Politica 27 Ottobre 2021 09:48

Eutanasia, Rostan (Misto): «Testo unificato mette al primo posto dignità della persona, ora non snaturarlo»

La vicepresidente della Commissione Affari sociali sottolinea: «È davvero la volta buona per avere una legge che gli italiani aspettano da anni». Poi sottolinea: «Bisogna garantire a tutti i cittadini la possibilità di portare avanti questa scelta senza incontrare ostacoli burocratici di sorta»

di Francesco Torre
Eutanasia, Rostan (Misto): «Testo unificato mette al primo posto dignità della persona, ora non snaturarlo»

«Sono convinta sia davvero la volta buona per avere una legge che gli italiani aspettano da anni». Michela Rostan, vicepresidente della commissione Affari sociali e oggi iscritta al Gruppo misto (ex Leu ed ex Iv) si dice convinta che questa volta l’Italia possa davvero dotarsi di una legge sul fine vita grazie al testo unificato all’esame delle commissioni Affari sociali e Giustizia e a breve atteso in Aula a Montecitorio.

«La discussione degli emendamenti non può e non deve snaturare un testo che è già una buona sintesi di un lavoro caratterizzato anche da momenti di scontro duro su alcune posizioni» ricorda Rostan a Sanità Informazione. Sull’obiezione di coscienza per i sanitari, Rostan non dice no, ma chiarisce: «Il diritto a un fine vita dignitoso deve essere garantito a tutti gli italiani». Mentre sul successo della raccolta firme del referendum promosso dall’Associazione Coscioni, commenta: «Non è la prima volta che i tempi della politica sono più lenti dei cambiamenti sociali in atto e delle esigenze dei cittadini».

Onorevole, l’eutanasia è un tema che divide le coscienze e le forze politiche in modo trasversale. Secondo lei ci si sta approcciando al tema nel modo giusto? Pensa sia la volta buona per avere una legge?

«Siamo alla vigilia di un momento storico per l’Italia. A tre anni dalla sentenza 242/2019 della Consulta, con la quale la stessa Corte sollecitava il Legislatore a colmare il vuoto normativo sul tema del fine vita, le Commissioni Affari sociali e Giustizia della Camera si avviano a concludere un lavoro importante per un testo che sintetizza al meglio tutte le diverse proposte normative formulate dai partiti. Il risultato finale è un Testo unificato sull’eutanasia che ha messo al primo posto la dignità della persona. Quest’ultima può indicare chi debba essere informato e possa essere presente all’atto che può avvenire, se ci sono le condizioni, anche presso la propria abitazione oltre che nelle strutture ospedaliere. È prevista la presenza del medico che, previo parere del Comitato etico, deve accertare che persista la volontà in tal senso, avvalendosi anche del supporto di uno psicologo. La morte, ai fini di legge, viene equiparata al decesso per cause naturali. Si esclude la punibilità del personale sanitario e amministrativo che ha eseguito la procedura così come quella di chiunque abbia agevolato il malato ad attivare il percorso. C’è un ultimo ostacolo da superare: la valutazione degli emendamenti presentati, ma siamo in dirittura d’arrivo. È davvero la volta buona per avere una legge che gli italiani aspettano da anni».

A breve si discuteranno in commissione gli emendamenti. Secondo lei dov’è che va migliorato il testo?

«La discussione degli emendamenti non può e non deve snaturare un testo che è già una buona sintesi di un lavoro instancabile caratterizzato anche da momenti di scontro duro su alcune posizioni. Sicuramente si potrebbe accentuare la parte relativa al superamento del conflitto tra interesse pubblico alla difesa della vita e diritto soggettivo privato all’autodeterminazione terapeutica. Così come è necessario, in fase organizzativa delle strutture pubbliche, garantire a tutti i cittadini la possibilità di portare avanti questa scelta senza incontrare ostacoli burocratici di sorta che potrebbero dar vita a estenuanti viaggi alla ricerca della soluzione desiderata. I malati e le loro famiglie devono essere tutelati dallo Stato in questo momento così drammatico».

Uno dei temi è l’obiezione di coscienza, chiesta anche dalla FNOMCeO. Lei crede debba essere garantita?

«Non credo sia utile, di fronte a questi argomenti, arrivare a una contrapposizione tra diritti civili e scelte etiche che appartengono alla sensibilità di ciascuno di noi. Lo ritengo un pericolo per il raggiungimento del risultato finale: l’approvazione della legge. A queste discussioni preferisco opporre un po’ di sano pragmatismo. Il diritto a un fine vita dignitoso deve essere garantito a tutti gli italiani. Lo Stato, in tutte le sue articolazioni, ha il dovere di essere vicino alle persone che chiedono solo di avere l’opportunità di scegliere se porre fine o no a una sofferenza insopportabili ed irreversibili».

Sullo sfondo, c’è il referendum e il grande successo della raccolta firme. Dunque, se il Parlamento non deciderà ci penseranno i cittadini. Lei ha firmato? Come spiega il grande successo della raccolta?

«La spinta referendaria è stata importante e ha avuto il merito di accelerare il percorso istituzionale, che comunque era iniziato anni fa, anche con una mia proposta, depositata molto prima delle iniziative referendarie. Non è la prima volta che i tempi della politica sono più lenti dei cambiamenti sociali in atto e delle esigenze dei cittadini. Di fronte alla straordinaria mobilitazione, che ha visto oltre un milione e duecentomila italiani sottoscrivere il referendum per chiedere una legge di civiltà che attendono da anni, abbiamo il dovere di dare una risposta e quindi un motivo in più per andare avanti con un iter che deve concludersi.  Non è più tempo di tentennare. Solo chi vive su Marte non si rende conto che questa legge è già nel cuore e nella mente degli italiani».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Fine vita, Confad: «Lo Stato deve garantire il sostegno in tutte le fasi della malattia, non solo nella fase terminale»
La Confederazione nazionale delle famiglie con disabilità è critica sulla legge approvata alla Camera: «In uno Stato di diritto non è accettabile promuovere il diritto alla morte assistita come a una conquista di civiltà, se ciò elude il pieno esercizio del diritto a una buona-vita»
Fine vita: via libera alla Camera. Ora serve il sì del Senato
Il disegno di legge sul fine vita è stato approvato alla Camera. Ora spetterà al Senato esprimersi
Eutanasia, Bologna (Coraggio Italia): «Armonizzare testo con legge sulle cure palliative»
Il medico e deputato di Coraggio Italia Fabiola Bologna non nasconde le sue perplessità sulla legge in discussione alla Camera: «Come medico ho seguito tanti pazienti con patologie gravi e gravissime che mi hanno chiesto di vivere anche con la loro malattia in modo dignitoso»
di Francesco Torre
Eutanasia, il 25 ottobre il testo unificato sbarca alla Camera. Battaglia sugli emendamenti: 400 in tutto
Allargare o restringere le maglie per accedere al suicidio medicalmente assistito: si gioca su questo la partita della legge sul fine vita. Il centrodestra punta ad introdurre l’obiezione di coscienza per medici e sanitari. Intanto vola la raccolta firme per il referendum: oltre un milione quelle raccolte
di Francesco Torre
Eutanasia, raggiunte le 500mila firme per il referendum. Speranza chiede alle Asl di applicare la sentenza della Consulta
L’ultimo appello pro eutanasia del cantautore Amedeo Grisi, affetto da Sla. Intanto prosegue l’iter del Ddl all’esame delle commissioni Affari sociali e Giustizia della Camera. Insorge il mondo cattolico, Mons. Paglia: «Una nuova forma di eugenetica»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa