Politica 11 Marzo 2019

Fine vita, Maurizio Mori (Consulta Bioetica): «Legge sul testamento biologico è buona ma applicazione ancora lontana»

Il Presidente della Consulta di Bioetica annuncia una proposta di legge sull’eutanasia: «Troppi vanno ancora all’estero a molti altri, ahimè, si arrangiano per conto proprio». A 10 anni dalla morte di Eluana Englaro serie di incontri per parlare del tema

Immagine articolo

Sono passati ormai dieci anni dalla scomparsa di Eluana Englaro, la giovane in stato vegetativo a cui, dopo anni di battaglie da parte del padre Beppino, è stata tolta l’alimentazione artificiale e l’idratazione che la teneva in vita. Da allora di acqua sotto i ponti ne è passata tanta, anche il Parlamento è intervenuto con la legge sul testamento biologico e le disposizioni anticipate di trattamento, una prima risposta del legislatore al tema del fine vita. Ora alla Camera è approdata la proposta di legge di iniziativa popolare sulla “dolce morte” dopo che la Corte Costituzionale ha chiesto a chiare lettere che il Parlamento intervenga sul suicidio assistito per colmare il vuoto legislativo e di tutela sui diritti delle persone malate. Intanto la Consulta di Bioetica, nel decimo anniversario di quello che definisce “il più grande caso italiano di bioetica sul fine vita”, organizza 15 incontri per ricordare quanto accaduto e parlare dei nuovi orizzonti. «Noi abbiamo una proposta di legge sull’eutanasia che speriamo sia depositata e che possa aiutare la discussione», sottolinea a Sanità Informazione il Presidente della Consulta di Bioetica Maurizio Mori.

Presidente, sono passati dieci anni dalla scomparsa di Eluana Englaro. Nel frattempo è stata approvata la legge sul testamento biologico. A che punto siamo sull’applicazione di questa legge?

«L’applicazione è ancora un po’ lontana. Fortunatamente è una legge che recepisce il codice deontologico e che recepisce il sentire ormai diffuso dopo Eluana: la relatrice Lenzi è stata brava in questo. C’è ancora molto da fare e le regioni si muovono a macchia di leopardo nella diffusione della nuova legge. Noi speriamo che venga sempre più applicata perché è una buona legge ma c’è da fare di più ed è per questo che abbiamo promosso questo e altri convegni, “Eluana 10 anni dopo”, con 15 incontri in tutta Italia proprio per favorire una cultura che affronti in modo migliore il fine vita. In questo noi riteniamo ci debba essere anche l’eutanasia come scelta volontaria di chi non ce la fa più».

LEGGI ANCHE: FINE VITA, 10 ANNI FA MORIVA ELUANA ENGLARO. ROBERTO FICO: «PARLAMENTO HA DOVERE DI LEGIFERARE. RIPARTIRE DA PROPOSTA DI LEGGE POPOLARE»

C’è un disegno di legge su questo in Parlamento. Pensa che sia la legislatura giusta per approvare questo disegno di legge?

«Che sia la legislatura giusta tutti ce lo auspichiamo ma è una domanda da 100 milioni di euro. Noi abbiamo una proposta di legge che speriamo sia depositata e che possa aiutare la discussione».

Sono tanti quelli che vanno ancor all’estero per avere questo diritto?

«Sicuramente troppi. E poi dobbiamo tener conto dei tanti che, ahimè, si arrangiano per conto proprio».

Articoli correlati
Suicidio assistito, perché no/ Garavaglia (Com. Bioetica): «Consulta è entrata in campo ‘etico’, così rende inutile Servizio sanitario»
L’ex ministro della Salute, membro del Comitato dio Bioetica, contesta la decisione della Corte Costituzionale sul fine vita: «La Corte dovrebbe guardare se è costituzionale o no una legge: questa volta è entrata in un merito un po’ etico. Non mi piacciono gli Stati etici, preferisco gli Stati che hanno una legislazione chiara di cui è responsabile il Parlamento che è eletto dai cittadini»
Eutanasia, 4mila medici cattolici pronti all’obiezione di coscienza. Attesa per la decisione della Consulta
«Il codice deontologico e la prassi medica - ricorda il vicepresidente Amci Giuseppe Battimelli - non prevedono di favorire in qualsiasi caso la richiesta di morte del paziente». Prevista per oggi pomeriggio la decisione dei giudici della Consulta sulla punibilità dell'aiuto al suicidio
Papa Francesco incontra FNOMCeO: «Non perdere di vista dignità e fragilità del malato». E lancia appello contro eutanasia
Delegazione della Federazione dei Medici e Odontoiatri ricevuta dal Pontefice. Sul fine vita cita la Nuova Carta per gli Operatori Sanitari e chiede di «respingere la tentazione di usare la medicina per assecondare una possibile volontà di morte del malato»
Governo, De Filippo (PD): «Bene Conte e Speranza, ci sarà attenzione in Bilancio per la sanità»
L'ex sottosegretario, capodelegazione dem in Commissione Affari sociali, promuove il discorso del premier in Aula. Sui lavori in Commissione, annuncia, si riparte da «eutanasia, caregiver, assegno unico che sono stati già incardinati prima della crisi di governo»
Fine vita, infermieri tracciano il loro percorso accanto ai pazienti. Mangiacavalli: «Nel Codice anche la clausola di coscienza»
La Federazione nazionale degli ordini degli infermieri mette a punto un documento di supporto alla legge 219/2017 in cui si traccia il percorso dell’assistenza al fine vita da parte degli infermieri, la categoria professionale più vicina ai pazienti e alle famiglie nel loro percorso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...