Salute 2 Ottobre 2019 16:31

Big Data, Calabrese (Fimmg): «Noi MMG primi a informatizzarci». Monaco (FNOMCeO): «Ma i dati non devono sostituire il medico»

Al Convegno Big Data in Health 2019 in corso al Cnr di Roma protagonista anche il mondo della medicina. Il Segretario della Federazione degli ordini dei medici sottolinea: «L’Italia è grande e non sono partite dappertutto le innovazioni tecnologiche strutturali»

Big Data, Calabrese (Fimmg): «Noi MMG primi a informatizzarci». Monaco (FNOMCeO): «Ma i dati non devono sostituire il medico»

Analizzare i big data in ambito sanitario con la partecipazione dei cittadini per migliorare la salute e la sanità italiana. È questo uno degli obiettivi della conferenza Big Data in Health 2019 – di cui Sanità Informazione è media partner – l’occasione di confronto per istituzioni e aziende per discutere sulle potenzialità dei data health.

QUI I SALUTI DEL MINISTRO SERGIO COSTA IN APERTURA DELLA CONFERENZA BIG DATA HEALTH 2019

Il fascicolo sanitario elettronico, la cartella clinica informatizzata e il registro nazionale tumori sono innovazioni tecnologiche che però non sono state ancora adottate in modo omogeneo in tutt’Italia. «Questo è il limite – spiega il segretario Fnomceo Roberto Monaco – noi siamo convinti che i big data sono un supporto fondamentale, ma che non deve mai sostituire il professionista medico. Il problema è che l’Italia è grande e non sono partite dappertutto tutte le innovazioni tecnologiche strutturali. Ad esempio, la cartella clinica informatizzata è un ottimo strumento di cura che viaggia insieme al paziente e permette di rispondere a ogni suo desiderio di cura. Anche il fascicolo sanitario elettronico è importante. Manca ancora qualcosa: non tutte le città e i paesi italiani hanno la possibilità di connettersi facilmente e inserire i dati con immediatezza. Bisogna dare gli strumenti ai medici, non orpelli burocratici ma elementi di supporto perché deve essere il referente del cittadino, colui che tutela la sua salute».

«Noi siamo il primo pezzo del SSN pubblico che di fatto si è informatizzato in modo omogeneo oltre vent’anni fa – puntualizza Nicola Calabrese (Fimmg); i dati dei nostri pazienti ora non sono più solo all’interno dei nostri gestionali ma sono a disposizione, in tempo reale, dei sistemi regionali e nazionali di analisi per il controllo e il monitoraggio della spesa».

Nella tre giorni al Consiglio Nazionale delle ricerche di Roma si parlerà anche di ambiente e stili di vita. A Roma c’è un problema rifiuti molto complesso e alcune zone d’Italia sono fortemente inquinate. In generale, aumentano i cittadini e le associazioni che hanno presentato istanze legali per risarcimento del danno a tutela della propria salute.

«L’OMCeO Roma sta lavorando su questo – specifica Monaco – il problema dell’ambiente non è solo romano è una problematica mondiale, noi dobbiamo rispettare il mondo in cui viviamo. Abbiamo inserito nel nostro codice deontologico l’interesse nei confronti dell’ambiente, così porteremo il nostro contributo affinché sia sempre più vivibile» conclude.

Sono diverse le infrazioni che la Commissione europea ha contestato all’Italia, molte riguardano questioni ambientali: dall’Ilva di Taranto alla Terra dei fuochi, passando per smog e rifiuti. «Il tema dell’ambiente è molto attuale, rispetto alla sensibilità del cittadino – spiega Calabrese ai nostri microfoni – noi siamo in prima linea dove esistono problemi di questo tipo. La nostra realtà ci porta ad affrontare questioni e tematiche ambientali in relazione ad altri contesti di sanità e salute: le comorbilità, la gestione delle patologie croniche e l’impatto che hanno sulla storia delle malattie di nostri pazienti. Per questo il nostro contributo all’analisi e alla ricerca dei big data-ambiente e dei big data-salute sia fondamentale» conclude Calabrese.

Articoli correlati
Inquinamento atmosferico, il killer silenzioso che uccide più del Covid (ma fa meno rumore)
Miani (SIMA): «Ogni anno in Italia circa 80mila persone muoiono prematuramente per inquinamento atmosferico». E i tumori pediatrici aumentano a velocità doppia rispetto alla media UE
Medici stranieri assunti «in deroga», Anelli (Fnomceo) perplesso scrive a Mattarella
Il presidente di Fnomceo Anelli scrive una lettera al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per sollecitare l'attenzione sulla normativa che permette l'impiego di medici extracomunitari in deroga al normale iter di riconoscimento dei titoli e all'obbligo di iscrizione all'ordine
«Inquinamento e salute bambini, con cambiamento climatico rischi aumentati». L’allarme della pediatra Reali (ISDE Lazio)
«Un aumento di temperatura cui sono esposti i bambini durante la vita in utero può aumentare il rischio di esiti avversi della gravidanza»
di Francesco Torre
Le carni vegetali sono il miglior investimento per il futuro del clima?
Gli investimenti in proteine alternative, che comprendono anche prodotti derivati dalla fermentazione (microproteine, alghe, proteine del latte prodotte con i batteri) e carni coltivate, sono balzati da 1 miliardo di dollari nel 2019 a 5 miliardi di dollari nel 2021
di Stefano Piazza
Appello FNOMCeO a tutte le forze politiche: «Rilanciare il Servizio sanitario nazionale»
Anelli: «L’auspicio è che il nuovo Parlamento e il nuovo Governo siano sempre attenti alle tematiche relative alla salute dei cittadini e al lavoro dei professionisti della sanità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa