sicura l’attività di raccolta e tracciamento d’informazioni cliniche? Se sì, in che modo? «Il database per esempio faciliterebbe la condivisione delle informazioni personali sensibili, con personale medico autorizzato» spiega il Professor Vincenzo Vespri, Ordinario del Dipartimento di Matematica e Informatica presso l’Università di Firenze, nel corso dell’incontro ‘Blockchain, presente e futuro’ organizzato alla Link Campus University.

«Questa pratica consente grandissimi vantaggi e lascia immaginare una società non centralizzata, non ci sarà più un ‘terzo’ a fare da intermediario tra medico e paziente, questo comporterà una riduzione di costi, maggiore efficienza, quindi una grossa rivoluzione tecnologica» prosegue il Professore.

«Per intenderci, faccio un esempio più comprensibile in termini sanitari: il professionista attraverso il sistema crittografico potrà fruire più facilmente e in maniera più funzionale e sicura delle cartelle cliniche. Stiamo andando incontro ad una trasformazione decisiva non solo del sistema sanitario ma del mondo intero».

«Fare i conti con l’impresa virtuale e con il cambiamento tecnologico apre un dibattito che mostra quanto siamo lontani dal discutere di problemi di sovranità – interviene Vincenzo Scotti, Presidente dell’Università Studi Link Campus University –. La nostra università ha sempre messo al centro il tema del virtuale e dell’impresa virtuale. Oggi a livello internazionale sta crescendo l’interesse in questa direzione anche a causa della debolezza degli Stati, della scomparsa di grandi aspetti della sovranità che abbiamo conosciuto in passato. Le nuove tecnologie sono applicabili su più fronti, bisogna seguirne l’evoluzione».

Articoli correlati
Blockchain, Scaramuccia (IBM): «Con la FDA tracceremo gli studi clinici e con Carrefour il pollo»
La Director di IBM Health & Life Science elenca a Sanità Informazione i vantaggi della catena dei blocchi in sanità, dalla filiera del farmaco alla sicurezza alimentare
I vantaggi della blockchain in sanità spiegati dall’esperto: «Consente anamnesi più accurata del paziente e delle generazioni precedenti»
Sebastian Zdrojeweski, CEO di Rights Chain Ltd, è intervenuto al convegno dell’Istituto Superiore di Sanità dedicato alla nuova tecnologia: «Benefici anche per la protezione dei dati e per il turismo sanitario»
di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
Donazione organi, certificati medici, formazione ECM. Davide Casaleggio: «Ecco come la blockchain sta già cambiando la sanità»
Il presidente della Casaleggio Associati si confronta con il presidente di Consulcesi Tech, Massimo Tortorella: «Entro il 2027 la ‘catena dei blocchi’ impatterà per il 10% del Pil mondiale. Necessario investire in formazione e innovazione»
Blockchain in sanità, Vella (ISS): «PITER, il più grande database nazionale sull’epatite, verrà gestito su catena dei blocchi»
L’Istituto Superiore di Sanità ha ospitato il convegno dedicato alle applicazioni della nuova tecnologia nel mondo sanitario. Il direttore del Centro per la salute globale: «La blockchain è una cassaforte digitale di cui solo alcuni hanno il codice, utilizzabile per tracciabilità del farmaco, trial clinici e formazione ECM»
Innovazione in sanità: al “Malta Blockchain Summit” nasce il futuro della digital identity
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi Tech: «Con la Blockchain si certifica l’identità dei pazienti, del fornitore sanitario e del farmaco, escludendo falsificazioni e frodi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano