Politica 20 Settembre 2019

Autonomia differenziata, il Ministro Boccia: «Punto di partenza è lotta alle diseguaglianze in sanità»

Partiranno da lunedì la serie di incontri tra il neo ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Francesco Boccia e i presidenti di Regione. Primi ad essere ascoltati il Presidente del Veneto, Luca Zaia, nel pomeriggio a Bologna incontro con il Presidente dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini

Immagine articolo

«Ascolteremo le proposte delle regioni, ma la lotta alle diseguaglianze è il nuovo punto di partenza per discutere di autonomia», lo ha ribadito il neo ministro degli affari Regionali, Francesco Boccia, intervenendo alla presentazione a Roma del nuovo Patto per la Salute, siglato da Cittadinanzattiva e dalla Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO). «Finora – ha osservato – l’autonomia è stata raccontata come proposta dei ricchi contro i poveri, efficienti contro inefficienti, onesti contro briganti. Questo tipo di narrazione non ha mai consentito che la politica entrasse nel merito delle vicende che hanno causato le disparità. Ma tornando ai fondamentali della Costituzione, se interpretiamo l’autonomia come attuazione reale del modello di sussidiarietà non possiamo che capovolgerne l’impianto».

«Diseguaglianze non sono solo fra nord e sud, ma anche fra nord e nord e fra sud e sud. I Livelli essenziali – ha aggiunto il Ministro– di assistenza vanno garantiti in maniera omogenea anche nei territori all’interno delle stesse regioni. La lotta alle diseguaglianze è il punto dal quale vogliamo ripartire per parlare di autonomia». «Lunedì inizierò il giro italiano nelle regioni,  – spiega a margine della conferenza stampa – partirò dal Veneto, poi nella stessa giornata sarò a Bologna, poi martedì a Milano e così via in tutte le regioni. La lotta alle diseguaglianze sarà anche il punto centrale della mia proposta alle Regioni. Le diseguaglianze non ci sono solo tra Nord e Sud. Ho letto il rapporto, hanno profondamente ragione nel dire “regione che vai sanità che trovi”, cure che trovi e anche assistenza che trovi. Il loro lavoro è servito al nostro Ministero in questi giorni anche per convincerci ulteriormente sulla necessità di far diventare l’autonomia un’applicazione vera dei principi di sussidiarietà e lotta alle diseguaglianze, un punto centrale».

LEGGI: CITTADINI E MEDICI SIGLANO IL “PATTO PER LA SALUTE” PER COMBATTERE LE DISEGUAGLIANZE IN SANITÀ

Il tour nelle regioni era stato già annunciato nei giorni scorsi. Il Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, incontrerà il 23 e il 24 settembre i Presidenti di Veneto, Emilia Romagna e Lombardia, le tre Regioni che hanno firmato l’intesa sull’autonomia differenziata. Il 23 mattina sarà a Venezia per incontrare il Presidente del Veneto, Luca Zaia, nel pomeriggio a Bologna per un incontro con il Presidente dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, e il 24 a Milano per incontrare il Presidente della Lombardia, Attilio Fontana. Il ministro Boccia continuerà il suo giro delle Regioni italiane il 30 settembre a Torino dal Presidente del Piemonte, Alberto Cirio, per proseguire con tutte le altre Regioni.

Articoli correlati
Chiusure e limitazioni, le misure adottate dalle Regioni per cercare di rallentare la diffusione del Covid
L'Italia affronta la seconda ondata delegando alle regioni i nuovi provvedimenti di chiusura. Attivi coprifuoco in Lazio, Lombardia e Campania
Microteam e multidisciplinarietà: le idee di medici e infermieri per la medicina territoriale
In audizione al Senato, sia la Federazione degli Ordini dei Medici che quella degli Infermieri hanno presentato le loro idee per rispondere alla domanda di salute presente e futura del Paese
FNOMCeO: «Tra i medici si torna a morire per Covid». Due vittime in pochi giorni
Il presidente Anelli invita a usare l'esperienza come un insegnamento. I medici morti per Covid lavoravano a Napoli e Roma. Nursing Up protesta contro i nuovi contagi tra infermieri: 10 in 72 ore
Anelli (FNOMCeO): «I cittadini dovrebbero seguire un auto-lockdown gentile»
Il presidente FNOMCeO: «Piccole rinunce sono ora un grande strumento per ridurre il contagio. Usiamo strumenti per restare sociali ma non usciamo»
La Giornata del personale sanitario e socio-sanitario sarà il 20 febbraio
Via libera della Camera per onorare «il lavoro, l’impegno, la professionalità e il sacrificio degli operatori sanitari e sociosanitari nel corso della pandemia da coronavirus». Grande soddisfazione da parte di FNOMCeO e FNOPI
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 29 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...