Salute 2 Ottobre 2019

Big Data, Calabrese (Fimmg): «Noi MMG primi a informatizzarci». Monaco (FNOMCeO): «Ma i dati non devono sostituire il medico»

Al Convegno Big Data in Health 2019 in corso al Cnr di Roma protagonista anche il mondo della medicina. Il Segretario della Federazione degli ordini dei medici sottolinea: «L’Italia è grande e non sono partite dappertutto le innovazioni tecnologiche strutturali»

Immagine articolo

Analizzare i big data in ambito sanitario con la partecipazione dei cittadini per migliorare la salute e la sanità italiana. È questo uno degli obiettivi della conferenza Big Data in Health 2019 – di cui Sanità Informazione è media partner – l’occasione di confronto per istituzioni e aziende per discutere sulle potenzialità dei data health.

QUI I SALUTI DEL MINISTRO SERGIO COSTA IN APERTURA DELLA CONFERENZA BIG DATA HEALTH 2019

Il fascicolo sanitario elettronico, la cartella clinica informatizzata e il registro nazionale tumori sono innovazioni tecnologiche che però non sono state ancora adottate in modo omogeneo in tutt’Italia. «Questo è il limite – spiega il segretario Fnomceo Roberto Monaco – noi siamo convinti che i big data sono un supporto fondamentale, ma che non deve mai sostituire il professionista medico. Il problema è che l’Italia è grande e non sono partite dappertutto tutte le innovazioni tecnologiche strutturali. Ad esempio, la cartella clinica informatizzata è un ottimo strumento di cura che viaggia insieme al paziente e permette di rispondere a ogni suo desiderio di cura. Anche il fascicolo sanitario elettronico è importante. Manca ancora qualcosa: non tutte le città e i paesi italiani hanno la possibilità di connettersi facilmente e inserire i dati con immediatezza. Bisogna dare gli strumenti ai medici, non orpelli burocratici ma elementi di supporto perché deve essere il referente del cittadino, colui che tutela la sua salute».

«Noi siamo il primo pezzo del SSN pubblico che di fatto si è informatizzato in modo omogeneo oltre vent’anni fa – puntualizza Nicola Calabrese (Fimmg); i dati dei nostri pazienti ora non sono più solo all’interno dei nostri gestionali ma sono a disposizione, in tempo reale, dei sistemi regionali e nazionali di analisi per il controllo e il monitoraggio della spesa».

Nella tre giorni al Consiglio Nazionale delle ricerche di Roma si parlerà anche di ambiente e stili di vita. A Roma c’è un problema rifiuti molto complesso e alcune zone d’Italia sono fortemente inquinate. In generale, aumentano i cittadini e le associazioni che hanno presentato istanze legali per risarcimento del danno a tutela della propria salute.

«L’OMCeO Roma sta lavorando su questo – specifica Monaco – il problema dell’ambiente non è solo romano è una problematica mondiale, noi dobbiamo rispettare il mondo in cui viviamo. Abbiamo inserito nel nostro codice deontologico l’interesse nei confronti dell’ambiente, così porteremo il nostro contributo affinché sia sempre più vivibile» conclude.

Sono diverse le infrazioni che la Commissione europea ha contestato all’Italia, molte riguardano questioni ambientali: dall’Ilva di Taranto alla Terra dei fuochi, passando per smog e rifiuti. «Il tema dell’ambiente è molto attuale, rispetto alla sensibilità del cittadino – spiega Calabrese ai nostri microfoni – noi siamo in prima linea dove esistono problemi di questo tipo. La nostra realtà ci porta ad affrontare questioni e tematiche ambientali in relazione ad altri contesti di sanità e salute: le comorbilità, la gestione delle patologie croniche e l’impatto che hanno sulla storia delle malattie di nostri pazienti. Per questo il nostro contributo all’analisi e alla ricerca dei big data-ambiente e dei big data-salute sia fondamentale» conclude Calabrese.

Articoli correlati
Tecnologia, la Soi adotta le votazioni telematiche via internet
Trasparenza, sicurezza, affidabilità. Saranno queste le caratteristiche delle elezioni suppletive per il rinnovo  del Consiglio Direttivo della SOI, Società Oftalmologia italiana. Si tratta di una elezione innovativa perché per la prima volta in Italia il rinnovo dei Consiglieri di una società medico scientifica si svolgerà attraverso una piattaforma digitale, mentre un notaio certificherà il corretto […]
Professioni sanitarie, Conferenza Regioni approva documento sul riconoscimento delle competenze avanzate
Gli infermieri: «Un passo avanti importante con qualche ombra, che andrà ben declinato a livello locale». E i medici chiedono di poter contribuire
“No alla violenza sui camici bianchi”. Anelli (Fnomceo): «L’attività parlamentare vada di pari passo con quella delle Regioni»
«È proprio a livello regionale che potranno essere portati avanti quegli interventi a livello organizzativo e strutturale che sono rimasti in secondo piano nel Disegno di Legge - continua Filippo Anelli -. Penso all’installazione degli impianti di videosorveglianza e all’istituzione di presidi di pubblica sicurezza nei pronto soccorso»
Sanità, Zampa: «L’intelligenza artificiale può aiutare il decisore politico a rendere la sanità più efficiente»
«Ho incontrato al Cineca, insieme al Professor Armando Cirillo, Consulente del Ministro della Salute, un team di alta competenza tecnologica: il Dottor David Vannozzi, Direttore Generale, la Dottoressa Daniela Galetti, responsabile sistemi di supercalcolo, la Dottoressa Serena Borelli, direttore organizzazione e sistemi ed il Dott. Mauro Moruzzi, Health Advisory Board di Cineca, promotore dell’incontro. In […]
Suicidio assistito, FNOMCeO: «Medici non più punibili se rispettate condizioni Corte Costituzionale»
Il Consiglio nazionale della Federazione degli Ordini dei Medici aggiorna il codice deontologico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 febbraio 2020 sono 80.350 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 27.878 mentre i morti sono 2.705. I CASI IN ITALIA Bollettino delle or...