Politica 7 Gennaio 2015

Legge di Stabilità: ecco le misure per le nuove sfide della sanità 

Le novità sono le agevolazioni per i medici volontari ed il registro per l’eterologa. Fondo per i farmaci innovativi in un quadro generale ancora di tagli e sacrifici: le Regioni devono rinunciare a 4 miliardi

Immagine articolo

La prima legge di Stabilità del governo Renzi è stata condizionata dal momento di crisi economica del Paese, ma – fermo restando le incognite relative ai tagli – sembra in grado di tener conto dei punti più caldi per la sanità italiana: Ebola, innanzitutto.

Una delle principali novità contenute nel testo – passato in via definitiva alla Camera con 307 voti a favore, 116 contrari e 2 astenuti – è infatti il punto che autorizza (in deroga alle norme vigenti) le richieste di aspettativa, nei limiti di sei mesi, da parte del personale medico o paramedico che intenda prestare la propria opera nei paesi del continente africano, attualmente interessati dal fenomeno del virus ebola. Un impegno, quello nel sostenere gli sforzi per combattere l’epidemia, sottolineato anche dal Ministero degli Esteri, che ha stanziato 7,7 milioni di Euro a sostegno degli interventi in favore delle popolazioni colpite.

Al fine di potenziare le misure di sorveglianza e di contrasto delle malattie infettive e diffusive e di rafforzare i livelli di controllo di profilassi internazionale, il Ministero della Salute è autorizzato a dotarsi di tutti strumenti e delle risorse sanitarie necessari, grazie ad un budget di 3 milioni di euro per il 2015 e di 1,5 milioni di euro annui a decorrere dal 2016. Organismo privilegiato per perseguire tale obiettivo, l’Istituto Spallanzani, in favore del quale verrà versato un contributo straordinario di 2 milioni di euro per l’anno 2015 e di 1 milione di euro per ciascuno degli anni 2016 e 2017.

Un’altra novità importante del recente panorama sanitario ha trovato seguito e regolamentazione nel nuovo testo (unico articolo con 735 commi): si tratta della fecondazione eterologa, per la quale la legge di stabilità ha istituito, presso il Centro nazionale Trapianti dell’Iss, il Registro Nazionale dei donatori. Il fine è quello di garantire la tracciabilità del percorso delle cellule riproduttive dal donatore al nato e viceversa, nonché il conteggio dei gameti delle cellule riproduttive di un medesimo donatore. Nel registro saranno inseriti tutti i soggetti ammessi alla donazione, e i donatori saranno identificati con un codice che ne garantirà l’anonimato.

Aria di cambiamento anche per i professionisti sanitari del ramo infermieristico-ostetrico e tecniche della riabilitazione e della prevenzione, grazie a una nuova definizione di ruoli, competenze, relazioni professionali, responsabilità individuali e di equipe su compiti, funzioni ed obiettivi delle professioni, anche attraverso percorsi formativi complementari. Tra le altre principali misure previste in ambito sanitario l’istituzione di un fondo da un miliardo per il biennio 2015-2016 per i farmaci innovativi e poi: un credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo, un contributo per la bonifica da amianto, aumenti per le casse previdenziali, il contrasto alla ludopatia e l’attuazione del Patto per la Salute 2014-2016.

Per la sanità sono infatti previsti proprio i grandi numeri del Patto in merito alle risorse. Nello specifico parliamo di 112.062.000.000 euro per l’anno 2015 e 115.444.000.000 euro per l’anno 2016. Resta però una forte incognita: quella dei tagli ai bilanci regionali. Sono 4 miliardi l’anno come contributo al contenimento della spesa pubblica che le Regioni dovranno risparmiare senza intaccare i livelli essenziali di assistenza. Già il 31 gennaio Regioni e Governo dovranno trovare un’intesa formale nella Conferenza Stato Regioni su come modulare i tagli e conseguentemente su come rideterminare i livelli di finanziamento negli ambiti della spesa pubblica toccata dai risparmi. Se non si raggiungerà l’intesa scatta la clausola di salvaguardia che consentirà al Governo di decidere come e dove tagliare, “considerando anche le risorse destinate al finanziamento corrente del Servizio sanitario nazionale”.

Articoli correlati
Servizio Sanitario Nazionale: la FNOMCeO apre il Cantiere per le riforme
«Un cantiere per ricostruire il nostro SSN lasciandone intatte le fondamenta: i principi cardine di universalità, uguaglianza ed equità – spiega il presidente della FNOMCeO, Filippo Anelli - una fucina di idee nella quale prenderanno forma proposte concrete su cui puntare, investendo risorse»
Abruzzo, la ricetta del governatore Marsilio: «Stop debiti e nuove assunzioni. Tagli? Fake news»
Il Presidente della Regione Abruzzo fa il punto a un anno dalla sua elezione: «Non spenderemo più soldi di quelli destinati all’Abruzzo. Sui farmaci, con la centrale unica di committenza abbiamo già risparmiato molti soldi». Sulle aggressioni: «È un imbarbarimento della nostra civiltà, giusto che ci sia allarme sociale»
Formazione manageriale in Sanità, il 19 gennaio si chiude il bando per selezionare i migliori 30: la Campania forma i manager di domani
La Campania come fucina dei manager della Sanità. Non si tratta di uno spot, bensì della tendenza ormai consolidata di Direttori Sanitari Aziendali e Direttori di UOC delle Aziende e degli Enti del Servizio Sanitario Regionale a tentare di entrare nella cerchia dei 30 ai quali sarà consentito l’accesso al “Corso di formazione manageriale in materia di […]
Molise, parla Toma. «Stop tagli, ecco come potenzieremo le strutture. Sui commissariamenti mi dileggiavano ma poi…»
Il Presidente della Regione Molise spiega che si arriverà a una sanità ‘a misura di molisani’: «Potenziamento delle strutture di Campobasso, Isernia e Termoli, mantenimento punti nascita e nosocomio di Agnone come ‘ospedale di area disagiata». Dopo la vittoria alla Consulta sull’incompatibilità Commissario-Presidente al via i tavoli con il Governo
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...