Politica 11 Marzo 2019

Fine vita, Maurizio Mori (Consulta Bioetica): «Legge sul testamento biologico è buona ma applicazione ancora lontana»

Il Presidente della Consulta di Bioetica annuncia una proposta di legge sull’eutanasia: «Troppi vanno ancora all’estero a molti altri, ahimè, si arrangiano per conto proprio». A 10 anni dalla morte di Eluana Englaro serie di incontri per parlare del tema

Immagine articolo

Sono passati ormai dieci anni dalla scomparsa di Eluana Englaro, la giovane in stato vegetativo a cui, dopo anni di battaglie da parte del padre Beppino, è stata tolta l’alimentazione artificiale e l’idratazione che la teneva in vita. Da allora di acqua sotto i ponti ne è passata tanta, anche il Parlamento è intervenuto con la legge sul testamento biologico e le disposizioni anticipate di trattamento, una prima risposta del legislatore al tema del fine vita. Ora alla Camera è approdata la proposta di legge di iniziativa popolare sulla “dolce morte” dopo che la Corte Costituzionale ha chiesto a chiare lettere che il Parlamento intervenga sul suicidio assistito per colmare il vuoto legislativo e di tutela sui diritti delle persone malate. Intanto la Consulta di Bioetica, nel decimo anniversario di quello che definisce “il più grande caso italiano di bioetica sul fine vita”, organizza 15 incontri per ricordare quanto accaduto e parlare dei nuovi orizzonti. «Noi abbiamo una proposta di legge sull’eutanasia che speriamo sia depositata e che possa aiutare la discussione», sottolinea a Sanità Informazione il Presidente della Consulta di Bioetica Maurizio Mori.

Presidente, sono passati dieci anni dalla scomparsa di Eluana Englaro. Nel frattempo è stata approvata la legge sul testamento biologico. A che punto siamo sull’applicazione di questa legge?

«L’applicazione è ancora un po’ lontana. Fortunatamente è una legge che recepisce il codice deontologico e che recepisce il sentire ormai diffuso dopo Eluana: la relatrice Lenzi è stata brava in questo. C’è ancora molto da fare e le regioni si muovono a macchia di leopardo nella diffusione della nuova legge. Noi speriamo che venga sempre più applicata perché è una buona legge ma c’è da fare di più ed è per questo che abbiamo promosso questo e altri convegni, “Eluana 10 anni dopo”, con 15 incontri in tutta Italia proprio per favorire una cultura che affronti in modo migliore il fine vita. In questo noi riteniamo ci debba essere anche l’eutanasia come scelta volontaria di chi non ce la fa più».

LEGGI ANCHE: FINE VITA, 10 ANNI FA MORIVA ELUANA ENGLARO. ROBERTO FICO: «PARLAMENTO HA DOVERE DI LEGIFERARE. RIPARTIRE DA PROPOSTA DI LEGGE POPOLARE»

C’è un disegno di legge su questo in Parlamento. Pensa che sia la legislatura giusta per approvare questo disegno di legge?

«Che sia la legislatura giusta tutti ce lo auspichiamo ma è una domanda da 100 milioni di euro. Noi abbiamo una proposta di legge che speriamo sia depositata e che possa aiutare la discussione».

Sono tanti quelli che vanno ancor all’estero per avere questo diritto?

«Sicuramente troppi. E poi dobbiamo tener conto dei tanti che, ahimè, si arrangiano per conto proprio».

Articoli correlati
Eutanasia, italiani favorevoli al fine vita. Nel weekend torna in piazza l’Associazione Coscioni
L’indagine di Sanità Informazione aveva raccolto le risposte di 1609 camici bianchi: favorevoli all’eutanasia il 71% degli intervistati, ma solo il 54% la praticherebbe
Fine vita, Penco (Sicp): «La legge sull’eutanasia non è una priorità. Prima occorre incrementare le cure palliative»
Il presidente della Società italiana di cure palliative: «Solo quando le leggi già approvate saranno pienamente attuate e il cittadino avrà a disposizione tutti i servizi a cui ha diritto, allora sarà possibile fare un’analisi delle reali richieste di eutanasia»
di Isabella Faggiano
Fine vita, 10 anni fa moriva Eluana Englaro. Roberto Fico: «Parlamento ha dovere di legiferare. Ripartire da proposta di legge popolare»
Il Presidente della Camera ha aperto i lavori del convegno dedicato ad Eluana Englaro organizzato dalla Consulta di Bioetica: «Abbiamo il dovere di fornire risposte vere ed alte a persone che hanno attraversato momenti difficili come Beppino Englaro e a quelli che le attraverseranno»
Fine Vita, Tanese (ASL Roma1): «In momento così delicato diventa fondamentale la formazione per i sanitari e l’informazione per gli assistiti»
«La diversità culturale e religiosa crea barriere e la rete dei servizi dell’azienda sanitaria deve funzionare in maniera più integrata, a partire dal medico di medicina generale fino agli operatori». Così Angelo Tanese, Direttore generale della ASL Roma 1 che, insieme al Tavolo interreligioso di Roma ed al Policlinico Gemelli, ha promosso il Manifesto Interreligioso per il Fine Vita
Fine vita, ecco il Manifesto Interreligioso: garantisce cure, dignità e supporto religioso nelle strutture sanitarie
Il Manifesto Interreligioso dei Diritti nei Percorsi di Fine Vita firmato oggi a Roma è costituito da nove punti ed è stato esposto da Angelo Tanese (Direttore generale Asl Roma 1) Pier Francesco Meneghini (Presidente Gmc – Università Cattolica del Sacro Cuore) e Maria Angela Falà (Presidente del Tavolo interreligioso di Roma). Presente anche Giulia Grillo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...