Salute 2 Ottobre 2019 16:31

Big Data, Calabrese (Fimmg): «Noi MMG primi a informatizzarci». Monaco (FNOMCeO): «Ma i dati non devono sostituire il medico»

Al Convegno Big Data in Health 2019 in corso al Cnr di Roma protagonista anche il mondo della medicina. Il Segretario della Federazione degli ordini dei medici sottolinea: «L’Italia è grande e non sono partite dappertutto le innovazioni tecnologiche strutturali»

Big Data, Calabrese (Fimmg): «Noi MMG primi a informatizzarci». Monaco (FNOMCeO): «Ma i dati non devono sostituire il medico»

Analizzare i big data in ambito sanitario con la partecipazione dei cittadini per migliorare la salute e la sanità italiana. È questo uno degli obiettivi della conferenza Big Data in Health 2019 – di cui Sanità Informazione è media partner – l’occasione di confronto per istituzioni e aziende per discutere sulle potenzialità dei data health.

QUI I SALUTI DEL MINISTRO SERGIO COSTA IN APERTURA DELLA CONFERENZA BIG DATA HEALTH 2019

Il fascicolo sanitario elettronico, la cartella clinica informatizzata e il registro nazionale tumori sono innovazioni tecnologiche che però non sono state ancora adottate in modo omogeneo in tutt’Italia. «Questo è il limite – spiega il segretario Fnomceo Roberto Monaco – noi siamo convinti che i big data sono un supporto fondamentale, ma che non deve mai sostituire il professionista medico. Il problema è che l’Italia è grande e non sono partite dappertutto tutte le innovazioni tecnologiche strutturali. Ad esempio, la cartella clinica informatizzata è un ottimo strumento di cura che viaggia insieme al paziente e permette di rispondere a ogni suo desiderio di cura. Anche il fascicolo sanitario elettronico è importante. Manca ancora qualcosa: non tutte le città e i paesi italiani hanno la possibilità di connettersi facilmente e inserire i dati con immediatezza. Bisogna dare gli strumenti ai medici, non orpelli burocratici ma elementi di supporto perché deve essere il referente del cittadino, colui che tutela la sua salute».

«Noi siamo il primo pezzo del SSN pubblico che di fatto si è informatizzato in modo omogeneo oltre vent’anni fa – puntualizza Nicola Calabrese (Fimmg); i dati dei nostri pazienti ora non sono più solo all’interno dei nostri gestionali ma sono a disposizione, in tempo reale, dei sistemi regionali e nazionali di analisi per il controllo e il monitoraggio della spesa».

Nella tre giorni al Consiglio Nazionale delle ricerche di Roma si parlerà anche di ambiente e stili di vita. A Roma c’è un problema rifiuti molto complesso e alcune zone d’Italia sono fortemente inquinate. In generale, aumentano i cittadini e le associazioni che hanno presentato istanze legali per risarcimento del danno a tutela della propria salute.

«L’OMCeO Roma sta lavorando su questo – specifica Monaco – il problema dell’ambiente non è solo romano è una problematica mondiale, noi dobbiamo rispettare il mondo in cui viviamo. Abbiamo inserito nel nostro codice deontologico l’interesse nei confronti dell’ambiente, così porteremo il nostro contributo affinché sia sempre più vivibile» conclude.

Sono diverse le infrazioni che la Commissione europea ha contestato all’Italia, molte riguardano questioni ambientali: dall’Ilva di Taranto alla Terra dei fuochi, passando per smog e rifiuti. «Il tema dell’ambiente è molto attuale, rispetto alla sensibilità del cittadino – spiega Calabrese ai nostri microfoni – noi siamo in prima linea dove esistono problemi di questo tipo. La nostra realtà ci porta ad affrontare questioni e tematiche ambientali in relazione ad altri contesti di sanità e salute: le comorbilità, la gestione delle patologie croniche e l’impatto che hanno sulla storia delle malattie di nostri pazienti. Per questo il nostro contributo all’analisi e alla ricerca dei big data-ambiente e dei big data-salute sia fondamentale» conclude Calabrese.

Articoli correlati
In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto
Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, entro il 2035, di 1 adulto italiano su 3 obeso. E' l'allarme lanciato dalla Società italiana di nutrizione umana per sensibilizzare sull'importanza della sostenibilità alimentare e sull'adozione di scelte alimentari corrette, in grado di agire positivamente sia sull'uomo che sul pianeta
Dalla riforma dell’AIFA all’innovazione in sanità, le sfide dell’Healthcare
Si è svolto oggi a Roma il convegno promosso dalla Fondazione Mesit, «La sfida Healthcare. Innovazione e attrattività del settore per la competitività in Europa»
Cambiamenti climatici possono «resuscitare» virus «zombie» e scatenare nuove epidemie
Sono stati trovati nella lana di mammut, nelle mummie siberiane, nei lupi preistorici e nei polmoni di una vittima dell'influenza ritrovata sepolta nel permafrost dell'Alaska. I virus «zombie» rischiano di «resuscitare» a causa degli effetti dei cambiamenti climatici e dare il via a nuove epidemie o pandemie
«PFAS dannosi. Le aziende sapevano ma non hanno comunicato il rischio»
L'industria chimica sapeva perfettamente quanto l’esposizione alle sostanze perfluoroalchiliche (PFAS), potesse essere pericolosa per la salute e lo ha nascosto deliberatamente. E' un'accusa molto pesante quella che emerge dall'analisi di documenti industriali precedentemente segreti, condotta da un gruppo di ricercatori dell'Università di San Francisco e pubblicata sugli Annals of Global Health
«Asma, il quartiere e l’inquinamento incidono sulla gravità. Anche nei bambini»
Simona Barbaglio, presidente dell’Associazione Nazionale Pazienti Respiriamo Insieme, commenta a Sanità Informazione i risultati di uno studio realizzato in USA e presentato alla Conferenza Internazionale ATS 2023, il quale mostra una forte associazione tra il quartiere di residenza, qualità dell'aria e rischio di riacutizzazioni dell'asma nei bambini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...