Salute 3 Ottobre 2019

I dati sanitari i più redditizi sul dark web. Setola (Campus Bio-Medico): «In un anno furti aumentati del 99%»

Allo sforzo regolatore si accompagna l’inconsapevole cessione dei dati da parte dei cittadini ai grandi player internazionali: «Bisogna far capire l’importanza di questi temi». Così il professore dell’università romana a margine di “Big Data in Health”

di Viviana Franzellitti e Giulia Cavalcanti

«I dati sanitari sono i più appetibili per i cyber criminali. Sul dark web, sono quelli che vengono venduti a prezzo più elevato. E non è quindi una coincidenza che il furto di questi dati nell’ultimo anno sia aumentato del 99%». Sono i dati presentati ai nostri microfoni dal professor Roberto Setola dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, intervenuto alla seconda giornata del convegno “Big Data in Health“, ospitato dal CNR e di cui Sanità Informazione è media partner.

LEGGI ANCHE: PROTEZIONE DATI SANITARI, MODAFFERI (GARANTE PRIVACY): «FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO DIVENTI REALTÀ IN OGNI REGIONE»

«Il problema – prosegue Setola – è che i dati sanitari non sono ben protetti. Il passaggio dalla carta al digitale negli ospedali e nelle strutture sanitarie non è stato accompagnato da un cambiamento culturale degli operatori della sanità, esponendo i dati ad un alto rischio di perdita, furto o alterazione. Per questo, insieme a Confindustria digitale, abbiamo istituito un tavolo di lavoro per redigere delle linee guida che aiutino gli operatori sanitari a mettere in atto specifiche strategie di mitigazione».

Ma accanto ai dati sanitari rubati, ci sono quelli forniti dai cittadini, non sempre in modo del tutto consapevole, ai grandi player internazionali come Google o Amazon: «Fornendo servizi interessanti, questi colossi acquisiscono dati e informazioni senza che l’utente finale ne abbia ben contezza», commenta il professore.

Un fenomeno che mal si accompagna allo sforzo regolatore che tende a tutelare i nostri dati e la nostra privacy: «Ci sono una serie di vincoli e di normative, alcune forse più tediose che efficaci – continua Setola -, che cercano di proteggere i dati, ma che ne rendono anche più difficile la condivisione. Eppure la condivisione del dato tra il cittadino e i soggetti deputati alla sua gestione quando serve e dove serve è molto importante. Basti pensare agli studi statistici sulle malattie, che sfruttano in maniera aggregata le conoscenze acquisite sul singolo paziente».

«Bisogna quindi da un lato creare un meccanismo per bilanciare la riservatezza del dato con la semplicità di fruizione, e dall’altro – conclude il professor Setola – farne comprendere al cittadino l’importanza».

LEGGI ANCHE: BIG DATA, CALABRESE (FIMMG): «NOI MMG PRIMI A INFORMATIZZARCI». MONACO (FNOMCeO): «MA I DATI NON DEVONO SOSTITUIRE IL MEDICO»

Articoli correlati
Antonio Scala, Big Data in Health Society: «Serve un monitoraggio attivo sul COVID-19 da affidare ai MMG»
Maria Luisa Chiusano, Università di Napoli: «La ricerca molecolare riapre il dibattito sul ruolo dei farmaci RAAS-Inibitori – ACE Inibitori e Sartani – nel contenere la carica virale nel COVID-19. Minore abbondanza di ACE-2 sulla membrana ed eventuali frammenti liberi che catturino in anticipo il virus, limiterebbero l’attacco sulla membrana cellulare»
‘Project Nightingale’, Google e Ascension insieme per raccogliere dati sanitari su milioni di persone. Dubbi sul fronte privacy
L’iniziativa, portata alla luce da una inchiesta del Wall Street Journal, mira a raccogliere dati e informazioni dettagliate sulla salute di milioni di persone in 21 Stati americani
Dati sanitari, Denham (Commissario informazione UK): «Necessario equilibrio tra protezione e utilizzo per ricerca»
«I dati sanitari sono tra i più sensibili. Le persone sono particolarmente preoccupate quando informazioni di questo tipo vengono violate o non si conosce il modo in cui vengono utilizzate». Così il commissario per l’informazione del Regno Unito Elizabeth Denham
Brad Smith, presidente Microsoft: «Cura per il cancro entro il 2030 grazie a intelligenza artificiale e machine learning»
Intervenuto alla conferenza internazionale delle autorità per la privacy in corso a Tirana, il presidente di Microsoft spiega a Sanità Informazione in che modo il colosso sta cercando di proteggere i dati personali degli utenti
di Giulia Cavalcanti e Cesare Buquicchio - Inviati a Tirana (Albania)
Dati sanitari e blockchain protagonisti della conferenza mondiale della privacy di Tirana. Parla Busia (Garante Privacy)
«La blockchain è uno strumento importante. Rappresenta una sfida», spiega il Garante della Privacy, Giuseppe Busia commentando l’iniziativa di Consulcesi Tech dedicata alla blockchain nel corso dell’evento ICDPPC
di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti - Inviati a Tirana (Albania)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...