Contributi e Opinioni 21 Agosto 2019 17:12

Cronicità, Magi (Sumai): «In Italia 24 milioni di malati cronici ma siamo in forte ritardo»

di Antonio Magi, Segretario Nazionale Sumai e presidente Ordine dei Medici di Roma

«Avevo ancora i calzoni corti quando si parlava di potenziare il territorio. I calzoni si sono allungati e noi stiamo ancora aspettando che questo territorio sia finalmente potenziato». Questo uno dei passaggi dell’intervento del Segretario nazionale Sumai e presidente dell’Ordine dei medici di Roma Antonio Magi, intervenuto al Meeting dell’Amicizia di Rimini all’incontro “L’assistenza ai pazienti con cronicità. Sistemi a confronto”.

Un fenomeno, quello della cronicità che – ricorda Magi – «riguarda in Italia quasi 24 milioni di malati, un terzo degli italiani» e che «necessariamente richiede un cambiamento di paradigma della nostra sanità».

«Nel nostro Paese aumenta la speranza di vita – sottolinea Magi – e al contempo ogni anno perdiamo una città come Parma per non nati ovvero per la crescita sotto zero, grazie alla quale si arriverà molto rapidamente addirittura a 10 vecchi per bambino. Dunque questo povero bambini avrà sulle sue spalle 10 vecchi da gestire…e in questo deve essere aiutato», ammonisce il segretario Sumai. «Aumentando la cronicità – prosegue – aumenta la necessità servizi di prossimità vicini al paziente. Un paziente che oggi fa una vita normale e che necessita di un punto riferimento vicino che possa seguirlo nel suo percorso di cura».

«Per questo bisogna cambiare il paradigma della sanità», orientato sulla medicina di prossimità. Purtroppo però «dal 2009 parliamo di aggregazioni di equipe professionali, le cosiddette Aggregazioni funzionali territoriali, o di altre forme di assistenza che prendano in carico i pazienti sul territorio. Ma siamo nel 2019 e ancora ne stiamo parlando», conclude

Articoli correlati
Nasce l’Unione Italiana per la Salute: medici e pazienti insieme per tutelare la salute dei cittadini
Senior Italia FederAnziani, SIPES, SUMAI Assoprof e FIMMG insieme per predisporre un quadro culturale, un insieme di attività e un tessuto di relazioni entro cui possa trovare concreta attuazione il diritto alla tutela della salute
La sanità si interroga sul rapporto tra medicina e tecnologia: quale il ruolo del professionista del futuro?
Alla presentazione della piattaforma dell’Enpam Tech2Doc i rappresentanti dei camici bianchi si sono confrontati sulla relazione tra macchine e camici. Ma in ogni caso, saranno fondamentali la formazione e l’aggiornamento continuo del personale sanitario
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Fino al 31 dicembre per mettersi in regola»
Il Presidente dell’Ordine dei medici della Capitale conferma ai microfoni di Sanità Informazione l’importanza dell’aggiornamento professionale e auspica un continuo aumento della qualità dell’offerta. E avverte: «Preciso compito degli Ordini vigilare e nel caso applicare sanzioni»
Case della salute, PNRR e attenzione alle professioniste. La nuova sanità secondo Sumai-Assoprof
Ai microfoni di Sanità Informazione, il Segretario Generale Antonio Magi spiega qual è la strada da percorrere e cosa deve cambiare per rafforzare il sistema salute italiano: «È servita una pandemia per ragionare sui cambiamenti ma non vorrei che proprio dopo una pandemia ci dovessimo ritrovare senza un Servizio sanitario nazionale»
Giornata personale sanitario, la cerimonia dell’Ordine dei Medici di Roma
Una targa con il Giuramento d'Ippocrate e un ulivo i simboli scelti per ricordare i medici deceduti a causa del Covid-19
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola