Salute 4 Aprile 2019

Medici, infermieri e psicologi spiegano il biotestamento in un documento: «Opportunità che tutti devono poter cogliere»

“Conoscere la Legge 219/2017” è il frutto di un lavoro lungo due anni, a cui ha partecipato un’equipe multidisciplinare costituita non solo da medici, infermieri e psicologi, rappresentati dai rispettivi Ordini, ma anche sociologi, esperti di bioetica, giornalisti, professori universitari

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Si chiamano Dat, Disposizioni Anticipate di trattamento, e sono regolamentate dalla legge 219 del 22 dicembre 2017. Dal 31 gennaio del 2018, giorno di entrata in vigore del testo, tutti i cittadini, in previsione di un’eventuale futura incapacità di autodeterminarsi, hanno il diritto di esprimere le proprie volontà sui trattamenti di fine vita, compreso il consenso o il rifiuto su accertamenti diagnostici, scelte terapeutiche singoli trattamenti sanitari.

«Un diritto che molti ancora non conoscono – spiega Ausilia Pulimeno, presidente dell’Ordine Professioni Infermieristiche di Roma -. La legge 219 ha offerto una grande opportunità che tutti devono poter cogliere».

LEGGI ANCHE: IN VIGORE IL BIOTESTAMENTO: CSA CAMBIA PER I MEDICI

E proprio per informare la popolazione, per chiarire i contenuti della legge, spiegarne la terminologia e dare a ciascuno l’opportunità di comprendere a pieno le possibilità di scelta di cui dispone, che l’Ordine degli Psicologi del Lazio, l’Ordine dei Medici di Roma e l’ Ordine degli Infermieri di Roma hanno redatto il documento “Conoscere la Legge 219/2017”.

Il testo, corredato da uno specifico Glossario, è frutto di un lungo lavoro comune, basato sul contributo di numerosi professionisti con diverse competenze e posizioni politiche ed etiche. «Ci sono voluti due anni per arrivare ad una stesura definitiva di questo documento – aggiunge Monia Belletti, coordinatrice del gruppo di lavoro “Cure palliative e terapie del dolore” dell’Ordine degli Psicologi del Lazio – e il contribuito di 18 persone, un’equipe multidisciplinare costituita non solo da medici, infermieri e psicologi, rappresentati dai rispettivi ordini, ma anche sociologi, esperti di bioetica, giornalisti, professori universitari».

LEGGI IL DOCUMENTO INTEGRALE SULLE DAT

Un intero capitolo del volume è dedicato alle diverse funzioni delle varie figure sanitarie coinvolte. «Gli infermieri – commenta Pulimeno – hanno un ruolo fondamentale nell’informare i cittadini. Un’informazione che deve essere trasmessa soprattutto alle persone sane, quando sono ancora in grado di decidere in maniera obiettiva su un argomento così delicato, tenendo ovviamente presente che tale decisone può essere rivista in qualsiasi momento della propria vita».

«I medici – aggiunge Antonio Magi, presidente dell’Ordine Provinciale di Roma dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri – hanno dato il proprio contributo rispetto a quelle che sono le necessità e il ruolo della professione, così come hanno fatto gli altri professionisti che hanno collaborato. Il valore aggiunto è dato dalla fusione di tutti questi contribuiti».

Un lavoro multidisciplinare che per il presidente dell’Omceo Roma offre l’opportunità di rimarcare il ruolo istituzionale degli Ordini professionali: «Viviamo in un’epoca in cui le leggi per essere pienamente operative hanno bisogno dei decreti attutivi che, se poi tardano ad arrivare, vengono sostituiti dalle sentenze della magistratura, come se fossimo in un modello di “common low”. Una situazione inaccettabile. Per questo – conclude Magi – mi auguro che questo lavoro sia solo l’inizio di un’importante collaborazione, affinché gli Ordini garantiscono la tutela della salute dei cittadini e non solo del lavoro dei professionisti che rappresentano».

Articoli correlati
Cronicità, Magi (Sumai): «In Italia 24 milioni di malati cronici ma siamo in forte ritardo»
di Antonio Magi, Segretario Nazionale Sumai e presidente Ordine dei Medici di Roma
Meeting Salute 2019, a Rimini gli infermieri insegnano la buona salute alle famiglie
«La buona salute infatti si fa curando e assistendo i malati», si legge nel comunicato diffuso dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI)
Contratto medici, la politica plaude all’intesa. Grillo: «Ora avanti insieme per SSN». Bonaccini: «Miglior accordo possibile»
La firma della preintesa all’ARAN è stata salutata con soddisfazione anche dal Ministro della Pubblica Amministrazione Bongiorno: «Prevede aumenti in linea con il tasso di inflazione e mette ordine nella disciplina del rapporto di lavoro». L’assessore Venturi: «Favorisce lo sviluppo professionale aumentando le opportunità di carriera»
Fine vita, infermieri tracciano il loro percorso accanto ai pazienti. Mangiacavalli: «Nel Codice anche la clausola di coscienza»
La Federazione nazionale degli ordini degli infermieri mette a punto un documento di supporto alla legge 219/2017 in cui si traccia il percorso dell’assistenza al fine vita da parte degli infermieri, la categoria professionale più vicina ai pazienti e alle famiglie nel loro percorso
Ipertensione, studio Senior Italia – FederAnziani: «Semplificare terapia favorisce aderenza terapeutica e controllo pressione»
Passando dal caso di chi usa un solo farmaco antipertensivo al caso di chi invece utilizza tre farmaci antipertensivi, l’aderenza quasi si dimezza crollando dal 68% al 40%.Dallo studio prende le mosse la campagna di sensibilizzazione “Monitoro la mia pressione” sull’importanza del controllo pressorio nella popolazione over 65
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone