Politica 29 Ottobre 2018 16:49

Registro Tumori, la legge arriva al Senato. Castellone (M5S): «Avremo arma fondamentale per individuare tutte le Terre dei Fuochi italiane»

Il provvedimento approvato all’unanimità in Commissione, a giorni il passaggio in Aula. La senatrice, ricercatrice del CNR, è da sempre impegnata sul tema: «Componente ambientale decisiva nella formazione della malattia»

Registro Tumori, la legge arriva al Senato. Castellone (M5S): «Avremo arma fondamentale per individuare tutte le Terre dei Fuochi italiane»

La tante, troppe ‘terre dei fuochi’ italiane attendono questo provvedimento da tempo. Dopo l’approvazione in Commissione Sanità, la Rete nazionale dei Registri Tumori sembra davvero a un passo dall’approvazione. Merito anche della tenacia e della determinazione della senatrice del Movimento Cinque Stelle Maria Domenica Castellone, già ricercatrice in oncologia presso il CNR, relatrice del provvedimento. Per lei che viene da Giugliano, nel cuore della tristemente celebre Terra dei Fuochi, la legge è anche una questione personale, un impegno che aveva preso in campagna elettorale e su cui si è messa al lavoro già nei primi mesi di questa XVIII Legislatura.

Il provvedimento, passato all’unanimità, è stato approvato in sede redigente e ora l’Aula di Palazzo Madama dovrà solo approvarlo, con la speranza, sottolinea Castellone, che possa ottenere lo stesso consenso. In Italia in realtà già esistono 47 registri tumori, ma manca una rete nazionale. Con la rete sarà possibile studiare i dati su incidenza, mortalità e correlazione tra patologia oncologica e fattori ambientali su tutto il territorio nazionale, soprattutto in alcune zone del nostro Paese con forte incidenza tumorale. «Io sono una ricercatrice – spiega Castellone a Sanità Informazione – è da una vita che mi dedico alla ricerca e alla comprensione della patologia tumorale. I tumori sono una malattia multifattoriale in cui c’è una componente di base genetica che è più forte in alcune patologie rispetto ad altre, ma la componente fondamentale è sicuramente quella ambientale». Ecco perché con il registro sarà più facile capire se ci sono fattori di rischio ambientali importanti.

Senatrice Castellone, lei lavora da tempo a questo provvedimento. Cosa prevede?

«Questo disegno di legge comporterà finalmente l’unificazione di tutti i dati che in questi anni sono stati raccolti in un Registro nazionale. Diciamo che in Italia in questi anni si è fatto molto però soprattutto su base locale. Sono attivi su tutto il territorio nazionale 47 registri tumori che coprono più o meno il 70% del Paese. Quello che noi vogliamo è sicuramente non disperdere le professionalità acquisite in questi anni però centralizzare i dati a livello regionale e soprattutto a livello nazionale e ministeriale per fare in modo di avere una fotografia di tutto il territorio nazionale e di quale sia l’incidenza, la prevalenza, la mortalità su tutto il territorio nazionale per poi correlare i dati di popolazione con i dati ambientali. Questo è fondamentale per avere anche una correlazione tra quelli che possono essere fattori di rischio ambientali e le patologie tumorali».

LEGGI ANCHE: GAS RADON, MIANI (SIMA): «E’ LA SECONDA CAUSA DI TUMORE AI POLMONI DOPO IL FUMO»

Parliamo, appunto, dei fattori di rischio ambientale: in Italia ci sono delle zone a più alta incidenza tumorale. Quanto sono importanti questi fattori per la formazione della malattia?

«Io sono una ricercatrice, è da una vita che mi dedico alla ricerca e alla comprensione della patologia tumorale. I tumori sono una malattia multifattoriale in cui c’è una componente di base genetica che è più forte in alcune patologie rispetto ad altre, ma la componente fondamentale è sicuramente quella ambientale. Per fattori esterni ambientali parliamo di fattori fisici, chimici, quindi anche inquinanti ambientali, fattori microbiologici. Infatti anche nel registro è prevista la correlazione con quelli che possono essere fattori microbiologici: in alcuni tumori le infezioni hanno un ruolo importante».

Lei viene da un territorio particolare, la Terra dei Fuochi, che è soggetto a questa incidenza. Immagino ci sarà una grande soddisfazione…

«C’è una soddisfazione personale veramente importante. La Terra dei Fuochi è in Campania, ma in Italia ci sono tante, troppe Terre dei Fuochi».

Quante Terre dei Fuochi non conosciute ci sono in Italia?

«Molte e questo registro sarà veramente un’arma fondamentale per poterle individuare e poterle caratterizzare».

La legge è stata approvata all’unanimità…

«Sì. Siamo convinti che anche in Aula sarà lo stesso. Arriverà in Aula prestissimo, dal 5 novembre in poi sarà calendarizzata».

LEGGI ANCHE: RICERCA SUL CANCRO, BERETTA (AIOM): «GLI STUDI HANNO BISOGNO DI ANNI, LA STAMPA DI NOTIZIE IMMEDIATE. ATTENZIONE A FALSE SPERANZE»

Articoli correlati
Vaccini Covid-19, Lorefice (M5S): «Siamo felici dell’attenzione a categorie fragili»
La presidente della Commissione Affari Sociali della Camera ha commentato l'informativa alla Camera del Ministro della Salute Roberto Speranza: «Condividiamo pertanto la necessità di inserire queste categorie come prioritarie nel piano vaccinale nazionale, per preservarle e ridurre le disuguaglianze che la pandemia ha acuito»
Sport e salute, Tuzi (M5S): «L’inattività fisica da lockdown è causa di morte, necessaria approvazione riforma»
«Il mondo sanitario deve unirsi a quello sportivo in un’unica voce di protesta contro la possibilità che la riforma non venga approvata» spiega il deputato e medico M5S Manuel Tuzi
UE e lotta ai tumori, anche il vino alla sbarra. In arrivo un’etichetta con i rischi per la salute
Il chirurgo oncologo Paolo Delrio (Istituto Tumori Napoli): «Anche in quantità moderate l’alcool è un fattore di rischio»
Cancro, 4 miliardi per il Piano europeo. Bartolazzi (LILT): «Ora renderlo operativo»
La Commissione europea ha presentato lo Europe's Beating Cancer Plan: dalla prevenzione alla lotta alle diseguaglianze. Il presidente del Comitato Scientifico Nazionale della LILT: «Invertire la rotta o incidenza dei tumori e mortalità aumenteranno»
Terra dei fuochi, lo studio ISS certifica l’importanza della Rete dei registri tumori. Ma dopo due anni la legge è ancora senza decreti attuativi
Dopo decenni, l’iniziativa della Procura di Napoli in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità ha chiarito con certezza che laddove ci sono più siti inquinanti aumentano patologie come tumori, asma e malformazioni congenite. Castellone (M5S): «Presentata interrogazione per sollecitare il Ministero della Salute». L’oncologo Giordano: «Investire in bonifiche, programmi di prevenzione e di assistenza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...