Mondo 25 Ottobre 2019 09:54

Brad Smith, presidente Microsoft: «Cura per il cancro entro il 2030 grazie a intelligenza artificiale e machine learning»

Intervenuto alla conferenza internazionale delle autorità per la privacy in corso a Tirana, il presidente di Microsoft spiega a Sanità Informazione in che modo il colosso sta cercando di proteggere i dati personali degli utenti

di Giulia Cavalcanti e Cesare Buquicchio - Inviati a Tirana (Albania)

«Grazie al machine learning e all’intelligenza artificiale, sarà alla nostra portata riuscire a trovare una cura per il cancro entro il prossimo decennio». Parola di Brad Smith, presidente di Microsoft. Tra gli ospiti più attesi della conferenza internazionale delle autorità per la privacy in corso a Tirana, in Albania, Smith spiega a Sanità Informazione in che modo il colosso tecnologico che dirige sta cercando di coniugare protezione dei dati personali e accesso alle informazioni: «Dobbiamo trovare nuovi modi per consentire ai ricercatori di accedere ai dati e lavorare per il progredire della scienza e della medicina ma, allo stesso tempo, garantire il rispetto della privacy delle persone».

LEGGI ANCHE: DATI SANITARI E BLOCKCHAIN PROTAGONISTI DELLA CONFERENZA MONDIALE DELLA PRIVACY DI TIRANA. PARLA BUSIA (GARANTE PRIVACY)

«I dati sanitari – aggiunge il presidente di Microsoft – rientrano tra le informazioni più sensibili e personali di ognuno di noi. È assolutamente necessario proteggerli con nuovi strumenti di sicurezza. E credo sia d’obbligo per i leader del mondo tecnologico sviluppare le tecnologie necessarie per proteggere le informazioni sanitarie».

Smith spiega, allora, quali sono le strade intraprese da Microsoft per assicurare una maggiore protezione dei dati personali dei suoi utenti: «Per prima cosa stiamo attuando quanto previsto dal regolamento europeo sulla privacy GDPR in tutti i Paesi, non sono in Europa. Ma al diritto stiamo aggiungendo nuove tecnologie: crediamo di avere sistemi di cybersecurity più avanzati rispetto a qualunque altra compagnia presente sul mercato, ma stiamo progettando anche nuovi modi per proteggere al meglio la privacy».

LEGGI ANCHE: I DATI SANITARI I PIU’ REDDITIZI SUL DARK WEB. SETOLA (CAMPUS BIO-MEDICO): «IN UN ANNO FURTI AUMENTATI DEL 99%»

Tra le nuove tecnologie che possono offrire un aiuto concreto, anche la blockchain. Commentando l’iniziativa di Consulcesi Tech dedicata alla blockchain nel corso dell’evento ICDPPC, Smith definisce la catena dei blocchi come «una tecnologia che sicuramente ricopre un ruolo importante nella protezione della privacy delle persone, ma anche nel garantire l’integrità della catena di distribuzione dei prodotti che compriamo, nell’aiutare i contabili, nel monitorare le transazioni finanziarie. Ma è un pezzo del puzzle. Per proteggere i dati personali sono necessarie diverse tecnologie».

Articoli correlati
Privacy e professioni sanitarie, tema sensibile sotto la lente di ingrandimento di FNO TSRM PSTRP e Ordine degli Avvocati di Roma
Il 27 aprile in Corte di Cassazione a Roma il convegno su “il manager della privacy in sanità”. Calandra: (FNO TSRM PSTRP): «Argomento sensibile che merita ampia riflessione». L’avvocato Perciballi: «Tema della privacy e del segreto professionale essenziale nel rapporto di fiducia tra il professionista sanitario e la persona assistita»
Alcuni gadget di Apple e Microsoft potrebbero compromettere defibrillatori e peacemaker. L’allarme di uno studio svizzero
La custodia di ricarica delle AirPods, la Microsoft Surface Pen e la Apple Pencil 2nd Generation possono interferire con dispositivi cardiaci salvavita, come defibrillatori e pacemaker
Vaccini e privacy, cosa succede per le categorie prioritarie?
Online il decalogo del Garante della Privacy sul trattamento dei dati personali connesso alle iniziative volte a promuovere il completamento della vaccinazione dei soggetti appartenenti alle categorie prioritarie
Cybersecurity, Boldrini (Pd): «Coinvolgere il ministero Salute, dati sanitari sono i più sensibili»
«La cybersicurezza è strategica e riguarda sempre di più da vicino anche la salute dei cittadini, come purtroppo sta dimostrando l’attacco degli hacker alla piattaforma sanitaria della Regione Lazio. Abbiamo appena approvato la legge che istituisce l’Agenzia nazionale per la cybersicurezza e che prevede un comitato interministeriale per la sicurezza informatica. Ciò significa che nei […]
Tra presente e futuro, ecco l’impatto dei dati (e del loro utilizzo) nel SSN
Alla luce dell’esperienza Covid, il webinar organizzato da Big Data Health Society accende i riflettori sull’importanza dei processi di gestione del dato per costruire una sanità migliore
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 maggio, sono 521.544.720 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.264.094 i decessi. Ad oggi, oltre 11,40 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...