Politica 11 Marzo 2019

Fine vita, Maurizio Mori (Consulta Bioetica): «Legge sul testamento biologico è buona ma applicazione ancora lontana»

Il Presidente della Consulta di Bioetica annuncia una proposta di legge sull’eutanasia: «Troppi vanno ancora all’estero a molti altri, ahimè, si arrangiano per conto proprio». A 10 anni dalla morte di Eluana Englaro serie di incontri per parlare del tema

Immagine articolo

Sono passati ormai dieci anni dalla scomparsa di Eluana Englaro, la giovane in stato vegetativo a cui, dopo anni di battaglie da parte del padre Beppino, è stata tolta l’alimentazione artificiale e l’idratazione che la teneva in vita. Da allora di acqua sotto i ponti ne è passata tanta, anche il Parlamento è intervenuto con la legge sul testamento biologico e le disposizioni anticipate di trattamento, una prima risposta del legislatore al tema del fine vita. Ora alla Camera è approdata la proposta di legge di iniziativa popolare sulla “dolce morte” dopo che la Corte Costituzionale ha chiesto a chiare lettere che il Parlamento intervenga sul suicidio assistito per colmare il vuoto legislativo e di tutela sui diritti delle persone malate. Intanto la Consulta di Bioetica, nel decimo anniversario di quello che definisce “il più grande caso italiano di bioetica sul fine vita”, organizza 15 incontri per ricordare quanto accaduto e parlare dei nuovi orizzonti. «Noi abbiamo una proposta di legge sull’eutanasia che speriamo sia depositata e che possa aiutare la discussione», sottolinea a Sanità Informazione il Presidente della Consulta di Bioetica Maurizio Mori.

Presidente, sono passati dieci anni dalla scomparsa di Eluana Englaro. Nel frattempo è stata approvata la legge sul testamento biologico. A che punto siamo sull’applicazione di questa legge?

«L’applicazione è ancora un po’ lontana. Fortunatamente è una legge che recepisce il codice deontologico e che recepisce il sentire ormai diffuso dopo Eluana: la relatrice Lenzi è stata brava in questo. C’è ancora molto da fare e le regioni si muovono a macchia di leopardo nella diffusione della nuova legge. Noi speriamo che venga sempre più applicata perché è una buona legge ma c’è da fare di più ed è per questo che abbiamo promosso questo e altri convegni, “Eluana 10 anni dopo”, con 15 incontri in tutta Italia proprio per favorire una cultura che affronti in modo migliore il fine vita. In questo noi riteniamo ci debba essere anche l’eutanasia come scelta volontaria di chi non ce la fa più».

LEGGI ANCHE: FINE VITA, 10 ANNI FA MORIVA ELUANA ENGLARO. ROBERTO FICO: «PARLAMENTO HA DOVERE DI LEGIFERARE. RIPARTIRE DA PROPOSTA DI LEGGE POPOLARE»

C’è un disegno di legge su questo in Parlamento. Pensa che sia la legislatura giusta per approvare questo disegno di legge?

«Che sia la legislatura giusta tutti ce lo auspichiamo ma è una domanda da 100 milioni di euro. Noi abbiamo una proposta di legge che speriamo sia depositata e che possa aiutare la discussione».

Sono tanti quelli che vanno ancor all’estero per avere questo diritto?

«Sicuramente troppi. E poi dobbiamo tener conto dei tanti che, ahimè, si arrangiano per conto proprio».

Articoli correlati
Fine vita, Gaudio (Sapienza): «Serve formazione adeguata, tema non può essere lasciato ai mass media»
Il Rettore del primo ateneo romano si mostra cauto sulla possibilità di un intervento normativo: «Le norme da un lato possono dare maggiori certezze, dall’altro rischiano di irrigidire dei processi che non sono mai uguali l’uno con l’altro»
Fine vita, docenti concordi: «Serve formazione ad hoc o medici resteranno indietro»
Per Macrì (Consulta deontologia FNOMCeO) il medico «deve essere aperto a recepire istanze di tutela della dignità, di riservatezza e soprattutto della libertà di autodeterminazione dei trattamenti sanitari». Familiari (Sant’Andrea): «Profilo formativo biomedico-psicosociale fondamentale. Nel Codice deontologico c’è tutto»
«È stata una battaglia per la libertà di tutti. Mi è mancato il sostegno di medici e infermieri». Parla la compagna di Dj Fabo
Applausi e standing ovation alla Sapienza per Valeria Imbrogno, la compagna di Fabiano Antoniani, il ragazzo tetraplegico e cieco che nel 2017 decise di togliersi la vita in Svizzera: «Bisogna essere liberi di poter scegliere in qualsiasi momento della propria vita». Dopo l’intervento della Consulta chiede che «il legislatore si dia una mossa» sul fine vita
Suicidio assistito, eutanasia, DAT: cosa cambia nella responsabilità per il medico?
La Sentenza della Corte Costituzionale sul fine vita pone nuovi interrogativi ai medici in ambito di responsabilità professionale. Alcuni chiarimenti con il contributo del Prof. Pasquale Macrì della Prof. Paola Frati, a margine del convegno dell’Università La Sapienza.
Papa Francesco a operatori sanitari: «No all’eutanasia». Mina Welby: «Interruzione terapie già prevista dalla Chiesa»
L'appello di Papa Francesco nel messaggio per la 28° Giornata Mondiale del Malato che si celebrerà il prossimo 11 febbraio. Critica l'Associazione Luca Coscioni: «Il medico ha il dovere di intervenire, secondo la volontà manifestata dal malato, per sedarlo e consentire una morte non dolorosa»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...