Politica 28 Gennaio 2019 16:51

Terra dei fuochi, Muscarà (M5S): «Roghi continuano, preoccupazione non passa. Per contrastare criminalità serve controllo più efficace»

Nel piano di contrasto del governo un ruolo anche per i medici di base per rilevare la presenza di malattie anomale. La consigliera regionale della Campania: «Chi vive vicino a uno Stir sa che potrebbe prendere fuoco da un momento all’altro». Poi aggiunge: «Il Prefetto Iorio sta lavorando bene ma la filiera del rifiuto è ancora incompleta»

È un lembo di terra che si estende a nord di Napoli e a sud di Caserta flagellato dall’inquinamento. La Terra dei Fuochi, area ormai tristemente nota che spesso si estende al di là del perimetro ufficiale, è ancora al centro delle cronache: a distanza di anni non si placano gli effetti nocivi delle montagne di rifiuti sotterrati da gente senza scrupoli e dei roghi di rifiuti che ancora oggi flagellano questa terra. E gli effetti sulla salute dei cittadini continuano a farsi sentire: secondo quanto riferisce il progetto SENTIERI, uno studio su 55 comuni della Terra dei Fuochi redatto dall’Istituto Superiore di Sanità, emergono dati allarmanti su neoplasie che colpiscono soprattutto bambini già nel primo anno di vita. Di contro, si inizia a registrare un calo dei roghi di rifiuti: nel 2018 una diminuzione del 25% rispetto al 2017 secondo quanto riferito dal prefetto Gerlando Iorio dal novembre 2017 alla guida del gruppo interforze istituito nel novembre 2012 dal governo.

Nei mesi scorsi l’esecutivo guidato dal premier Giuseppe Conte ha firmato un Protocollo d’intesa che prevede un piano d’azione contro i roghi tossici e gli interramenti abusivi di rifiuti. In campo, nelle zone più a rischio, saranno impiegati l’esercito, che presidierà i siti di lavorazione dei rifiuti che secondo le prefetture di Napoli e Caserta sono a rischio di incendi dolosi, i droni e un centinaio di carabinieri specializzati in reati ambientali. Saranno anche aumentati i vigili del fuoco pronti a intervenire sul territorio. Nel piano d’azione previsto dall’intesa avranno un ruolo anche le Asl e i medici di base, impiegati per il controllo dell’aria e del territorio finalizzato a rilevare la presenza anomala di malattie più o meno gravi legate all’inquinamento da rifiuti. Di qui la presenza della Regione, che ha competenza sulla sanità. Abbiamo fatto il punto della situazione con Maria Muscarà, capogruppo del Movimento Cinque Stelle alla Regione Campania.

LEGGI ANCHE: REGISTRO TUMORI, LA LEGGE ARRIVA AL SENATO. CASTELLONE (M5S): «AVREMO ARMA FONDAMENTALE PER INDIVIDUARE TUTTE LE TERRE DEI FUOCHI ITALIANE»

Capogruppo, cosa possono fare le istituzioni per fronteggiare questa emergenza e cosa sta facendo la Regione Campania?

«La regione Campania si limita ad osservare il problema. Terra dei fuochi è un sistema molto ampio che va assolutamente conosciuto e gestito: non è soltanto un incendio appiccato ma è la discarica che poi prende fuoco, è lo Stir (è l’acronimo di Stabilimento di Tritovagliatura ed Imballaggio Rifiuti, ndr) che viene talmente riempito che tutto il sovvallo che non si riesce a vendere poi prende fuoco. Sono i rifiuti abbandonati a prendere fuoco perché non c’è controllo, sono le ecoballe che vengono gestite dicendo no all’inceneritore ma poi vengono mandate agli inceneritori. La Regione Campania sta osservando questo sistema senza intervenire in maniera seria e puntuale. Ringraziamo il ministro dell’Ambiente Sergio Costa per l’intervento dell’esercito sugli Stir, ma non basta. La gestione del rifiuto speciale urbano in regione Campania non c’è. Manca la filiera del rifiuto: il rifiuto viene raccolto, messo negli Stir e poi deve partire. Manca la gestione dell’umido: il rifiuto umido viene mal raccolto, stipato e poi deve partire oltre la regione Campania. Tutto questo sistema che genera microcriminalità e criminalità più grossa che gestisce il rifiuto non viene assolutamente ostacolato. Si osserva. Due anni fa è avvenuto l’incendio del Vesuvio, una tragedia immane dove ha preso fuoco la nostra montagna ma anche tonnellate di rifiuti che erano state abbandonate: come con un tam tam tra delinquenti dopo il primo incendio appiccato hanno cominciato ad accendersi le terre dei fuochi dei tanti delinquenti che aspettavano che le forze dell’ordine fossero talmente impegnate sul territorio del Vesuvio da non poter intervenire altrove. La Regione Campania cosa ha fatto? Quattro cabine di regia, chiamiamole così, affidate alla SMA Campania (che è una partecipata) che lavorano ad orario di ufficio e che dovrebbero controllare il territorio. Ancora non siamo riusciti a capire che necessità c’è di avere una struttura sul territorio quando via internet o per telefono tu puoi avvisare comunque una struttura unica centrale che magari può funzionare sempre. Il nuovo prefetto, Gerlardo Iorio, sta lavorando bene. Speriamo che in questo suo lavoro venga sufficientemente accompagnato da chi della Terra dei fuochi fa business».

Intanto però si continua a morire…

«Si continua a morire, si continua a stare male e anche se non si muore la qualità della vita è bassa perché se sai che vivi vicino a uno Stir che potrebbe prendere fuoco da un momento all’altro o vicino a un inceneritore che è controllato da una centralina del 2003 e l’inceneritore è del 2009 la tua qualità della vita è assolutamente bassa, la tua preoccupazione è altissima».

Articoli correlati
PNRR, al via la sfida per l’integrazione sociosanitaria tra territorio e digitalizzazione
A Napoli il Laboratorio Sanità 20/30, tra punti cruciali gli investimenti per la formazione e i contratti per la dirigenza
Sostanze chimiche e cancerogene nelle giovani donne della “Terra dei fuochi”, a rischio la fertilità
Al 38º Congresso annuale ESHRE 2022 presentate due nuove ricerche su Bisfenoli e Policlorobifenili contenuti in eccesso nei fluidi follicolari e nel sangue
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
Rivoluzione digitale in Sanità, la Campania ai blocchi di partenza nonostante le difficoltà
«La pandemia ha scaldato i motori dell’innovazione, ora sotto con la sfida del PNRR»
“La chirurgia plastica e la salute della donna”: a Napoli tavola rotonda dedicata
L’evento si terrà martedì 26 aprile presso il Circolo Tennis Club Napoli (Villa Comunale) con inizio alle ore 9.30
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...