Politica 20 Settembre 2019

Autonomia differenziata, il Ministro Boccia: «Punto di partenza è lotta alle diseguaglianze in sanità»

Partiranno da lunedì la serie di incontri tra il neo ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Francesco Boccia e i presidenti di Regione. Primi ad essere ascoltati il Presidente del Veneto, Luca Zaia, nel pomeriggio a Bologna incontro con il Presidente dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini

Immagine articolo

«Ascolteremo le proposte delle regioni, ma la lotta alle diseguaglianze è il nuovo punto di partenza per discutere di autonomia», lo ha ribadito il neo ministro degli affari Regionali, Francesco Boccia, intervenendo alla presentazione a Roma del nuovo Patto per la Salute, siglato da Cittadinanzattiva e dalla Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO). «Finora – ha osservato – l’autonomia è stata raccontata come proposta dei ricchi contro i poveri, efficienti contro inefficienti, onesti contro briganti. Questo tipo di narrazione non ha mai consentito che la politica entrasse nel merito delle vicende che hanno causato le disparità. Ma tornando ai fondamentali della Costituzione, se interpretiamo l’autonomia come attuazione reale del modello di sussidiarietà non possiamo che capovolgerne l’impianto».

«Diseguaglianze non sono solo fra nord e sud, ma anche fra nord e nord e fra sud e sud. I Livelli essenziali – ha aggiunto il Ministro– di assistenza vanno garantiti in maniera omogenea anche nei territori all’interno delle stesse regioni. La lotta alle diseguaglianze è il punto dal quale vogliamo ripartire per parlare di autonomia». «Lunedì inizierò il giro italiano nelle regioni,  – spiega a margine della conferenza stampa – partirò dal Veneto, poi nella stessa giornata sarò a Bologna, poi martedì a Milano e così via in tutte le regioni. La lotta alle diseguaglianze sarà anche il punto centrale della mia proposta alle Regioni. Le diseguaglianze non ci sono solo tra Nord e Sud. Ho letto il rapporto, hanno profondamente ragione nel dire “regione che vai sanità che trovi”, cure che trovi e anche assistenza che trovi. Il loro lavoro è servito al nostro Ministero in questi giorni anche per convincerci ulteriormente sulla necessità di far diventare l’autonomia un’applicazione vera dei principi di sussidiarietà e lotta alle diseguaglianze, un punto centrale».

LEGGI: CITTADINI E MEDICI SIGLANO IL “PATTO PER LA SALUTE” PER COMBATTERE LE DISEGUAGLIANZE IN SANITÀ

Il tour nelle regioni era stato già annunciato nei giorni scorsi. Il Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, incontrerà il 23 e il 24 settembre i Presidenti di Veneto, Emilia Romagna e Lombardia, le tre Regioni che hanno firmato l’intesa sull’autonomia differenziata. Il 23 mattina sarà a Venezia per incontrare il Presidente del Veneto, Luca Zaia, nel pomeriggio a Bologna per un incontro con il Presidente dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, e il 24 a Milano per incontrare il Presidente della Lombardia, Attilio Fontana. Il ministro Boccia continuerà il suo giro delle Regioni italiane il 30 settembre a Torino dal Presidente del Piemonte, Alberto Cirio, per proseguire con tutte le altre Regioni.

Articoli correlati
Aggredito anestetista al Veneziale di Isernia: «Dopo il pugno ho ugualmente prestato assistenza e solo dopo sono andato in PS»
Per David Di Lello, medico anestesista dell’ospedale Veneziale di Isernia arriva la solidarietà della FNOMCEO. «Chiedo non solo di riattivare il posto di polizia dell’ospedale, ma anche di proteggere le guardie mediche, almeno con un sistema di videosorveglianza - afferma il presidente dell’Ordine dei medici di Isernia - neanche la pandemia ha posto un argine alle violenze subite dal personale sanitario»
Test sierologici, le audizioni in Senato. Parisi (Lincei): «Manca norma che renda dati disponibili a tutta la comunità scientifica»
Il presidente dell'Accademia dei Lincei ha poi sottolineato l’importanza, per l'autunno, di aumentare di dieci volte la capacità di fare tamponi. Per Filippo Anelli (FNOMCeO) è necessario «mettere i risultati dei test, nel rispetto della privacy, a disposizione di medici di famiglia e pediatri». Ascoltati anche Boggetti (Confindustria Dispositivi Medici) e Gualano (Università di Torino)
Gaudioso (Cittadinanzattiva): «Introdurre in Costituzione norma che indichi chi ha responsabilità in situazioni di emergenza nazionale»
Quanto sta accadendo da ormai molte settimane e la necessità di combattere e convivere con un nemico invisibile come il Coronavirus ci stanno facendo scoprire o riscoprire l’importanza del Servizio sanitario nazionale non solo come elemento di coesione sociale e di sviluppo ma anche di sicurezza. Oltre questo però stanno emergendo alcuni elementi, forse per alcuni scomode […]
di Antonio Gaudioso, Segretario generale Cittadinanzattiva
Anelli (FNOMCeO): «È il momento di una visione illuminata della sanità»
Come sarà il ‘dopo’? Innanzitutto, dovremo abituarci a convivere con il virus, almeno sino a che non sarà disponibile per tutta la popolazione un vaccino efficace. Questo significa che dovremo abituarci a mantenere le distanze di sicurezza e a mettere in atto le pratiche igieniche e organizzative idonee a limitare il contagio. Sarebbe consigliato poi […]
di Filippo Anelli, Presidente FNOMCeO
Professionisti in Sanità, la fotografia dell’Istat: «Sempre meno e sempre più vecchi»
Anelli (FNOMCeO): «Situazione frutto di politiche di tagli e di contenimento. Dobbiamo lavorare tutti insieme, i medici, i professionisti, le istituzioni, il Governo, gli stakeholder, a un grande progetto di rilancio del nostro Ssn». SIGM: «Gli “eroi” tanto elogiati restano i più poveri e più stanchi della Pubblica Amministrazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 28 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco