Voci della Sanità 16 Marzo 2022 11:48

Fine vita, Confad: «Lo Stato deve garantire il sostegno in tutte le fasi della malattia, non solo nella fase terminale»

La Confederazione nazionale delle famiglie con disabilità è critica sulla legge approvata alla Camera: «In uno Stato di diritto non è accettabile promuovere il diritto alla morte assistita come a una conquista di civiltà, se ciò elude il pieno esercizio del diritto a una buona-vita»

«Approvata alla Camera la proposta di legge sulla morte volontaria medicalmente assistita: è davvero il primo passo verso la conquista di un grande diritto sul fine vita?». Questa la domanda che si pone la Confad, Confederazione Nazionale Famiglie con Disabilità in una nota.

«Sul tema riguardante il fine vita vengono spesso utilizzati termini in maniera approssimativa, generando confusione. Eutanasia, suicidio assistito, sedazione palliativa profonda indicano procedure molto differenti fra loro.
L’eutanasia (letteralmente “buona morte”, dal greco eu-thanatos), indica l’atto di procurare intenzionalmente la morte di una persona che ne faccia esplicita richiesta. Il suicidio assistito è l’atto di porre fine alla propria esistenza in modo consapevole mediante l’autosomministrazione di un farmaco in dosi letali da parte di un soggetto che viene appunto “assistito” da un’altra persona» continua la nota.

«La sedazione palliativa profonda è la riduzione intenzionale dello stato vigile del soggetto mediante farmaci, fino alla perdita di coscienza, indotta dal medico al fine di ridurre o abolire il sintomo divenuto insopportabile per il paziente e non più controllabile con altri mezzi. Si differenzia dall’eutanasia e dal suicidio medicalmente assistito perché con la somministrazione della sedazione palliativa profonda il fine è dare sollievo dalla sofferenza».

«Di seguito richiamiamo i punti più significativi della legge in questione:
– “disciplina la facoltà della persona affetta da una patologia irreversibile o con prognosi infausta di richiedere assistenza medica, al fine di porre fine volontariamente alla propria vita” (art.1);
– “si intende per morte volontaria medicalmente assistita il decesso cagionato in modo volontario, dignitoso e consapevole, con la supervisione del SSN” (art.2);
– specifica che può fare richiesta di morte volontaria medicalmente assistita la persona maggiorenne, capace di prendere decisioni libere e consapevoli e affetta da sofferenze fisiche o psicologiche ritenute intollerabili, con una patologia irreversibile, a prognosi infausta oppure portatrice di una condizione clinica irreversibile, che è tenuta in vita da trattamenti di sostegno vitale, ed è assistita dalla rete di cure palliative o abbia espressamente rifiutato tale percorso assistenziale (art.3)».

«Dunque, la legge, fra gli altri requisiti imprescindibili, ritiene che la persona stia ricevendo, nel momento in cui chiede la morte medicalmente assistita, le cure palliative di cui ha bisogno o le abbia deliberatamente rifiutate. Peccato che l’erogazione delle cure palliative da parte del Sistema Sanitario Nazionale sia di fatto profondamente carente. Le cure palliative e terapia del dolore sono sancite dalla legge 38/2010, che disciplina il diritto di ogni cittadino ad accedere a questo percorso di cura medico-assistenziale, e che ancora oggi è largamente inapplicata».

«La legge 38/2010 prevede la realizzazione di una rete territoriale di cure palliative, attraverso la collaborazione sinergica di unità di équipe mediche specialistiche multidisciplinari domiciliari in collegamento con gli hospice di riferimento locale. È previsto che il paziente venga fin dalla diagnosi preso in carico a domicilio attraverso un piano assistenziale individualizzato (PAI). Non solo, è prevista anche la presa in carico dell’intero nucleo familiare.
A 12 anni dalla sua promulgazione, questa legge rimane ancora scarsamente inapplicata, pochissime le reti territoriali di cure palliative, le équipe mediche specialistiche multidisciplinari; gli hospice spesso ridotti a luogo “dove si va a morire”».

«I malati gravissimi non autosufficienti, con malattie incurabili e neurodegenerative sono spesso abbandonati nelle loro case, lasciati alle cure della famiglia e soprattutto del caregiver familiare, che deve far fronte ad un impegno spesso 24 ore al giorno, senza riposo, deprivato della sua vita relazionale, sociale, lavorativa. Le cure palliative che vengono proposte al malato si riducono alla somministrazione di farmaci per la gestione del dolore, nella fase terminale della malattia».

«In un paese libero e democratico è certamente un segno di civiltà aprire un dibattito serio sul tema del fine vita, con la volontà di promuovere i diritti della persona anche in momenti estremamente delicati. Riteniamo però doveroso e diremmo meglio prioritario, tuttavia, affrontare il tema della buona-vita, anche nelle condizioni più complesse, perché scegliere una buona vita è quanto di più auspicato dalle tante famiglie con disabilità che rappresentiamo.
Lo Stato deve garantire il sostegno reale in tutte le fasi della malattia, e non solo nella fase terminale, allontanando il rischio di liquidare il dolore e la sofferenza con una soluzione di “morte legalizzata”».

«Va tutelato, in qualsiasi condizione di salute, il diritto all’accesso a percorsi di cura personalizzati che guardino a quello “stato di totale benessere fisico, mentale e sociale” che non è semplicemente “assenza di malattie o infermità”, finalizzato al “raggiungimento del più alto livello possibile di salute”, come indica l’Organizzazione Mondiale della Sanità».

«Così si è espresso l’on. Nicola Provenza, relatore della proposta di legge: “L’approvazione in prima lettura è una bella notizia per il Paese, perché il Parlamento finalmente si occupa dei più fragili, di coloro che, afflitti da patologie a prognosi infausta e tormentati da dolore insostenibile, chiedono di poter porre fine alle proprie sofferenze con dignità e assistiti dal Servizio sanitario nazionale. È un giorno storico che ci sprona a continuare a lavorare per un’Italia con più diritti”. Ma è davvero così? È così che “il Parlamento finalmente si occupa dei più fragili”? In uno Stato di diritto non è accettabile promuovere il diritto alla morte assistita come a una conquista di civiltà, se ciò elude il pieno esercizio del diritto a una buona-vita».

Articoli correlati
Fine vita, Commissione Sanità Puglia approva proposta di legge regionale. Amati (Pd): «Siamo i primi in Italia, ora subito in Aula»
«Spero che le altre regioni seguano l’esempio italiano e mi attendo un immediato esame in Consiglio regionale, anche rinviando di qualche giorno le ferie» sottolinea il consigliere regionale dem Fabiano Amati
«Non serve una legge statale per garantire il suicidio assistito». La proposta del Pd pugliese per superare lo stallo
Una proposta di legge regionale di Fabiano Amati (Pd) punta a garantire in Puglia il suicidio medicalmente assistito. Spiega Amati: «L’aiuto alla morte per persone malate terminali è già una prestazione prevista dall’ordinamento in virtù della sentenza della Corte costituzionale 242 del 2019, le regioni hanno solo bisogno di norme organizzative». Nel testo viene garantita l’assistenza gratuita del SSN
Fine vita, il pressing del presidente Roberto Fico: «Legge di civiltà, il Senato la approvi presto»
Il presidente della Camera spiega che sui diritti civili «il Parlamento deve prendersi le sue responsabilità». La legge ha avuto il via libera in prima lettura da Montecitorio la settimana scorsa
di Francesco Torre
Fine vita, il testo della legge: dai requisiti per accedere alla procedura, come funziona la legge approvata alla Camera
A Montecitorio accolti numerosi emendamenti che non hanno stravolto il testo uscito in commissione. Il medico può non trasmettere la relazione ma in quel caso il cittadino ha la possibilità di ricorrere al giudice
di Francesco Torre
Fine vita, Mori (Consulta Bioetica) critica la legge: «Troppo restrittiva, in pochi potranno accedere»
La legge sul suicidio medicalmente assistito, approvata in prima lettura alla Camera, scontenta il presidente della Consulta di Bioetica Maurizio Mori, che in passato aveva anche presentato un progetto di legge sull’eutanasia: «La Consulta poneva come condizione essenziale per accedere il dolore insopportabile, non necessariamente la malattia a prognosi infausta. Questa legge, invece, chiede una malattia a prognosi infausta»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 dicembre 2022, sono 643.396.783 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.635.192 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa