Salute 5 Luglio 2019

Emergenza rifiuti, Magi (Omceo Roma): «Rischi seri per la salute dalla combustione dei cassonetti. Vigileremo»

Il Presidente dell’Ordine dei Medici della Capitale ha scritto una lettera alle istituzioni locali e nazionale «invitandole ad intervenire sinergicamente prima che la situazione degeneri ulteriormente». Attivato tavolo tecnico con Ama per dare una corretta informazione ai cittadini

Immagine articolo

Cassonetti traboccanti e caldo torrido stanno rendendo particolarmente difficile la vita dei cittadini romani. L’esplosione dell’ennesima emergenza spazzatura nella Capitale ha reso necessario l’intervento dell’Ordine dei Medici che nei giorni scorsi ha scritto una lettera alle istituzioni locali e nazionali invitandole «ad agire sinergicamente prima che la situazione degeneri ulteriormente».

Nella lettera il Presidente dell’Omceo Roma Antonio Magi ha lanciato l’allarme: «Le montagne di rifiuti abbandonati in modo incontrollato, specie fuori dai cassonetti, che macerano sotto il sole di questi giorni con le alte temperature, costituiscono un serio rischio per la salute legato alla proliferazione di germi e parassiti con la possibilità di diffusione di malattie infettive attraverso contatto diretto o indiretto tramite gli insetti e soprattutto entrando in contatto con gli escrementi di uccelli e roditori».

LEGGI ANCHE: RIFIUTI A ROMA, LA NUOVA DENUNCIA DELL’ORDINE DEI MEDICI DELLA CAPITALE. MAGI: «SI RISCHIA DI PASSARE DALL’EMERGENZA IGIENICA ALL’EMERGENZA SANITARIA» 

Il pressing di Magi sembra in qualche modo dare qualche timido risultato: mentre Raggi e Zingaretti continuano a rimpallarsi le responsabilità, Omceo Roma e Ama si sono incontrati e hanno deciso di dare vita a un tavolo tecnico per offrire ai cittadini l’informazione più corretta sul tema: nessun allarmismo ma neanche sottovalutazione. «Quando abbiamo ritenuto che ci fosse un allarme di natura igienica siamo subito intervenuti», spiega Magi a Sanità Informazione: «È chiaro che non si muore per i miasmi dei cassonetti. Il rischio può arrivare dalla combustione, accidentale o intenzionale, dei rifiuti: la diossina che si sprigionerebbe sarebbe tossica per tutti».

Presidente, i romani da settimane convivono con l’emergenza rifiuti, temono per la salute. L’Ordine dei Medici di Roma si sta attivando per dare risposte ai cittadini. Che iniziative avete portato avanti negli ultimi giorni?

«Abbiamo monitorato un po’ tutto, perciò quando abbiamo ritenuto che ci fosse un allarme di natura igienica siamo subito intervenuti. Abbiamo scritto una lettera a tutte le istituzioni coinvolte, ai ministeri dell’Ambiente e della Sanità, alla sindaca Raggi e al presidente della Regione Lazio Zingaretti per invitarli a mettersi tutti quanti seduti attorno a un tavolo e cercare di risolvere definitivamente il problema. Perché il problema non è solo il ritiro dei rifiuti, ma anche quello dello stoccaggio che dipende anche da altre istituzioni: fondamentale mettersi anche attorno a un tavolo e finalmente cercare di risolvere il problema dei cittadini. L’iniziativa ha avuto una grande eco e cominciamo a vedere dei piccoli passi avanti. Ieri siamo stati ricevuti dal Presidente dell’azienda dei rifiuti, Ama, e abbiamo deciso l’istituzione di un tavolo tecnico proprio per cercare di capire come risolvere il problema. Assodato che per adesso, se si incominciano a svuotare immediatamente i cassonetti, i romani non avranno problemi, bisogna subito mettere in piedi soluzioni che diventino di natura strutturale. Abbiamo messo in moto questo tavolo permanente, ci siamo riconvocati nuovamente per vedere cosa accade nei prossimi giorni. Già da ieri, non so se per la visita di Vladimir Putin, gran parte di Roma comincia ad essere pulita. Devo dire che qualcosa si sta muovendo anche in periferia dove Putin non è passato e quindi sicuramente un’attenzione maggiore c’è. Comunque vigiliamo».

Quando i romani vedono questi cassonetti pieni e respirano miasmi non proprio salutari, devono stare attenti? Che consiglio darebbe da medico?

«Non c’è un rischio immediato, non si muore per i miasmi dei cassonetti. Il problema è stare distanti dai cassonetti, soprattutto i bambini non devono toccare quello che c’è vicino ai cassonetti. Bisogna evitare di passare vicino ai cassonetti. Il rischio delle buste dell’immondizia a terra sta nell’autocombustione o che qualcuno abbia la bella idea di accendere un fuoco: questo è pericoloso. Si formano delle sostanze tossiche come la diossina e quelle sono nocive per tutti, bambini e adulti».

Articoli correlati
Roma, nasce Commissione OMCeO su ruoli e competenze in ambito nutrizionale
«Il medico è l'unico formato per valutare la complessità di un quadro clinico-nutrizionale, individuare forme di patologia sub-cliniche ed evitare che la prescrizione di un regime nutrizionale peggiori una condizione esistente come disturbi epatici, renali, oncologici» sottolinea Maurizio Muscaritoli, Presidente SINuC
Influenza, Ordini dei medici avviano tavolo in Lazio sulla vaccinazione in farmacia
In Lazio ci sarà un tavolo regionale per discutere dei vaccini antinfluenzali in farmacia. Per Magi (Omceo Roma) e Anelli (Fnomceo) deve restare atto medico, ma necessarie ulteriori strutture
“Su la maschera, giù i contagi”. La campagna di sensibilizzazione con gli attori di Skam Italia
Parte "MaskLazio", la campagna della Regione Lazio per sensibilizzare i giovanissimi all'utilizzo della mascherina. Zingaretti: «L’aiuto di tutti noi in questo momento è vitale»
Chi saranno i medici scolastici? Pensionati, giovani, pediatri o stranieri. Le proposte dal mondo della sanità
Se per Cricelli (Simg) la soluzione è richiamare i medici in pensione, Mazzacane (Cisl Medici) punta sui camici grigi. Secondo Magi (Sumai) i pediatri di libera scelta sono l’opzione ideale e Aodi (Amsi) vede un’opportunità per i medici di origine straniera. Mangiacavalli (Fnopi) chiede invece l’istituzione dell’infermiere scolastico
Riapertura ambulatori Lazio, Sumai chiede tavolo di confronto urgente con la Regione
Il Segretario Antonio Magi: «Necessario erogare in modo uniforme e al più presto le prestazioni specialistiche. Utilizzare da subito i 600 mila euro vincolati e già erogati dal governo per la Regione Lazio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare