Politica 7 gennaio 2015

Legge di Stabilità: ecco le misure per le nuove sfide della sanità 

Le novità sono le agevolazioni per i medici volontari ed il registro per l’eterologa. Fondo per i farmaci innovativi in un quadro generale ancora di tagli e sacrifici: le Regioni devono rinunciare a 4 miliardi

Immagine articolo

La prima legge di Stabilità del governo Renzi è stata condizionata dal momento di crisi economica del Paese, ma – fermo restando le incognite relative ai tagli – sembra in grado di tener conto dei punti più caldi per la sanità italiana: Ebola, innanzitutto.

Una delle principali novità contenute nel testo – passato in via definitiva alla Camera con 307 voti a favore, 116 contrari e 2 astenuti – è infatti il punto che autorizza (in deroga alle norme vigenti) le richieste di aspettativa, nei limiti di sei mesi, da parte del personale medico o paramedico che intenda prestare la propria opera nei paesi del continente africano, attualmente interessati dal fenomeno del virus ebola. Un impegno, quello nel sostenere gli sforzi per combattere l’epidemia, sottolineato anche dal Ministero degli Esteri, che ha stanziato 7,7 milioni di Euro a sostegno degli interventi in favore delle popolazioni colpite.

Al fine di potenziare le misure di sorveglianza e di contrasto delle malattie infettive e diffusive e di rafforzare i livelli di controllo di profilassi internazionale, il Ministero della Salute è autorizzato a dotarsi di tutti strumenti e delle risorse sanitarie necessari, grazie ad un budget di 3 milioni di euro per il 2015 e di 1,5 milioni di euro annui a decorrere dal 2016. Organismo privilegiato per perseguire tale obiettivo, l’Istituto Spallanzani, in favore del quale verrà versato un contributo straordinario di 2 milioni di euro per l’anno 2015 e di 1 milione di euro per ciascuno degli anni 2016 e 2017.

Un’altra novità importante del recente panorama sanitario ha trovato seguito e regolamentazione nel nuovo testo (unico articolo con 735 commi): si tratta della fecondazione eterologa, per la quale la legge di stabilità ha istituito, presso il Centro nazionale Trapianti dell’Iss, il Registro Nazionale dei donatori. Il fine è quello di garantire la tracciabilità del percorso delle cellule riproduttive dal donatore al nato e viceversa, nonché il conteggio dei gameti delle cellule riproduttive di un medesimo donatore. Nel registro saranno inseriti tutti i soggetti ammessi alla donazione, e i donatori saranno identificati con un codice che ne garantirà l’anonimato.

Aria di cambiamento anche per i professionisti sanitari del ramo infermieristico-ostetrico e tecniche della riabilitazione e della prevenzione, grazie a una nuova definizione di ruoli, competenze, relazioni professionali, responsabilità individuali e di equipe su compiti, funzioni ed obiettivi delle professioni, anche attraverso percorsi formativi complementari. Tra le altre principali misure previste in ambito sanitario l’istituzione di un fondo da un miliardo per il biennio 2015-2016 per i farmaci innovativi e poi: un credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo, un contributo per la bonifica da amianto, aumenti per le casse previdenziali, il contrasto alla ludopatia e l’attuazione del Patto per la Salute 2014-2016.

Per la sanità sono infatti previsti proprio i grandi numeri del Patto in merito alle risorse. Nello specifico parliamo di 112.062.000.000 euro per l’anno 2015 e 115.444.000.000 euro per l’anno 2016. Resta però una forte incognita: quella dei tagli ai bilanci regionali. Sono 4 miliardi l’anno come contributo al contenimento della spesa pubblica che le Regioni dovranno risparmiare senza intaccare i livelli essenziali di assistenza. Già il 31 gennaio Regioni e Governo dovranno trovare un’intesa formale nella Conferenza Stato Regioni su come modulare i tagli e conseguentemente su come rideterminare i livelli di finanziamento negli ambiti della spesa pubblica toccata dai risparmi. Se non si raggiungerà l’intesa scatta la clausola di salvaguardia che consentirà al Governo di decidere come e dove tagliare, “considerando anche le risorse destinate al finanziamento corrente del Servizio sanitario nazionale”.

Articoli correlati
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per il fondo sanitario solo 1 mld in più nel 2019. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno di corso»
A margine della presentazione dell’operazione “Estate tranquilla 2018” dei NAS, il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione sarà graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Ci vuole una programmazione più lunga, non è pensabile esaurire un intero programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
Giornata della Salute Mentale, Ministro Grillo al Museo della Mente: «Serve cambiamento culturale per accettare malattia»
Una visita al Museo della Mente dell’ASL Roma 1 (ex manicomio di S. Maria delle Pietà) per celebrare la Giornata mondiale della salute mentale promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per il 10 ottobre. Protagonista il ministro della Salute Giulia Grillo. «Nella Giornata mondiale dedicata alla salute mentale – ha detto Grillo – ho voluto visitare […]
Carenza medici, l’assessore Arru (Sardegna): «Con quota cento rischio boom di pensionamenti. Aumentare borse di studio per MMG»
Il titolare della Sanità sarda difende la riforma della rete ospedaliera regionale: «Problema non è la carenza di servizi, ma un eccesso di servizi mal distribuiti che molto spesso non raggiungono i volumi indicati e suggeriti dal Piano nazionale esiti». Poi rilancia la medicina multiprofessionale per affrontare cronicità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila