Formazione 14 Febbraio 2018

La blockchain cambierà la sanità? Scotti (Link Campus): «Tecnologia applicabile su più fronti, fondamentale seguirne l’evoluzione»

«Tracciabilità cartelle sanitarie, condivisione nel pieno rispetto della privacy, minori costi e maggiore efficienza: questa è la rivoluzione tecnologica» interviene il professor Vincenzo Vespri Ordinario in matematica e informatica dell’Università di Firenze

Immagine articolo

La blockchain può essere determinante anche nel settore sanitario? Il sistema che archivia dati in registri crittografatici e che sfrutta la rete peer-to-peer può rendere più sicura l’attività di raccolta e tracciamento d’informazioni cliniche? Se sì, in che modo? «Il database per esempio faciliterebbe la condivisione delle informazioni personali sensibili, con personale medico autorizzato» spiega il Professor Vincenzo Vespri, Ordinario del Dipartimento di Matematica e Informatica presso l’Università di Firenze, nel corso dell’incontro ‘Blockchain, presente e futuro’ organizzato alla Link Campus University.

«Questa pratica consente grandissimi vantaggi e lascia immaginare una società non centralizzata, non ci sarà più un ‘terzo’ a fare da intermediario tra medico e paziente, questo comporterà una riduzione di costi, maggiore efficienza, quindi una grossa rivoluzione tecnologica» prosegue il Professore.

«Per intenderci, faccio un esempio più comprensibile in termini sanitari: il professionista attraverso il sistema crittografico potrà fruire più facilmente e in maniera più funzionale e sicura delle cartelle cliniche. Stiamo andando incontro ad una trasformazione decisiva non solo del sistema sanitario ma del mondo intero».

«Fare i conti con l’impresa virtuale e con il cambiamento tecnologico apre un dibattito che mostra quanto siamo lontani dal discutere di problemi di sovranità – interviene Vincenzo Scotti, Presidente dell’Università Studi Link Campus University –. La nostra università ha sempre messo al centro il tema del virtuale e dell’impresa virtuale. Oggi a livello internazionale sta crescendo l’interesse in questa direzione anche a causa della debolezza degli Stati, della scomparsa di grandi aspetti della sovranità che abbiamo conosciuto in passato. Le nuove tecnologie sono applicabili su più fronti, bisogna seguirne l’evoluzione».

Articoli correlati
Blockchain sempre più richiesta dalle aziende, nascono nuove figure professionali dedicate
Link Campus University e Consulcesi Tech e lanciano il primo MBA in Blockchain riconosciuto da Aja Europe
Brad Smith, presidente Microsoft: «Cura per il cancro entro il 2030 grazie a intelligenza artificiale e machine learning»
Intervenuto alla conferenza internazionale delle autorità per la privacy in corso a Tirana, il presidente di Microsoft spiega a Sanità Informazione in che modo il colosso sta cercando di proteggere i dati personali degli utenti
di Giulia Cavalcanti e Cesare Buquicchio - Inviati a Tirana (Albania)
Dati sanitari e blockchain protagonisti della conferenza mondiale della privacy di Tirana. Parla Busia (Garante Privacy)
«La blockchain è uno strumento importante. Rappresenta una sfida», spiega il Garante della Privacy, Giuseppe Busia commentando l’iniziativa di Consulcesi Tech dedicata alla blockchain nel corso dell’evento ICDPPC
di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti - Inviati a Tirana (Albania)
Big Data e ambiente, Desideri (ISS): «Il 30% delle cause di mortalità per tumore sono da ricondurre agli stili di vita»
«L’ambiente di vita e di lavoro deve essere al centro delle politiche del sistema sanitario pubblico» ha evidenziato Enrico Desideri, Presidente Fondazione ISS, a margine del congresso Big Data in Health di cui Sanità Informazione è stata media partner. E sul diritto dei cittadini ad intraprendere azioni legali per la mancata tutela della salute: «I cittadini devono alzare la voce e farsi sentire»
Congresso Aimo e simposio Goal, Tortorella: «La blockchain cambia la sanità, anche per gli oculisti »
Tra i temi affrontati, anche l’innovazione rappresentata dalla Blockchain. Tortorella (Consulcesi Tech): «È una tecnologia che verifica e congela l’accaduto. Fondamentale per certificare la formazione ECM»
di Giulia Cavalcanti e Cesare Buquicchio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 marzo, sono 533.416 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 24.082 i decessi e 122.710 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

«Scovare i positivi casa per casa: così abbiamo sconfitto il virus a Vo’». Il virologo Crisanti racconta il modello veneto

Il professore di Microbiologia e virologia Andrea Crisanti ha coordinato lo studio sugli abitanti di Vo’ Euganeo: «Con il tampone abbiamo identificato fin dall’inizio sia le persone asintomatiche...