Politica 20 Settembre 2019 09:37

Autonomia differenziata, il Ministro Boccia: «Punto di partenza è lotta alle diseguaglianze in sanità»

Partiranno da lunedì la serie di incontri tra il neo ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Francesco Boccia e i presidenti di Regione. Primi ad essere ascoltati il Presidente del Veneto, Luca Zaia, nel pomeriggio a Bologna incontro con il Presidente dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini

Autonomia differenziata, il Ministro Boccia: «Punto di partenza è lotta alle diseguaglianze in sanità»

«Ascolteremo le proposte delle regioni, ma la lotta alle diseguaglianze è il nuovo punto di partenza per discutere di autonomia», lo ha ribadito il neo ministro degli affari Regionali, Francesco Boccia, intervenendo alla presentazione a Roma del nuovo Patto per la Salute, siglato da Cittadinanzattiva e dalla Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO). «Finora – ha osservato – l’autonomia è stata raccontata come proposta dei ricchi contro i poveri, efficienti contro inefficienti, onesti contro briganti. Questo tipo di narrazione non ha mai consentito che la politica entrasse nel merito delle vicende che hanno causato le disparità. Ma tornando ai fondamentali della Costituzione, se interpretiamo l’autonomia come attuazione reale del modello di sussidiarietà non possiamo che capovolgerne l’impianto».

«Diseguaglianze non sono solo fra nord e sud, ma anche fra nord e nord e fra sud e sud. I Livelli essenziali – ha aggiunto il Ministro– di assistenza vanno garantiti in maniera omogenea anche nei territori all’interno delle stesse regioni. La lotta alle diseguaglianze è il punto dal quale vogliamo ripartire per parlare di autonomia». «Lunedì inizierò il giro italiano nelle regioni,  – spiega a margine della conferenza stampa – partirò dal Veneto, poi nella stessa giornata sarò a Bologna, poi martedì a Milano e così via in tutte le regioni. La lotta alle diseguaglianze sarà anche il punto centrale della mia proposta alle Regioni. Le diseguaglianze non ci sono solo tra Nord e Sud. Ho letto il rapporto, hanno profondamente ragione nel dire “regione che vai sanità che trovi”, cure che trovi e anche assistenza che trovi. Il loro lavoro è servito al nostro Ministero in questi giorni anche per convincerci ulteriormente sulla necessità di far diventare l’autonomia un’applicazione vera dei principi di sussidiarietà e lotta alle diseguaglianze, un punto centrale».

LEGGI: CITTADINI E MEDICI SIGLANO IL “PATTO PER LA SALUTE” PER COMBATTERE LE DISEGUAGLIANZE IN SANITÀ

Il tour nelle regioni era stato già annunciato nei giorni scorsi. Il Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, incontrerà il 23 e il 24 settembre i Presidenti di Veneto, Emilia Romagna e Lombardia, le tre Regioni che hanno firmato l’intesa sull’autonomia differenziata. Il 23 mattina sarà a Venezia per incontrare il Presidente del Veneto, Luca Zaia, nel pomeriggio a Bologna per un incontro con il Presidente dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, e il 24 a Milano per incontrare il Presidente della Lombardia, Attilio Fontana. Il ministro Boccia continuerà il suo giro delle Regioni italiane il 30 settembre a Torino dal Presidente del Piemonte, Alberto Cirio, per proseguire con tutte le altre Regioni.

Articoli correlati
Liste d’attesa e fondi a Regioni per recupero prestazioni sanitarie, Cittadinanzattiva: «Disomogeneità e poca trasparenza»
Le PA sono state interpellate su emanazione del piano regionale per il recupero delle liste d'attesa e fondi previsti, programmi/azioni per il recupero delle liste d'attesa, numero prestazioni effettivamente recuperate e ancora da recuperare
MMG, Anelli (FNOMCeO): «Devono lavorare con altri professionisti sanitari, come accade negli ospedali»
Il presidente della Federazione degli Ordini dei medici commenta l’intervento di Speranza al Congresso Fimmg: «Rappresenta tappa miliare nel processo di riforma della sanità territoriale. Mantenere capillarità e rapporto di fiducia»
Diabete, II indagine di Cittadinanzattiva: «Poca prevenzione e forti differenze regionali»
Dal report emergono anche assistenza a scuola trascurata e costi privati a carico del cittadino. Le tecnologie e i farmaci innovativi sono ancora poco utilizzati
ECM, Colombati (Formazione nella sanità): «Bene impegno di Sileri e FNOMCeO su formazione»
Colombati non si sofferma sul richiamo a controlli e sanzioni preannunciati dal 2022 per chi non sarà in regola con gli obblighi formativi, ma evidenza il ruolo strategico affidato alla formazione per tutti i professionisti sanitari
Invalidità civile, FIMMG INPS e Cittadinanzattiva: «Ritardi allarmanti a danno delle fasce più deboli»
Petrone (FIMMG INPS): «Già inviata da tempo a Inps lo schema di convenzionamento dei medici come definito su base normativa». Mori (Cittadinanzattiva): «Con pandemia i tempi si sono allungati e i diritti restano sospesi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 ottobre, sono 244.563.381 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.965.072 i decessi. Ad oggi, oltre 6,85 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?