Salute 11 Marzo 2022 17:32

Fine vita, Mori (Consulta Bioetica) critica la legge: «Troppo restrittiva, in pochi potranno accedere»

La legge sul suicidio medicalmente assistito, approvata in prima lettura alla Camera, scontenta il presidente della Consulta di Bioetica Maurizio Mori, che in passato aveva anche presentato un progetto di legge sull’eutanasia: «La Consulta poneva come condizione essenziale per accedere il dolore insopportabile, non necessariamente la malattia a prognosi infausta. Questa legge, invece, chiede una malattia a prognosi infausta»

di Francesco Torre
Fine vita, Mori (Consulta Bioetica) critica la legge: «Troppo restrittiva, in pochi potranno accedere»

«Questa legge, così com’è, rende troppo complicato accedere alle procedura per la morte volontaria medicalmente assistita, è un passo indietro rispetto alla sentenza della Consulta». Non è soddisfatto Maurizio Mori, professore di Filosofia morale e bioetica all’Università di Torino e Presidente della Consulta di Bioetica, da anni promotore dell’inserimento nel nostro ordinamento dell’eutanasia, tanto da aver presentato anche una proposta di legge di iniziativa popolare sul tema.

La legge approvata alla Camera in prima lettura a larga maggioranza, che disciplina la morte volontaria medicalmente assistita, è un testo «troppo restrittivo» per Mori che contesta anche l’introduzione dell’obiezione di coscienza dei medici e rende troppo difficoltoso l’accesso per chi la richieda: «Nel fine vita la vulnerabilità ha criteri diversi e le troppe clausole protettive la aumentano, invece di tutelarla» spiega il professore.

Professor Mori, perché non le piace il testo approvato alla Camera?

«È un testo che secondo me non risponde alla sentenza della Corte costituzionale sul caso DJ Fabo. È troppo restrittivo, fa rientrare dalla finestra ciò che la Corte costituzionale ha cacciato dalla porta».

Secondo lei, dunque, troppe poche persone potranno accedere alla procedura?

«La Corte ha riconosciuto che non siamo obbligati a vivere. Se uno se ne vuole andare può farlo anche se la Corte ha introdotto una cintura di protezione, le famose quattro condizioni. Nello specifico una condizione essenziale è il dolore insopportabile, non necessariamente la malattia a prognosi infausta. DJ Fabo non aveva una malattia a prognosi infausta. In questa legge invece non è così e addirittura prima di accedere bisogna fare la richiesta di cure palliative. Quando si è in quelle circostanze, quando il dolore è insopportabile il tentativo di ulteriore tutela a favore della vita è, in realtà, un modo per abbattere ancora di più chi è già molto fragile».

Secondo lei, dunque, sarebbe stato meglio esprimersi attraverso il referendum?

«Il referendum era tale che, secondo la Corte, allentava troppo queste ormai note cinture di protezione. Il fatto è che un conto è tutelare chi ha un momento di sconforto evitando che abbia accesso troppo facilmente alla procedura, un altro è mettere così tanti ostacoli che alla fine una persona è portata a fare scelte diverse, come ha fatto il regista Mario Monicelli»

Come valuta l’obiezione di coscienza per il personale sanitario?

«Una sciocchezza, non so nemmeno se sia costituzionale. La Corte costituzionale ha bocciato l’idea che bisogna essere sempre, in qualunque circostanza, per la vita. Nella legge 219 del 2017 sulle DAT è stato chiarito che i medici, nelle circostanze indicate nelle disposizioni anticipate di trattamento, devono sospendere le cure e rispettare la volontà delle persone».

Non sul fine vita non è meglio una legge che nessuna legge?

«No, le cattive leggi sono terribili. Anzi, questa legge alla fine porterà ai soliti discorsi della doppia morale».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Certificato telematico (INPS) di malattia: il medico che emette una prognosi ha l’obbligo di invio. Ecco cosa dice la legge
Caiazza (FIMMG): «Medici ospedalieri, di pronto soccorso, specialisti convenzionati ASL e liberi professionisti non devono demandare l’emissione del certificato telematico (INPS) di malattia al medico di famiglia, che verrebbe indotto a compiere un reato di falso ideologico»
Fine vita, Commissione Sanità Puglia approva proposta di legge regionale. Amati (Pd): «Siamo i primi in Italia, ora subito in Aula»
«Spero che le altre regioni seguano l’esempio italiano e mi attendo un immediato esame in Consiglio regionale, anche rinviando di qualche giorno le ferie» sottolinea il consigliere regionale dem Fabiano Amati
«Non serve una legge statale per garantire il suicidio assistito». La proposta del Pd pugliese per superare lo stallo
Una proposta di legge regionale di Fabiano Amati (Pd) punta a garantire in Puglia il suicidio medicalmente assistito. Spiega Amati: «L’aiuto alla morte per persone malate terminali è già una prestazione prevista dall’ordinamento in virtù della sentenza della Corte costituzionale 242 del 2019, le regioni hanno solo bisogno di norme organizzative». Nel testo viene garantita l’assistenza gratuita del SSN
DSA: Sì alla legge che introduce strumenti compensativi nelle aziende e nei colloqui di selezione
Un milione e duecentomila lavoratori con disturbi specifici dell’apprendimento potranno utilizzare computer con sintesi vocale, calcolatrice, mappe concettuali, schemi e formulari anche al lavoro. Soddisfazione dell’Associazione Italiana Dislessia che ora punta a due nuovi traguardi: centri diagnostici pubblici in ogni regione italiana e utilizzo di strumenti compensativi anche negli esami universitari
Fine vita, Confad: «Lo Stato deve garantire il sostegno in tutte le fasi della malattia, non solo nella fase terminale»
La Confederazione nazionale delle famiglie con disabilità è critica sulla legge approvata alla Camera: «In uno Stato di diritto non è accettabile promuovere il diritto alla morte assistita come a una conquista di civiltà, se ciò elude il pieno esercizio del diritto a una buona-vita»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 dicembre 2022, sono 643.396.783 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.635.192 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa